10 passaggi per avviare un’attività online

By | Ottobre 11, 2021
passaggi per avviare un’attività online

Avviare un’attività in proprio non è affatto facile. Ovviamente, bisogna pianificare ogni passaggio in anticipo. Tutto sembra logico in teoria, ma una volta che si comincia il processo, nascono molte domande. Da dove si inizia? Come si definisce una strategia? Come ci si protegge dai rischi? Ti offriamo una lista con cui puoi iniziare correttamente la tua attività.


1. Il business plan è indispensabile

Non puoi negarlo. Se qualcuno afferma di aver iniziato un’attività online di successo senza avere un piano preliminare, o sta mentendo o sta manipolando i fatti. Si può costruire un’auto senza ruote? È possibile, ma non potrai guidarla. Lo stesso vale per la tua attività su Internet. Che cos’è un business plan? È un documento complesso che comprende:

  • informazioni generali sul progetto: una descrizione del business, gli investimenti iniziali, il ritorno previsto per il rientro dei costi e il profitto previsto;
  • analisi della nicchia di mercato, così come le tendenze che la influenzano, le tendenze, i fenomeni previsti, i fattori positivi e i rischi;
  • il piano di marketing, che elenca i metodi previsti per il posizionamento e la promozione dell’azienda, gli importi dei costi previsti per questo, i risultati dell’analisi del pubblico target, nonché i fattori che influenzano la determinazione dei prezzi;
  • risultati dell’analisi dei concorrenti: una lista delle principali aziende che operano nella stessa nicchia con un’analisi dei loro vantaggi e svantaggi, indicando i metodi della concorrenza;
  • analisi del prodotto: dai principi della selezione dei fornitori alla consegna della merce al cliente;
  • piano operativo. Una descrizione dettagliata delle attività, fino alle risorse necessarie per esse;
  • piano finanziario. È l’nsieme di calcoli per lo svolgimento delle attività dell’attività. Tra questi ci sono le somme degli investimenti, i principi di allocazione del budget, l’ammontare delle entrate e delle spese previste nel primo anno di attività, il calcolo dell’efficienza degli investimenti, il periodo di recupero previsto. Nessun investitore o creditore prenderebbe in considerazione un business plan senza questi calcoli.

business plan

Fonte: freemalaysiatoday.com

2. Business legal status

Consulta la lista delle opzioni per la struttura dell’attività sul sito web dell’IRS e trova quella che fa al caso tuo. Avere uno status giuridico garantisce una base legale per fare affari. Per un imprenditore di e-commerce in erba, le seguenti opzioni sono quelle più indicate:

  • La proprietà esclusiva è la modalità più semplice. Il proprietario prende autonomamente le decisioni di gestione ed è pronto ad essere responsabile delle loro conseguenze;
  • La LLC è la forma più comune. Ognuno dei partecipanti ha investito una quota nel progetto ed è partecipe delle decisioni strategiche;
  • Partnership significa condurre affari sulla base di un accordo legale. L’obiettivo di ogni titolare è quello di generare profitto.

Dopo aver scelto una struttura adatta, puoi passare alla registrazione della tua attività e poi seguire il piano.


3. Programmazione dell’assortimento

Sin dalla stesura del business plan, dovevi capire cosa avresti venduto, da chi lo avresti ordinato e quale prezzo avresti stabilito per la vendita. Ora è il momento di pianificare il tuo assortimento in dettaglio analizzando le caratteristiche di ogni prodotto. Avendo già una lista pronta per l’uso, puoi contattare i fornitori e discutere le condizioni.

4. Scegliere un mercato

Dopo aver programmato con successo i processi commerciali più importanti, puoi iniziare a sviluppare un sito web aziendale. Dovresti iniziare scegliendo un sito adeguato per il lavoro. Per fare ciò:

  1. Cerca di capire come dovrebbe essere il sito. È un negozio di nicchia o un negozio su Internet?
  2. Descrivi il tuo pubblico di riferimento, posiziona la tua attività.
  3. Pensa a come intendi espandere la tua attività.

Questo ti aiuterà a scegliere la piattaforma online giusta per te. Il più delle volte, puoi iniziare a vendere su Internet senza sviluppare il tuo sito web: utilizzando le risorse del mercato. Per esempio:

  • AliExpress è facile da usare: i requisiti di accesso sono semplici. Per vendere in maniera redditizia, devi trovare delle opzioni per una logistica conveniente;
  • Amazon ha una notevole varietà di venditori. È necessario rispettare i requisiti riguardanti i partner, la gamma di prodotti, la qualità del servizio e l’obiettività dei prezzi;
  • eBay è per il b2b e i requisiti per i venditori su questo sito sono piuttosto rigidi.

Se non vuoi dipendere dai marketplace, puoi creare il tuo sito web usando un creatore online. Ogni anno gli esperti pubblicano le liste delle migliori piattaforme: puoi scegliere quella giusta e conoscere le condizioni di accesso.

5. Crea un marchio

Come si può distinguersi in mezzo alla concorrenza? Un modo è quello di utilizzare elementi grafici di branding. È possibile conquistare clienti fedeli non solo con l’aiuto di una politica di prezzi vantaggiosa, ma anche attraverso il riconoscimento. Per riconoscere un’azienda, sono necessari:


  • nome;
  • logo;
  • slogan;
  • dettagli grafici di branding.

L’ultimo punto è rappresentato dall’intestazione del sito, dalle foto per i profili del negozio sui social network, dai modelli di pubblicazione, ecc. Non bisogna essere un designer per crearli. Esistono comodi costruttori passo dopo passo per sviluppare un logo e altri elementi di marca. Il servizio Logaster è una soluzione.

Tieni presente che il design del tuo sito web dovrebbe essere in armonia con le aspettative del pubblico di una particolare nicchia. Per esempio, una combinazione di colori vivaci è una soluzione valida per un negozio di articoli per bambini, mentre i colori neutri sono più adatti per un negozio di computer.

6. Scelta del nome di dominio

Il nome di dominio perfetto è uguale al nome del marchio. Tuttavia, tutti i nomi di dominio semplici fino a 7 caratteri sono già presi. Di conseguenza, devi essere creativo. È importante seguire le regole:

  • meno caratteri possibili nel titolo;
  • il nome del dominio deve essere leggibile correttamente al primo tentativo;
  • il nome dovrebbe definire le caratteristiche dell’attività;
  • non devono esserci interpretazioni ambigue del nome.

Scelta del nome di dominio

7. Sviluppo del sito web

Se decidi di creare un sito web su una piattaforma specializzata, il processo di sviluppo sarà un insieme di configurazioni semplici, riempimento delle pagine dei prodotti e caricamento dei contenuti nelle pagine delle sezioni. È necessario:

  • creare le pagine “Pagamento e Consegna”, “Informazioni sull’Azienda”, “Informazioni di Contatto”, “Resi e Cambi”;
  • dividere l’assortimento in categorie tematiche per semplificare la scelta ai clienti;
  • scrivere e caricare la “Politica sulla Privacy”, il “Contratto di Vendita” e altri documenti indispensabili per l’operatività legale del negozio online nel tuo paese;
  • apri il tuo blog: attirerà nuovi clienti e manterrà quelli vecchi.

Specifica le caratteristiche del prodotto e il prezzo su ogni pagina, allega materiale fotografico e video e recensioni. Puoi anche fornire dettagli sulla disponibilità degli articoli rimanenti, sui costi di spedizione e fornire un link alle recensioni.


8. Configurare un carrello della spesa personalizzato

Da un lato, qui tutto è semplice. Dall’altro, la concorrenza nella nicchia dell’e-commerce è enorme, quindi anche il colore e la dimensione dell’icona del carrello sono importanti. Per creare un’interfaccia piacevole per gli utenti:

  • fornisci l’accesso: crea un pulsante grande e un’icona visibile;
  • assicurati che la pagina del carrello sia chiara senza istruzioni;
  • consenti di modificare gli ordini in tutte le fasi;
  • assicurarti che non compaiano spese extra inaspettate durante la finalizzazione dell’acquisto;
  • offri una facile navigazione per gli utenti;
  • offri la possibilità di ordinare con o senza registrazione;
  • specifica altre opzioni per l’ordine (per esempio, mediante una chiamata al responsabile).

Configurare un carrello della spesa personalizzato

9. Promozione e pubblicità

Le vendite dipendono dal numero di clienti interessati. Sviluppa il tuo negozio in due direzioni:

  1. Prospettiva a breve termine. La pubblicità contestuale è uno strumento efficace per attirare i clienti. Impara a pubblicare annunci e a impostare il targeting, analizza i risultati e calcola le performance (o assumi degli specialisti). Se la pubblicità è configurata in modo corretto, i clienti possono apparire il primo giorno del lancio della campagna. Uno svantaggio significativo di questo metodo è la riduzione del flusso di clienti dopo lo stop della pubblicità.
  2. Strategia per il futuro. Ottimizza il tuo sito e promuovilo nei motori di ricerca. I clienti che provengono dalla ricerca organica ti costeranno meno di quelli che provengono dagli annunci contestuali. Più alta è la posizione del sito, più traffico riceverà.

10. Lavora

Quindi, il sito sta funzionando, il traffico sta crescendo, la dinamica delle vendite piace. È il momento di rilassarsi? No! È solo l’inizio. Quando hai raggiunto i tuoi primi successi, continua a:

  • controlla il tuo sito, cerca i bug e correggili;
  • cerca di assicurare la disponibilità di tutti i prodotti e di rinnovare l’assortimento;
  • segui le novità e le tendenze;
  • comunicare con il pubblico: rispondi, reagisci alle critiche;
  • lancia concorsi, promozioni e sconti;
  • analizza i dati delle prestazioni del sito e delle vendite per trovare nuovi modi per migliorare le performance.

Conclusione

Questi dieci passaggi sono indicazioni quasi universali per prepararsi ad avviare un’attività con il minimo rischio. Naturalmente non possiamo garantire che questi consigli ti garantiranno il successo. Devi prendere le tue decisioni. Fallo consapevolmente per raggiungere sempre il successo.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!