5 migliori emulatori Android per Linux

By | Gennaio 30, 2019

Linux potrebbe non essere un sistema operativo così popolare come Windows, ma è sicuramente un sistema abbastanza diffuso; e se hai mai desiderato provare un’app Android sul tuo sistema Linux, devi esserti chiesto quali potrebbero essere i migliori emulatori Android per Linux.



Dopo tutto, mentre Windows e macOS hanno una pletora di emulatori Android che gli utenti possono provare, Linux fondamentalmente è carente in questo. Tuttavia, ci sono alcuni emulatori Android per Linux che vale la pena provare, sia che si tratti di provare un nuovo gioco, provare un’app o persino provare un’app per Android che stai sviluppando.

Qui sotto ci sono i 5 migliori emulatori Android per Linux.

Genimotion

Genymotion è uno dei più famosi emulatori Android disponibili per Linux (disponibile anche per Windows e macOS, tra l’altro) che puoi provare, ed è di gran lunga uno dei migliori in circolazione. A differenza della maggior parte degli emulatori, Genymotion è dotato di un’interfaccia molto accogliente.

Per impostazione predefinita, i dispositivi virtuali in Genymotion vengono forniti con barebone, ma se vuoi installare app da Play Store, Genymotion ti offre un comodo pulsante per installare Open Gapps sul tuo dispositivo virtuale con un paio di clic.

È davvero bello, e una volta che hai installato le Gapps, puoi praticamente installare praticamente qualsiasi app Android.

È perfetto non solo per provare le app Android, ma è un ottimo modo per testare un’app che stai sviluppando. Viene fornito con una serie di fantastiche funzioni rivolte agli sviluppatori, incluso il fatto che è completamente supportato da Android Studio, quindi puoi eseguire direttamente la tua app da Android Studio e aprirla con Genymotion.

Se stai cercando un emulatore per giocare ai giochi Android, Genymotion non è probabilmente quello giusto per te. Ho provato a installare PUBG Mobile e Free Fire su di esso, ma dice che il dispositivo non è compatibile. Ho installato Pigeon Pop e funziona bene, ma c’erano ritardi di input visibili, che non sono accettabili se devi giocare.

Detto questo, quando stavo cercando di installare Genymotion sulla nostra HP Envy con Ubuntu 18.04.1, ho avuto problemi con Virtual Box anche se Virtual Box era installato correttamente. Se incontri gli stessi problemi, potrebbe essere perché il tuo sistema ha abilitato l’avvio sicuro UEFI.

Apparentemente, questo causa problemi con Virtual Box. Per ovviare a questo, puoi usare mokutil e disabilitare l’avvio sicuro sul tuo laptop, dopodiché Virtual Box dovrebbe funzionare bene e sarai in grado di eseguire Genymotion facilmente. Puoi controllare questa pagina Wiki di Ubuntu per un tutorial dettagliato su come usare mokutil per disabilitare l’avvio sicuro.

Dai un’occhiata a Genymotion


Andy OS

Andy OS è un’altra opzione eccellente, con la quale afferma che abbatte le barriere tra computer e dispositivi mobili. Crea un ambiente virtuale all’interno di Ubuntu, Mac o altri ambienti Linux, che rende qualcosa adatto ai giochi. Quindi, se vuoi iniziare a scherzare con alcuni giochi Android su Linux, Andy OS è la strada da percorrere. 

Puoi giocare praticamente a qualsiasi gioco Android all’interno di Andy OS, tutto a seconda del numero di risorse che dedichi all’ambiente virtuale. Con abbastanza risorse allocate, puoi giocare a qualcosa di così impegnativo come Auralux o anche qualcosa realizzato con l’Unreal Engine.

Scaricalo ora: Andy OS

Anbox

Anbox è uno degli emulatori Android più esclusivi di questo elenco. Non è tanto un emulatore quanto una sorta di Android Run Time (ART) in sandbox che funziona su sistemi GNU / Linux. Viene fornito con Android 7.1, ed è anche abbastanza reattivo.

Anbox ha alcuni problemi evidenti. Per cominciare, non viene fornito con Google Apps installato, il che significa che non c’è Play Store, Play Services, ecc. Quindi, se stavi programmando l’installazione, ad esempio PUBG Mobile su questo, ti imbatterai in un mare di problemi.

Ho provato ad installare un gioco casuale (Pigeon Pop) e che richiede l’installazione di Play Games sul dispositivo, e Anbox non lo supporta. Quindi sì, ci sono problemi. Inoltre, se sei uno sviluppatore che prova a testare la tua app su Anbox, non sarai in grado di trascinarla per installarla. Invece, dovrai utilizzare ADB per installare l’APK su Anbox usando il comando adb install <path_to_apk.apk>.

Quel che è peggio, tuttavia, è che installare Anbox può essere un po ‘”in-the-weeds” per gli utenti principianti di Linux. Si tratta di un processo in due fasi in cui è necessario installare prima alcuni moduli del kernel, quindi scaricare lo stesso “snap” Anbox prima di poter avviare il runtime.

Fortunatamente, il sito Web di Anbox fa un buon lavoro nello spiegare come puoi fare tutto questo. Se si verificano problemi durante il caricamento dei moduli del kernel, è possibile incontrare lo stesso problema descritto con Genymotion, quindi provate a utilizzare la stessa soluzione.

Dai un’occhiata ad Anbox

Android-x86

Questo è un progetto open-source, il che significa che puoi controllare il codice se ti interessa. Tuttavia, la parte migliore del progetto Android-x86 è che viene aggiornato abbastanza frequentemente e attualmente ha una versione stabile disponibile basata su Android Oreo.

Installare Android-x86 sul tuo sistema Linux è abbastanza semplice, il che è sicuramente ottimo. Devi semplicemente scaricare il file ISO di Android-x86 sul tuo sistema, creare una nuova macchina virtuale su Virtual Box e impostare l’ISO come dispositivo di avvio.

Da lì, puoi facilmente installare Android sulla tua VM. Complessivamente, Android-x86 è leggermente meno reattivo di Genymotion, ma questo non è un problema, specialmente se lo userai solo per testare le app.

Se il gioco è ciò che stai cercando, beh, Android-x86 probabilmente non è l’emulatore che fa per te. Anche se puoi giocare con i giochi, in base alla mia esperienza, con questo emulatore non avrai un’esperienza fluida.

Guarda Android-x86

ARChon

Se stai cercando di eseguire app Android sul tuo sistema Linux senza dover installare un emulatore, ARChon potrebbe interessarti. In pratica, ARChon ti consente di eseguire app Android su Chrome, quindi puoi eseguire il check-out delle app senza doverti preoccupare di scaricare emulatori, creare un dispositivo virtuale o quel problema di avvio sicuro UEFI incontrato con Genymotion.

ARChon si installa semplicemente come un’estensione di Chrome sul tuo sistema (ci sono istruzioni sul sito che puoi seguire), e da lì in poi puoi usare uno dei vari strumenti menzionati nel sito per convertire le app Android in app compatibili con ARChon ed eseguirle direttamente in Chrome.

Controlla ARChon

Android SDK

Se sei uno sviluppatore e stai cercando di utilizzare un emulatore ufficialmente supportato da Google e ti consente di creare più dispositivi virtuali che eseguono qualsiasi cosa, da Android Lollipop a Android Pie, WearOS e persino Android TV, beh, ecco Android virtuale ufficiale Il gestore dispositivo (o AVD Manager) incluso in Android Studio è quello che fa per te.

Dovrai installare Android Studio sul tuo sistema basato su Linux e, una volta lanciato il software, devi semplicemente andare su “Strumenti -> Gestione AVD” per creare il tuo primo dispositivo virtuale con Android Studio.

Tuttavia, il motivo principale per cui molti sviluppatori preferiscono utilizzare un emulatore di terze parti anziché quello ufficiale di Google è perché è piuttosto lento. Certo, le cose sono migliorate nel tempo, ma comunque è molto lontano da Genymotion.

Tuttavia, per gli sviluppatori, questa è sicuramente l’opzione più flessibile da seguire. Dopo tutto, non solo offre la possibilità di creare più dispositivi virtuali su qualsiasi dispositivo, da Android 5 a Android 9 Pie, ma consente anche di creare dispositivi Android TV virtuali e dispositivi wearOS virtuali, in modo da poter testare le tue app su tutti i gadget Android e sistemi operativi comunemente usati.

Inoltre, include tutte le funzionalità necessarie per testare la tua app. Puoi ruotare l’emulatore, cambiare la posizione, la batteria e le condizioni della rete, utilizzare la fotocamera e fare molto di più con l’emulatore Android Studio. Se sei uno sviluppatore, dovresti assolutamente provarlo prima di dare un’occhiata agli altri emulatori.

Scopri Android Studio

Shashlik

Shashlik funziona ancora ed è sorprendentemente potente e semplice. Una volta installato, è possibile installare applicazioni Android avviando l’emulatore Shaslik e connettendosi ad esso utilizzando adb. Le applicazioni possono quindi essere avviate direttamente dal desktop. 

Sembreranno applicazioni regolari, ma saranno un po’ lenti da avviare poiché la VM deve avviarsi prima dell’applicazione stessa. Tieni presente che questo pacchetto è ancora in versione beta e l’ultimo aggiornamento è stato fatto nel 2016. Se, tuttavia, la tua applicazione funziona, puoi continuare a utilizzarla.

Scarica Shashlik


Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.