Android 9 Pie: ci immergiamo nell’interfaccia e nelle funzioni e ti mostriamo cosa è cambiato!

By | Dicembre 10, 2018

Oltre al nuovo look, Google ha scommesso sull’intelligenza artificiale per migliorare il suo ultimo sistema operativo. La versione 9 di Android, nome in codice Pie, sta per essere rilasciata su dispositivi dotati del sistema Android One, oltre a essere già presente sui modelli della linea Pixel. Porta importanti miglioramenti nell’interfaccia, nell’organizzazione delle risorse e in particolare un uso intensivo dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico nel cercare di automatizzare e ottimizzare le funzioni.


Il primo cambiamento che attirerà l’attenzione dei consumatori è l’estetica. Ora Android punta molto sul design, con dei cerchi su gran parte dell’interfaccia, che si tratti di pulsanti, finestre, applicazioni e notifiche.

Il sistema è stato inoltre aggiornato con due principali tendenze del settore: schermi in formato 18: 9 e tacche, già la famosa “tacca” che ha tagliato la parte superiore di molti recenti dispositivi, con la nuova versione del sistema operativo è possibile nasconderla. Nel caso del dispositivo utilizzato per questo articolo, il Motorola One, l’effetto è stato molto interessante, migliora l’esperienza utente il fatto di poter nascondere la tacca nei giochi o nei video.

A partire dalle funzionalità aggiunte in questa versione del sistema operativo, il punto forte è il centro benessere. Situato nelle impostazioni, agisce nell’aiutarci a tenere sotto controllo il tempo che passiamo sul nostro dispositivo, ottimo per gli utenti che ritengono di dover ridurre il tempo trascorso sullo smarpthone. Questa funzione opera su due fronti principali: monitoraggio e controllo.

Già nella prima schermata abbiamo un rapporto che mostra il tempo trascorso su ciascuna applicazione, il numero di volte in cui lo schermo è stato sbloccato e il numero di notifiche ricevute. L’apertura della scheda informazioni per ogni app ti consente di vedere le ore in cui è stato utilizzato il telefono e il numero di volte che hai letto le notifiche.

In questa schermata è inoltre possibile impostare un limite di tempo giornaliero per l’utilizzo di un’applicazione. Passato questo tempo, l’applicazione viene disabilitata fino al giorno dopo, oppure devi andare nelle impostazioni e cambiare nuovamente il tempo.

Un’altra priorità di Google è stata quella di far evolvere la capacità del sistema nell’apprendere le abitudini degli utenti e anticipare le loro richieste. Android Pie ha diverse funzioni nell’interfaccia che cercano di anticipare le abitudini degli utenti.

Nel menù delle applicazioni, ora ci sono due suggerimenti per azioni basate sui comandi più completi in un determinato momento o luogo, mentre nella parte superiore dell’elenco di app e sullo schermo multitasking vi è un suggerimento di cinque app, e tra questi suggerimenti il sistema ritiene ci sia l’applicazione che stai per aprire.

L’apprendimento automatico viene applicato anche con altre funzioni, come la gestione dell’alimentazione, l’apprendimento delle app e delle tue abitudini per ottimizzare in modo più intelligente l’esecuzione in background e quali invece sono le applicazioni da disabilitare, nonché la giusta luminosità dello schermo che si adatti alle abitudini dei consumatori.

Android 9, nome in codice Pie, dovrebbe raggiungere tutti i dispositivi recenti basati su Android One, come nel caso di Motorola One, oltre alla line-up di Google stessa, con la linea Pixel e Xiaomi Mi A1 e Mi A2.

Gran parte dei modelli di punta del 2018 e forse anche del 2017 dovrebbero ricevere l’aggiornamento, ma con l’alta frammentazione del mercato Android, è difficile fare un elenco completo (e sicuro al 100%) di quali dispositivi riceveranno l’aggiornamento ad Android 9.0 Pie.

In caso di dubbi con il tuo dispositivo, prova ad accedere alle impostazioni, sistema e infine agli aggiornamenti di sistema, li potrai verificare se il dispositivo è compatibile con la versione più recente del sistema operativo.

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.