Come si usa il prompt dei comandi

prompt dei comandi

La riga di comando di Windows è una delle utility più potenti di un PC Windows. Con essa è possibile interagire direttamente con il sistema operativo e fare molte cose che non sono disponibili nell’interfaccia grafica (GUI). In questo articolo vi mostrerò 40 comandi da usare alla riga di comando di Windows che possono aumentare la vostra sicurezza come utenti di Windows. N.B.: Dovete fare attenzione quando utilizzate i comandi che vi mostrerò. Infatti, alcuni comandi possono avere un effetto negativo o positivo duraturo sul vostro PC Windows fino a quando non lo resettate. Inoltre, alcuni di questi comandi richiedono l’apertura del prompt dei comandi come amministratore.


Leggi anche: Come disinstallare aggiornamenti Windows 10

Come aprire Prompt dei comandi Windows utilizzando la ricerca

Sia in Windows 11 che in Windows 10, uno dei modi più rapidi per aprire Prompt dei comandi è utilizzare la ricerca. In Windows 11, fate clic o toccate il pulsante di ricerca sulla barra delle applicazioni, digitate cmd e premete Invio o fate clic sul risultato del Prompt dei comandi. Se si desidera aprire Prompt dei comandi come amministratore, utilizzare il collegamento “Esegui CMD come amministratore” sul lato destro del pannello di ricerca. In alternativa, è anche possibile fare clic con il tasto destro del mouse (o tenere premuto se si utilizza un touchscreen) sul risultato della ricerca del Prompt dei comandi e scegliere “Esegui come amministratore”. Se si utilizza Windows 10, inserire cmd nel campo di ricerca sulla barra delle applicazioni. Quindi, premere Invio sulla tastiera o fare clic/toccare sul risultato del Prompt dei comandi. Come in Windows 10, per avviare il Prompt dei comandi come amministratore, invece di premere Invio o fare clic su Apri, fate clic o toccate il link “Esegui come amministratore” dal lato destro del pannello di ricerca. In alternativa, fate clic con il tasto destro del mouse (tenendo premuto su un touchscreen) sul risultato del Prompt dei comandi, quindi fate clic o toccate su “Esegui come amministratore”.

Come aprire Prompt dei comandi dal menu Start

Su un PC Windows 11, è possibile avviare il Prompt dei comandi anche dal menu Start. Aprite il menu Start, andate su Tutte le applicazioni e scorrete verso il basso fino a trovare il collegamento Strumenti di Windows. Quindi, fare clic o toccare su di esso. Nella finestra Strumenti di Windows è presente un collegamento al Prompt dei comandi. Facendo doppio clic o doppio tap su di esso, si aprirà la vostra applicazione a riga di comando preferita. Se si desidera eseguire il Prompt dei comandi come amministratore, fare clic con il pulsante destro del mouse o tenere premuto sul suo collegamento, fare clic o toccare “Esegui come amministratore”. Se si utilizza un PC Windows 10, aprire il menu Start e andare alla cartella Collegamenti di sistema di Windows. Lì troverete un collegamento al Prompt dei comandi: fate clic o toccatelo per aprire CMD. Se si desidera avviare il Prompt dei comandi come amministratore, fare clic con il tasto destro del mouse o tenere premuto il collegamento, quindi aprire il sottomenu Altro e infine fare clic o toccare “Esegui come amministratore”. In alternativa, è sufficiente tenere premuti i tasti Ctrl e Maiusc e fare clic o toccare la scorciatoia del Prompt dei comandi per avviare CMD come amministratore.

Come aprire Terminale Windows dalla finestra Esegui

Uno dei modi più rapidi per aprire Prompt dei comandi in Windows 11 e Windows 10 è la finestra Esegui. Premete i tasti Win + R sulla tastiera, quindi digitate cmd e premete Invio sulla tastiera o fate clic su OK.

Come aprire Prompt comandi nel Terminale

L’applicazione Terminale offre un altro modo semplice per aprire CMD in Windows. In Windows 11, il Terminale fa parte del sistema operativo, quindi è possibile avviarlo semplicemente. Tuttavia, se si utilizza Windows 10, è necessario scaricarlo e installarlo e solo allora è possibile aprire il Terminale Windows. In ogni caso, quando si avvia il Terminale di Windows, viene caricata una scheda PowerShell. Tuttavia, è possibile aprire CMD nel Terminale facendo clic sul pulsante “Apri una nuova scheda” a forma di caretter rivolto verso il basso e selezionando Prompt dei comandi dal menu. In alternativa, è possibile aprire una scheda del Prompt dei comandi nel Terminale di Windows premendo contemporaneamente i tasti Ctrl + Maiusc + 2 sulla tastiera.

Comandi Prompt dei comandi

  • powershell start cmd -v runAs – Esecuzione del prompt dei comandi come amministratore. Inserendo questo comando si apre un’altra finestra del prompt dei comandi come amministratore.
  • driverquery – Elenca tutti i driver installati. È importante avere accesso a tutti i driver perché spesso causano problemi. Questo è ciò che fa questo comando: mostra anche i driver che non si trovano nella gestione dei dispositivi.
  • chdir o cd – Cambia la directory di lavoro corrente nella directory specificata. Se si vogliono vedere informazioni più dettagliate sul sistema che non si vedono nella GUI, questo è il comando che fa per voi.
  • set – Mostra le variabili d’ambiente del PC.
  • prompt – Modifica il testo predefinito visualizzato prima dell’immissione dei comandi. Per impostazione predefinita, il prompt dei comandi mostra il percorso dell’unità C dell’account utente. È possibile utilizzare il comando prompt per modificare il testo predefinito con la sintassi prompt_name $G. N.B.: Se non si aggiunge $G al comando, non si otterrà il simbolo maggiore di davanti al testo.
  • clip – Copia un elemento negli Appunti. Ad esempio, dir | clip copia negli appunti tutto il contenuto dell’attuale directory di lavoro. È possibile digitare clip /? e premere INVIO per vedere come utilizzarlo.
  • assoc – Elenca i programmi e le estensioni a cui sono associati.
  • title – Modifica il titolo della finestra del prompt dei comandi utilizzando il formato title nome-finestra-titolo
  • fc – Confronta due file simili. Se siete programmatori o scrittori e volete vedere rapidamente le differenze tra due file, potete inserire questo comando e poi il percorso completo dei due file. Ad esempio fc “file-1-percorso” “file-2-percorso”.
  • cipher – Cancella lo spazio libero e cripta i dati. Su un PC, i file eliminati rimangono accessibili all’utente e agli altri utenti. Quindi, tecnicamente, non vengono eliminati. È possibile utilizzare il comando cipher per ripulire l’unità e crittografare tali file.
  • netstat -an – Mostra le porte aperte, i loro indirizzi IP e i loro stati
  • ping – Mostra l’indirizzo IP di un sito web, consente di conoscere il tempo necessario per la trasmissione dei dati e di ottenere una risposta.
  • color – Cambia il colore del testo del prompt dei comandi. Immettere attr colore per vedere i colori che si possono cambiare. Immettendo il colore 2, il colore del terminale diventa verde:
  • for /f “skip=9 tokens=1,2 delims=:” %i in (‘netsh wlan show profiles’) do @echo %j | findstr -i -v echo | netsh wlan show profiles %j key=clear – Mostra tutte le password Wi-Fi
  • ipconfig – Mostra informazioni sugli indirizzi IP e sulle connessioni del PC. Questo comando ha anche estensioni come ipconfig /release, ipconfig /renew e ipconfig /flushdns, che si possono usare per risolvere problemi di connessione a Internet.
  • sfc – Controllo dei file di sistema. Questo comando scansiona il computer alla ricerca di file corrotti e li ripara. L’estensione del comando che si può usare per eseguire una scansione è /scannow.
  • powercfg – Controlla le impostazioni di alimentazione configurabili. È possibile utilizzare questo comando con le sue diverse estensioni per visualizzare informazioni sullo stato di alimentazione del PC. È possibile inserire la guida di powercfg per visualizzare tali estensioni. Ad esempio, è possibile utilizzare powercfg /energy per generare un rapporto sullo stato di salute della batteria. Il comando powercfg /energy genera un file HTML contenente il rapporto. Il file HTML si trova in C:\Windows\system32\energy-report.html.
  • dir – Elenca gli elementi di una directory.
  • del – Cancella un file.
  • attrib +h +s +r folder_name – Nasconde una cartella. È possibile nascondere una cartella direttamente dalla riga di comando digitando attrib +h +s +r folder_name e premendo INVIO. Per visualizzare nuovamente la cartella, eseguire il comando – attrib -h -s -r folder_name.
  • start website-address – Consente di accedere a un sito web dalla riga di comando.
  • tree – Mostra la struttura ad albero della directory corrente o dell’unità specificata.
  • ver – Mostra la versione del sistema operativo
  • tasklist – Mostra i programmi aperti. Con questo comando si può fare la stessa cosa che si fa con il task manager. Il comando successivo mostra come chiudere un’attività aperta.
  • taskkill – Termina un’attività in esecuzione. Per eliminare un’attività, eseguire taskkill /IM “task.exe” /F. Ad esempio, taskkill /IM “chrome.exe” /F.
  • data – Mostra e modifica la data corrente.
  • time – Mostra e modifica l’ora corrente.
  • vol – Mostra il numero di serie e le informazioni sull’etichetta dell’unità corrente.
  • dism – Esegue lo strumento di gestione del servizio immagine di distribuzione.
  • CTRL + C – Interrompe l’esecuzione di un comando.
  • -help – Fornisce una guida agli altri comandi. Ad esempio, powercfg -help mostra come usare il comando powercfg.
  • echo – Mostra messaggi personalizzati o messaggi provenienti da uno script o da un file. Si può anche usare il comando echo per creare un file con questa sintassi echo file-content > filename.extension.
  • mkdir – Crea una cartella.
  • rmdir – Elimina una cartella. N.B.: affinché questo comando funzioni, la cartella deve essere vuota.
  • more – Mostra ulteriori informazioni o il contenuto di un file.
  • move – Sposta un file o una cartella in una cartella specificata.
  • ren – Rinomina un file con la sintassi ren filename.extension new-name.extension
  • cls – Cancella la riga di comando. Se si inseriscono diversi comandi e la riga di comando si intasa, si può usare cls per cancellare tutte le voci e i relativi risultati.
  • exit – Chiude la riga di comando
  • shutdown – Spegne, riavvia, iberna, addormenta il computer. È possibile spegnere, riavviare, ibernare e mettere a riposo il PC dalla riga di comando. Immettere shutdown nella riga di comando per visualizzare le estensioni che si possono utilizzare per eseguire le azioni. Ad esempio, shutdown /r riavvia il computer.

Conclusione

In questo articolo vi abbiamo mostrato come usare il Prompt dei comandi e molti comandi del Prompt dei comandi “unknown-to-many” che potete utilizzare per accedere a funzionalità nascoste sul vostro PC Windows. Anche in questo caso, è necessario fare attenzione quando si lavora con questi comandi, perché possono avere un effetto duraturo sul sistema operativo. Se i comandi vi sono stati utili, condividete l’articolo con i vostri amici e familiari.

Leggi anche: Come registrare schermo PC MAC e Windows

Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.