Cellulare caduto in acqua cosa fare

By | Maggio 20, 2022
cellulare caduto in acqua

Il tuo telefono è andato a fare una nuotata? Ci sta! Il mondo si blocca improvvisamente quando vedi il tuo telefonino nell’acqua. Che si tratti di una piscina, al mare o in bagno, sai che i prossimi secondi saranno decisivi per la vita o la morte del tuo telefono. Per non parlare di tutti i tuoi file importanti che potrebbero essere spariti! Dopotutto, si tratta di un dispositivo high-tech che vale una notevole quantità di euro, e so cosa stai pensando adesso, ma niente panico mi raccomando, segui le istruzioni di questo tutorial e il tuo telefono si asciugherà come i panni al sole.  Iniziamo col dire che cercare di salvare un cellulare caduto in acqua è un po’ come lanciare una moneta. Niente garantisce al 100% un esito positivo, ma vale sempre la pena provare. I nostri prossimi suggerimenti potrebbero darti maggiori possibilità di successo.

Leggi anche: Come migliorare la connessione Android

Cellulare caduto in acqua cosa fare?

Spegnilo al più presto! So che è difficile reagire rapidamente dopo un evento così devastante, ma devi essere reattivo! Più a lungo il tuo dispositivo rimane sott’acqua, minori sono le possibilità di sopravvivenza. Devi togliere subito il telefono dall’acqua. Sì… anche se è finito nel vaso in bagno! Una volta che il telefono è fuori dall’acqua, assicurati che sia spento, se è acceso spegnilo e lascialo cosi. Anche se sembra a posto… è importante spegnerlo per ogni evenienza. Ripeto se il telefono è ancora acceso, spegnilo. Se il tuo telefono è dotato di batteria rimovibile dovresti toglierla. Lo spegnimento del dispositivo assicura che l’acqua non raggiunga e danneggi le parti importanti del telefono mentre l’elettronica è attiva. È molto probabile che l’acqua che raggiunge i componenti causi danni permanenti.

Telefono caduto in acqua cosa non fare?

Le seguenti azioni possono fare la differenza tra un telefono morto o una storia di sopravvivenza. Faresti meglio a stare attento a quello che fai. Prima di passare alla ricerca di una soluzione, proviamo a prevenire gravi danni che potresti causare.

  • Non accendere il telefono, come abbiamo già detto. I componenti elettrici non funzionano vanno d’accordo con l’acqua.
  • Non collegarlo neanche! Per la stessa ragione.
  • Non premere nessun tasto. Questo può spingere l’acqua ulteriormente nel telefono. È meglio pasticciare con il telefono il meno possibile.
  • Non scuotere o soffiare nel dispositivo. Questo potrebbe anche spingere l’acqua nelle aree più profonde del telefono. Cerca soprattutto di evitare gli asciugacapelli, non solo per la parte soffiante, ma anche per il seguente punto.
  • Non applicare calore al telefono. Ricorda, il calore eccessivo può danneggiare il telefono.
  • Non muovere troppo il telefono. Stessa cosa; non vuoi che l’acqua si muova all’interno del telefono.

Leggi anche: Come ripristinare una versione precedente di un’app Android

Smonta il cellulare caduto in acqua

Non confondere questo passaggio con “distruggi tutto il dannato telefono!”. Ciò che intendiamo è che dovresti rimuovere tutto ciò che è rimovibile dall’utente. Se la tua cover posteriore è rimovibile, toglila. Allo stesso modo, prova a rimuovere la batteria (se possibile), la scheda SIM e la scheda SD. Stendete il tutto su un tovagliolo di carta. La maggior parte dei telefoni non ha dorsi rimovibili oggi, ma fai quello che puoi. Ora, se sei uno specialista di tecnologia molto esperto, e conosci come è composto un telefono e non ti dispiace perdere la garanzia, puoi andare avanti e smontare l’intero telefono. Potrebbe aiutare ad asciugare ogni singolo pezzo più velocemente. Fai solo attenzione, se non sai cosa stai facendo, questo potrebbe causare più danni che benefici.

Prova ad asciugare l’esterno

Dobbiamo prima provare a sbarazzarci di tutta l’acqua in eccesso che si trova all’esterno del telefono. Usa un panno o un tovagliolo di carta per asciugare tutto il più possibile. Assicurati solo di non pasticciare troppo con il telefono. Asciuga tutto delicatamente senza muoverlo troppo. Tutta quest’acqua può farsi strada all’interno del telefono, il che non è una buona notizia.

Prova con un aspirapolvere

Naturalmente, ci sono aree a cui il tovagliolo di carta non può accedere. E mentre ti abbiamo detto di non soffiare nulla nel telefono, non ti abbiamo detto di non aspirare l’acqua. In effetti, un aspirapolvere può aspirare un po’ d’acqua dal telefono senza troppi rischi. Assicurati solo che l’aspirazione non faccia muovere il telefono eccessivamente.

Leggi anche: 18 migliori giochi Android gratis

È ora di asciugare il telefono caduto in acqua

La parte più difficile è ora, perché si tratta di lasciare il telefono da solo per un po’ di tempo. Sappiamo che aspettare semplicemente non è facile, ma è necessario. Se hai un altro telefono o uno che puoi prendere in prestito, assicurati che la scheda SIM sia completamente asciutta e inseriscila nel telefono funzionante. Altrimenti, ricorri a segnali di fumo, telefoni pubblici e tutte quelle cose arcaiche. Quindi, come si asciuga un cellulare caduto in acqua? Potresti lasciare il telefono sul bancone o dentro un cassetto, ma ad alcune persone piace dargli un piccolo aiuto. L’idea è di metterlo in un ambiente che faciliti il ​​suo processo di essiccazione. Accanto a una finestra funziona alla grande, poiché l’aria in movimento (se la finestra è aperta) e la luce solare potrebbero aiutare un po’. Potrebbe anche essere utile metterlo accanto a un ventilatore o una ventola dell’aria condizionata.


Un’altra pratica molto comune è quella di mettere il telefono in una busta Ziploc piena di riso e lasciarlo riposare per circa due o tre giorni. Perché il riso? Principalmente perché è qualcosa facilmente disponibile nella maggior parte delle case. Il riso è secco e quindi molto buono per assorbire l’umidità nell’aria, rendendo l’ambiente del telefono più asciutto e aiutando ad asciugare il dispositivo. Detto questo, se riesci a raggiungere un negozio, ci sono alternative migliori. Tra le opzioni migliori ci sono i pacchetti di gel di silice, che sono quei piccoli pacchetti che trovi spesso nelle scarpe o nelle scatole di elettronica.

Leggi anche: App controllo genitori per Android

Il momento della verità

Quindi hai fatto di tutto e sono passati alcuni giorni da quando il telefono è caduto in acqua. È ora di vedere se tutti i tuoi sforzi sono stati ripagati. Tira fuori il telefono da dove lo hai lasciato e metti tutto insieme. Quindi collega il telefono e prova ad accenderlo. Se funziona, ci sei riuscito! Stai attento a qualsiasi comportamento strano, per alcuni giorni. Inoltre, prova tutti i componenti. Effettua una chiamata per vedere se il microfono e l’auricolare funzionano, prova l’altoparlante, ecc. Ora, se il telefono non funziona, è tempo di accettare la sconfitta e portarlo da un professionista e vedere se può essere salvato. Non per sembrare un medico, ma a questo punto abbiamo fatto davvero tutto il possibile.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!