Cellulare: nemico «numero uno» della pelle del viso?

By | Marzo 28, 2019

Ogni giorno la pelle deve contrastare una serie di nemici invisibili che contribuiscono a danneggiarla seriamente. Aggressioni che tendono a lasciare quotidianamente delle tracce sul viso causa dell’invecchiamento precoce. In pochi sanno che uno dei primi nemici della pelle del viso è proprio il cellulare, ma sapete il perché?

Il cellulare fa parte della quotidianità di ognuno di noi, durante il corso della giornata e spesso anche nottata tendiamo ad avere la cattiva abitudine di controllare costantemente lo schermo del cellulare. Da alcuni studi è emerso però che proprio l’uso continuo del proprio smartphone potrebbe causare l’invecchiamento precoce della pelle del viso, e la motivazione principale sarebbe la presenza di ben oltre 7.000 batteri presenti sul cellulare.



Diverse statistiche hanno stimato che un utente medio tende a controllare e usare il proprio cellulare dalle 60 alle 150 volte al giorno. In molti lo considerano un ottimo amico, ma le diverse sono le insidie che si possono trovare sul cellulare contro la propria pelle del viso, una delle prime è l’acne meccanica.

Acne meccanica: cos’è e come riconoscerla

Chiamata anche in inglese phone zone, ovvero una parte del viso che va dalla tempia al mento che si trova spesso a stretto contatto con lo schermo del proprio cellulare, e che tende ad essere maggiormente soggetta alla comparsa di brufoli e punti neri.



Il cellulare seppur particolarmente utile a tutti, è realmente un gigantesco ricettacolo di germi e batteri che tendono a trasferirsi sulla propria faccia, ma che si spalmano anche sul viso tramite le mani, la bocca e i capelli.

Sicuramente chi soffre di una pelle piuttosto grassa e oleosa deve prestare maggiormente attenzione dato che la situazione a causa dei batteri presenti sul cellulare, potrebbe peggiorare la situazione, ma anche chi ha una pelle secca o normale non è esente dai pericoli legati ai batteri del cellulare.

Secondo diverse analisi tecniche sul cellulare sarebbero presenti oltre 7000 batteri, quasi 18 volte più batteri che si potrebbero trovare in un bagno pubblico, un dato assolutamente allarmante per il benessere della nostra pelle.

Dallo streptococco, allo stafilococco e il corynebacterium i più comuni e forse anche i meno pericolosi, ma che sovrapponendosi con ulteriori batteri potrebbero provocare non pochi problemi al derma.

Parlando al telefono cellulare è possibile creare un ambiente caldo e umido proprio tra la guancia e lo schermo, ambiente ideale per la proliferazione di tutti i batteri. E se poi pensiamo a come viene custodito il proprio cellulare, la situazione si complica ulteriormente essendo spesso a contatto con tessuti, borse e tasche.

Quando si sta conversando al proprio telefono cellulare si tende a spingere lo schermo sulla propria pelle provocando una stimolazione meccanica delle ghiandole sebacee, tale condizione spinge ancora più in profondità i batteri, lo sporco e il trucco bloccandolo e iniziando a produrre una maggiore quantità di sebo.

I batteri intrappolati nel derma, uniti al calore e alla sudorazione, oltre allo sfregamento e alla pressione del cellulare sulla guancia, provoca la comparsa dell’acne meccanica, ovvero la comparsa di una serie di piccoli brufoli lungo tutta la guancia.

Tale inestetismo cutaneo può anche essere provocata dall’uso di federe non particolarmente fresche, e dall’utilizzo di pennelli da trucco sporchi. Ma può essere anche causata da una reazione allergica al nichel, contenuto anche sui cellulari.

La pulizia dei pennelli da trucco ma anche degli accessori che vengono a contatto frequentemente con la pelle del viso è fondamentale per garantirne un migliore stato di salute. Diventa indispensabile pulire accuratamente il proprio cellulare con prodotti specifici, o anche utilizzare gli auricolari così come evitare di premere il telefono sulle proprie guance, ma una soluzione migliore sarebbe quella di ridurre il tempo trascorso al telefono.

In aumento le zampe di gallina e il doppio mento

Secondo le indagini condotte sarebbero in aumento tra i giovani proprio a causa del continuo utilizzo del cellulare anche le zampe di gallina e il doppio mento. Tendendo a strizzare gli occhi per poter visualizzare meglio le scritte attraverso la luce dello schermo è possibile stimolare la formazione di piccole rughe intorno agli occhi, le fatidiche zampe di gallina.

Per cercare di minimizzare l’inestetismo meglio regolare la luminosità del schermo, in modo da non sforzare gli occhi.

Il doppio mento invece è causato dalla postura che si tende ad assumere quando si scrivono messaggi al cellulare. Questa posizione contribuisce a far rompere il collagene e di conseguenza la pelle tende a rilasciarsi con maggiore facilità, facendo spuntare l’antiestetico doppio mento.

Come rimediare ad una pelle danneggiata?

Ma oltre a correre ai ripari quando possibile, è bene cercare di affrontare il problema di petto quando ci si ritrova a dover combattere con una pelle ormai rovinata dall’acne meccanica, o da vari inestetismi cutanei causati dal cellulare o dallo sporco e batteri in generale.

Diversi sono i trattamenti estetici viso dove è possibile curare la propria pelle del viso ormai danneggiata. Uno dei primi passaggi fondamentali per garantire un migliore stato di salute della pelle del viso è sicuramente partire da una corretta pulizia del viso.

La pulizia del viso è un trattamento base che tutti i centri estetici offrono ai propri clienti. Consente di migliorare l’aspetto della pelle pulendo la cute, esfoliando e nutrendo la pelle, schiarendo e mantenendo ben idratata per riuscire ad avere addirittura un aspetto quasi più giovane.

La pulizia del viso si effettua procedendo su diversi passaggi fondamentali, in un primo momento si effettua un’accurata pulizia utilizzando tamponi di cotone e spugne, e successivamente si sottopone al trattamento di vapore che aiuta ad ammorbidire i punti neri da estrarre.

Successivamente si utilizzano degli esfolianti meccanici, di una consistenza granulosa per riuscire a strofinare via le cellule morte, o esfolianti chimici, tramite applicazione di enzimi e acidi per allentare il legame tra le cellule della pelle.

Subito dopo si dovrà effettuare la rimozione di punti neri, procedendo poi con l’applicazione di una machera mirata alla tipologia di pelle, e infine l’applicazione del toner, dei sieri e della crema idratante.

Partire da un’ottima pulizia del viso è fondamentale per riuscire a pulire a fondo la pelle del viso, soprattutto se particolarmente problematica o se sollecitata dal continuo utilizzo del cellulare che tende a sporcare costantemente la pelle.

La conoscenza muore se non è condivisa ...!

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.