Intelligenza Artificiale: Guida completa per sfruttare al meglio le potenzialità dell’AI

By | Luglio 17, 2023
intelligenza artificiale

L’espansione delle intelligenze artificiali (IA) e dell’Artificial Intelligence (AI) ha generato un dibattito in crescita riguardo ai sistemi in cui le macchine imparano e migliorano le proprie capacità attraverso un processo di apprendimento autonomo. Lo scopo principale di queste tecnologie è quello di semplificare la vita umana, svolgendo varie attività in modo efficiente. L’IA è ormai diffusa e si può trovare integrata nei dispositivi e servizi che utilizziamo quotidianamente. Ad esempio, gli smartphone incorporano funzionalità di IA come la fotocamera che ottimizza automaticamente le immagini o i sistemi di riconoscimento facciale.


Gli assistenti vocali come Alexa o Google Assistant sfruttano l’IA per rispondere alle nostre richieste, mentre le auto a guida autonoma utilizzano complessi algoritmi di intelligenza artificiale per la navigazione. Inoltre, le piattaforme di streaming come Netflix o Spotify si avvalgono dell’IA per suggerire contenuti personalizzati basati sulle nostre preferenze di fruizione. Le applicazioni dell’intelligenza artificiale sono in continua evoluzione e sono molteplici. Un esempio è l’impiego di sistemi di IA generativa come il famoso chatbot ChatGPT, in grado di generare testi complessi a partire da una breve richiesta dell’utente.

Allo stesso modo, esistono sistemi di generazione di immagini come Midjourney e DALL-E, che sfruttano l’IA per creare immagini dettagliate e realistiche. Oltre ai benefici pratici, è importante considerare anche le problematiche che possono sorgere dall’utilizzo delle intelligenze artificiali. Tra queste, la diffusione di notizie false e la creazione di deepfake attraverso generatori di immagini sono alcune delle sfide attuali. Se desideri approfondire il mondo dell’intelligenza artificiale, in questo articolo ti offrirò una panoramica di come funziona, nonché una guida all’utilizzo delle piattaforme di IA più rinomate nel contesto attuale.

L’intelligenza artificiale AI: Un Cambiamento Trasformativo nel Mondo Moderno

L’intelligenza artificiale (IA) rappresenta una tecnologia che mira a emulare i processi di apprendimento del cervello umano. Nonostante l’IA sia spesso considerata una scoperta recente, la sua storia risale agli anni Cinquanta. Alan Turing, il matematico britannico noto come il padre dell’informatica e dell’IA, fu uno dei pionieri nel teorizzare e sviluppare l’intelligenza artificiale.

Nel suo famoso articolo “Computing Machinery and Intelligence“, pubblicato nel 1950 sulla rivista Mind, Turing propose un concetto che sarebbe poi passato alla storia come il “test di Turing”. Tale esperimento consisteva in un gioco in cui, se una macchina riusciva a ingannare un essere umano convincendolo di essere anch’essa umana, allora poteva essere considerata intelligente. Il test di Turing pose le fondamenta per gli studi successivi sull’IA e per dimostrare il funzionamento di questa tecnologia.

L’IA di cui si parla maggiormente oggi è l’IA generativa, una forma di intelligenza artificiale utilizzata da software in grado di generare autonomamente testi, immagini, musica, sintesi video e altro ancora. Esempi di questa applicazione includono ChatGPT per la generazione di testi, Midjourney o DALL-E per immagini e video, nonché MuseNet di OpenAI per la creazione musicale. Questa forma di intelligenza artificiale si differenzia dall’IA discriminativa o reattiva, che è in grado solo di classificare o identificare contenuti basandosi su dati preesistenti.

Le macchine che utilizzano l’IA reattiva rispondono a stimoli provenienti dall’ambiente esterno, ma si basano su regole predefinite impostate dall’uomo. Ad esempio, i dispositivi di sicurezza come telecamere a infrarossi possono identificare possibili intrusi grazie all’uso di algoritmi specifici.

In questo momento, abbiamo tre tipi di intelligenza artificiale: l’Artificial Narrow Intelligence (ANI), l’Artificial General Intelligence (AGI) e l’Artificial Super Intelligence (ASI). La prima, chiamata anche “intelligenza artificiale debole” o “IA a memoria limitata”, è la forma più comune di intelligenza artificiale utilizzata, ad esempio, nelle auto a guida autonoma o in ChatGPT. Questa forma di IA ha una memoria a breve termine che le consente di reagire agli stimoli esterni in base alla sua esperienza.

La seconda tipologia, l’IA “forte” o “teoria della mente”, è in grado di replicare il comportamento del cervello umano, comprese le emozioni. Attualmente, nessuna macchina o sistema è in grado di raggiungere questo livello di intelligenza, sebbene possano già essere in fase di sviluppo i primi prototipi. L’ultima tipologia, l’IA superintelligente o “macchine autocoscienti”, dovrebbe essere in grado di superare le capacità umane. Tuttavia, al momento, rimane solo una lontana ipotesi.


Alla base dell’intelligenza artificiale si trovano diverse tecnologie, tra cui il Machine Learning (apprendimento automatico), il Deep Learning (apprendimento approfondito), i modelli di linguaggio e l’elaborazione del linguaggio naturale.

Il Machine Learning consente all’IA di apprendere a svolgere compiti, anche se spesso con l’assistenza umana. Al contrario, il Deep Learning permette alle macchine di apprendere in modo autonomo. I modelli di linguaggio, come GPT-4, il modello alla base di ChatGPT, utilizzano il Deep Learning per simulare il linguaggio umano. Infine, l’elaborazione del linguaggio naturale consente all’IA di interagire con gli utenti utilizzando un linguaggio fluente e umano, evitando un tono meccanico.

Il Machine Learning sfrutta algoritmi per elaborare grandi quantità di dati e consentire ai sistemi di imparare autonomamente, migliorando la loro “intelligenza”. Questa tecnologia può essere suddivisa in tre tipi: Machine Learning supervisionato, Machine Learning non supervisionato e Machine Learning con rinforzo.


Nel Machine Learning supervisionato, l’apprendimento avviene per analogia, come quando un bambino impara a riconoscere una mela vera confrontandola con un disegno. In questo caso, la macchina “apprende” e applica ciò che ha imparato per analogia, ad esempio gli assistenti vocali che migliorano la loro capacità di riconoscere la voce dell’utente nel tempo.

Nel Machine Learning non supervisionato, il sistema riceve una serie di input e deve “ragionare” per elaborare le migliori soluzioni. Un esempio di ciò è la sezione “consigliati” su Amazon, dove vengono suggeriti prodotti simili agli acquisti precedenti.

Infine, nel Machine Learning con rinforzo, il sistema apprende interagendo con l’ambiente circostante e riceve una “ricompensa” quando esegue correttamente un compito. Un esempio di questo tipo di apprendimento è rappresentato dalle auto a guida autonoma.

Una sottocategoria più complessa del Machine Learning è il Deep Learning, che sfrutta reti neurali artificiali per elaborare informazioni ed eseguire attività in modo autonomo. Queste reti neurali, ispirate a quelle presenti nel cervello umano, sono composte da nodi con strati di input, nascosti e di output.

I sistemi basati sul Deep Learning elaborano una vasta quantità di dati non strutturati. Ad esempio, un sistema può riconoscere una mela, ma deve imparare ad associarla ad altri elementi come una foglia o un albero. Questa complessità rende i sistemi basati sul Deep Learning estremamente complessi e difficili da addestrare.

Oltre al Deep Learning, un altro pilastro dell’IA è il Natural Language Processing (NLP), ovvero l’elaborazione del linguaggio naturale. Questa tecnologia consente all’IA di generare testi utilizzando un linguaggio molto simile a quello umano, con differenze talvolta impercettibili. Il sistema è in grado di analizzare, comprendere e rielaborare il linguaggio naturale per creare testi che sembrano scritti da una persona.


L’intelligenza artificiale sta riscuotendo un enorme successo in tutto il mondo, e le sue applicazioni si estendono a numerosi campi, dall’elaborazione dei dati alla generazione di testo e immagini, fino alla giurisprudenza e alla medicina. L’IA potrebbe fornire un’importante assistenza per superare limiti finora insormontabili, soprattutto nel campo scientifico e della ricerca.

Tuttavia, senza una regolamentazione adeguata, l’IA potrebbe rivelarsi estremamente pericolosa, come evidenziato nel 2023 dal creatore di ChatGPT, Sam Altman, durante l’audizione presso la sottocommissione Giustizia del Senato degli Stati Uniti.

Sebbene l’IA offra numerosi vantaggi e nuove opportunità, sorgono anche numerose preoccupazioni. Oltre alla disinformazione e alla creazione di deepfake, l’utilizzo dell’IA comporta rischi per la privacy, la sicurezza e la possibile perdita di posti di lavoro. In un prossimo tempo, l’intelligenza artificiale potrebbe rimpiazzare gli individui nell’ambito di numerosi settori, dalla manifattura alla gestione finanziaria e perfino all’informazione. La rivoluzione dell’IA è già in corso e questa tecnologia potrebbe presto plasmare ogni aspetto della vita umana.

Guida completa all’utilizzo delle intelligenze artificiali

ChatGPT, Midjourney e Google Bard sono solo alcune delle piattaforme di intelligenza artificiale che puoi utilizzare per sfruttare al meglio questa nuova tecnologia. Se vuoi scoprire come accedere e utilizzare queste potenti risorse, continua a leggere. Tuttavia, è importante tenere presente che, nonostante i loro numerosi vantaggi, bisogna sempre considerare con cautela le risposte fornite dagli strumenti di intelligenza artificiale generativa. A causa della possibilità di ottenere risultati non veritieri, è fondamentale non affidarsi ciecamente alle informazioni ricevute. Esploriamo insieme l’utilizzo di queste piattaforme.

ChatGPT: la guida all’utilizzo

ChatGPT è attualmente uno dei chatbot più popolari sul mercato, disponibile sia come sito web che come app per iPhone. Creato da OpenAI nel novembre 2022, questo chatbot ha rivoluzionato il mondo dell’informatica. Basato sul modello di linguaggio GPT (Generative Pre-trained Transformer) di quarta generazione, ChatGPT offre risultati sorprendenti.

Tieni presente che la versione gratuita di ChatGPT utilizza il modello GPT-3.5 e non ha accesso agli aggiornamenti più recenti. D’altro canto, gli utenti di ChatGPT Plus, la versione a pagamento, possono usufruire del modello di quarta generazione e accedere a funzionalità avanzate come la ricerca su Internet per ottenere informazioni aggiornate.

L’interfaccia di ChatGPT è intuitiva e facile da usare. Basta digitare le tue domande nella finestra di chat e l’intelligenza artificiale fornirà una risposta che ritiene completa. Ricorda però che la versione gratuita è addestrata solo fino al 2021 e non può fornire informazioni aggiornate a partire da quella data.

Per utilizzare ChatGPT, visita il sito ufficiale di OpenAI sul tuo computer e registrati inserendo le tue credenziali o utilizzando un account Google, Microsoft o Apple. Dopo la registrazione, segui le istruzioni per la verifica dell’email e fornisci i tuoi dati personali, inclusi un numero di telefono valido. Una volta completata la registrazione, sarai pronto per iniziare a chattare con l’IA conversazionale. Per ulteriori dettagli, consulta la mia guida passo-passo su come utilizzare ChatGPT. Come usare ChatGPT: Guida pratica

Midjourney: creazione di immagini artistiche

Midjourney è un’innovativa intelligenza artificiale in grado di generare immagini a partire da poche righe di testo, simile a DALL-E. Questa piattaforma, creata da una start-up nel 2022, è in grado di produrre immagini artistiche sorprendenti, ispirandosi ai più famosi pittori e artisti del mondo, come Van Gogh, Picasso e Dalì.

Le immagini sintetiche create da Midjourney sono talmente realistiche da confondere molti utenti. Sono diventate famose le immagini false dell’arresto di Donald Trump o del Papa Francesco vestito con un moderno giubbotto, entrambe create con Midjourney v.5.

Per utilizzare Midjourney, è necessario iscriversi a Discord, una piattaforma di chat vocale, che permette di interagire con persone che condividono interessi simili. L’iscrizione a Discord è gratuita. Una volta completata la registrazione e l’attivazione dell’email, potrai accedere ai server di Midjourney e iniziare a creare le tue prime immagini.

Midjourney è un servizio a pagamento che offre una prova gratuita di 25 elaborazioni di immagini (render). Per maggiori dettagli su come installare e utilizzare questa IA text-to-image, leggi la mia guida su come funziona Midjourney.

Google Bard: la risposta di Google all’intelligenza artificiale

Dopo il successo di ChatGPT, integrato nel motore di ricerca Bing grazie a un accordo tra Microsoft e OpenAI, Google ha deciso di lanciare il suo chatbot di intelligenza artificiale, chiamato Google Bard. Visita il sito web ufficiale per creare un account. L’annuncio ufficiale è avvenuto lo scorso marzo e molti si sono chiesti come utilizzare questa intelligenza artificiale in Italia.

L’interfaccia di Google Bard è semplice da utilizzare, proprio come ChatGPT. Ogni risposta fornita da Google Bard contiene anche le fonti utilizzate per elaborarla. È importante notare che, al momento, l’intelligenza artificiale di Google Bard è ancora in fase di test e non è in grado di comprendere richieste in lingua italiana. Per accedere a Google Bard in Italia senza utilizzare una VPN, bisognerà attendere il suo lancio ufficiale sul mercato italiano.

Contents.com

Contents.com è la piattaforma che ti offre una soluzione completa per la creazione di contenuti di successo. Grazie alla potente tecnologia AI alimentata da GPT-4, Contents.com ti consente di generare testi ottimizzati per la SEO, immagini coinvolgenti e molto altro ancora. Con decine di template personalizzabili, puoi creare facilmente copy per i tuoi post sui social media, schede prodotto per il tuo e-commerce, articoli di blog informativi e persino script per video promozionali.

Contents.com ti supporta nella creazione di contenuti performanti e di alta qualità, consentendoti di risparmiare tempo prezioso nella tua strategia di marketing. Sfrutta la potenza dell’IA generativa di Contents.com e trasforma la tua comunicazione in modo innovativo e efficace.

In conclusione, l’intelligenza artificiale offre molte opportunità per semplificare la nostra vita e migliorare le nostre esperienze digitali. Tuttavia, è fondamentale utilizzarla con cautela e non dare per scontate le risposte fornite. Speriamo che questa guida ti abbia fornito utili informazioni su come utilizzare ChatGPT, Midjourney e Google Bard per sfruttare appieno le potenzialità dell’intelligenza artificiale AI.

Author: Morgana

Mi chiamo Morgana e non sono una fata. Scrivo di tanto in tanto per Guidesmartphone.net articoli che parlano di tecnologia. Mi piace scrivere di smartphone. Nella vita studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.