Che cos’è una TV QLED?

By | Novembre 9, 2019
Che cos'è una TV QLED?

Samsung non produce TV OLED, ma crea TV QLED. Ma cos’è questa tecnologia e come si confronta con i modelli di fascia alta rilasciati dai suoi concorrenti? Ti spieghiamo come funziona questa tecnologia.


Da anni Samsung è all’avanguardia nella tecnologia TV LED / LCD, offrendo design e innovazioni che l’hanno vista diventare il marchio TV più venduto al mondo. Questo spirito pionieristico è stato particolarmente evidente, tuttavia, dall’arrivo della tecnologia delle immagini ad alta gamma dinamica (HDR).

Samsung è stato il primo marchio a lanciare una TV compatibile con HDR nel 2015 e da allora ha continuato a stabilire il ritmo quando si tratta di sbloccare tutta la luminosità, il contrasto e il potenziale di colore del formato HDR. Il suo ultimo e più significativo passo verso la padronanza dell’HDR è QLED.

Che cos’è una TV QLED?

La Q in QLED sta per punto quantico. Questi punti minuscoli formano uno strato davanti alla retroilluminazione e creano i colori che vedi sullo schermo. La maggior parte dei televisori sono LCD e utilizzano cristalli liquidi (LC in LCD). I punti quantici prendono il posto di questi cristalli. Samsung ha aperto la strada alla tecnologia che ha debuttato nel 2016.

La parte LED di QLED, come molti di voi sapranno, sta per diodo a emissione luminosa, il sistema di illuminazione utilizzato nella stragrande maggioranza dei TV LED / LCD da anni ormai. La parte importante di QLED è la Q, che sta per Quantum Dot.

I Quantum Dots offrono agli schermi un modo diverso di produrre colore invece della solita inefficiente e limitata combinazione di LED bianchi e filtri colorati.

I punti in questione vanno da 2 a 10 nanometri di diametro e producono colori diversi a seconda delle loro dimensioni. Ad esempio, i punti più piccoli si concentrano sul blu, quelli più grandi si concentrano sul rosso.

Il punto chiave dei Quantum Dots è che sono in grado di produrre colori primari molto più saturi e definiti con precisione dai LED blu di quanto si possa ottenere dallo spettro di luce relativamente ampio e quindi impreciso associato ai LED bianchi.

Questa capacità di fornire una luminosità e un’intensità del colore meno “annacquate” è il motivo per cui i Quantum Dots vengono sempre più adottati come soluzione di colore “go to” per TV LED / LCD ad alta gamma dinamica.

Dati i potenziali vantaggi della tecnologia Quantum Dot, tuttavia, è importante che i consumatori sappiano quando acquistano uno schermo Quantum Dot anziché un televisore che utilizza un altro tipo di tecnologia dello schermo. È qui che entra in gioco il nome QLED.

Per quanto ne so, la necessità di stabilire un nome che distingua gli schermi Quantum Dot da altri tipi di display a LED / LCD è stata sollevata per la prima volta a novembre 2016 dal gruppo di analisti e consulenti del settore Insight Media. La linea conclusiva di un white paper di Insight Media chiamato “Quantum Dots alimenterà i prodotti di visualizzazione al livello successivo” affermava che “suggeriamo che il termine” QLED “si riferisce a qualsiasi TV LED / LCD che utilizza la tecnologia Quantum Dot”.

Ne parlo perché è importante rendersi conto che il termine QLED così com’è ora usato non è stato definito da Samsung e non è posseduto in alcun modo da Samsung. In effetti, ora esiste un’alleanza QLED che include Hisense e TCL, oltre a Samsung, che si dedica alla promozione della causa Quantum Dot.

Ora puoi trovare display a punti quantici in tutti i suoi TV di fascia alta. È possibile individuare una TV Samsung QLED in base al nome del modello; inizierà sempre con una ‘Q’. Alcuni altri piccoli marchi producono anche QLED, ma Samsung è l’unico dei quattro grandi produttori (LG, Panasonic, Samsung e Sony) a produrli. Si dice che il punto quantico produca colori più vivaci e immagini più luminose.

QLED vs OLED

Samsung è l’unico a supportare la sua tecnologia QLED. LG, Panasonic e Sony scelgono tutti i display OLED per i loro TV di fascia alta. La distinzione chiave è che i display OLED non usano la retroilluminazione; ogni lampadina nel display è autonoma. Ciò migliora il controllo del contrasto e la fluidità del movimento, ma Samsung ritiene che i display QLED siano più luminosi e mostrino colori più vivaci.

Dimensioni: non troverai un OLED con uno schermo più piccolo di 55 pollici, ma i QLED possono essere molto più piccoli. La maggior parte delle gamme ha un modello da 49 pollici e c’è anche un 43 pollici.

Caratteristiche: la tecnologia di entrambi i televisori differisce leggermente da marchio a marchio e ognuno avrà il suo punto di vendita unico, ma alcune cose sono coerenti. Saranno sempre 4K, supporteranno l’HDR e saranno intelligenti. Non importa se scegli OLED o QLED, in genere otterrai la migliore tecnologia TV disponibile da quel marchio.

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.