Come aprire l’editor del registro

Come aprire l'editor del registro

Istruzioni dettagliate sull’apertura dell’Editor del Registro di sistema in ogni versione di Windows. Tutte le modifiche manuali al registro di Windows possono essere completate tramite l’Editor del Registro di sistema, uno strumento incluso in tutte le versioni di Windows. L’Editor del Registro di sistema consente di visualizzare, creare e modificare le chiavi di registro e i valori di registro che compongono l’intero registro di Windows.


Come rimuovere la protezione da scrittura su Windows 10, 8 e 7

Sfortunatamente, non esiste un collegamento per lo strumento nel menu Start o nel menu App, il che significa che dovrai aprire l’Editor del Registro di sistema eseguendolo da una riga di comando. Non preoccuparti, però, non è affatto difficile da fare.

È possibile aprire l’Editor del Registro di sistema in questo modo in qualsiasi versione di Windows che utilizza il registro, inclusi Windows 10Windows 8Windows 7Windows Vista e Windows XP.

Come aprire l’editor del registro

  1. In Windows 10 o Windows 8.1, fai clic con il pulsante destro del mouse o tieni premuto il pulsante Start, quindi scegli Esegui. Prima di Windows 8.1, la finestra di dialogo Esegui è più facilmente disponibile dalla schermata App.

    In Windows 7 o Windows Vista, fai clic su Avvia.

    In Windows XP, fai clic su Start, quindi su Esegui.

    Un modo rapido per aprire la finestra di dialogo Esegui in una di queste versioni di Windows è utilizzare la scorciatoia da tastiera WIN + R (tenere premuto il tasto Windows e quindi premere R una volta).

  2. Nella casella di ricerca o nella finestra Esegui, digitare quanto segue, seguito da Invio:

    regedit 

    A seconda della versione di Windows e di come è configurata, è possibile che venga visualizzata una finestra di dialogo Controllo dell’account utente in cui è necessario confermare che si desidera aprire l’Editor del Registro di sistema.

  3. Si aprirà l’editor del registro.

    Se hai già usato l’Editor del Registro di sistema, si aprirà nella stessa posizione in cui stavi lavorando l’ultima volta. Se ciò accade, e non vuoi lavorare con le chiavi o i valori in quella posizione, continua a ridurre al minimo le chiavi del registro fino a raggiungere il livello superiore, elencando i vari hive del registro.

    È possibile ridurre a icona o espandere le chiavi del Registro di sistema selezionando la piccola icona > accanto alla chiave. In Windows XP, viene invece utilizzata l’ icona +.

  4. Ora puoi apportare tutte le modifiche che devi apportare al registro, cosa che probabilmente non dovrebbe essere fatta a meno che tu non sia esperto di come aggiungere, modificare o eliminare in modo sicuro chiavi e valori del registro. Assicurati, qualunque cosa tu faccia, di influenzare solo le aree di registro ristrette che intendi modificare.

Considerando l’impatto che il registro ha sul tuo computer basato su Windows, ti consigliamo vivamente di eseguire il backup del registro, sia tutto o anche solo le aree in cui lavori, prima di fare qualsiasi cosa.


Windows vs. OSX – Chi è più veloce

Altro aiuto con l’editor del registro

È importante sapere come ripristinare il Registro di Windows prima di utilizzare l’Editor del Registro di sistema. Ciò consente di aggiungere un backup del file REG nel registro in caso di problemi durante la modifica.

Anche se l’Editor del Registro di sistema è aperto e pronto per essere utilizzato, non è sempre consigliabile apportare modifiche manualmente, soprattutto se un programma o un servizio automatizzato può farlo per te. 

Ad esempio, se stai usando l’Editor del Registro di sistema per cancellare le voci di registro residue o indesiderate, non dovresti farlo da solo a meno che non sei molto sicuro di sapere cosa stai facendo. Utilizzare invece un pulitore di registro gratuito se si desidera eliminare automaticamente la spazzatura nel registro.

Lo stesso comando regedit può essere eseguito dal prompt dei comandi. Dopo aver aperto il prompt dei comandi, basta digitare il comando e premere Invio.

Sebbene la circostanza potrebbe essere rara, un altro modo per avviare l’Editor del Registro di sistema è quello di utilizzare il Task Manager. Per fare ciò, apri Task Manager tramite Ctrl + Maiusc + Esc, vai su File > Esegui nuova attività e digita regedit, seguito da OK.

È possibile aprire l’Editor del Registro di sistema da Task Manager se non è possibile accedere alla finestra di dialogo Esegui standard come descritto nel passaggio 1 sopra o se Explorer o Prompt dei comandi non si apriranno per qualche motivo.

Se ti ritrovi ad aprire spesso questo strumento, puoi creare un collegamento all’editor del Registro di sistema sul desktop. Fare clic con il tasto destro del mouse sul desktop, selezionare Nuovo > Collegamento, digitare regedit e premere Avanti, quindi Fine. In alcune versioni di Windows, è possibile trascinare il collegamento sulla barra delle applicazioni per un accesso ancora più rapido.

L’apertura di un registro di Windows remoto è leggermente diversa rispetto a quella descritta sopra per un registro locale. Dopo aver aperto una normale finestra dell’Editor del Registro di sistema, c’è un passaggio aggiuntivo per trovare il registro remoto.

Come avviare Windows 10 in modalità provvisoria e quando utilizzarla

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*