Come avere i permessi di Root sul Nexus 5, Nexus 6 e Nexus 7 2012 (WiFi) con Android 5.1

By | Febbraio 20, 2018

Come avere i permessi di Root sul Nexus 5, Nexus 6 e Nexus 7 2012 (WiFi) con Android 5.1, è stato rilasciato pochi giorni fa, ma molti sviluppatori lo avevano già avuto. L’aggiornamento del dispositivo alla versione più recente di Android ha un solo svantaggio. Si perderà l’accesso di root. Fortunatamente, per il Nexus 5, Nexus 6 e la versione WiFi del Nexus 7 2012 con in esecuzione Android 5.1 hanno ricevuto l’accesso di root.

Per questo è necessario una recovery personalizzata come CWM installata sul dispositivo. Seguire la seguente guida per rotare il dispositivo.

Assicuratevi che il vostro dispositivo Android abbia la batteria carica fino all’ 80-85%.

Attenzione: questo tutorial è solo per Nexus 5, Nexus 6 e Nexus 7 2012 (WiFi). Non provate questa guida su qualsiasi altro dispositivo Android. Inoltre, non siamo responsabili per eventuali danni causati dalle istruzioni fornite in questa pagina. Prova questa guida a proprio rischio. Tuttavia, è molto improbabile che il dispositivo possa essere danneggiato se si seguono tutte le istruzioni che sono state menzionate nella procedura.

Come avere i permessi di Root sul Nexus 5, Nexus 6 e Nexus 7 2012 (WiFi) con Android 5.1

  1. Effettuare un backup Nandroid dalla recovery, in caso qualcosa vada storto.
  2. Scaricare il file zip SuperSU e trasferirlo nella memoria del telefono.
  3. Spegnere il telefono e avviare il telefono in recovery personalizzata.
  4. Pulire la cache e la cache Dalvik.
  5. Vai su “Install zip”, poi “Seleziona zip”. Scegliere il file zip SuperSU.
  6. Dopo che il processo è stato completo, riavviare il telefono.

 

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.