Come clonare HDD su SSD con Windows

By | Febbraio 11, 2020
Come clonare HDD su SSD con Windows

Come clonare HDD su SSD con Windows? Perché reinstallare Windows su un’unità a stato solido quando puoi semplicemente copiarlo? L’aggiornamento del PC da un disco rigido a un SSD non solo ti offre più spazio di archiviazione, ma renderà sicuramente il tuo computer più veloce.

Ora, poiché non puoi semplicemente copiare Windows su un nuovo disco, ti guideremo attraverso la creazione di un clone del tuo attuale disco rigido sul nuovo SSD.

Dischi rigidi vs. dischi a stato solido

Le unità disco rigido (spesso denominate unità o unità disco rigido e in genere scritte come HD o HDD) sono costituite da dischi rigidi e sottili (come un CD) che ruotano (di nuovo, come un CD) per leggere e scrivere le tue informazioni. Queste parti mobili non solo alla fine non funzioneranno più, ma la velocità alla quale possono operare è limitata dalla velocità con cui i meccanismi possono funzionare. Spesso, anche alle massime velocità, gli HD possono rallentare il tuo computer.

Nel frattempo, le unità a stato solido o SSD si basano sulla memoria flash composta da “celle di memoria” che risiedono su più livelli. Non ci sono parti mobili, il che significa che i dati viaggiano da e verso queste celle come il traffico che scorre in centro. Questo processo è esponenzialmente più veloce rispetto alla rotazione di un disco e alla lettura di dati come un CD di vecchia scuola.

Ancora una volta, poiché non ci sono parti in movimento, gli SSD non sono solo più veloci ma hanno una durata maggiore. Il problema è che i dischi rigidi sono economici, quindi desktop e laptop di fascia bassa li usano come unità primarie. Ciò non influisce solo sulla velocità del processo di avvio di Windows, ma sulla velocità con cui altre applicazioni caricano e rispondono.

Come clonare HDD su SSD con Windows? Non puoi semplicemente copiare Windows

Sia che tu stia sostituendo un disco rigido o eseguendo l’upgrade a un SSD, non puoi semplicemente copiare Windows da un disco all’altro. Gli HD sono generalmente suddivisi in sezioni o partizioni, utilizzate dal PC e dal sistema operativo. Quello che vedi sull’unità C in Esplora file è solo una parte di ciò che è effettivamente archiviato sul disco. Include le informazioni di avvio necessarie su una partizione, i file di ripristino di Windows 10 su un’altra e così via.

Detto questo, se si sta aggiornando un laptop da un disco rigido a un SSD, è necessario clonare i primi file di avvio inclusi. La soluzione migliore è utilizzare un SSD con una capacità identica, poiché è difficile clonare un’unità su un modello con una capacità inferiore.

Dovrai anche considerare come eseguirai il clone: ​​installi l’SSD sul tuo PC o usi un adattatore esterno? Utilizzerai l’SSD standard da 2,5 pollici o spenderai una pazzia per il modello basato su scheda M.2 (se supportato)?

Per questa guida, stiamo clonando un disco rigido da 1 TB installato in un laptop su un SSD SanDisk da 2,5 pollici. Ciò sarà reso possibile utilizzando un adattatore da USB-A a 2,5 pollici. Puoi acquistare l’adattatore da USB-A a 2,5 pollici da Amazon a basso costo.

Come mostrato di seguito, l’adattatore utilizzato in questa guida si collega direttamente all’SSD. All’altra estremità, troverai un connettore USB-A maschio. Funziona con porte USB-A “blu”, ovvero USB 3.0 / 3.1 / 3.2, che supportano velocità di trasferimento dati a 5 Gbps o 10 Gbps.

Se stai seguendo il percorso interno, come in un desktop, installa il disco come unità secondaria. Clonare l’unità principale su questo disco, spegnere il desktop e quindi sostituire le unità. È anche possibile installare l’ex Drive C nello slot secondario, formattarlo e utilizzarlo come unità di archiviazione dati.

I cloni potrebbero non funzionare su più PC

Dopo aver clonato un SSD, è possibile rimuovere l’HD originale e installarlo sul desktop o sul laptop. Se hai clonato un’unità secondaria, non dovresti avere problemi. Se hai clonato il tuo disco principale contenente Windows, potresti rimanere bloccato.

I produttori di laptop in genere inseriscono le chiavi di attivazione di Windows 10 nel BIOS o nella tabella ACPI del PC. Prima di Windows 10, i produttori di sistemi stampavano la chiave del prodotto sulla shell esterna del PC o all’interno di un opuscolo fornito. Ciò ha sostanzialmente consentito agli utenti finali di installare una singola copia su più PC. Ha inoltre permesso ai pirati di distribuire copie gratuite su Internet.

Ora gli utenti finali non hanno accesso alle chiavi di attivazione, almeno nei sistemi predefiniti. Quando si configura inizialmente Windows 10, il software scava nella tabella BIOS o ACPI e acquisisce la chiave richiesta. Viene quindi registrato nel tuo account Microsoft. Lo stesso scenario probabilmente vale per i desktop pre-costruiti di Dell, HP e così via.

Questo non è il caso dei PC domestici. Qui gli utenti acquistano un codice Product Key di Windows 10 da Microsoft o venditori di terze parti, come Amazon. Una volta installato utilizzando quella chiave, Windows 10 si registra nell’account Microsoft dell’utente. Se cloni quell’unità, tuttavia, e la installi in un altro PC, potresti comunque dover affrontare un blocco con l’attivazione.

Sfortunatamente, Microsoft non elenca parti specifiche che definiscono una “modifica hardware” diversa dalla scheda madre.

In definitiva, se hai clonato un’unità primaria in un desktop o laptop pre-costruito (Dell, HP, Lenovo, ecc.) e stai semplicemente sostituendo un HD con un SSD, non dovresti avere problemi con l’attivazione di Windows. Lo stesso vale per i sistemi domestici.

Quello che non puoi fare è clonare l’unità primaria del tuo PC pre-costruito e usarlo in un altro PC senza acquistare un’altra licenza di Windows. L’unica soluzione è chiamare il numero del servizio clienti di Microsoft e spiegare la tua situazione. Nel frattempo, spostare l’unità primaria clonata di un sistema domestico su un altro richiederà anche una chiamata a Microsoft.

Ora cloniamo il tuo disco!

Come clonare HDD su SSD con Windows? Installa Macrium Reflect 7 Free Edition

Vai al sito di Macrium Software per scaricare Macrium Reflect 7 direttamente dallo sviluppatore. L’ampio processo di installazione potrebbe sembrare superfluo, ma ti assicura che stai scaricando il software autentico e pulito dell’azienda anziché scaricare software di terze parti che potrebbe essere pieno di adware o malware.

  1. Fare clic su Home Use per scaricare il programma di installazione.
  2. Fai clic su Continua nella schermata a comparsa. Non è necessario inserire un indirizzo email.
  3. Individua ed esegui il file ReflectDLHF.exe scaricato. Si apre come Macrium Reflect Download Agent che installa il software effettivo sul PC. Seleziona la posizione in cui desideri archiviare il download e fai clic su Download.
  4. Fai clic su Avanti nella schermata di installazione di Macrium Reflect.
  5. Fare clic su Avanti per installare il software e accettare il Contratto di licenza. Fai di nuovo clic su Avanti per continuare.
  6. Seleziona l’opzione Home e fai clic su Avanti .
  7. Puoi scegliere di registrare il software inserendo il tuo indirizzo e-mail e acquisendo un codice oppure deselezionando semplicemente l’opzione di registrazione e facendo clic su Avanti.
  8. Selezionare un percorso di installazione e fare clic su Avanti. Fare clic su Installa nella seguente finestra per completare.

Come clonare un disco rigido su SSD

Una volta caricato il software, selezionare l’unità che si desidera clonare. Se stai clonando un’unità primaria con Windows 10, la vedrai elencata come OS (C) insieme all’etichetta NTFS Primary. Come mostrato di seguito, le unità in genere si dividono in diverse sezioni o partizioni, utilizzate dal PC e dal sistema operativo. Pertanto, non puoi semplicemente copiare Windows su un’altra unità e aspettarti che il tuo PC si avvii.

  1. Con l’unità selezionata, fare clic sul collegamento Clona questo disco sotto l’unità selezionata.
  2. Nella seguente finestra pop-up, fare clic sul collegamento Seleziona un disco da clonare elencato in Destinazione. È possibile utilizzare un’unità già installata nel PC o un’unità esterna che si collega al PC tramite un adattatore. In questo esempio, stiamo sostituendo il disco rigido di un laptop con un SSD.
  3. Se l’unità di destinazione contiene già dati non più necessari, fare clic su una partizione seguita dall’opzione Elimina partizione esistente elencata di seguito. Ripetere questo passaggio per tutte le partizioni indesiderate.
  4. Quindi, fare clic e trascinare tutte le partizioni dall’unità di origine all’unità di destinazione. Come notato in precedenza, potrebbe essere necessario regolare le dimensioni della partizione di conseguenza. Se si passa ad un’unità più piccola, le dimensioni della partizione devono essere inferiori. Se ti stai spostando verso l’alto, ingrandisci le partizioni. Alla fine, vuoi che queste partizioni riempiano l’intero disco, quindi non hai spazio inutilizzato.
  5. Fai clic su Avanti quando sei pronto per clonare.
  6. Fare di nuovo clic su Avanti per saltare l’opzione Pianifica questo clone.
  7. Nella finestra finale, verifica le azioni di clonazione e fai clic su Fine per completare.
  8. Fare clic su OK nella schermata seguente per salvare le impostazioni di backup.

Come clonare HDD su SSD con Windows? Clonare un’unità secondaria

Infine, puoi utilizzare questa guida anche per clonare un’unità secondaria. Ad esempio, potresti possedere un laptop con un SSD che funge da unità principale e un HDD lento e grosso come unità secondaria che memorizza i dati (in genere Drive D).

In questo caso, selezionare invece l’unità secondaria quando si avvia Macrium Reflect. Non si avvierà ancora come un’unità principale, ma almeno il tuo PC si sentirà un po’ più zippato quando accedi ai file memorizzati o ai programmi installati sulla tua nuova unità secondaria.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.