Come configurare e ottimizzare il modem per migliorare le prestazioni Wi-Fi

By | Dicembre 18, 2019
Come configurare e ottimizzare il modem per migliorare le prestazioni Wi-Fi

Segui questi semplici passaggi per configurare il modem e la rete wireless nel modo giusto.

Come si collega un modem Wi-Fi?

Avere un nuovo modem installato e funzionante non è una cosa semplice come prenderlo dalla scatola e collegarlo. Anche se non è cosi difficile anche se sei un principiante. Al giorno d’oggi, i produttori di modem hanno reso più semplice che mai la connessione alla rete Wi-Fi in modo rapido e semplice. 

Ma solo perché hai collegato tutto e sembra che funzioni, non significa che le prestazioni e la sicurezza della tua rete siano buone come pensi. Segui questi passaggi di base per configurare correttamente il modem wireless e ottimizzare la rete wireless e la connettività.

Ti interessa? Cosa significa il modem? In realtà è una combinazione di due parole

Posizionamento e installazione di un modem Wi-Fi

Prima di iniziare, devi considerare dove posizionerai il tuo modem. Trovare uno spazio aperto verso il centro della casa è il modo migliore per garantire una copertura ottimale. Tieni presente che pareti e pavimenti impediranno di avere un buon segnale Wi-Fi, quindi più ostacoli hai tra i tuoi dispositivi e il tuo modem, più debole (e potenzialmente più lento) sarà il segnale. 

Cerca di evitare la vicinanza con oggetti di metallo, vetro, mattoni o cemento di grandi dimensioni.

Innanzitutto, è necessario connettere il modem. Per questo avrai bisogno di un cavo Ethernet, che ti consigliamo di collegare alla porta WAN (rete di area ampia) sul lato posteriore del modem. 

Questa porta potrebbe apparire leggermente diversa da modem a modem, ma di solito avrà un colore distinto dalle altre porte e sarà etichettata “WAN”, “Internet” o qualcosa di simile. Dalla porta WAN, collegare l’altra estremità del cavo Ethernet alla porta Ethernet sul retro del modem. 

Assicurati che il tuo modem sia acceso e sarai pronto per connetterti a Internet. Quindi, ovviamente, è necessario collegare il modem a una presa a muro e accenderlo.

Molti modem moderni possono essere configurati completamente dal tuo smartphone. I produttori avranno la loro app di configurazione unica, quindi consulta la guida rapida del tuo modem per assicurarti di scaricare quella giusta. Tuttavia, non tutti i modem dispongono di un’app mobile. 

Alcuni hanno un sito Web dedicato che carica la pagina di configurazione interna del modem. È possibile trovare questo URL collegando il computer a una delle porte LAN del modem tramite cavo Ethernet e scrivendo 192.168.1.1 o un indirizzo simile (come specificato dalla documentazione del modem) nella barra di ricerca del browser.

Il primo passo per rendere operativa la tua rete sarà impostare un nome utente e una password. Se ti capita di avere un modem usato, il nome utente e la password possono essere ripristinati ai valori predefiniti di fabbrica tenendo premuto un pulsante che trovi da qualche parte sul modem (di solito sul retro). 

Spesso, queste impostazioni predefinite sono qualcosa come “admin” e “admin”, che ogni aspirante hacker conosce, quindi assicurati di cambiarle subito. Assicurati di utilizzare una password sicura che includa una combinazione di lettere maiuscole e minuscole, numeri e simboli.

Come configurare un modem?

Con il nome utente e la password impostati, è possibile procedere alla configurazione delle impostazioni del modem. Come per cucinare una cena, non esiste un modo “giusto” per installare un modem e ogni modello probabilmente avrà i suoi passaggi unici, a seconda delle sue caratteristiche. 

Per questo motivo, cercare di descrivere qui ogni possibile percorso di configurazione sarebbe estenuante e inutile. Si consiglia vivamente di consultare il manuale del modem per dettagli.

Detto questo, abbiamo alcuni consigli:

Utilizzare la procedura guidata di installazione semplice. La maggior parte dei modem fornisce una sorta di breve procedura di installazione che richiede poco più di SSID e password. In caso di dubbi, iniziare con questo. (L’SSID è il nome Wi-Fi del tuo modem.

Potrebbe essere qualcosa come “asus” o “netgear” fuori dalla scatola, ma sentiti libero di cambiarlo in qualcosa di creativo, come “FBI-sorveglianza-furgone”.) Puoi accedi sempre nuovamente all’app del modem o alla pagina del browser per accedere a opzioni più avanzate per perfezionare la tua esperienza.

Correlato: Come modificare il nome predefinito (SSID) di un modem wireless?

Utilizzare il pulsante WPS per collegare i dispositivi Wi-Fi. Se hai mai abbinato due dispositivi Bluetooth, come uno smartphone con le cuffie, hai già la conoscenza di base di come funziona. Supponiamo che tu voglia connettere un laptop con Windows 10 al modem. 

Sul tuo laptop, vedrai il SSID del tuo modem comparire nell’elenco delle reti wireless visibili in Windows. Quando selezioni il SSID e tenti di connetterti, Windows ti chiederà di inserire la chiave di sicurezza della rete, che è un modo inutilmente tecnico per dire la password. 

Se hai fatto un buon lavoro con la tua sicurezza e hai creato una password con lettere maiuscole e minuscole casuali, numeri e simboli, l’avrai completamente dimenticato e non vorrai fare casino con la digitazione. 

Invece, premi il pulsante WPS sul tuo modem. Dovresti avere almeno un minuto affinché il modem e il laptop si trovino e si accoppino correttamente. Tieni presente che WPS funziona solo con dispositivi Windows e Android.

In caso di dubbi, lasciare che il modem lo faccia. Gli strumenti di configurazione “Auto” sono tuoi amici. In più di 20 anni, non ho mai avuto motivo di non consentire al modem di gestire i miei indirizzi IP con il protocollo DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol ), un protocollo che assegna automaticamente gli indirizzi IP ai dispositivi. 

Solo perché puoi cambiare qualcosa non significa che dovresti. Almeno durante le fasi di installazione e utilizzo anticipato, vai con le impostazioni automatiche.

È meglio collegarsi alla banda a 2,4 GHz o 5 GHz?

Sul lato del dispositivo client, a parità di condizioni, le connessioni a 5 GHz forniranno prestazioni migliori a corto raggio rispetto a 2,4 GHz. Questo perché 5 GHz, sebbene un po’ più veloce, non può viaggiare tanto lontano o trasmettere attraverso alcuni oggetti a causa delle lunghezze d’onda più corte di quella banda. 

La banda a 2,4 GHz tende ad avere più congestione e meno opzioni di canale. Detto questo, se si desidera continuare a utilizzare 2,4 GHz, considerare la sperimentazione con la selezione del canale.

“Auto” di solito fa un lavoro decente saltando tra le opzioni del canale e trovando quella migliore, ma se stai lottando con le connessioni client, prova a impostare manualmente il canale su 1 o 11. La banda a 2,4 GHz ha un totale di 11 canali che è possibile alternare per evitare interferenze, con il canale 6 di solito predefinito. 

Leggi qui: Come migliorare il tuo WiFi scegliendo il miglior canale sul modem

Quando selezioni un determinato canale, di solito c’è un segnale di spillover. Quindi, selezionando il canale 2, ad esempio, spesso si riverserà traffico sui canali 1 e 3. Pertanto, il passaggio agli estremi di 1 o 11, i punti più lontani dal valore predefinito di 6, a volte può garantire le connessioni più performanti.

Dopo la configurazione “semplice”, alcuni modem ti guideranno attraverso alcuni passaggi aggiuntivi, come la creazione di controlli parentali (funzionalità che ti consentono di filtrare determinati tipi di contenuto) e l’aggiornamento automatico del firmware del modem. 

Dopo questi preliminari, passare a “configurazione wireless” o una scheda / schermata con nome simile per attivare la rete Wi-Fi. Una volta attivata la rete, puoi connetterti a qualsiasi dispositivo e iniziare a navigare sul Web.

Passiamo al livello successivo

Con la maggior parte dei modem, semplicemente l’attivazione della rete e la connessione a Internet non fanno altro che graffiare la superficie di ciò che è possibile fare. Mentre un nome di scheda come “impostazioni avanzate” può sembrare un po ‘intimidatorio, i menu qui contenuti spesso ti consentono di controllare alcune delle funzionalità più utili del tuo modem. Di seguito tratteremo alcuni degli elementi più interessanti.

Qualità del servizio (QoS)

QoS è una delle funzionalità più utili per l’intrattenimento online. Ti consente di selezionare e dare priorità al traffico a monte e a valle sulla tua rete, il che può fornire un aumento delle prestazioni per il tuo servizio di streaming preferito o gioco online. La maggior parte dei modem avrà una scheda nella loro pagina app / configurazione dedicata al monitoraggio del traffico. 

Passare a questo e trovare la scheda QoS. Attiva QoS, quindi puoi dare la priorità a determinati servizi, come giochi online o streaming video. Puoi anche dare la priorità ai dispositivi sulla rete. Anni fa, ciò veniva generalmente fornito fornendo l’indirizzo MAC univoco del dispositivo e impostando un livello di priorità per quel dispositivo. 

In questi giorni, fornitori come Netgear stanno fornendo sempre più approcci grafici più intuitivi alla stessa idea, come nella schermata di prioritizzazione manuale di seguito.

Le opzioni QoS possono anche permetterti di vedere come viene distribuita la tua larghezza di banda totale dal dispositivo, in modo da poter individuare chiunque afferri più della loro giusta o desiderata condivisione.

In questi giorni, la maggior parte del traffico è scaricabile in natura, in particolare con lo streaming multimediale. Se ritieni che i tuoi servizi di streaming vengano messi in pausa per eseguire il buffer ogni tanto, prova a utilizzare QoS per dare priorità al loro traffico. Tuttavia, in generale, solo i giocatori devono preoccuparsi della definizione delle priorità a monte.

Reti ospiti

Una rete ospite è utile se preferisci mantenere tutti i dati e i file sulla tua rete personale lontano dagli altri. Per configurarne una, vai alla pagina dell’app / della configurazione del modem e vai alle impostazioni wireless. La maggior parte dei modem ha reti guest disabilitate per impostazione predefinita, quindi di solito ci sarà una pagina per configurarla. 

Conferma il nome e la password della rete e la rete verrà configurata.

Ti consigliamo vivamente di applicare almeno la crittografia WPA2 alla tua normale rete Wi-Fi, ma potresti voler lasciare la tua rete ospite “aperta” per un accesso più facile. Sebbene conveniente, ciò potrebbe anche incoraggiare le connessioni dei vicini e delle persone che parcheggiano sul marciapiede. 

Assicurati di limitare i privilegi di accesso alla rete ospite, ad esempio quale banda possono utilizzare o per quali ore è attiva la rete. Potresti anche voler limitare la rete ospite alla banda a 2,4 GHz o 5 GHz, ma non entrambe.

Monitoraggio del traffico

Può essere utile sapere come vedere il traffico che passa attraverso la tua rete, così come la possibilità di porre un limite a tale traffico. Se una di queste due funzioni ti interessa, vai al menu delle impostazioni avanzate del tuo modem. 

Di solito ci sarà un’opzione chiamata monitor del traffico, misuratore di traffico, monitorare il traffico o qualcosa di simile. Abilita questa funzione e sarai in grado di osservare il traffico del tuo modem. 

In alcuni modem puoi anche scegliere di limitare il traffico in entrata (download), il traffico in uscita (upload) o entrambi. Non tutti i modem hanno una funzione di monitoraggio del traffico, ma ci sono molti servizi online che possono farlo per te, inclusi Solarwinds RTBM o PRTG.

Server FTP

Gli anziani di Internet potrebbero ricordare i giorni precedenti Dropbox, quando si trasferivano file di grandi dimensioni tra i sistemi richiesti saltando attraverso diversi cerchi con applicazioni di protocollo di trasferimento file dedicate. Le app FTP potrebbero non essere più utilizzate, ma la tecnologia può comunque essere un modo pratico per trasferire molti file senza occuparsi dei servizi cloud.

I server FTP sono disponibili solo per modem con almeno una porta USB. La prima cosa di cui hai bisogno è un dispositivo di archiviazione USB, come un disco rigido esterno, collegato al modem. Successivamente, vai alle impostazioni avanzate nella pagina dell’app / configurazione e trova una scheda denominata Memoria USB, Impostazioni USB o qualcosa di simile. 

Una volta in quella scheda, fai clic sulla casella di controllo “FTP via Internet” o simile. Il dispositivo USB sarà ora disponibile per gli utenti della rete. Se desideri essere l’unico ad accedere al dispositivo USB, puoi modificare l’accesso in lettura e scrittura in modo che sia solo amministratore.

Alcuni modem ti configureranno l’accesso in lettura e scrittura per cartelle specifiche. Fai semplicemente clic su “nuova cartella”, “seleziona cartella” o qualcosa di simile e vai alla cartella desiderata sul tuo dispositivo USB. Seleziona la cartella e fai clic su Applica modifiche.

Filtro indirizzi MAC

Pensa a un indirizzo MAC (Media Access Control) come un nome univoco universale per qualsiasi dispositivo di rete. L’indirizzo è legato all’hardware del dispositivo. Alcuni modem consentono di impostare un elenco di indirizzi MAC specifici che possono (o non possono) accedere alla rete. È come una lista nera o una lista bianca quali dispositivi possono accedere alla tua LAN.

Per fare ciò, trova il filtro MAC nella scheda Impostazioni avanzate. I modem a doppia o tripla banda in genere ti selezionano a quale banda si applicherà il filtro e alcuni modem ti selezioneranno se l’indirizzo MAC inserito sarà l’unico accettato sulla rete o l’unico indirizzo rifiutato da esso. 

Dopo aver impostato le preferenze per tali opzioni, l’ultimo passaggio è trovare gli indirizzi MAC sui dispositivi che si desidera filtrare e digitarli.

Per i dispositivi mobili come telefoni o tablet, è possibile trovare l’indirizzo MAC accedendo alle impostazioni del dispositivo e passando alla scheda Informazioni sul telefono. Da qui, alcuni dispositivi potrebbero avere una scheda denominata Stato, in cui è possibile trovare l’indirizzo MAC, mentre altri lo hanno prontamente disponibile nella sezione Informazioni sul telefono. 

Su un Mac o PC, vai alla pagina delle impostazioni di rete del tuo dispositivo e apri la rete e il centro di condivisione. Fai clic sulla tua connessione Wi-Fi e cerca Dettagli o Proprietà. Quest’area visualizzerà una miriade di informazioni, incluso “indirizzo fisico” del dispositivo, un altro termine per indirizzo MAC. (Su un Mac, si chiama “Indirizzo Wi-Fi”).

Controllo dei genitori

Il controllo genitori, come minimo, consente di stabilire limiti di tempo per quando ciascun dispositivo consentito (identificato dall’indirizzo MAC) può trovarsi sulla rete. Quindi, se tuo figlio ha la cattiva abitudine di usare i dispositivi molto tempo prima di coricarsi, ma non vuoi giocare costantemente al poliziotto cattivo che deve sorvegliare dove e quando i dispositivi vengono accesi ogni notte, non ci sono problemi, utilizza il nostro tutorial di inizio paragrafo.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

One thought on “Come configurare e ottimizzare il modem per migliorare le prestazioni Wi-Fi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.