Come configurare un nuovo dispositivo Android

By | Luglio 28, 2020
Come configurare un nuovo dispositivo Android

A causa della natura aperta di Android, configurare un nuovo dispositivo Android non è così semplice come la configurazione di iOS, ma la guida che trovate qui sotto può aiutarvi. Android è il sistema operativo più popolare per smartphone in tutto il mondo e probabilmente sarà cosi per molti anni. Quindi, se acquisti un nuovo telefono, statisticamente parlando, è probabile che sia un Android. In generale, è una buona cosa: Android è una delle opzioni più versatili e intuitive sul mercato.

Allo stesso tempo, la natura aperta di Android significa che la configurazione di un nuovo telefono non sarà semplice come potrebbe essere con l’iPhone. Nel tempo che intercorre tra l’avere la prima volta il tuo nuovo dispositivo nelle mani e la prima telefonata, dovrai prendere una serie di decisioni: quale rete Wi-Fi usare, come proteggere il tuo telefono, se importare le impostazioni dal vecchio telefono e così via.

Il processo di configurazione su Android è piuttosto semplice, ma se ti stai chiedendo come restringere le opzioni a tua disposizione, segui la nostra guida passo-passo. E ricorda: puoi sempre resettare e riprovare.

Come configurare un nuovo dispositivo Android?

Come configurare un nuovo dispositivo Android

1. Inserire la carta SIM (e la batteria)

La carta SIM è ciò che collega il tuo dispositivo alla rete del tuo operatore. Seleziona la casella per una scheda minuscola e di dimensioni ridotte e cerca la guida di installazione rapida per sapere dove va nel tuo dispositivo particolare.

In genere, troverai una cover che si stacca con l’unghia o un foro stenopeico in cui devi inserire un piccolo strumento per aprire lo slot SIM. Altri dispositivi potrebbero avere la SIM all’interno del vano batteria se la batteria è rimovibile. Basta spingere la scheda SIM fino a quando non è protetta (o rilasciarla nel vassoio se è quello che il tuo dispositivo ha) e hai installato!

Se hai acquistato il telefono da un negozio di telefonia mobile, la scheda SIM potrebbe essere già all’interno del dispositivo. In genere, è necessario inserirla da soli se si acquista il telefono online o sbloccato.

2. Accensione e connessione

Ora sei pronto per accendere il dispositivo e iniziare a configurare un nuovo dispositivo Android. Avrete bisogno di tenere il pulsante Power per alcuni secondi per accendere il telefono. Questo pulsante si trova in genere sul lato destro del dispositivo nella parte superiore o nella parte superiore del telefono. La batteria sarà probabilmente semicarica, il che è abbastanza per la configurazione iniziale. Se lo desideri, puoi caricare il dispositivo prima o durante l’installazione.

Un minuto dopo l’accensione, il telefono visualizzerà la schermata di benvenuto e ti chiederà di scegliere una lingua. Scegli quello e premi Inizia o Continua. Il telefono potrebbe chiedere se si desidera utilizzare Rete mobile e Wi-Fi o Wi-Fi solo per collegarsi online. A meno che tu non abbia un piano dati molto limitato, probabilmente vorrai selezionare la prima opzione.

Successivamente, dovrai connettere il tuo telefono a una rete Wi-Fi. Supponendo che tu sia a casa durante la configurazione, tocca il nome della tua rete Wi-Fi e inserisci la password. Dopo un momento, il telefono confermerà che sei connesso a Internet.

3. Accedi al tuo account Google

Dopo che sei online, il passaggio successivo è connettere il tuo account Google. Mentre puoi usare Android senza Google, perderai molte fantastiche funzionalità se salti questo passaggio. Il tuo account Google ti consente di eseguire facilmente il backup dei dati sul telefono come password, contatti e foto Wi-Fi. Accedi al tuo account esistente o segui le istruzioni per creare un nuovo account, se lo desideri.

Una volta effettuato l’accesso, il telefono ti chiederà di abilitare alcuni servizi Google come backup automatici e servizi di localizzazione. Ti consigliamo di lasciarli abilitati per ottenere il massimo dal tuo telefono, ma puoi sempre modificarli in seguito, se necessario.

Quindi, verrà visualizzato un messaggio per aggiungere un metodo di pagamento. Se colleghi la tua carta di credito / debito o PayPal, Google utilizzerà queste informazioni quando effettui acquisti dal Google Play Store, la casa di Android per app, giochi, musica e altro. Puoi selezionare No, grazie a saltare questo passaggio e aggiungere un metodo di pagamento in un secondo momento. Ciò non ti impedirà di scaricare contenuti gratuiti dal Play Store.

Se l’account Google da cui hai effettuato l’accesso è stato utilizzato su un altro telefono Android, probabilmente avrai l’opportunità di ripristinare le app e le impostazioni da quel dispositivo. Questo può rendere l’installazione molto più veloce, ma ai fini di questa guida, supponiamo che questo sia il tuo primo dispositivo Android e non hai un backup da ripristinare.

4. Configurare gli assistenti

Il prossimo passaggio per configurare un nuovo dispositivo Android dipende dal produttore del telefono. Su un dispositivo Nexus o Pixel, ti verrà chiesto se desideri utilizzare Google Now. Dovresti assolutamente abilitarlo. Google Now è una fantastica funzionalità che ti fornisce informazioni prima che tu le richieda.

Ti mostra quando c’è un incidente sul tuo tragitto giornaliero, quando arriveranno gli ordini da Amazon e trova articoli sul web che ti piaceranno. Se utilizzi un dispositivo HTC o Samsung, potresti invece visualizzare informazioni sui servizi specifici di tali dispositivi.

5. Configura la schermata di blocco del tuo telefono

Come configurare un nuovo dispositivo Android

Il prossimo passo è essenziale: ti consigliamo di aggiungere la sicurezza della schermata di blocco al tuo telefono. Puoi usare il tuo telefono senza alcun blocco, ma se perdi il telefono, non ci sarà nulla per impedire alle persone maligne di accedere alle tue informazioni.

Se il tuo dispositivo ha uno scanner di impronte digitali, ti guiderà attraverso i passaggi per aggiungere le tue impronte digitali. La scansione delle impronte digitali è un ottimo mix di sicurezza e praticità: appoggiare il dito sullo scanner è molto più veloce rispetto alla digitazione di una password ed è difficile da falsificare. Dovrai aggiungere almeno due dita, ma ti consigliamo di aggiungerne alcune extra (forse di entrambe le mani) in modo che sia più facile entrare.

Sui dispositivi senza scanner di impronte digitali (e come backup per telefoni abilitati per le impronte digitali), puoi invece scegliere tra sequenza, PIN e password. I pattern non sono troppo sicuri a causa del loro numero limitato di combinazioni ed è noioso digitare una password lunga ogni volta che si utilizza il telefono. Consigliamo un PIN per la maggior parte delle persone. Devi usare almeno quattro cifre, ma considera di usarne sei o più per una maggiore sicurezza. Non utilizzare PIN come 1234 o 1379 o qualcosa di ovvio come il tuo compleanno.

Infine, puoi scegliere quante notifiche vuoi che vengano visualizzate sulla schermata di blocco. Mostra tutto il contenuto delle notifiche ti consente di vedere un’anteprima di nuovi testi, e-mail e altro, ma chiunque abbia il tuo telefono può vederle. Puoi scegliere di Non mostrare affatto le notifiche se desideri la massima privacy o Nascondi le notifiche sensibili. Android considera i messaggi di testo “contenuti sensibili”, mentre le notifiche meteorologiche no.

6. Rimuovi bloatware

Una volta che abbiamo finito di configurare un nuovo dispositivo Android a seconda del telefono e dell’operatore, potresti avere da zero a dozzine di app preinstallate che non desideri. Questo è più un problema sui telefoni che non eseguono Android di serie, come i dispositivi HTC o Samsung. Sfortunatamente, non puoi rimuovere alcune di queste app perché sono installate sulla partizione di sistema del tuo telefono.

Il meglio che puoi fare è disabilitarle in modo che non compaiano nel tuo elenco di app. Per fare ciò, vai su Impostazioni> App e dai un’occhiata all’elenco. Se ne vedi una che proprio non ti serve, toccala e premi il pulsante Disinstalla sulla sua pagina di informazioni. Le app che non dispongono di un pulsante Disinstalla non potranno essere rimosse, ma puoi toccare Disabilita per impedirne l’esecuzione.

7. Aggiorna app

Una volta che ti sei sbarazzato delle app immondizia, dovresti controllare gli aggiornamenti delle app preinstallate che sono effettivamente utili (come Chrome). Apri il Play Store, quindi scorri il menu a sinistra e tocca Le mie app e i miei giochi. Se sono disponibili aggiornamenti, li vedrai elencati nella parte superiore dell’elenco Installata. Tocca Aggiorna tutto per scaricare le ultime versioni.

Successivamente, assicurati che le tue app siano impostate per l’aggiornamento automatico, quindi non devi farlo sempre manuale. Nel menu a sinistra, tocca Impostazioni. Scegli Aggiorna automaticamente le app e assicurati che sia impostato su Aggiorna automaticamente solo tramite Wi-Fi

La scelta di aggiornare automaticamente le app in qualsiasi momento aggiornerà anche le app con i dati mobili, il che ti costerà se hai un piano dati limitato. Gli aggiornamenti delle app non sono così urgenti, quindi ti consigliamo di evitare questa opzione.

Puoi anche verificare la presenza di aggiornamenti di sistema quando esegui questa operazione. Il telefono ti chiederà quando è in sospeso un aggiornamento, ma puoi anche controllare manualmente. Passare a Impostazioni> Informazioni sul telefono> Aggiornamenti di sistema per trovare nuovi aggiornamenti.

8. Configurare un nuovo dispositivo Android modificando alcune impostazioni

Ci sono molte informazioni quando dobbiamo configurare un nuovo dispositivo Android e spiegarle tutte va oltre lo scopo di questo articolo. Mentre molte opzioni si basano sulle preferenze personali, ci sono alcune che dovresti modificare su un nuovo telefono:

  • Se hai un piano dati limitato, puoi consentire ad Android di avvisarti quando ti avvicini al limite. Visita Impostazioni> Utilizzo dati, quindi tocca Avviso dati per impostare una soglia. Nota che il tuo operatore potrebbe misurare i dati utilizzati in modo diverso dal telefono, quindi fai attenzione con questa misurazione. Puoi anche abilitare Risparmio dati qui per impedire ad alcune app di utilizzare i dati in background.
  • Se la luminosità automatica è fastidiosa, vai in Impostazioni> Schermo e disattiva Luminosità adattiva. È possibile impostare manualmente il livello di luminosità sopra questa opzione o scorrendo verso il basso dalla parte superiore dello schermo in qualsiasi momento.
  • È possibile impostare orari in cui non si desidera che il telefono ti informi di nulla in Impostazioni> Audio> Non disturbare.
  • Andando su Impostazioni> Utenti> Informazioni di emergenza, puoi aggiungere informazioni vitali su di te e sui contatti di emergenza. Se aggiungi questo, chiunque può accedervi premendo il pulsante di emergenza sulla schermata di blocco. Ciò potrebbe aiutare qualcuno a restituire il telefono in caso di smarrimento o fornire importanti informazioni mediche in caso di emergenza.
  • Sei stanco di digitare il PIN o di scansionare l’impronta digitale quando sei a casa? È possibile disabilitare il blocco del telefono nei luoghi di fiducia andando in Impostazioni> Sicurezza> Smart Lock. Android offre cinque opzioni, tra cui mantenere sbloccato il dispositivo quando si trova in una determinata posizione, sulla tua persona, connesso a un determinato dispositivo Bluetooth o quando rileva il tuo viso o la tua voce.

9. Abilita Photo Backup

Google Foto ha una grande funzionalità che esegue automaticamente il backup di tutte le immagini sul tuo dispositivo. Puoi scegliere tra spazio illimitato di alta qualità o mantenere un numero limitato di foto a grandezza naturale.

Installa l’app Google Foto se non è già sul tuo dispositivo. Apri l’app e fai scorrere il menu a sinistra, quindi tocca Impostazioni. Scegli Backup e sincronizzazione e assicurati che il dispositivo di scorrimento sia abilitato. Puoi scegliere la dimensione del caricamento anche su questa pagina.

Con questa impostazione abilitata, tutti gli screenshot, le foto della fotocamera e le immagini scaricate vengono inviati al tuo account Foto. Non è necessario eseguire mai il backup manualmente e Foto può persino eliminare le immagini dal dispositivo per risparmiare spazio. Sono sempre al sicuro e visualizzabili nella tua app Foto.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.