Come eseguire il backup di un Mac o di un MacBook

backup mac

Sapete che dovreste fare il backup del vostro Mac, ecco i cinque migliori metodi di backup per Mac, assicuratevi di fare il backup di tutto il vostro Mac, non è troppo tardi! Forse siete arrivati a questo articolo perché avete appena vissuto l’incubo di veder morire il vostro Mac senza un backup, o forse conoscete qualcuno a cui è capitata questa terribile situazione e volete assicurarvi che non succeda anche a voi. O forse si è semplicemente incasinato un documento su cui si stava lavorando, si è salvato qualcosa che non si voleva perdere o ci si è resi conto di aver cancellato una parte del lavoro per sbaglio. Il recupero di documenti Word non salvati o eliminati può essere una sfida particolare. Se solo aveste un backup e poteste recuperare una versione precedente.


Qualunque sia il motivo per cui desiderate scoprire il modo migliore per fare backup Mac, il nostro obiettivo è aiutarvi a definire un piano di backup per Mac. Esamineremo i vari tipi di backup su Mac che si possono effettuare, tra cui backup locali via cavo o wireless, backup live, backup remoti e backup online. Esamineremo anche le migliori soluzioni di backup per Mac, tra cui il backup Mac su iCloud o su un altro servizio online come Dropbox, l’utilizzo di Time Machine o di un altro software di backup per un backup locale e i vari servizi di backup remoto disponibili se volete essere sicuri di poter recuperare i vostri dati se il vostro computer si rompe o il backup che tenevate da parte viene cancellato.

Leggi anche: Cosa fare se il Mac/MacBook non si avvia

Perché è necessario eseguire il backup del Mac?

Probabilmente stiamo predicando ai convertiti, ma vi illustreremo rapidamente i motivi per cui dovreste eseguire il backup del Mac, in ordine sparso:

  1. Perché voi (o qualcun altro) potreste rovesciare un drink sul vostro Mac.
  2. Perché l’unità potrebbe guastarsi e il recupero dei dati dalle unità SSD può essere particolarmente difficile.
  3. Perché potreste perdere il vostro Mac o qualcuno potrebbe rubarlo.
  4. Il malware per Mac è raro, ma se si viene beccati, un back up consente di recuperare i dati prima dell’infezione.
  5. Prima di installare un aggiornamento importante di macOS, è necessario eseguire un backup del Mac, nel caso in cui qualcosa smetta di funzionare e sia possibile tornare alla vecchia versione del sistema operativo.
  6. Sarà possibile accedere a vecchi documenti e a versioni di documenti precedenti alle modifiche.
  7. Potreste pensare che sul vostro Mac non ci sia nulla di cui sia necessario fare il backup, magari sincronizzate tutto su iCloud, ma vi garantiamo che c’è qualcosa che vi sfuggirà se cancellate o rompete il vostro Mac e vi aspettate di riavere tutto com’era prima.
  8. La configurazione di un nuovo Mac è davvero semplice. Se si acquista un nuovo Mac, si possono facilmente recuperare tutti i dati su di esso e continuare come se fosse lo stesso Mac.
  9. Ciò significa che potrete accedere ai vostri dati da un altro Mac, se necessario.
  10. Alcune cose, come le foto, sono impossibili da sostituire o ricreare, quindi assicuratevi che siano conservate in modo sicuro.

Come fare backup di un Mac o di un MacBook?

Esistono molti modi per eseguire il backup del Mac, ma se doveste scegliere un solo modo per farlo, quale sarebbe? La soluzione più semplice ed economica è probabilmente quella di eseguire il backup utilizzando Time Machine, il software di backup gratuito di Apple. L’unico costo associato sarebbe l’acquisto di un’unità esterna, ma dato che al giorno d’oggi è possibile acquistare uno spazio di archiviazione da 1 TB per meno di 30€, non dovrebbe essere una spesa eccessiva. Qui trovate un elenco delle migliori unità disco. Time Machine è una buona soluzione, ma è la migliore soluzione di backup? Una soluzione migliore potrebbe essere quella di non conservare il backup nello stesso luogo in cui si trova il Mac, dato che in caso di incendio o allagamento, sia il Mac che il backup potrebbero essere distrutti. 😂 Esistono molte alternative a Time Machine che potreste preferire. Analizziamo separatamente i migliori software di backup Mac, tra cui Acronis, ChronoSync, Carbon Copy Cloner, Carbonite e SuperDuper.

1. Come fare il backup del Mac con Time Machine

Apple include il proprio software di backup, Time Machine, come parte di macOS. È una soluzione eccezionalmente facile da usare. È sufficiente collegare un dispositivo di archiviazione esterno, un disco rigido o un’unità SSD, e avviare il backup con Time Machine.  Time Machine non si limita a eseguire il backup del Mac, ma crea un backup con versioni, il che significa che mantiene backup orari per le ultime 24 ore, backup giornalieri per l’ultimo mese e backup settimanali per ogni mese. In questo modo è possibile ripristinare una versione precedente di un documento in caso di necessità. Avere un backup con versione è un vantaggio perché non solo vi protegge se qualcosa va storto con il vostro Mac, ma vi protegge anche da errori dell’utente (ad esempio, salvare sopra un documento).

Altri vantaggi di Time Machine sono la sua stretta integrazione con macOS. Un backup Mac con Time Machine rende particolarmente facile trasferire tutti i dati, le impostazioni e le app da un Mac all’altro. È anche molto intuitivo da usare. Gli unici veri svantaggi di Time Machine sono che bisogna ricordarsi di collegare il disco rigido, altrimenti non verrà eseguito il backup, anche se è possibile impostare Time Machine su un’unità NAS per un backup wireless, ma potrebbe essere un po’ più lento. È inoltre necessario disporre di molto spazio di archiviazione perché i backup di Time Machine occupano più spazio di tutti i dati presenti sul Mac, a causa dei backup incrementali. Consigliamo di utilizzare un’unità con almeno quattro volte lo spazio disponibile sul Mac. Consultate la pagina dei migliori dischi rigidi.

Come eseguire il backup Mac con Time Machine

Qui è disponibile una guida passo-passo al backup con Time Machine, ma in sostanza è sufficiente eseguire le seguenti operazioni:


  1. Collegare il disco rigido o l’unità SSD (in alternativa è possibile utilizzare un’unità NAS).
  2. Sul Mac dovrebbe apparire un avviso che chiede se si desidera utilizzare l’unità con Time Machine. Fare clic su Usa come disco di backup.
  3. Se non viene visualizzato l’avviso, verificare che l’unità sia formattata correttamente: deve essere Mac OS Extended (Journaled).
  4. Se ancora non viene visualizzato l’avviso, aprire Preferenze di sistema > Time Machine e scegliere Disco di backup.
  5. Scegliere la periferica di archiviazione e fare clic su Usa disco.

Leggi anche: Come fare uno screenshot su Mac (Guida completa)

2. Utilizzare iCloud

Con iPhone e iPad è possibile salvare un backup del dispositivo in iCloud da cui è possibile recuperare il dispositivo. Se si acquista un nuovo iPhone, è possibile utilizzare il backup di iCloud per ripristinare tutte le impostazioni e i dati sul nuovo dispositivo. Se speravate di poter eseguire il backup del vostro Mac su iCloud di Apple invece che su un disco rigido esterno, preparatevi a rimanere delusi: non è possibile eseguire il backup dell’intero Mac su iCloud e iCloud non funziona con Time Machine. Ciò non significa che iCloud non possa essere utilizzato per eseguire il backup di una parte del Mac. È possibile sincronizzare automaticamente alcuni file dal Mac a iCloud, ma non dovrebbe essere considerato un backup, perché se si elimina il file o lo si modifica, non ci sarà una vecchia versione a cui tornare.

Si tratta di una sincronizzazione piuttosto che di un backup. La sincronizzazione dei file su iCloud è comunque un’ottima cosa, perché è possibile accedervi da qualsiasi dispositivo Apple (e anche da un PC se si utilizza iCloud.com). I file che si possono sincronizzare in questo modo includono tutto ciò che si trova sul desktop e nella cartella Documenti. Se si utilizzano applicazioni come Pages e Numbers, anche i documenti creati verranno salvati nel cloud e anche la posta e i messaggi possono essere archiviati nel cloud. Per l’archiviazione su iCloud è necessario un abbonamento mensile.

Come sincronizzare il Mac con iCloud

Ecco come sincronizzare il Mac con iCloud.

  1. Aprire Preferenze di sistema sul Mac e fare clic su iCloud.
  2. Accedere a iCloud se non lo si è già.
  3. Spuntate la casella accanto a iCloud. How to use iCloud to back up Mac
  4. Fate clic sulla casella Opzioni nella riga di iCloud.
  5. Assicuratevi di selezionare la casella accanto a tutto ciò che volete sia archiviato in iCloud, come la cartella Desktop, i documenti di Pages e le Preferenze di sistema.

Come eseguire il backup Mac su iCloud

Questa operazione non sarà automatizzata come la sincronizzazione, ma è una buona idea copiare di tanto in tanto i dati non sincronizzati su iCloud. Ecco come fare:

  1. Aprire il Finder
  2. Fate clic sulla cartella iCloud Drive nella barra a sinistra.
  3. Aprite una seconda finestra del Finder e individuate tutte le cartelle, i file o i dati associati a un’applicazione non basata sul cloud.
  4. Ora è possibile copiare questi dati su iCloud Drive.

Ora non solo sarete in grado di accedere ai dati su qualsiasi dispositivo Apple e persino via web su un dispositivo non Apple, ma potrete anche recuperarli se qualcosa va storto con il vostro Mac. È anche un ottimo modo per ottenere un backup offsite. Ma non dimenticate di aggiornare regolarmente il “backup”.

3. Utilizzare un’altra soluzione di backup nel cloud

Ci sono molte alternative a iCloud se state cercando un modo per sincronizzare e condividere i vostri file. Potreste già utilizzare Dropbox, Google Drive, Microsoft OneDrive ecc.. Queste soluzioni sono generalmente utilizzate per condividere file con colleghi o amici o per archiviare file su cui tutti possono collaborare, piuttosto che per eseguire il backup di tutti i dati. Come per iCloud, è possibile sottoscrivere piani dati che consentono di archiviare tutti i dati nel cloud, ma come per iCloud non è facile scaricare un clone del Mac in caso di perdita.

Come eseguire backup Mac su Dropbox, One Drive o Google Drive

Se si desidera eseguire il backup di pochi file, Dropbox, One Drive o Google Drive potrebbero essere una buona soluzione. Avrete il vantaggio di poter accedere ai file da qualsiasi dispositivo e avrete essenzialmente un backup off-site a basso costo.


  1. Nel caso di Dropbox, registratevi per un account Dropbox, scaricate il software e installatelo. (Oppure, se siete già iscritti, accedete al vostro account esistente).
  2. Una volta installato il software sul Mac, aprite Dropbox e accederete all’interfaccia web dove potrete copiare i vostri file.
  3. Fare clic su Carica file o Carica cartella sulla destra, individuare la cartella che si desidera caricare e fare clic su Scegli. Attendere il caricamento della cartella.
  4. È anche possibile trascinare facilmente i file e le cartelle in Dropbox tramite il Finder. Quando DropBox è installato sul Mac, nel Finder viene visualizzata una scheda Dropbox sotto la voce Preferiti; basta trascinare qualsiasi cosa in quella cartella per eseguire il backup su Dropbox e renderla accessibile su qualsiasi altro computer o dispositivo iOS che abbia installato Dropbox.

La procedura è simile per gli altri servizi di cloud storage.

Leggi anche: Cosa fare se MacBook non si accende

4.  Clonare il disco rigido

Come nel caso di Time Machine, è possibile utilizzare l’unità di backup – o il clone – per ripristinare il Mac in caso di guasto e per recuperare una versione precedente di un documento o una foto cancellata. Inoltre, come per Time Machine, è necessario ricordarsi di collegare l’unità per il backup. Un clone è leggermente diverso da un backup di Time Machine perché può essere utilizzato per l’avvio, quindi può essere collegato a un altro Mac e avviato da esso senza ripristinare il Mac, il che potrebbe essere utile come misura temporanea. Non è possibile utilizzare un backup di Time Machine in questo modo.

Tuttavia, la possibilità di recuperare il Mac da un clone non è più così semplice come un tempo. Negli ultimi anni, a partire da Catalina e culminando con Big Sur e l’arrivo del Mac M1, il modo in cui Apple organizza il volume di avvio è cambiato. Ora Apple divide il volume in due, separando i dati (che possono essere scritti) dal volume di sistema (che è di sola lettura e in cui sono memorizzate tutte le impostazioni di sistema e tutte le cose di cui macOS ha bisogno per funzionare). Il volume di sistema non solo è di sola lettura, ma è ora un volume sigillato, il che significa che sarà invalidato se il sigillo viene rotto, come nel caso in cui si tenti di avviare il sistema da un’unità esterna.

Esistono alcune soluzioni che alcuni sviluppatori di software di backup hanno utilizzato per aggirare questo problema, ma essenzialmente non sarà più affidabile come un tempo il ripristino di un Mac da un backup, anche perché Apple potrebbe cambiare nuovamente le cose rendendo ridondante il clone avviabile. Pertanto, il ripristino da un clone non è più il modo migliore per recuperare il Mac dopo un disastro. Tuttavia, è possibile eseguire il backup del volume di dati. A tale scopo è sufficiente utilizzare Utility Disco per copiare il volume di dati in un’immagine del disco o eseguire il backup su un’unità. Altre opzioni sono:

  1. Carbon Copy Cloner – si è evoluto dalla creazione di cloni avviabili. È possibile impostare l’esecuzione dei backup o farli scattare in base a eventi, come l’inserimento di un’unità. I backup sono incrementali, proprio come Time Machine.
  2. ChronoSync – può essere utilizzato per creare cloni e archivi del volume Data, ma può anche consentire di sincronizzare regolarmente le cartelle del Mac con un’altra unità o computer.
  3. SuperDuper – è possibile creare cloni avviabili e anche clonare e aggiornare in modo intelligente i backup di Time Machine. L’ultima versione di SuperDuper aggiunge il supporto per la creazione di cloni avviabili sui Mac Big Sur e Monterey ed è nativa del silicio Apple.

Come clonare il Mac

Il metodo da utilizzare per clonare il Mac dipenderà dal software che si sta utilizzando per il backup, dal Mac che si possiede e dalla versione di macOS che si sta eseguendo – potrebbe non essere possibile – ma se il Mac è in grado di creare un clone, ci si può aspettare che sia qualcosa di simile a questo:

  1. Collegare la memoria esterna.
  2. Potrebbe essere necessario formattare o riformattare l’unità prima di poterla utilizzare. In questo caso, aprire Utility Disco e, con l’unità esterna selezionata, fare clic su Cancella, scegliere macOS Extended (Journaled) dalle opzioni di formato e fare nuovamente clic su Cancella.
  3. Aprire il software di clonazione.
  4. È probabile che il software offra un’opzione per “copiare” ciò che è presente nella memoria interna del Mac sull’unità esterna. È bene prestare attenzione a ciò che si può copiare: assicurarsi di copiare tutti i file, ad esempio, perché altrimenti il clone potrebbe non essere avviabile.
  5. Prima di iniziare la copia, potrebbe essere necessario immettere la password e confermare che si è disposti a cancellare tutto ciò che è presente sull’unità esterna.
  6. Il processo di clonazione richiederà un po’ di tempo; al termine, fare clic su OK.

Morgana

Mi chiamo Morgana e non sono una fata. Scrivo di tanto in tanto per Guidesmartphone.net articoli che parlano di tecnologia. Mi piace scrivere di smartphone. Nella vita studio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.