Come eseguire il root di Android 11 utilizzando Magisk – La guida completa

By | Novembre 2, 2020
Come eseguire il root di Android 11

È passato più di un mese da quando Google ha rilasciato l’aggiornamento ad Android 10. Se hai aggiornato il tuo telefono e desideri ulteriormente eseguire il root, sarai felice di sapere che Magisk v21.0 è stato rilasciato con il supporto completo per Android 11.

In questa guida, ti mostreremo come eseguire il root del tuo dispositivo con Android 11 utilizzando Magisk. Ciò può essere fatto facilmente applicando la patch all’immagine di avvio e quindi eseguendo il flashing dell’immagine di avvio con la patch utilizzando Fastboot.

Come eseguire il root di Android 11 utilizzando Magisk

Installare Magisk e fare il root del tuo dispositivo con Android 11 è abbastanza semplice. In breve, devi prima ottenere una copia dell’immagine di avvio di serie per il tuo telefono. Quindi devi patchare l’immagine di avvio sul dispositivo utilizzando l’applicazione Magisk Manager. Infine, è necessario eseguire il flashing dell’immagine di avvio con patch risultante sul telefono utilizzando i comandi Fastboot. I passaggi seguenti ti guideranno attraverso il processo in dettaglio.

Prima di iniziare, assicurati di eseguire un backup di tutti i tuoi dati importanti. Sebbene nulla possa essere cancellato dal telefono durante il rooting con questo metodo, è comunque bene salvaguardare i dati.

Requisiti

  • Il tuo dispositivo Android 11
  • Un computer Windows, macOS o Linux
  • Un cavo USB compatibile

Passaggio 1: sblocca il Bootloader

Durante l’installazione di Magisk e il rooting del telefono, è necessario eseguire il flashing dell’immagine di avvio patchata sul telefono. Per fare ciò, devi prima sbloccare il bootloader del tuo telefono. Se il bootloader del tuo telefono è già sbloccato, non è necessario farlo di nuovo.

Tieni presente che lo sblocco del bootloader cancellerà tutti i dati sul telefono, inclusi quelli sulla memoria interna.

Sulla maggior parte dei dispositivi Android di serie come la serie Google Pixel o i telefoni OnePlus, il bootloader può essere facilmente sbloccato utilizzando un paio di comandi Fastboot. Il tutorial collegato di seguito ti guiderà attraverso il processo in dettaglio.


Alcuni produttori come Asus, Realme, Xiaomi, ecc. Richiedono di utilizzare strumenti speciali per lo sblocco del bootloader. Gli utenti di telefoni Xiaomi / Redmi / Poco possono semplicemente utilizzare lo Xiaomi Unlock Tool ufficiale. Gli utenti di Realme possono fare riferimento alla raccolta di strumenti ufficiali qui. In alternativa, puoi anche cercare nel nostro sito Web per trovare il tutorial specifico per il tuo dispositivo.

Passaggio 2: ottieni l’immagine di avvio per il tuo telefono

Il secondo passaggio consiste nell’ottenere l’immagine di avvio di serie per la versione del software Android 11 attualmente installata sul telefono.

Se il produttore del telefono consente lo sblocco del bootloader, è probabile che fornisca anche collegamenti per il download per le immagini di fabbrica. Queste immagini di fabbrica (a volte denominate anche “immagini di avvio rapido”) sono in forma di .zip e contengono i file.imgdi singole partizioni del dispositivo. Per il processo di rooting, avrai bisogno del file immagine di avvio che generalmente viene chiamato.boot.img

I possessori di Google Pixel possono ottenere l’immagine di fabbrica di Android 11 per i loro telefoni dal repository ufficiale.

Alcuni produttori come OnePlusAsus, ecc., Forniscono solo pacchetti di aggiornamento OTA (invece di immagini di fabbrica) per i loro telefoni. Gli utenti con dispositivi di tali produttori dovrebbero eseguire un passaggio aggiuntivo per estrarre il payload.bin OTA per ottenere il file dell’immagine di avvio. Un modo alternativo (e più semplice) per ottenere l’immagine di avvio è cercare la sezione specifica del dispositivo in XDA-Developers o controllare firmware.mobi.

Una volta ottenuta l’immagine di avvio, trasferiscila nella cartella “Download” della memoria interna del telefono. Puoi copiarlo ovunque in realtà, ma abbiamo scelto la cartella “Download” per comodità.

Nota: è molto importante che l’immagine di avvio che utilizzi corrisponda alla versione del software / numero di build attualmente installato sul tuo telefono. L’utilizzo di un’immagine di avvio da una versione software diversa potrebbe causare un ciclo di avvio o causare un comportamento imprevisto di WiFi, dati mobili, ecc.

Passaggio 3: installa Magisk Manager v8.0.2 + sul tuo telefono

Innanzitutto, scarica il file APK di Magisk Manager v8.0.2 (o superiore) dalla pagina di rilascio ufficiale di Github direttamente sul tuo telefono. Quindi, avvia un’applicazione di gestione file di tua scelta e vai alla cartella in cui è stato scaricato il file (generalmente la cartella “Download” nella memoria interna). Individua il file scaricato (ad esempio MagiskManager-v8.0.2.apk) e toccalo per avviare il programma di installazione del pacchetto integrato di Android. Premi “Installa” e attendi il termine dell’installazione. Una volta fatto, premere “Ok” o “Fine”.

Potrebbe essere richiesto di consentire l’accesso per l’installazione di app sconosciute. Se non sai come farlo, segui il link sottostante.

Passaggio 4: applicare la patch all’immagine di avvio con Magisk Manager

Ora che hai installato entrambi, l’immagine di avvio e Magisk Manager, è il momento di correggerlo. Per fare ciò, avvia l’app Magisk Manager e premi l’icona della ruota dentata in alto a destra per accedere alle “Impostazioni”. Tocca “Aggiorna canale” e impostalo su “Beta”. Questo perché Magisk v21.0 non è attualmente disponibile sul canale Stable, ma solo sul canale Public Beta (non per molto però).

Successivamente, torna alla schermata principale, premi “Installa” e scegli “Seleziona e applica patch a un file” dall’elenco dei metodi disponibili. Il selettore di file si aprirà, quindi vai alla cartella “Download” della memoria interna del telefono e seleziona il file dell’immagine di avvio (boot.img).

Una volta selezionata l’immagine di avvio, premere “Let’s Go”. Magisk Manager inizierà a scaricare l’ultima versione di Magisk ie v21 e applicherà una patch all’immagine di avvio. Al termine, l’immagine di avvio con patch risultante verrà archiviata nella cartella “Download”.

Passaggio 5: configura gli strumenti della piattaforma Android sul tuo computer

Hai l’immagine di avvio patchata con Magisk e pronta per essere visualizzata sul tuo telefono. Per eseguire il processo di flashing, è necessario configurare gli strumenti della piattaforma Android sul computer. Quindi inizia scaricando l’ultimo pacchetto di strumenti della piattaforma in base al sistema operativo del tuo PC dai link sottostanti.

Una volta scaricato, estrai il contenuto dell’archivio zip per ottenere la cartella “platform-tools”. Quindi, sposta questa cartella in una posizione facilmente accessibile sul tuo PC per l’installazione. Ad esempio, spostalo nell’unità C: \ se stai utilizzando un PC Windows o all’interno della directory “Documenti” su un computer Linux / Mac.

Se hai bisogno di istruzioni dettagliate per l’installazione di questi strumenti, fai riferimento al tutorial collegato di seguito.

Passaggio 6: avviare la finestra della riga di comando all’interno della cartella “platform-tools”

Con gli strumenti installati, è importante avviare la finestra della riga di comando all’interno della cartella “platform-tools”. Questo perché la riga di comando può riconoscere solo i file aggiunti al PERCORSO e / o che si trovano all’interno della cartella in cui è aperto. Per farlo:

  • Su Windows: vai su C: \ platform-tools. Tieni premuto il tasto MAIUSC sulla tastiera e fai clic con il pulsante destro del mouse su uno spazio vuoto all’interno della cartella. Quindi seleziona l’opzione “Apri la finestra di PowerShell qui”.
  • Su Linux / Mac: avvia il Terminale e usa il comando cd per cambiare la sua directory nella cartella “platform-tools”. Ad esempio: se hai spostato la cartella all’interno della directory “Documenti”, il comando dovrebbe essere:
cd Document/platform-tools

A questo punto, tutto sul tuo computer è ora impostato per eseguire il processo di flashing.

Quando inserisci i comandi menzionati, assicurati di anteporre ad essi un punto e una barra rovesciata [. \] In Windows PowerShell o un punto e una barra [./] su un terminale Mac / Linux. Per riferimento, dai un’occhiata alle figure seguenti.

Passaggio 7: trasferire l’immagine di avvio con patch sul computer

Come accennato in precedenza, l’immagine di avvio viene memorizzata all’interno <internal storage>/Downloaddopo l’applicazione delle patch. È denominato in magisk_patched.imgmodo che sia più facile da identificare per gli utenti.

Quindi, collega il tuo dispositivo Android 11 al computer tramite il cavo USB e attiva la modalità “Trasferimento file” (MTP) su di esso. Quindi copia l’immagine di avvio con patch Magisk dall’interno della cartella “Download” alla cartella “strumenti della piattaforma” sul tuo PC. Scollegare il telefono al termine del trasferimento.

Passaggio 8: avvia il telefono in modalità Fastboot

Lo strumento Fastboot può riconoscere e eseguire il flashing dei file sul telefono solo tramite l’interfaccia del bootloader, che è più comunemente nota come “Modalità Fastboot” o “Modalità Bootloader”.

Per accedere alla modalità Fastboot, abilitare il debug USB sul telefono, collegarlo al computer ed eseguire il comando adb reboot bootloaderdal computer.

Un altro modo più semplice per accedere alla modalità Fastboot è utilizzare la combinazione di pulsanti mentre il telefono è spento. Su molti dispositivi Android (in particolare Google Pixel e dispositivi Android di serie), è possibile farlo tenendo premuti contemporaneamente i tasti Volume giù e Accensione.

Passaggio 9: eseguire il flash dell’immagine di avvio con patch per eseguire il root del dispositivo Android 11

Infine, è il momento di eseguire il flashing dell’immagine di avvio con patch per installare Magisk e eseguire il root del tuo dispositivo Android 11. Per fare ciò, collega il telefono al computer tramite USB mentre è in modalità Fastboot.

Quindi verifica che il tuo PC possa riconoscere il tuo telefono tramite l’interfaccia del bootloader utilizzando:

fastboot devices

Il comando dovrebbe restituire l’ID univoco del dispositivo, come mostrato nella figura seguente. Se stai operando su un computer Windows, potresti vedere un output vuoto, che indica che c’è un problema con il driver. Puoi risolvere questo problema scaricando e installando gli ultimi driver USB di Google sul tuo PC.

Ora inserisci il seguente comando sul tuo computer per eseguire il flashing dell’immagine di avvio patchata sul tuo telefono:

fastboot flash boot magisk_patched.img

Vale la pena di notare che l’immagine di avvio lampeggerà solamente allo slot attivo su dispositivi che supportano il sistema di partizione A / B. Ciò è estremamente utile per installare gli aggiornamenti OTA su telefoni rooted.

Al termine dell’installazione, riavvia il telefono nel sistema operativo utilizzando:

fastboot reboot

Ora puoi scollegare il telefono e attendere che finisca l’avvio.

Conclusione

Questo è tutto! Il tuo dispositivo Android 11 è ora rootato. Per verificarlo, avvia l’applicazione Magisk Manager sul tuo telefono e controlla le informazioni corrispondenti all’etichetta “Installato”. Dovrebbe mostrare l’ultima versione di Magisk. È possibile controllare ulteriormente lo stato di SafetyNet premendo “Check SafetyNet”.

Ora che hai accesso come root, puoi installare e utilizzare alcune delle applicazioni root più popolari come Titanium Backup. Puoi anche usare Magisk Manager per installare moduli per aggiungere nuove funzionalità al software.

Inoltre, se alcune app come le app bancarie e di sicurezza smettono di funzionare, vai su “Magisk Manager”> “Impostazioni” e abilita Magisk Hide. A partire da Magisk v20.4, questa funzione è disabilitata per impostazione predefinita sulle nuove installazioni alla luce del nuovo metodo di attestazione SafetyNet.

Se hai domande sul processo di rooting e hai bisogno di aiuto, commenta qui sotto.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!