Come fare il backup di un NAS

Non perdere i tuoi dati! Impara come fare il backup di un NAS e assicura la sicurezza delle tue informazioni vitali. Facile, veloce e sicuro. Fare il backup di un NAS non è un’operazione da prendere alla leggera; va ben oltre il semplice collegamento di un disco esterno e il trasferimento dei dati. Se possiedi un NAS, probabilmente lo utilizzi come deposito centrale per dati cruciali. Potresti avere, ad esempio, un’ampia raccolta di film e programmi TV o utilizzare soluzioni alternative a Google Photos come NextCloud. In ogni caso, è fondamentale garantire la sicurezza di queste informazioni, motivo per cui è essenziale proteggere i tuoi dati effettuando regolarmente il backup del tuo NAS.

Tecnicamente, grazie alla ridondanza presente nei sistemi NAS, i tuoi dati dovrebbero già godere di una certa protezione contro il fallimento completo dei dischi. La ridondanza in un NAS si basa sull’uso di più dischi che contengono le stesse informazioni. Ad esempio, un NAS da 3TB dovrebbe includere due dischi da 3TB ciascuno, entrambi con gli stessi dati. In caso di guasto di un disco, il sistema ti avviserà, permettendoti di trasferire i tuoi dati in sicurezza. Tuttavia, non tutti dispongono di una configurazione di questo tipo. Se non è il tuo caso, sarebbe saggio considerare l’acquisto di ulteriori dischi, una scelta spesso più vantaggiosa rispetto al semplice backup su un supporto esterno.

Nel caso in cui desiderassi comunque effettuare il backup di dati essenziali presenti sul tuo NAS, l’opzione più indicata potrebbe essere un servizio cloud. Coloro che gestiscono un NAS tendono generalmente a seguire la regola del 3-2-1 per la conservazione delle copie dei dati: tre copie dei dati, su due tipi di supporti differenti, di cui una conservata in una posizione remota. Questa strategia garantisce un livello di sicurezza elevato, proteggendo i tuoi dati da eventuali guasti hardware, errori umani o catastrofi naturali.

Come fare il backup di un NAS: 3 passaggi

In un’era dominata dalla digitalizzazione, dove i nostri dati più preziosi si trovano spesso immaterialmente dispersi nel cyberspazio, la sicurezza e la conservazione di questi diventano una priorità assoluta. Questo concetto è ancor più vero quando si tratta di Network Attached Storage (NAS), un dispositivo indispensabile per la gestione e lo stoccaggio di grandi quantità di dati in ambito sia professionale che personale. Sia che tu sia un esperto di tecnologia o un neofita, la necessità di proteggere i tuoi dati da perdite accidentali o malfunzionamenti hardware è universale.

In questa guida, ti mostreremo come fare il backup di un NAS in tre passaggi semplici ma efficaci, assicurandoti che i tuoi dati siano al sicuro e facilmente recuperabili in ogni circostanza. Dal comprendere l’importanza di scegliere la giusta strategia di backup, passando per la selezione degli strumenti e dei software più adatti, fino alla programmazione regolare dei backup, ti guideremo attraverso un percorso dettagliato e chiaro, che ti permetterà di dormire sonni tranquilli sapendo che i tuoi dati sono al sicuro.

Regola 3-2-1 per il Backup dei Dati su NAS

La regola 3-2-1 rappresenta una strategia efficace e collaudata per fare il backup di un NAS. Questa regola suggerisce di mantenere tre copie dei dati: una misura precauzionale simile a tenere un mazzo di chiavi di riserva. Questi dati devono essere distribuiti su due supporti diversi, paragonabile a non mettere tutte le uova nello stesso paniere. Infine, è essenziale che una di queste copie sia conservata in una località remota, per proteggersi da eventuali disastri fisici, come un incendio o un’alluvione che potrebbero danneggiare i supporti locali.

Implementare la Regola con un NAS

Per fare backup su NAS seguendo la regola 3-2-1, si può utilizzare un dispositivo NAS che impieghi due unità distinte per la ridondanza, coprendo così i primi due passaggi. Immaginate che ogni disco nel NAS sia come un cassaforte indipendente; anche se una dovesse fallire, l’altra sarebbe ancora al sicuro. Questo significa avere tre copie dei dati: una su ogni disco e la terza sull’apparecchio originale. Per maggiore sicurezza, si potrebbe considerare l’acquisto di un disco esterno per eseguire automaticamente un ulteriore backup, specialmente per coloro che ritengono che i dati memorizzati in RAID non costituiscano due copie separate.

Backup Fuori Sede: la Sfida Maggiore

La parte più complessa della regola è garantire che una copia dei dati sia conservata fuori sede. Questo aspetto è cruciale, come avere una “scialuppa di salvataggio” in un luogo sicuro. Per la maggior parte delle persone, ciò si traduce nell’utilizzo di un servizio cloud. Il cloud funge da deposito sicuro e accessibile da qualsiasi luogo, offrendo quella tranquillità in più nel caso in cui i supporti fisici siano compromessi.

Come Fare il Backup di un NAS sul Cloud

Salvaguardia dei Dati su NAS con MacBook Air Per ottimizzare le spese nella protezione dei dati su NAS, è fondamentale selezionare scrupolosamente i dati rilevanti da salvare sul cloud. Ad esempio, molti potrebbero non considerare prioritario il backup di film e serie TV, ma darebbero invece grande importanza a foto e video. La triage dei dati si rivela quindi un passaggio critico per un backup efficiente e mirato.

Procedura di Backup per Synology NAS

Se possiedi un NAS Synology, avrai accesso a un software preinstallato per facilitare il backup dei tuoi dati. Ecco i passaggi dettagliati:

  1. Apri Cloud Sync.
  2. Seleziona il tuo provider cloud.
  3. Segui le istruzioni a schermo per accedere e connettere il servizio.
  4. Imposta un nome nella sezione Nome Connessione.
  5. Definisci il Percorso Locale dove i file sincronizzati saranno salvati.
  6. Stabilisci la Direzione di Sincronizzazione.
  7. Clicca su Impostazioni Programmazione per configurare la frequenza del backup.
  8. Clicca su Avanti, verifica le impostazioni e seleziona Fine.

Per garantire il backup delle impostazioni di configurazione su Synology:

  1. Accedi al Pannello di Controllo.
  2. Vai su Aggiornamento e Ripristino.
  3. Seleziona la scheda Backup Configurazione.
  4. Attiva l’opzione Backup automatico configurazione DSM.
  5. Clicca su Backup Ora.

Come Effettuare Backup su TrueNAS Scale Se usi TrueNAS Scale, il processo di backup è altrettanto semplice:

  1. Accedi all’interfaccia Web di TrueNAS.
  2. Vai su Credenziali e clicca su Credenziali di Backup.
  3. Seleziona Credenziali Cloud, scegli il tuo provider e inserisci i dettagli di autenticazione.
  4. Verifica le credenziali e salva.
  5. Configura i backup automatici e seleziona Esegui Ora per avviare il backup.

Opzioni di Backup

L’opzione più conveniente per la maggior parte degli utenti è Azure Archive, con un costo fino a 1$ al mese per terabyte. L’unico svantaggio è la frequenza limitata di accesso ai dati, ma ciò è adeguato per i backup. Un’alternativa è AWS Glacier, con costi simili ma con tariffe per il download dei file. Synology supporta sia Azure Archive che AWS Glacier tramite app installabili, semplificando la configurazione del backup.

Un’altra soluzione è Backblaze B2, un po’ più costosa (5$ per terabyte) e con costi di recupero dei file (10$ per terabyte scaricato), ma con istruzioni integrate per l’uso con TrueNAS. Backup su iCloud, la guida completa

Come Eseguire il Backup di un NAS: L’Importanza del Backup del NAS

Eseguire il backup dei dati del tuo NAS (Network Attached Storage) è una strategia essenziale per garantire la sicurezza delle tue informazioni digitali. Per realizzarlo in maniera efficace, è fondamentale scegliere un metodo che sia al contempo economico, semplice da gestire e logico. Una soluzione ottimale potrebbe essere l’implementazione di un sistema automatizzato collegato a un servizio cloud. Questa opzione non solo semplifica il processo, ma garantisce anche una maggiore accessibilità ai dati. Tuttavia, è importante valutare con attenzione il servizio più adatto alle tue esigenze e richiedere un preventivo per il costo dello spazio di archiviazione necessario.

  1. Selezione del Servizio Cloud: Esamina attentamente le varie opzioni di servizi cloud, valutando fattori come la capacità di archiviazione, la sicurezza dei dati, la facilità di accesso e il costo. Scegli il servizio che meglio si adatta alle tue necessità.
  2. Stima dei Costi: Richiedi un preventivo per lo spazio di archiviazione di cui hai bisogno, considerando la quantità di dati da salvare e la frequenza dei backup.

L’Alternativa del Backup Locale Se preferisci una soluzione di backup locale, puoi optare per un hard disk esterno di alta qualità, ideale per lo stoccaggio di dati a lungo termine. Per un accesso rapido e una maggiore portabilità, invece, i migliori SSD portatili rappresentano un’eccellente alternativa.

  1. Scelta del Dispositivo di Archiviazione: Scegli tra un hard disk esterno, per una soluzione di archiviazione più convenzionale e meno costosa, e un SSD portatile, per una soluzione più veloce e compatta.
  2. Implementazione del Backup: Configura il dispositivo prescelto per eseguire regolarmente il backup dei dati del NAS. Assicurati che il processo sia automatico per garantire continuità e ridurre il rischio di dimenticanze.

In conclusione, il backup del NAS può essere realizzato efficacemente sia attraverso soluzioni cloud che locali. L’importante è scegliere l’opzione che meglio si adatta alle tue esigenze di sicurezza, accessibilità e costo. Ricorda: un buon piano di backup è la chiave per proteggere i tuoi dati preziosi. Come fare backup Android su PC