Come funziona una fotocamera?

By | Gennaio 3, 2022
Come funziona una fotocamera

Usi sempre una fotocamera, ma sai come funziona? I fotografi hanno scattato quasi 1,5 trilioni di foto nel 2021. L’importanza delle fotocamere non può essere sopravvalutata nel 22° secolo, ma la maggior parte di noi non sa come funzionano questi dispositivi rivoluzionari. Allora, come funziona una fotocamera?


Tipi di fotocamere

Le fotocamere si sono evolute da dispositivi enormi che richiedevano 15 persone per utilizzarle a essere in grado di entrare nelle nostre tasche.

Per la maggior parte delle persone, le fotocamere dello smartphone sono più che sufficienti per portare a termine il lavoro. Ma per professionisti e appassionati, niente di meno che una reflex andrà bene. Oggi, i tipi più popolari di fotocamere includono:

  1. Fotocamere SLR (Single Lens Reflex): Le fotocamere SLR utilizzano un unico obiettivo per tutte le operazioni eseguite durante l’acquisizione di una composizione fotografica, la messa a fuoco e la registrazione. Le immagini registrate dalle reflex vengono catturate su pellicola.
  2. Fotocamere DSLR (Digital Single Lens Reflex): utilizzando lo stesso tipo di obiettivo delle reflex, queste fotocamere registrano l’immagine catturata utilizzando un sensore digitale. Le immagini stesse vengono memorizzate su una scheda di memoria invece che su pellicola.
  3. Fotocamere digitali: si tratta di fotocamere inquadra e scatta che catturano e registrano immagini utilizzando un sensore digitale. Sebbene la qualità dell’immagine non sia alla pari con una DSLR, sono più portatili e meno complesse da utilizzare.

Fotografare in bianco e nero: la guida completa

Tipi di lenti

Gli obiettivi sono una parte importante di ogni fotocamera. In alcuni casi, sono più costosi della fotocamera stessa. Ecco perché è importante conoscere i diversi tipi di lenti e cosa fanno.

Esistono due tipi fondamentali di obiettivi: obiettivi a focale fissa e obiettivi zoom. Mentre gli obiettivi principali hanno una lunghezza focale fissa, gli obiettivi zoom contengono più obiettivi secondari al loro interno che consentono lunghezze focali variabili. Per questo motivo, gli obiettivi a focale fissa sono più economici e più facili da trasportare rispetto agli obiettivi zoom più pesanti.

Oltre a questi, ci sono alcuni sottotipi di obiettivi di cui gli utenti dovrebbero essere a conoscenza:


  1. Obiettivi macro: questi obiettivi sono specializzati nella fotografia a distanza ravvicinata e sono utilizzati principalmente per la fotografia naturalistica. La quantità di dettagli catturati da questi obiettivi non ha eguali.
  2. Teleobiettivi: un teleobiettivo viene utilizzato per isolare e catturare oggetti distanti al costo di un campo visivo più ristretto. Sono più comunemente usati nella fotografia sportiva per concentrarsi su un singolo atleta.
  3. Obiettivi grandangolari: più comunemente utilizzati nella fotografia di paesaggi e di strada, gli obiettivi grandangolari hanno un ampio campo visivo e si concentrano su tutto ciò che è nell’inquadratura.
  4. Obiettivi standard: il tipo di obiettivo più comune, un obiettivo standard è un “tuttofare” che consente agli utenti di acquisire foto grandangolari e ingrandite. Ma niente di tutto questo sarà fatto come un grandangolo o un teleobiettivo.

Fujifilm Instax Mini Liplay vs Instax Mini 11

Come funziona una fotocamera?

Ogni telecamera è composta da tre elementi principali: un elemento ottico, un elemento di acquisizione e un elemento di registrazione. L’immagine completa che gli utenti vedono è la combinazione di questi tre. In una fotocamera DSLR standard, l’obiettivo, il sensore di immagine e la memoria costituiscono rispettivamente i tre elementi.

Prima di capire come funzionano le fotocamere, sarà utile familiarizzare con alcuni termini di base della fotografia.

Apertura

Le lenti hanno aperture che lasciano entrare la luce e l’apertura è la dimensione di questa apertura. Un’apertura più ampia consente l’ingresso di più luce e una più piccola consente l’ingresso di quantità inferiori di luce. Per misurare l’apertura, viene utilizzata la terminologia f-stop. F/1.8 è un’apertura ampia e lascia entrare molta luce, mentre f/22 lascia entrare solo una minuscola quantità di luce.

Ampi diaframmi risultano in sfondi sfocati, con la messa a fuoco solo sull’oggetto principale. Le aperture strette, d’altra parte, mantengono la nitidezza complessiva di un’immagine. L’apertura influisce anche su quanto chiara o scura sarà l’immagine finale, ovvero l’esposizione.

Otturatore

Solitamente situato dietro l’obiettivo, l’otturatore si apre e si chiude per controllare la quantità di luce che riceve il sensore. La modifica della velocità dell’otturatore influisce sull’immagine in diversi modi. Fondamentalmente, una velocità dell’otturatore più lunga si tradurrà in un’immagine più luminosa, ma se qualcosa si muove mentre l’otturatore è aperto, quell’oggetto diventerà sfocato.

Zoom digitale e ottico

Esistono due metodi per ingrandire gli oggetti lontani: zoom digitale e zoom ottico. Lo zoom digitale utilizza il software e la fotocamera per ingrandire gli oggetti distanti, mentre lo zoom ottico regola l’obiettivo stesso per ingrandire questi oggetti. Fondamentalmente, lo zoom digitale è come ritagliare i bordi di un’immagine e ingrandire il centro.


Nello zoom ottico, tuttavia, le lenti si spostano per ottenere un “vero zoom” che si traduce in una qualità superiore. Tutti gli smartphone utilizzano lo zoom digitale, mentre le reflex digitali e le reflex utilizzano lo zoom ottico.

Come utilizzare Luminar AI per ottenere splendide foto di paesaggi

Lunghezza focale

In poche parole, la lunghezza focale è la distanza (in millimetri) tra il “centro ottico” dell’obiettivo e il sensore in una fotocamera. Una lunghezza focale maggiore risulterà in immagini più ingrandite e viceversa. Gli obiettivi con una lunghezza focale maggiore avranno un campo visivo più stretto ma un ingrandimento maggiore rispetto a quelli con lunghezze focali più corte.

Per maggiori dettagli, assicurati di leggere i termini fotografici che ogni fotografo dovrebbe conoscere.

Il processo di acquisizione di un’immagine

Ecco come una fotocamera moderna cattura un’immagine:

  1. Quando l’utente impartisce il comando di acquisizione, la luce che rimbalza dalla scena davanti alla telecamera viene ricevuta da esso.
  2. La luce viene quindi focalizzata su un singolo punto. La dimensione di questo dipende dalla tua apertura.
  3. La luce viaggia attraverso l’obiettivo fino a raggiungere l’otturatore, che si apre per rivelare il sensore dietro di esso. La maggior parte delle fotocamere oggi utilizza un dispositivo ad accoppiamento di carica (CCD) o un sensore CMOS (Complementary Metal-oxide-semiconductor).
  4. Il sensore rileva quindi i diversi colori e li converte nel file di immagine finale che vediamo.

Se stai cercando di migliorare le tue abilità fotografiche, questi suggerimenti chiave sulla fotografia potrebbero tornarti utili.

In che modo uno smartphone acquisisce un’immagine?

Le fotocamere degli smartphone stanno diventando sempre più avanzate, ma c’è una grande differenza tra loro e le reflex digitali. Per motivi di spazio, gli smartphone hanno un otturatore elettronico (e-shutter) invece del tradizionale otturatore meccanico.


Quando acquisisci un’immagine utilizzando uno smartphone, il tuo dispositivo dice al sensore di registrare l’immagine per un tempo specifico. Funzionalità come la modalità foto in condizioni di scarsa illuminazione e la stabilizzazione ottica dell’immagine sono tutte disattivate dal software del telefono. Questi vengono eseguiti manipolando la velocità dell’otturatore.

Le fotocamere sono semplici

Mentre ci sono più variabili che controllano come risulterà un’immagine, la fotocamera è di gran lunga la più importante. Ecco perché è essenziale sapere come funzionano in modo da poter utilizzare questa conoscenza per scattare foto migliori.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!