Come inviare messaggi a una persona che ti ha bloccato su WhatsApp

By | Dicembre 11, 2019
Come inviare messaggi a una persona che ti ha bloccato su WhatsApp

Il mondo della messaggistica è diventato molto vasto negli ultimi anni e ora esiste una vasta gamma di app di messaggistica. La tua app di messaggistica preferita dipende probabilmente da dove vivi e dal dispositivo che usi tutti i giorni. 

Negli Stati Uniti, i fan di Apple si affidano a iMessage per gestire la maggior parte delle loro conversazioni, mentre gli utenti Android probabilmente utilizzano Facebook Messenger, Google Allo o altre applicazioni di chat sulla piattaforma. 

Leggi anche: Problemi con WhatsApp? Ecco le soluzioni!

Le persone al di fuori degli Stati Uniti si affollano su WhatsApp, che è diventata la piattaforma di messaggistica utilizzata da centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo, in particolare in Africa, India, Sud America ed Europa.

WhatsApp è sempre più popolare anche negli Stati Uniti per la sua semplicità e funzionalità. WhatsApp gestisce la messaggistica di base ma aggiunge miglioramenti come supporto fotografico migliorato, adesivi e ricevute di messaggi inviati e letti.

Usare WhatsApp è come usare una versione migliorata di SMS su qualsiasi altro telefono, il che lo rende così attraente per gli utenti di tutto il mondo. Una delle migliori caratteristiche è la possibilità di bloccare facilmente qualcuno attraverso il servizio. Ciò ti consente di rimuoverti da una conversazione potenzialmente pericolosa o incerta.

È facile bloccare altri utenti dall’interfaccia di WhatsApp e puoi anche sbloccarli facilmente se cambi idea. Tuttavia, le cose non sono così semplici. È frustrante essere stati bloccati, soprattutto se non sai perché o se ritieni che le ragioni siano ingiuste. 


È possibile tornare in contatto con il tuo contatto? E come puoi dire che sei stato bloccato in primo luogo? Risponderò a entrambe le domande in questo articolo.

COME SAPERE SE SEI STATO BLOCCATO SU WHATSAPP

Come è tipico sui social media e sulle app di comunicazione, WhatsApp non informa in modo proattivo un utente bloccato del cambiamento di stato. C’è una buona ragione per questo; tale messaggio potrebbe causare danni o pericoli nel mondo reale alla persona che ha bloccato un contatto WhatsApp. Tuttavia, è possibile sapere se sei stato bloccato o meno. Esistono diversi piccoli indizi che ti avviseranno che sei stato bloccato su Whatsapp.

Una tecnica è vedere se l’immagine del profilo del tuo contatto è rimasta la stessa nel tempo. Se sono noti per aggiornare regolarmente la loro foto, potrebbe essere un segno precoce del fatto che sei stato bloccato, poiché le nuove foto non saranno mostrate sulla tua applicazione. 

Un altro metodo è quello di guardare le informazioni di contatto per vedere quando era online l’ultima volta. Se queste informazioni non ti vengono più mostrate, potrebbe essere per due motivi distinti: o quell’utente ha aggiornato le proprie impostazioni sulla privacy per non mostrare più tali informazioni ai contatti o quella persona ti ha bloccato. Il test dell’acido, tuttavia, è di inviare un messaggio all’individuo.

Quando invii un messaggio su WhatsApp ci sono due segni di spunta che vengono visualizzati sul messaggio. Il primo segno di spunta appare quando il messaggio è stato inviato. Il secondo segno di spunta appare quando il messaggio è stato recapitato. 

Se il tuo contatto ti ha bloccato, quel secondo segno di spunta non apparirà mai. Se vuoi davvero esserne sicuro, prova a fare una chiamata al contatto su WhatsApp: se sei stato bloccato, la chiamata non verrà effettuata.

UNA PAROLA SULLE MOLESTIE SU WHATSAPP

Ti consigliamo vivamente di non utilizzare WhatsApp (o qualsiasi altra app di social media) per molestare, intimidire, minacciare o disturbare altre persone. Se sei stato bloccato sul servizio, vale la pena fare un passo indietro e considerare i motivi del perché sei stato bloccato su Whatsapp. 

Se pensi che l’altra persona ti abbia bloccato ingiustamente o per motivi sconosciuti, vale comunque la pena ricordare che la persona che ti ha bloccato ovviamente non vuole che tu la contatti. 

Poiché un blocco non è permanente su WhatsApp, potrebbe arrivare un momento in cui quella persona ti sbloccherà e sarai in grado di contattarla di nuovo. Forse hanno solo bisogno di un periodo di riflessione o di una pausa. Forse il blocco non ha nulla a che fare con te.

I metodi che presento in questo articolo non devono essere utilizzati per molestare un altro individuo. Se sei stato bloccato su WhatsApp, ci sono buone probabilità che il tuo contatto non voglia ricevere tue notizie. Per questo motivo, questi metodi devono essere utilizzati solo per contattare qualcuno che ti ha bloccato in caso di emergenza familiare o altri problemi critici potenzialmente letali o legati alla salute.

COME INVIARE MESSAGGI A UNA PERSONA CHE TI HA BLOCCATO SU WHATSAPP

Dette due parole sulle molestie, ci sono tre metodi di base per inviare un messaggio a qualcuno che ti ha bloccato su Whatsapp. Nessuno di questi metodi è infallibile e se la persona non vuole davvero avere tue notizie, sarà in grado di bloccare anche questi metodi.

INVIO DI UN MESSAGGIO TRAMITE SMS

Il primo metodo è una soluzione ovvia, ma di cui molte persone si dimenticano. Mentre milioni di persone in tutto il mondo si sono allontanate dall’uso degli SMS per contattare i loro amici e familiari, ogni singolo smartphone ha ancora la possibilità di inviare un numero SMS. 

Poiché i contatti di WhatsApp si basano sull’utilizzo del numero di telefono del dispositivo per aggiungere e archiviare gli utenti sul dispositivo, è incredibilmente semplice passare all’app SMS del dispositivo e inviare un SMS al contatto che ti ha bloccato. 

Se lo avevi come contatto WhatsApp, hai il loro numero di telefono. Sebbene ci sia una buona possibilità che tu possa essere stato bloccato completamente, sia dentro che fuori WhatsApp, vale comunque la pena provare a inviare un messaggio all’utente che stai cercando di contattare.

MESSAGGI DI GRUPPO

Il prossimo metodo è attraverso l’uso di messaggi di gruppo su WhatsApp. Questa è probabilmente la più stabile delle tre opzioni per contattare un utente bloccato su WhatsApp, perché non c’è davvero modo di bloccare un utente che ti sta contattando in un messaggio di gruppo. 

Mentre puoi facilmente bloccare un individuo, interrompendo tutte le comunicazioni tra te e quella persona, non c’è modo di bloccare un utente all’interno di una chat di gruppo in WhatsApp. Sembra una strana omissione da parte di WhatsApp, ma è qualcosa che puoi usare a tuo vantaggio.

Per prendere parte a questa soluzione alternativa, avrai bisogno di un amico disposto ad avviare una chat di gruppo che coinvolga sia te che quest’altra persona, che è in contatto con l’utente che ti ha bloccato. (Puoi anche farlo con il nuovo account che hai impostato nella terza opzione, presentata di seguito.)

Una volta inserito in una chat di gruppo, sarai in grado di comunicare con l’altro utente. L’utente che ti ha bloccato originariamente può lasciare il gruppo e può silenziare le notifiche dalla chat di gruppo, ma sarai di nuovo in grado di inviare almeno un messaggio. 

È un po’ strano che i messaggi di gruppo consentano ancora agli utenti bloccati e ai contatti che li hanno bloccati di parlare tra loro, ma è un modo valido per fare un ultimo disperato tentativo di conversazione.

CREARE UN NUOVO ACCOUNT

La terza opzione è quella di creare un nuovo account WhatsApp. WhatsApp si affida al tuo numero di telefono per aggiungere e inviare messaggi al servizio. Allo stesso tempo, WhatsApp ottiene anche l’accesso ai contatti dall’elenco dei contatti del dispositivo, indipendentemente dal fatto che il dispositivo utilizzi o meno lo stesso numero di telefono dell’account.

Quindi, ciò che puoi fare è creare un account secondario utilizzando un numero di telefono secondario. Ciò si basa sul fatto che hai già le informazioni di contatto dell’altra persona salvate nel telefono, nonché sulla tua capacità di registrarti per un servizio come Google Voice.

La prima cosa che ti serve è un numero di telefono alternativo. Esistono molte applicazioni per fornirti numeri di telefono nuovi o temporanei e il nostro preferito personale è Google Voice. Quando ti registri con il tuo account Google, ti verrà dato un nuovo numero in base alla tua posizione. 

Sfortunatamente, Google Voice può essere registrato solo dagli Stati Uniti in questo momento. Ci sono guide online per aiutarti ad accedere ai numeri di Google Voice al di fuori degli Stati Uniti, oltre a servizi di numeri alternativi che si basano sul tuo paese di origine. 

Se sei al di fuori degli Stati Uniti e non hai la possibilità di utilizzare il mascheramento VPN e IP per iscriverti a Google Voice, sentiti libero di selezionare il tuo servizio di numero secondario preferito da qualsiasi sito affidabile online. Ce ne sono molti.

Una volta armato con il tuo nuovo numero, sei pronto per iniziare a configurare un nuovo account WhatsApp. Utilizzeremo la versione Android di WhatsApp per testare questo servizio, quindi tieni presente che il tuo chilometraggio può variare su iOS o qualsiasi altro sistema operativo.

Inizia disconnettendoti completamente dal tuo account WhatsApp. In alternativa, è possibile disinstallare l’applicazione e reinstallarla dall’App Store o dal Play Store per garantire una nuova lista. 

Una volta raggiunta la schermata di accesso per WhatsApp, ti verrà chiesto il tuo numero di telefono per registrare il tuo account e verificare il tuo dispositivo. Invece di inserire il tuo numero di telefono corrente, inserisci il numero secondario che hai creato tramite Google Voice o qualsiasi servizio app scelto. 

Premi l’icona “Avanti” e WhatsApp ti avviserà del numero che stanno per verificare. Assicurati di aver inserito il tuo numero correttamente; dopo aver verificato che sia stato inserito il numero corretto nel dispositivo, premere “OK” per continuare con il passaggio successivo.

Successivamente, WhatsApp ti chiederà di rilevare automaticamente il tuo codice di verifica tramite messaggi SMS. Sebbene questo sia in genere un metodo semplice da saltare, non consentire a WhatsApp di farlo. 

Il testo verrà indirizzato al tuo numero di Google Voice e non alla casella di posta SMS del tuo dispositivo, quindi WhatsApp non sarà in grado di rilevare il codice dal tuo telefono. Invece, fai clic su “Non ora” per inviare il codice. 

Dopo averlo ricevuto nella tua casella di posta alternativa, inserisci le sei cifre nel campo sul dispositivo. Il dispositivo dovrebbe verificare automaticamente il numero. Ti verrà chiesto di inserire un nome per il tuo account WhatsApp (questo può sempre essere modificato in seguito; non è un nome utente) e, una volta fatto, verrai portato nella tua nuova casella di posta.

Nonostante utilizzi il tuo numero alternativo, puoi comunque visualizzare automaticamente i tuoi contatti dall’interno del dispositivo, sebbene tieni presente che non vedranno il tuo nome nel tuo account a meno che tu non dia loro il tuo numero alternativo o inizi a inviarlo tramite il servizio. 

Una volta raggiunto questo punto, puoi iniziare a inviare messaggi all’utente che ti ha bloccato su Whatsapp. Vale la pena notare, ovviamente, che una volta che l’utente ha capito che hai creato un nuovo account, potresti essere facilmente bloccato di nuovo, quindi scegli attentamente le parole prima di comunicare con loro. 

Si noti inoltre che è possibile utilizzare questo account secondario per creare una chat di gruppo tra l’account secondario, il proprio account principale e la persona che si desideri contattare.

Non possiamo davvero sottolineare abbastanza quanto sia importante utilizzare le strategie di cui sopra solo nelle emergenze. Se qualcuno ti ha bloccato su WhatsApp, c’è quasi sicuramente una buona ragione per questo, e dovresti prestare attenzione e non provare a contattare la persona in alcun modo. 

Detto questo, tutti abbiamo avuto ex amici o membri della famiglia che si sono allontanati o che lasciano le nostre vite, e qualche volta capita che abbiamo bisogno di contattarli per informarli di qualcosa di grave o importante non correlato al rapporto tra te e loro. In tal caso, questa può essere una soluzione incredibilmente utile. 

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.