Come liberare la RAM su Android

By | Settembre 15, 2020
liberare ram android

Molti utenti hanno dispositivi che non dispongono di memoria RAM sufficiente e allora hanno bisogno di liberare RAM Android. Alcune persone installano persino app killer o altre applicazioni per la gestione della RAM per creare spazio. Ma la gestione manuale della RAM per Android ha davvero senso?

Cos’è la RAM?

In uno smartphone, come in qualsiasi computer, ci sono molti tipi di memoria. Queste hanno velocità variabili, diversi prezzi e funzionano in modo diverso. La memoria interna, ad esempio, è lenta, economica e salva i dati costantemente, anche quando è scollegata dall’alimentazione. Di conseguenza, è qui che vengono archiviate le app e i dati delle app, oltre a foto e video.

La RAM (Random Access Memory) è costosa, ma molto più veloce della memoria interna. Tuttavia, dimenticherà tutto se non è collegata ad un’alimentazione. Serve come base di lavoro per le tue app – per memorizzare i dati temporanei necessari per utilizzare il telefono.

Come svuotare la RAM: disinstalla le app che consumano memoria

Esistono delle alternative per lo stesso scopo. Tra le altre cose, puoi disinstallare app che non usi da molto tempo o che sembrano sospette.

Accedi al menu delle impostazioni nell’app o nel gestore delle app e trova l’app interessata. Disinstalla semplicemente l’app, se possibile. Se non funziona, è necessario rimuovere i “diritti avanzati” dell’app. Normalmente concedi questi diritti durante l’installazione dell’app.

Vai su Impostazioni (generale)> Sicurezza> Amministratori dispositivo e rimuovi il segno di spunta accanto all’app. Ora puoi disinstallare l’app.

Puoi trovare ulteriori suggerimenti sulla disinstallazione delle app nel nostro articolo completo: Come sbarazzarti del malware sul tuo telefono

Come liberare memoria RAM su Android?

Considerando che molti produttori di smartphone hanno applicazioni installate per pulire Android, potrebbe esserci del vero in questo. Ma in realtà, chiudere un’app per liberare la RAM è utile solo in alcuni casi selezionati.

In genere non è consigliabile chiudere un’app o svuotare l’intera memoria. Tuttavia, esiste una situazione che richiede un’azione diretta: quando un’app si è bloccata o non funziona come dovrebbe. Ad esempio, potrebbe trattarsi di un browser che funziona a scatti o presenta errori di visualizzazione.

Oppure potrebbero essere problemi di caricamento permanenti con Facebook o Twitter. Questi sintomi possono essere molto diversi. Anche il surriscaldamento dello smartphone senza una causa evidente potrebbe essere dovuto a un’app bloccata, in questo caso bisogna chiudere l’app e pulire la RAM.

Solo in questi casi ha senso chiudere l’app interessata per eseguire una chiusura forzata. A volte è sufficiente far scorrere l’app nella visualizzazione multitasking. Ma questo spesso serve semplicemente come un placebo, per cui rimuoviamo l’app dalla panoramica dell’app ma non la chiudiamo.

Elimina le app in background

Per interrompere l’escuzione delle app Android in background, devi solo forzare l’arresto.

  • Vai su Impostazioni e tocca App. 
  • Scorri l’elenco delle app e trova quelle che desideri interrompere. 
  • Toccalo e quindi seleziona “Forza interruzione”. 

Ciò interromperà l’app durante la sessione corrente, anche se verrà riavviata al riavvio del telefono. Alcuni telefoni verranno forniti con l’opzione per impedire l’avvio automatico dell’app. Se il tuo telefono è dotato dell’opzione, selezionala.

Se non hai bisogno dell’app completamente, puoi premere a lungo sulla sua icona e selezionare Disinstalla o nella stessa schermata, toccare Disinstalla e confermare l’azione.

In alternativa, puoi interrompere l’app nell’elenco delle app dalla sezione Utilizzo della memoria in Impostazioni di ottimizzazione. Per farlo, vai su “Impostazioni -> Assistenza dispositivo” e tocca Memoria.

Vedrai un pulsante blu Pulisci ora e le app che consumano memoria sono selezionate con un segno di spunta. Puoi toccare il pulsante blu per liberare memoria interrompendo le app in background in questo elenco.

Come liberare RAM Android con le app

Non sono un vero fan delle app di potenziamento delle prestazioni, poiché tendono ad essere gravemente gonfio. Tuttavia, ci sono alcune app di cui ci si può fidare per la gestione RAM Android e per prestazioni migliori.

App come Clean Master offrono un sacco di funzionalità per ottimizzare le prestazioni del tuo dispositivo, ma se stai solo cercando di liberare memoria RAM Android, include una fantastica funzione “Memory Boost” che ti consente di liberare RAM direttamente dalla schermata iniziale del tuo telefono Android.

Inoltre, ti consente anche di gestire le app che si avviano automaticamente, in modo da poter disabilitare le app che occupano memoria fin dall’inizio. Oltre a Clean Master, ci sono altre app per svuotare RAM Android come CCleanerDU Speed ​​Booster e altre.

RAM Android piena

Dopo un po’, la tua memoria interna si riempie delle app che usi più spesso. Quindi deve essere normale fare la pulizia RAM Android per poter avviare nuove app. Il tuo sistema Android lo fa automaticamente: non devi fare nulla.

Questa idea che la RAM all’interno di Android debba essere pulita manualmente è un’idea sbagliata. Pulire RAM Android significherebbe che è necessario riavviare costantemente le app. Ciò costerebbe tempo e energia e ridurrebbe la durata della batteria.

Avere la RAM piena non è una brutta cosa, anzi possiamo dire che è meglio. Poiché Android ha le sue radici in Linux e Unix, il kernel del sistema Linux ha stabilito regole per la gestione della memoria. E queste regole seguono la filosofia che la memoria interna libera è memoria sprecata.

Se accendi lo smartphone e apri alcune app, tutte queste app rimarranno aperte anche nella memoria. Se usi un’app, passi alla schermata principale e poi torni all’app, questa verrà caricata quasi istantaneamente. Questo perché l’app rimane in qualche modo all’interno della memoria interna. Grazie a questa memoria, il processore dello smartphone può funzionare velocemente.

Ma se avessi un’app per ottimizzare RAM Android che chiude costantemente i processi in background, dovresti aspettare molto tempo prima che Facebook o Whatsapp si carichino di nuovo. Tale gestione della RAM potrebbe rallentare anche lo smartphone più potente.

Di quanta RAM ho bisogno su un telefono Android?

Smartphone di fascia alta come il Galaxy S10 Plus o Huawei P30 Pro vengono rilasciati sul mercato con 8 GB o addirittura 10 GB di RAM, mentre i dispositivi di fascia bassa in genere hanno circa 4 GB, con dispositivi da 2 GB che vengono gradualmente fatti fuori dal mercato.

A prova di futuro per i prossimi anni, 6 o 8 GB dovrebbero essere più che sufficienti. 4 GB vanno ancora bene per la maggior parte degli utenti, ma la memoria potrebbe esaurirsi rapidamente se esegui molte app contemporaneamente o ti piacciono i giochi pesanti.

Non è possibile ottenere prestazioni decenti con Android Go e un gigabyte di RAM nella fascia bassa, come ha dimostrato il nostro test con il Nokia 1. Pertanto, consigliamo di avere almeno 2 GB di RAM su qualsiasi smartphone acquistato, 4 GB sono tranquilli per la maggior parte degli utenti.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.