Come recuperare file cancellati su Android

Come recuperare file cancellati su Android

Come recuperare file cancellati su Android. Come recuperare i dati cancellati su Android. Tutti conosciamo il dolore di quando eliminiamo accidentalmente un file. Ti rendi conto tardi di ciò che hai fatto! Forse era la foto di un ricordo felice che ora non puoi rivivere. Forse era un documento importante di cui avevi bisogno per lavorare. In ogni caso, perdere o cancellare un file sul tuo telefono è brutto, ma fa parte della vita nell’era digitale. Ecco dove entra in gioco il nostro tutorial su come recuperare file cancellati su Android.

Potrebbe esserci ancora un modo per recuperare quel file. A seconda della natura del file, in che modo lo hai eliminato e quanto sei fortunato o sfortunato a seconda della riuscita del recupero; ci sono alcuni metodi per recuperare i dati cancellati su Android. Continua a leggere e conoscerai alcune delle migliori tecniche per recuperare i file persi o cancellati su Android.

Come recuperare file cancellati su Android. Fermati!

Se stai leggendo questo articolo, ci sono buone probabilità che tu hai appena eliminato un file importante. Spero che dopo averlo cancellato sei venuto sul mio blog: perché prima di fare qualsiasi altra cosa, devi leggere questa sezione! La cosa più importante da sapere quando devi recuperare un file cancellato su Android è che devi smettere di usare il telefono il prima possibile. Cosi facendo aumentano le possibilità di recuperare il tuo file, video, foto, canzone, ecc. Qualsiasi cosa.

Vedi, quando elimini un file, i dati in realtà non vengono definitivamente cancellati dal tuo telefono. Questo accade perché Android contrassegna lo spazio in cui le informazioni sono memorizzate come “vuote”. Ciò significa che non sarai in grado di trovare il file, perché Android tratta questi dati come mancanti. Ciò significa anche che gli slot che una volta contenevano i dati sono contrassegnati come OK per la sovrascrittura, dovrebbe essere questo lo spazio dove verranno salvati i nuovi file. È solo quando ciò accade che i dati vengono effettivamente cancellati e non è possibile recuperarli.

Ecco perché è così importante che smetti di usare il telefono (compreso) anche lo scattare nuove foto o installare nuove app. In effetti, ti consiglio vivamente di mettere il telefono in modalità aereo: in questo modo impedirai di scaricare e-mail, foto di WhatsApp e aggiornamenti.

1. Controlla il cestino

Se sei fortunato, non hai cancellato i tuoi file! Proprio come un PC, molte app Android hanno un cestino, il che significa che i file non vengono completamente rimossi immediatamente. Ad esempio, l’app Galleria fornita con i telefoni Samsung ha una tale rete di sicurezza (questo può anche spiegare perché l’eliminazione delle foto non libera spazio sul dispositivo!) Per controllare il cestino, dovrai semplicemente tornare al livello superiore nella scheda Immagini o Album, quindi tocca il menu in alto a destra. Questo aprirà un menu che include un’opzione “Cestino”. Selezionalo e verrai portato in una cartella con tutte le tue “foto cancellate”.

Altre app hanno anche questa opzione, come il famoso file manager ES File Explorer. Qualunque app tu abbia usato per eliminare il file, controlla attentamente per vedere se ha un cestino!

2. Controlla il backup su cloud

Google Foto è dotato di un cestino che memorizza le foto per 60 giorni, ma funziona in modo leggermente diverso: eseguendo il backup delle foto su Google Drive. Ciò significa che anche se hai eliminato completamente una foto tramite un’altra app, potrebbe essere comunque recuperabile tramite Google Foto.

Se non vedi la tua foto o video qui, controlla il cestino dal menu dell’hamburger in alto a sinistra. I file rimarranno qui per 60 giorni. Se non hai avuto fortuna, puoi provare a visitare photos.google.com. Controlla anche la cartella Cestino nel menu a forma di hamburger.

Anche se hai rimosso le tue foto dal cestino in Google Foto, c’è ancora una possibilità che queste modifiche non si siano ancora state eseguite in Google Drive – quindi controlla anche qui rapidamente! Qualcosa che potresti non sapere su Google Drive è che puoi effettivamente chiedere di eseguire il backup di qualsiasi cartella sul tuo dispositivo

Basta aprire Foto, accedere alle impostazioni, quindi selezionare “Backup cartelle dispositivo”. Questa è una misura preventiva utile per evitare la perdita di dati Android in futuro. Naturalmente, molte altre app come Gmail memorizzeranno i tuoi file sul cloud per impostazione predefinita.

3. Recuperare le foto di WhatsApp

Se è una foto di WhatsApp che hai eliminato per sbaglio, ci sono una serie di opzioni per provare a recuperare quelle foto. Innanzitutto, controlla il backup integrato in WhatsApp stesso. Vai su Impostazioni> Chat> Backup chat. Dovresti vedere alcune informazioni che ti dicono quando è stato eseguito l’ultimo backup. Se questo è recente, quindi disinstalla l’app e reinstallala dal Play Store. Questo ti offre quindi la possibilità di ripristinare le tue vecchie chat e contenuti multimediali. Vedrai anche l’opzione per il backup delle foto su Google Drive, quindi prova a cercare anche qui se questa opzione è abilitata.

Ma cosa succede se hai accidentalmente sovrascritto sul tuo ultimo backup? Cosa succede se si elimina la foto e si salva una foto di backup più recente? Anche allora, c’è ancora speranza! Questo perché WhatsApp manterrà effettivamente un certo numero di file di backup sul tuo dispositivo chiedendoti quali foto vuoi recuperare dal server.

Usa il browser di file che preferisci e poi vai su WhatsApp> Database. Qui vedrai un numero di file con nomi come msgstore-2020-01-05.crypt12. Trova semplicemente il più recente di questi e rinominalo in msgstore-1997.crypt12 (o come preferisci). Ora WhatsApp andrà al secondo file di backup più recente quando recupera le tue foto!

Puoi anche provare a cercare nella cartella multimediale di WhatsApp per vedere se ci sono le tue foto. Ricorda, WhatsApp archivia copie delle foto che invii e di quelle che ricevi. Quindi, se hai inviato a qualcuno una foto ma poi l’hai eliminata dalla cartella della fotocamera del tuo telefono, potrebbe esserci ancora una copia nella cartella WhatsApp Media! Oppure potresti semplicemente chiedere alla persona a cui l’hai inviata di inviartela. Ci hai già provato?

4. Prova le app per recuperare file cancellati su Android

Se nessuno di questi passaggi ha funzionato, dovrai iniziare a provare soluzioni di terze parti. Le app di recupero dati Android a volte sono in grado di recuperare dati che sono stati effettivamente persi. Funziona osservando dove sono stati archiviati i dati anche quando sono stati contrassegnati come cancellati da Android.

È qui che diventa importante smettere di usare il telefono il prima possibile per evitare di corrompere i dati che si sta tentando di recuperare.

Per recuperare i dati cancellati su Android, puoi anche provare ad utilizzare prima un’app per il ripristino del computer desktop. Raccomandiamo Recuva come un buon punto di partenza. Installa questa app e la procedura guidata ti guiderà attraverso una serie di passaggi per provare a recuperare file cancellati su Android. Questo metodo per recuperare i dati cancellati su Android funziona un meglio per i file archiviati su schede di memoria rispetto ai file archiviati nella memoria del telefono.

5. Usa il Play Store Android per recuperare file cancellati su Android

Se Recuva non ha funzionato per te, il prossimo passo è provare le app per il recupero dati Android installate direttamente sul tuo dispositivo. Diverse app tendono ad usare metodi leggermente diversi, quindi sicuramente non fai male a provare.

6. Ripristino del file

Di tanto in tanto, è possibile “recuperare” un file, solo per scoprire che è corrotto. Ad esempio, potresti salvare una foto ed essere in grado di visualizzare solo le prime righe dell’immagine oppure potresti recuperare un file video che non viene riprodotto.

In questo caso, esistono effettivamente servizi che offrono il ripristino dei file danneggiati. Ciò può essere possibile a seconda della quantità di file originale ancora intatta (solo una piccola deviazione lo renderà illeggibile dalla maggior parte delle app, e questo a volte può essere risolto manualmente). 

Ci sono anche programmi che offrono questo stesso servizio, ma ti consiglio di lavorare solo con servizi gestiti da veri esseri umani. Altrimenti, rischi di spendere molti soldi per un software che alla fine non funziona. Una volta ho usato con successo un servizio chiamato MP4Repair.org.

Conclusione

Sfortunatamente, non esiste garanzia di recuperare i file Android persi. Con un po’ di fortuna e determinazione, però, c’è almeno una ragionevole possibilità. Detto questo, spero sinceramente che uno di questi metodi di recupero dati Android funzioni per te e che tu sia in grado di recuperare i tuoi file intatti.


Commenta per primo

Lascia un commento