Come recuperare le foto cancellate dal tuo telefono

By | Luglio 18, 2019
recuperare le foto cancellate dal tuo telefono Android

Ti è capitato qualche volta … cosa? Di aver cancellato una foto sul tuo telefono senza rendertene conto. Sui sistemi desktop ci sono dozzine di applicazioni pronte per recuperare i file cancellati, a patto che non siano stati veramente eliminati dal disco, ma le cose cambiano leggermente quando parliamo di telefoni cellulari. È possibile recuperare le foto cancellate? Sì . È facile? Beh … dipende.



Esistono diversi metodi, non tutti semplici, soprattutto quando parliamo di Android, ma li vedremo tutti, indipendentemente dal sistema operativo. Più avanti vedremo come fare per non farlo accadere nuovamente. Detto questo, iniziamo.

1) Su Android

Iniziamo con il sistema operativo Google. Generalmente, sui cellulari più recenti, i produttori hanno implementato un cestino nella app della galleria che salva le foto per alcuni giorni prima di “eliminarle completamente”. Le UI prese in considerazione sono UI (Samsung), LG UX 6.0, EMUI 8 (Huawei) in poi e MIUI 10 più Android One, Pixel Launcher e altre versioni di Android della che in genere utilizzano Google Foto Galleria, un’app che ha un cestino incorporato per impostazione predefinita.

Prima di decidere di utilizzare un app per recuperare una foto, controlla l’app Galleria per vedere se nei menu (il percorso dipenderà dal cellulare) c’è un’opzione chiamata “Cestino”. Se le foto sono state cancellate di recente (da una a due settimane), sicuramente le trovi al sicuro. Seleziona quelle che vuoi recuperare e basta, torneranno sul tuo telefono.

È possibile che l’app Galleria non disponga di un Cestino, in questo caso per recuperare le foto cancellate dal tuo telefono Android dobbiamo affidarci ad alcune app. Le possibilità di recuperare le foto cancellate dipenderanno dall’accesso root o meno. Vediamo entrambi. Ma prima, nota che se le foto erano sulla scheda microSD, puoi provare a utilizzare Recuva.

Recuperare le foto cancellate dal tuo telefono Android senza accesso root

Molto probabilmente, il tuo telefono non è rootato. Ciò non significa che non puoi fare questo lavoro, ma anticipiamo già che le opzioni sono ridotte. Le applicazioni per il recupero dei dati possono accedere solo alla cache e alle miniature. Cosa significa? Quello che sarai in grado di recuperare sono piccole foto, non il file originale. È più di ogni altra cosa, meno di quelle che avevi prima.

Una delle applicazioni più popolari per questa missione è DiskDigger. Il suo funzionamento è molto semplice, devi semplicemente dare il permesso di accedere alla memoria e attendere che analizzi tutta la memoria interna del tuo cellulare. Verranno visualizzati tutte (occhio, tutte) le foto che hai nel tuo dispositivo mixate, vale a dire che vedrai le foto che hai cancellato, ma anche quelle che non hai cancellato. Nel mio caso, ho provato con un Motorola One che uso come telefono secondario, sono state mostrate più di 1.000 foto, quindi trovare quelle che stai cercando può essere un compito complicato.

Le foto cancellate sono mescolate con quelle non cancellate, quindi trovarne una in particolare può essere un compito delicato

Ora devi solo navigare attraverso l’intera collezione di foto che appaiono e trovare quella che devi recuperare. Quando le trovi, fai clic su di esse e seleziona il pulsante “Ripristina”. La miniatura, non la foto originale, riapparirà nella tua galleria e almeno potrai vederla tutte le volte che vuoi. Per darti un’idea, da una foto di 4,128 x 2,322 pixel siamo stati in grado di recuperarla nel formato 640 x 360.

Recuperare le foto cancellate dal tuo telefono Android con il root

Se hai eseguito il root sul tuo dispositivo, la cosa migliora, perché le applicazioni possono eseguire una scansione più approfondita e talvolta mostrare le foto originali. Il risultato finale dipende, in larga misura, da quanto tempo le hai cancellate. Se è stato di recente, potresti essere fortunato e potrai recuperarle completamente senza troppi danni. Se non si dispone dei diritti di root, è necessario sapere che recuperarle implica alcuni rischi, quindi farlo a proprio rischio.

Avere accesso root non garantisce che troverai la foto cancellata, ma aumenta semplicemente le possibilità.

Se sei un utente root, apri Diskdigger e dai i permessi di superutente. Quindi scegli la partizione specifica che desideri analizzare, sebbene sia preferibile lasciare quella che viene attivata di default. Infine, seleziona il formato del file che stai cercando. Nella versione gratuita puoi scegliere solo foto o solo video, cerchi qualcos’altro dovrai acquistare la versione Pro per 3,34 euro.


E ora dobbiamo aspettare un po’. La cosa buona è che, dopo aver terminato la scansione, vedrai solo le foto e i video che sono stati cancellati, quindi sarà più facile per te trovare ciò che stai cercando. Ciò non significa che sono pochi, ma sicuramente sono meno di quelle che sono apparse prima. Quando trovi il file, fai clic su di esso e seleziona “Ripristina”. Fatto.

2) iPhone

In iPhone è molto più semplice, dato che l’app “Foto” ha un cestino che mantiene intatti i file per un mese. Se la foto che hai eliminato è recente, non ti preoccupare che la troverai quasi sicuramente (a meno che tu non l’abbia cancellata manualmente, in questo caso la cosa diventerà più difficile).

Per recuperare una foto cancellata su iPhone (o iPad), apri semplicemente “Foto”, vai su “Album” e naviga fino in fondo. Nella sezione “Altri album” vedrai l’opzione “Eliminato”. Lì troverai tutti i file, sia essa una foto o un video, che hai eliminato negli ultimi 30 giorni, insieme al tempo rimasto per essere cancellata definitivamente. Seleziona quelle che vuoi inviare alla galleria e clicca su “Ripristina”. Le foto torneranno al loro stato originale. Se non ci sono in “Eliminato”, prova a tentare la fortuna con il backup.

Da un backup

Per impostazione predefinita, l’iPhone è configurato per eseguire il backup delle foto nella libreria iCloud. Anche così, lo spazio libero è molto limitato, appena 5 GB, quindi se lo hai riempito da quando hai acquistato il telefono con foto e video, molto probabilmente le più recenti non sono state caricate.

  1. Su iPhone, apri l’app “Impostazioni”.
  2. Clicca sul tuo nome (soprattutto).
  3. Seleziona iCloud.
  4. Verifica che la sezione “Foto” sia attivata e che all’interno sia selezionata l’opzione “Foto in iCloud”. Se è così, è possibile che le tue foto siano al sicuro nel cloud.

Su un computer, vai su www.icloud.com e accedi con il tuo ID Apple. Inserisci il codice che richiede. Sarai portato alla finestra “Scegli Foto”.

Se sei fortunato e la foto è stata sincronizzata con il cloud, allora l’avrai trovata. Spunta quelle che vuoi recuperare e clicca sull’icona della nuvola con la freccia rivolta verso il basso. Le scaricherà sul tuo computer nella sua dimensione originale.

Non ha funzionato? Bene, abbiamo ancora il backup di iTunes, che se non hai modificato nulla viene eseguito ogni volta che colleghi l’iPhone al computer e apri l’applicazione. Se hai un backup recente, o almeno, uno prima che eliminavi le foto, non preoccuparti perché probabilmente le trovi li. Collega l’iPhone al computer.

Ora individua l’opzione “Ripristina backup”. Di seguito verrà mostrata la data in cui è stato effettuato. Se è prima di eliminare la foto, probabilmente la trovi li. Ripristina la copia e voilà, con un po’ di fortuna le troverai nella galleria.

Non lasciare che accada di nuovo

Sei riuscito a recuperare le foto? Grazie a Dio È stato uno spavento, ma hey, tutto ritorna al suo posto. Ora vediamo alcune opzioni in modo che questo non accada di nuovo. Esistono diverse alternative, ma le più semplici sono due: utilizzare un servizio di archiviazione nel cloud o scaricare periodicamente le foto e i video su un supporto fisico come il computer.

  1. Applicazioni cloud: la più consigliata, poiché è gratuita e illimitata, è Google Foto. Funziona con l’account Google ed è disponibile per iOS e Android, quindi è un modo sicuro per non perdere mai più una singola immagine o video. Se non ti piace, puoi utilizzare Dropbox, Google Drive o qualsiasi altra app per il cloud. Su iPhone, se sei disposto a pagare, puoi utilizzare iCloud.
  2. Su un supporto fisico: è semplice come collegare il cellulare al computer, trovare la cartella DCIM e copiare tutti i file sul disco rigido. È più lento, richiede più lavoro da parte tua e una certa periodicità, ma almeno le tue foto saranno al sicuro.

Leggi anche:


Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.