Come ripristinare il registro di Windows

Come ripristinare il registro di Windows

Se hai eseguito il backup del registro in Windows di una chiave specifica o forse dell”intero registro stesso – sarai felice di sapere che ripristinare tale backup è molto semplice. Forse stai riscontrando problemi dopo aver apportato un valore di registro o una modifica della chiave di registro o il problema che stavi cercando di correggere non è stato risolto dalla recente modifica del registro di Windows.


Ad ogni modo, sei stato proattivo e hai eseguito il backup del registro nel caso in cui fosse successo qualcosa. Ora vieni premiato per aver pensato in anticipo!

Un altro motivo per cui è necessario ripristinare il registro è se hai scaricato un hack del registro che ora devi importare nel registro di Windows sul tuo computer affinché abbia effetto. Questo potrebbe non sembrare lo stesso del ripristino di un backup eseguito dall’utente, ma il processo è identico poiché entrambi implicano l’importazione del file di registro.

Seguire i semplici passaggi descritti di seguito per ripristinare i dati del registro di cui è stato precedentemente eseguito il backup nel registro di Windows:


I passaggi seguenti si applicano a tutte le versioni moderne di Windows, inclusi Windows 10, Windows 8, Windows 7, Windows Vista e Windows XP.

Tempo richiesto: il ripristino dei dati di registro precedentemente sottoposti a backup in Windows richiede in genere solo pochi minuti.

Come ripristinare il registro in Windows

  1. Individua il file di backup che hai apportato prima di apportare qualsiasi modifica al registro di Windows che ora desideri annullare.

    Hai problemi a localizzare il file di backup? Supponendo che tu abbia effettivamente esportato alcuni dati dal registro, cerca un file che termina con l’ estensione del file REG. Controlla il desktop o i documenti e nella cartella principale dell’unità C :. Potrebbe anche aiutarti a sapere che l’icona di un file REG sembra un cubo di Rubik rotto davanti a un pezzo di carta. Se non riesci ancora a trovarlo, prova a cercare i file *.reg con Tutto.

  2. Fare doppio clic o toccare due volte il file REG per aprirlo.

    A seconda della configurazione di Windows, è possibile che venga visualizzata una finestra di dialogo Controllo account utente. Dovrai confermare che vuoi aprire l’Editor del Registro di sistema, che non vedi mai perché viene eseguito solo in background come parte del processo di ripristino del registro.

  3. Scegli  nel messaggio. Il testo differisce tra i sistemi operativi ma sarà uno di questi due:

    • L’aggiunta di informazioni può modificare o eliminare involontariamente valori e causare il malfunzionamento dei componenti. Se non si ritiene attendibile la fonte di queste informazioni in [file REG], non aggiungerle al registro. Sei sicuro di voler continuare?
    • Sei sicuro di voler aggiungere le informazioni in [file REG] al registro?

    Questo non è un messaggio da prendere alla leggera. Se stai importando un file REG che non hai creato tu o uno che hai scaricato da una fonte di cui non ti fidi, ti preghiamo di sapere che, a seconda di cosa cambierà nel file REG, potresti causare un danno considerevole a Windows. Se non sei sicuro che il file REG sia quello giusto, fai clic con il pulsante destro del mouse o toccalo e tieni premuto per trovare l’opzione di modifica, quindi leggi il testo per assicurarti che appaia corretto.

  4. Supponendo che l’importazione delle chiavi di registro abbia avuto esito positivo, dovresti ricevere un messaggio come uno di questi che puoi selezionare OK su:

    • Le chiavi e i valori contenuti in [file REG] sono stati aggiunti correttamente al registro.
    • Le informazioni in [file REG] sono state inserite correttamente nel registro.

    A questo punto, le chiavi di registro contenute nel file REG sono state ora ripristinate o aggiunte al registro di Windows. Se sai dove si trovavano le chiavi del Registro di sistema, puoi aprire l’Editor del Registro di sistema e verificare che le modifiche siano state apportate come previsto.

    Il file REG di cui è stato eseguito il backup rimarrà sul computer fino a quando non viene eliminato. Solo perché il file esiste ancora dopo l’importazione, ciò non significa necessariamente che il ripristino non abbia funzionato. Puoi eliminare questo file se non ti serve più.

  5. Riavvia il tuo computer. A seconda delle modifiche apportate al ripristino delle chiavi del Registro di sistema, potrebbe essere necessario riavviare per renderle effettive in Windows o qualsiasi programma a cui appartengano le chiavi e i valori ripristinati.

Metodo di ripristino del registro alternativo

Invece dei passaggi 1 e 2 precedenti, è possibile invece aprire prima l’editor del Registro di sistema e quindi individuare il file REG che si desidera utilizzare per ripristinare il registro all’interno del programma.

Questo metodo potrebbe essere più semplice se l’Editor del Registro di sistema è già aperto per un altro motivo.

  1. Apri l’editor del registro. Scegliere  per qualsiasi avviso di controllo dell’account utente.

  2. Vai a File > Importa.

    Quando si importa un file REG, l’editor del registro legge il contenuto del file per sapere cosa deve fare. Pertanto, non importa se al momento il mouse sta selezionando una chiave diversa rispetto a ciò con cui ha a che fare il file REG o se ci si trova all’interno di una chiave di registro facendo qualcos’altro.

  3. Individua il file REG che desideri ripristinare nel registro, quindi scegli Apri.

  4. Continuare con il passaggio 4 nelle istruzioni sopra.

    Come rimuovere la protezione da scrittura su Windows 10, 8 e 7

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*