Come sapere chi ha provato a sbloccare il tuo telefono

Come sapere chi ha provato a sbloccare il tuo telefono

Cosa succede al tuo telefono quando non lo hai con te? Con delle applicazioni specifiche che trovi in questo articolo, puoi sapere chi ha provato a sbloccare il tuo telefono, scattando una foto ogni volta che qualcuno tenta di sbloccare il cellulare. L’idea non è tanto quella di proteggere il cellulare, ma di sapere in seguito chi ha provato a sbloccarlo senza la tua autorizzazione.

Guida alla sicurezza di Android: rendi il tuo telefono sicuro al 100%

Ci sono molte applicazioni per spiare che cercano di sbloccare il cellulare, ma abbiamo selezionato le cinque migliori app per sapere chi ha provato a sbloccare il tuo telefono. Ti diciamo anche i limiti di queste app, che funzionano molto bene ma non sono infallibili.

Prima di iniziare…

Prima di offrirti un elenco con le migliori app per sapere chi ha provato a sbloccare il tuo telefono, è necessario tenere conto di alcune limitazioni di questo tipo di applicazioni. Il primo è che servono solo per tentativi di accesso falliti usando PIN, password e pattern e non errori biometrici: cioè se hanno messo il dito sul lettore di impronte digitali.

La seconda limitazione è ovvia: il cellulare deve essere bloccato. Cioè, se il cellulare viene sbloccato automaticamente perché si trova in una determinata posizione, l’intruso sarà in grado di accedere a tutti i contenuti e applicazioni e sapere tutto su di te.

Un altro fatto da tenere presente è che le seguenti applicazioni richiedono l’autorizzazione dell’amministratore per monitorare tentativi di accesso errati. Le app stesse guidano l’utente attraverso il processo, ma è necessario tenere presente che è necessario disattivare questa autorizzazione prima di poterle disinstallare dal proprio cellulare.

Lockwatch – Il Cattura Ladri

Lockwatch è una semplice applicazione per controllare chi sblocca il tuo cellulare senza successo. Per installarlo, è necessario concedere le autorizzazioni di amministratore, ma la cosa buona è che il suo funzionamento è completamente trasparente: non notifica la sua presenza in qualsiasi momento e funziona perfettamente con il normale sblocco del cellulare.

Pertanto, quando qualcuno inserisce il PIN errato, l’applicazione ti avvisa inviando un’e-mail che include la foto, l’ora e la posizione dell’intruso. La versione premium include alcune funzionalità aggiuntive.

Third Eye

Un’altra alternativa è Third Eye, che necessita anche delle autorizzazioni di amministratore per integrarsi in Android. Dalle impostazioni è possibile scegliere dopo quanti tentativi si desidera scattare la foto dell’intruso e anche tenere un registro di tutti gli ultimi sblocchi.

Il vantaggio di Third Eye è che ti mostra le foto degli ultimi tentativi di sblocco direttamente nell’app, la prossima volta che sblocchi il cellulare. Nella scheda Registrazione foto hai un libro fotografico degli intrusi.

CrookCatcher – Anti Theft

CrookCatcher esegue un procedimento simile alle applicazioni precedenti, anche se l’interfaccia è più attenta e la configurazione viene eseguita per mezzo di un comodo assistente all’inizio. Con questa app puoi scoprire chi sta provando a sbloccare il tuo cellulare, sia sul cellulare stesso sia ricevendo notifiche via e-mail.

L’applicazione funziona abbastanza bene, catturando la foto di chiunque inserisca un codice PIN, una sequenza o una password errati. Dalla configurazione è possibile modificare alcune impostazioni correlate su come l’app scatta le foto e includere o meno la posizione di ogni tentativo fallito.

Detect Intruder – Thief Caught

Come le applicazioni precedenti, devi autorizzare l’amministratore a rilevare Detect Intruder – Thief Caught per monitorare chi tenta di sbloccare il tuo cellulare. Per fare ciò è possibile configurare un limite di tentativi falliti prima che venga “preso” all’istante l’intruso.

Puoi ricevere gli avvisi con le foto nell’app stessa o tramite e-mail, nonché allegare facoltativamente a ogni tentativo fallito le informazioni sulla posizione. Nelle impostazioni è possibile configurare la messa a fuoco automatica e l’offset fino allo scatto della foto.

Intruder Selfie

Un’altra opzione simile è Intruder Selfie che, poiché non potrebbe essere altrimenti, richiede l’attivazione del permesso di amministratore. Questa app non salva la posizione dei tentativi, ma le modifiche hanno altre funzioni esclusive come la possibilità di sincronizzare le foto con Google Drive per visualizzarle da altri dispositivi.

Le impostazioni dell’app sono abbastanza complete, essendo in grado di scegliere un ritardo personalizzato prima che venga scattata la foto e con la possibilità di scattare una foto ogni volta che il cellulare viene sbloccato, anche se viene inserito il codice corretto.

Le 5 migliori applicazioni per la sicurezza dei dispositivi Android

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*