Come utilizzare una TV come monitor di un computer

By | Ottobre 22, 2020
Come utilizzare una TV come monitor di un computer

Quello che devi sapere sull’utilizzo della TV come monitor. I televisori e i monitor potrebbero essere progettati pensando a diverse esperienze visive, ma al centro sono display ad alta definizione con tipi di input simili. Sebbene ci siano alcune considerazioni extra da prendere quando si utilizza una TV come monitor, è più che fattibile.

Puoi utilizzare una TV come monitor di un computer?

Sì! Ma ci sono alcune cose che devi controllare prima. Innanzitutto, assicurati di avere il cavo giusto. La maggior parte dei televisori moderni utilizza connessioni HDMI, ma controlla gli ingressi della tua TV. Quindi confronta le porte con le opzioni di uscita video del tuo PC. La maggior parte delle schede grafiche moderne supporta HDMI e DisplayPort, ma quelle più vecchie possono offrire solo DVI-D o anche VGA.

Se c’è una mancata corrispondenza tra il tuo PC e la TV, non sei del tutto sfortunato. Puoi sempre utilizzare un convertitore o un adattatore per trasformare un connettore nell’altro. Ciò può influire sulla qualità dell’immagine e non sarai in grado di trasformare un cavo VGA in HDMI se ti colleghi a una TV 4K (poiché VGA non supporta una risoluzione così alta), ma fintanto che il tuo PC e TV non sono troppo distinti per età l’uno dall’altro, dovresti essere in grado di trovare una soluzione che funzioni.

Oltre a ottenere la risoluzione giusta per il cavo, la GPU del PC dovrà supportare la risoluzione della TV. Per scoprire quale GPU hai, digita Gestione dispositivi nella casella di ricerca di Windows e seleziona l’ opzione Gestione dispositivi. Quindi cerca Schede video e seleziona la freccia accanto ad essa.

La tua GPU dovrebbe essere elencata lì, ma se è ambigua, fai clic con il pulsante destro del mouse (o tocca e tieni premuto) sul risultato e seleziona Proprietà. Quindi controlla la scheda Dettagli per ulteriori informazioni. Esegui una ricerca su Google per la tua GPU specifica per scoprire quali risoluzioni supporta e confrontale con la risoluzione nativa della tua TV per assicurarti che siano compatibili.

Come utilizzare una TV come monitor di un computer?

Supponendo che tu abbia il cavo giusto e sappia che la TV e il PC supportano le risoluzioni l’una dell’altro, tutto ciò che devi fare è collegarli tra loro e accenderli entrambi. Assicurati che il televisore sia impostato sul connettore del display corretto, a seconda di quello che hai usato per collegarlo al tuo PC, e dovresti vedere la tua schermata di accesso apparire in pochi secondi.

Se ritieni che la risoluzione non sia esattamente quella che ti aspettavi, o se sembra sfocata, potresti dover impostare manualmente quella corretta. Per farlo, segui questi passaggi:


  1. Cerca le informazioni di visualizzazione avanzate nella barra di ricerca di Windows e seleziona il risultato corrispondente.
  2. Se hai più display collegati, utilizza il menu a discesa per selezionare la tua TV.
  3. Seleziona le proprietà della scheda video per Display X (il nostro esempio dice Display 1).
  4. Seleziona Elenca tutte le modalità.
  5. Usa l’elenco per trovare la risoluzione nativa della tua TV, selezionala, quindi seleziona OK.

Perché potresti non voler utilizzare una TV come monitor di un computer?

Ci sono molte ragioni per cui la maggior parte delle persone usa i monitor: perché sono progettati pensando a contenuti e distanze di visione differenti.

1. Potresti vedere i pixel. I televisori sono in genere più grandi delle loro controparti dei monitor alla stessa risoluzione, perché ci si aspetta che tu stia seduto a sei piedi o più lontano dallo schermo. A meno che tu non stia parlando di schermi 4K più piccoli o di alcuni televisori 8K di nuova generazione, quindi sederti alla distanza tipica del monitor di due o tre piedi, significa che è molto più probabile che tu sia influenzato dall’effetto dello schermo porta— qualcosa che gli utenti di VR conoscono fin troppo bene. Se sei seduto alla normale distanza della TV, questo non è un problema.

2. Tempo di risposta, frequenza di aggiornamento e input lag. Se hai intenzione di utilizzare il tuo PC collegato alla TV per i giochi, c’è un altro fattore da considerare oltre alla risoluzione: la sua velocità. La maggior parte dei televisori non è progettata per i giochi ad alta velocità, quindi può supportare solo una frequenza di aggiornamento di 60 Hz o anche di 30 Hz (se limitata dagli standard dei connettori precedenti). Ciò può rendere l’esperienza di gioco inferiore alla media, soprattutto se sei abituato a giocare a frequenze di aggiornamento e frame rate più elevate su un monitor di gioco.

I televisori che non sono progettati per i giochi tendono ad avere anche tempi di risposta piuttosto lenti, il tempo necessario a un pixel per cambiare colore. Qualunque cosa superiore a 5 ms può portare al ghosting delle immagini, rendendo l’esperienza visiva peggiore.

Frequenze di aggiornamento e tempi di risposta elevati possono, insieme, portare anche a un ritardo di input elevato: questo è il tempo necessario affinché un input da parte dell’utente, l’utente, si registri sullo schermo. Ciò può essere problematico nei giochi ad alto ritmo e davvero inibente in quelli competitivi. Se hai intenzione di giocare a giochi multiplayer testa a testa, un ritardo di input basso può fare davvero la differenza e potrebbe significare evitare del tutto l’uso di televisori più vecchi come monitor.

I televisori più recenti spesso includono una “modalità di gioco”, tuttavia, che può alleviare questi problemi o avere alte frequenze di aggiornamento e tempi di risposta bassi come parte delle loro specifiche per supportare meglio i giocatori. Controlla il manuale per scoprire di cosa è capace la tua TV e come potrebbe influire sui giochi.

3. Compressione del colore. A seconda del televisore e del connettore che utilizzi per collegarlo al tuo PC, c’è anche la possibilità che utilizzi una qualche forma di compressione del colore per risparmiare larghezza di banda ed elaborazione. Laddove in circostanze ideali la TV utilizzerà il sottocampionamento del colore 4: 4: 4, la compressione che porta a un 4: 2: 2, o anche 4: 2: 0, può far sembrare un’immagine notevolmente peggiore. Verifica se la tua TV può offrire la risoluzione desiderata prima di decidere se è la TV giusta per il tuo PC.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!