Come verificare se il Bootloader è sbloccato

By | Agosto 6, 2019
Come verificare se Bootloader è sbloccato

Android è un sistema personalizzabile che puoi modificare in base alle tue esigenze. Ad esempio, se hai una versione precedente di Android che ha smesso di aggiornarsi, puoi semplicemente eseguire il flashing di una ROM personalizzata e aggiornarla.


Per fare questo e molte altre personalizzazioni e modifiche su un telefono Android con root, devi sbloccare il suo bootloader. Prima di decidere di approfondire questo processo impegnativo, è necessario verificare se il proprio bootloader è già sbloccato. Spiegheremo più in dettaglio come fare.

Controlla dal tuo dispositivo Android

Su molti telefoni Android, puoi verificare se il bootloader è sbloccato componendo un codice. Se non funziona, puoi sempre utilizzare il secondo metodo più lungo.

Per controllare lo stato del tuo bootloader direttamente dal tuo telefono, dovresti:

  1. Sblocca il tuo telefono Android.
  2. Apri l’app Telefono o il Dialer.
  3. Inserisci il codice: *#*#7378423*#*#
  4. Questo dovrebbe aprire automaticamente una nuova finestra.
  5. Tocca le informazioni sul servizio.
  6. Apri configurazione.
  7. Dovresti vedere uno dei due messaggi:
    – Bootloader sbloccato consentito – Sì
    – Bootloader sbloccato – Sì

Il primo messaggio indica che il bootloader del dispositivo è bloccato, ma è possibile sbloccarlo. Il secondo significa che il bootloader è sbloccato.

Ma se il tuo telefono non ti porta in una nuova finestra dopo aver inserito il codice, devi usare un altro metodo.

Controlla dal tuo PC

Per controllare lo stato del tuo bootloader dal tuo PC, dovrai utilizzare uno strumento ADB e fastboot. Fino a poco tempo fa, era necessario scaricare il Software Development Kit (SDK) completo solo per accedere a ADB e Fastboot. Ma ora puoi ottenere questo strumento leggero separatamente.

1) Impostazione del prompt dei comandi

Quando si installa lo strumento, è necessario:

  1. Individua il percorso della cartella ADB e fastboot.
  2. Fare clic sul menu Start e digitare ‘cmd’ fino a quando appare l’icona del prompt dei comandi.
  3. Digitare il percorso della cartella ADB e fastboot nel prompt dei comandi. Ad esempio:  C:\Users\Username\Downloads\ADB and fastboot

2) Attivazione della modalità Fastboot

Una volta impostato il Prompt dei comandi, è necessario impostare il telefono in modalità Fastboot. Per fare questo:

  1. Spegni il tuo telefono Android.
  2. Tieni premuti contemporaneamente i pulsanti Volume giù e Accensione / Sblocco fino a quando il telefono non si riaccende.
  3. Quando si accende, rilascia il pulsante di accensione, ma tieni premuto il tasto Volume giù fino a quando non viene visualizzato il menu del bootloader. Dovrebbe visualizzare il piccolo bot Android che giace sulla schiena su uno sfondo scuro, con un testo sotto di esso.
  4. Collegare il computer e il telefono con un cavo dati.

3) Verifica dello stato

Ora che tutto è impostato, puoi usare il Prompt dei comandi per controllare lo stato del tuo bootloader. Per fare questo, dovresti:

  1. Immettere il comando ‘./adb devices’ nel prompt dei comandi per verificare se ADB è in grado di individuare il dispositivo. Questo dovrebbe elencare il tuo telefono.
  2. Eseguire il comando ‘./adb bootloader’ per avviare il bootloader.
  3. Una volta entrato nel bootloader, digita il comando ‘fastboot devices’ nel Prompt dei comandi ed eseguilo. Se elenca un codice, significa che il sistema può rilevare il tuo telefono.
  4. Immettere il comando ‘fastboot oem device-info’ ed eseguirlo. Dovrebbe elencare alcuni dati del dispositivo, comprese le informazioni del bootloader.
  5. Cerca “Device Unlocked” nelle informazioni.
  6. Se dice “True” accanto ad esso, significa che il tuo dispositivo è sbloccato. Se dice “false”, significa che è ancora bloccato.

A volte, puoi visualizzare immediatamente queste informazioni nella schermata del bootloader del tuo telefono Android.

Come sbloccare Bootloader tramite ADB e Fastboot

Tutti i telefoni possono sbloccare il Bootloader?

Tecnicamente, c’è un modo per sbloccare il tuo bootloader su qualsiasi telefono Android, ma farlo può essere molto difficile per alcuni modelli. La loro difficoltà di sblocco dipende dal produttore. Ad esempio, Nexus è sbloccabile per impostazione predefinita. I telefoni HTC, Xiaomi, Motorola e OnePlus sono anche abbastanza facili da sbloccare.

Tuttavia, alcuni telefoni sono ancora quasi impossibili da sbloccare e di solito devi aspettare che venga scoperto un punto debole nel sistema di sicurezza.

Bootloader sbloccato – Un rischio per la sicurezza Open Source

Se il tuo bootloader è sbloccato, sarai in grado di eseguire il root o l’installazione di ROM personalizzate. Ma tieni presente che c’è un motivo per cui ogni Android viene fornito con un bootloader bloccato. Mentre bloccato, avvierà solo il sistema operativo che è su di esso. Questo è estremamente importante per motivi di sicurezza.

Un bootloader sbloccato può causare molti problemi se il telefono finisce nelle mani sbagliate. Questo perché consente ai ladri di ignorare il codice PIN o altri mezzi o protezioni e utilizzare il bootloader sbloccato per accedere a tutti i tuoi file. Quindi, considera i rischi prima di decidere di mantenere sbloccato il tuo bootloader.

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.