Come creare un’app Android: guida allo sviluppo

By | Aprile 4, 2019

Se state leggendo questo articolo, è probabile che abbiate in mente un progetto imprenditoriale o informatico che riguardi la realizzazione di un’app per dispositivi mobili. Magari, invece, il vostro obiettivo è quello di dare nuove opportunità al tuo business attraverso le infinite possibilità di un’applicazione Android.

Innanzitutto c’è da lavorare con calma e avere ben chiare le idee che si vogliono sviluppare a medio/lungo termine. Altra questione assai importante, prima di mettersi alla ricerca di uno sviluppatore professionista di App per Android, è quella di sapere cosa si deve affrontare.

In poche parole, è necessario avere una infarinatura dei linguaggi di sviluppo per capire le potenzialità e non fare voli pindarici che non possono avere seguito. Un corso android, per sviluppo di applicazioni (ad esempio come quelli proposti su puntonetformazione.com), insomma, è alla base di una idea vincente a prescindere se sarete proprio voi o meno a realizzare il prodotto finito.



1 Perché e come creare un’app Android?

Per rispondere a questa domanda è necessario fare innanzitutto una banale quanto fondamentale premessa: non sarà possibile abbracciare tutto il pubblico della telefonia mobile poiché non tutti i dispositivi funzionano con il sistema operativo Android.

Una buona fetta della popolazione mondiale possiede un’Iphone e, quindi, utilizza una piattaforma dedicata a cui tu non avrai accesso salvo eventuali e successive versioni. Altri sistemi operativi ci sentiamo di definirli “trascurabili” da un punto di vista di fasce di mercato pertanto la distinzione va fatta in larga scala su questi due sistemi.

    1. Mercato in crescita

Abbiamo detto che Android non copre l’intera utenza mondiale mobile ma è altrettanto vero che il mercato delle app per Android è in fortissima crescita grazie soprattutto al proliferare di un numero sempre crescente di dispositivi che lo montano a dispetto di iOS che è utilizzato soltanto da Apple.

Le nuove aziende produttrici di smartphone e telefoni cellulari si affidano automaticamente a sistema operativo Android per una serie di ragioni che, di fatto, dovrai considerare anche tu come futuro sviluppatore di app per Android: la profonda possibilità di personalizzazione del sistema operativo; il costo orario percepito dagli sviluppatori Android che è più basso rispetto agli omologhi Apple per una questione elitaria; la rete pubblicitaria più efficace e meno chiusa dallo stesso circuito Mac.



1.2 Sviluppare app per Android: una scelta differente

Al momento di sviluppare un’app Android ci sono tante piccole differenze. La principale però sta nel sistema operativo in sé e nel linguaggio di programmazione. Ogni sviluppo nativo utilizzerà un codice e un linguaggio. La prima cosa per capire come creare un’app Android è scegliere uno sviluppatore Android, ovvero un esperto di questo linguaggio.

Il nostro budget, il nostro modello di business, la nostra strategia di promozione saranno diversi. Nel caso di sviluppo nativo di app per Android, dovremo lavorare solo per quella piattaforma. Se invece scegliamo di avere un’app multipiattaforma il nostro lavoro ci servirà anche per altri sistemi operativi. Ma il risultato finale dell’applicazione potrebbe risultare non altrettanto buono.

Scegliere il tipo di programmazione da utilizzare per Android è importante. Se non si sceglie il più adatto al proprio progetto si potrebbe non ottenere il risultato desiderato. Chiedi consulenza ad esperti del settore per avere maggiori informazioni riguardo al tuo caso. Ogni progetto è un mondo a sé. Può essere che nel tuo caso sia meglio un’app ibrida che un’app Android.

1.3 Il tempo dello sviluppo

Rispetto al creare app iOS può essere che non ci sia differenza, ovvero il tempo necessario per creare un’app per Android è circa lo stesso di quello che serve per svilupparla per iOS.

Le sfumature si vedono nella diversità dei linguaggi di programmazione e del tipo di sviluppo. Non si impiega lo stesso tempo nel creare una app nativa per Android che per farne una multipiattaforma. Informati bene sui tempi necessari nei diversi casi. Se hai una certa urgenza, può essere che tu abbia bisogno di creare un’applicazione Android nativa.

Dobbiamo anche tenere in considerazione il design delle app per Android. Anche se in generale l’aspetto e le funzionalità saranno molto simili, il design differisce. Nei dispositivi Android ci sono pulsanti che sugli iPhone non sono presenti. Avremo design diversi per ogni tipo di sviluppo. Questo comporterà un extra nel nostro preventivo, poiché dovremo progettare due app.

1.4 Guadagnare con un’app Android

Sicuramente ti stai anche chiedendo come creare app Android che sia redditizia. Che ci garantisca un guadagno. Di sicuro possiamo dire che, in generale, le app Android sono meno redditizie di quelle di iOS.

Diversi studi rivelano che gli utenti iOS sono maggiormente disposti a pagare per le app. Quelli di Android, invece, cercano app gratuite. Per questo rendere redditizia un’app Android sarà un po’ più complicato. Bisognerà lavorare maggiormente sul proprio modello di business e sulla monetizzazione.

2. Come creare un’app Android: le 4 fasi

Hai avuto già molte informazioni su come procedere nel mondo dello sviluppo app per Android ma, sicuramente, vorrai sapere come creare la tua. Sappi che ci sono 4 fasi fondamentali: vediamole in dettaglio.

2.1 Fase iniziale

Questa prima fase dovrai verificare la tua idea, il settore e la tecnologia mobile. Prima di metterti a cercare sviluppatori o disegnatori c’è del lavoro da fare. Iniziamo con un primo contatto vero con la tua idea.

La prima cosa di cui hai bisogno è avere una buona idea. In base a quella stabilirai come creare app Android. La cosa opportuna è che soddisfi un bisogno, risolva un problema che possano avere gli utenti mobile. Se esistono applicazioni Android che già soddisfano questo bisogno, fanne una migliore. Migliora questa idea finché non consideri che possa essere fattibile.

Quando avrai chiara la tua idea, disegna su carta come dovrà essere la tua app. Falla semplice, basilare, senza elementi di design. Tutto deve riflettere il funzionamento di base e l’interazione dell’utente. Cerca di renderla facile e di facile comprensione per l’utente.

2.2 Fase di pianificazione del business

In questa seconda fase passiamo dall’idea al progetto. Al momento ancora non passeremo a programmare la app per Android. Abbiamo invece bisogno di definire il progetto in maniera più ampia e dettagliata.

È il momento di definire il modello di business della tua applicazione Android. Creare un’app solo per il gusto di farlo non ha senso. Cosa vuoi ottenere con essa? Come raggiungere questo obiettivo? Di questo stiamo parlando e dei metodi di monetizzazione. Li includiamo in questa fase perché bisogna definirli prima di iniziare la fase di sviluppo e design dell’applicazione.

Ti consigliamo di creare un documento che contenga tutti gli aspetti della tua app Android. Dalla parte più semplice come i mockups fino al metodo di monetizzazione o i colori del logo che hai scelto per la tua marca. Se non è completo al 100% può lasciare alcune parti abbozzate. Per esempio, se hai bisogno di design particolare o di una consulenza specializzata.

2.3 Fase di sviluppo e design

Questa è la fase più lunga di tutto il processo da seguire per creare un’applicazione per Android o per qualsiasi altro sistema operativo. Entriamo nel vivo, nello sviluppo vero e proprio. Siamo tra quelli che pensano che, quando ci si lancia in un’impresa, bisogna farlo bene.

Non serve a niente creare un’app senza pensarla bene, senza svilupparla adeguatamente o senza fare una promozione adeguata. Inizieremo dunque a trovare i professionisti Android che fanno al caso tuo. È fondamentale che tu abbia in mente il design dell’applicazione.

Nel caso della progettazione di applicazioni Android native dovresti pensare al funzionamento di questo sistema operativo. Ad esempio le animazioni del material design, le notifiche intelligenti ecc. In generale, il design della applicazione per il sistema operativo Android pretende semplicità visiva.

Sicuramente avrai bisogno di qualcuno che ti aiuti a gestire il processo di creazione della tua app Android. Non perché tu non possa essere in grado di farlo, ma per snellire le operazioni. In questo modo potrai concentrarti sulle questioni più importanti e non su quelle più tecniche.

2.4. Fase del lancio

Una volta superati tutte le fasi del processo, la tua applicazione è quasi pronta per essere pubblicata. Prima di lanciarla devi curare alcuni aspetti perché risulti meno traumatico possibile. Il punto è che la prima settimana di un app nello store è cruciale per ottenere visibilità ed iniziare il posizionamento.

Buona Fortuna!

La conoscenza muore se non è condivisa ...!
Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.