Cosa fare quando il tuo Android non risponde (Soft-brick, hard-brick e bootloop)

By | Ottobre 21, 2019
Cosa fare quando il tuo Android non risponde

Uno smartphone o tablet Android che non si accende è considerato “bricked” in muratura; è utile quanto un mattone, perché non ha funzionalità disponibili. Ma non rinunciare alla speranza, perché potresti essere in grado di rianimare il tuo dispositivo. Continua a leggere cosa fare quando il tuo Android non risponde, conoscere le cause del bricking e i modi per sbloccare un dispositivo Android in muratura. Le istruzioni in questo articolo si applicano a tutti gli smartphone e tablet Android.


Cosa fare quando il tuo Android non risponde (Soft-brick, hard-brick e bootloop)

Soft-brick e hard-brick: come possono verificarsi

Cosa fare quando il tuo Android non risponde o che si accende ma non funziona è considerato soft bricked. Un dispositivo che non si accende affatto è hard bricked.

Un dispositivo in soft brick può avviarsi in modalità di ripristino o bloccarsi sulla schermata di avvio. Ad esempio, se si è tentato di installare una ROM personalizzata senza prima aver cancellato i dati della ROM originale, il dispositivo potrebbe riscontrare errori durante l’avvio, e potrebbe bloccarsi in un ciclo di avvio (bootloop).

Altre potenziali cause Soft-brick e hard-brick (telefono in muratura) includono:

  • Installazione impropria di aggiornamenti importanti
  • Problemi relativi al root del tuo dispositivo Android
  • File di sistema mancanti o danneggiati
  • Danni fisici o hardware difettoso
  • Download accidentale di malware

Come sbloccare un telefono o tablet Android in Soft-brick e hard-brick

Non tutto in questo elenco funzionerà per tutti, ma probabilmente c’è qualcosa qui che risveglierà il tuo dispositivo Android. Prova questi passaggi finché il tuo dispositivo non si è risollevato:

Rimuovere e reinserire la batteria. Se possibile, estrarre la batteria e rimetterla in posizione in modo sicuro. Inoltre, collega il caricabatterie del tuo dispositivo per assicurarti che una batteria difettosa non sia la causa che gli impedisce di accendersi.

Contattare il produttore. Se il dispositivo è in garanzia, il produttore potrebbe riparare o sostituire il dispositivo gratuitamente. Se hai effettuato il root del tuo dispositivo Android per installare firmware personalizzato o app, la tua garanzia è probabilmente nulla, quindi dovrai risolvere tutti i problemi da solo.

Contatta il tuo operatore telefonico. Se il telefono è “bricked” in muratura, contattare il fornitore di servizi. Potrebbero essere in grado di ripristinare il telefono e persino recuperare i dati. Eseguire il backup dei dati Android su base regolare per evitare di perderli.

Portalo in un negozio per essere riparato. Se il tuo dispositivo è danneggiato fisicamente e non hai alcuna garanzia, la soluzione migliore è portarlo da un tecnico. Hanno accesso a strumenti e software che probabilmente non possiedi, quindi pagarli per risolvere il problema con il tuo telefono che non risponde potrebbe essere l’opzione più economica.

Mettilo in un sacchetto di riso. Se il dispositivo non funziona a causa di danni causati dall’acqua, conservalo in un sacchetto di plastica pieno di riso crudo durante la notte. Il riso assorbirà parte dell’acqua, migliorando così le possibilità di rianimazione del dispositivo. Se il telefono è danneggiato fisicamente, rimuovere la SIM in modo da poter recuperare i contatti.

Sostituisci il display. Se il dispositivo si accende, ma lo schermo rimane nero, il dispositivo potrebbe non essere (bricked) in muratura, ma il problema potrebbe essere il display. Portalo in un negozio assistenza tecnica o sostituisci lo schermo da solo.

Esegui un riavvio forzatoSe il dispositivo si accende e si blocca immediatamente, provare a riavviare. Questo di solito viene realizzato tenendo premuto Power + Home, ma differisce in base al dispositivo.

Riavvia Android in modalità di ripristino. Prova a riavviare il dispositivo in modalità di ripristino:

  1. Con il dispositivo spento, premere Volume su + Accensione per avviare in modalità di ripristino.
  2. Utilizzare i pulsanti del volume per navigare nel menu ed evidenziare Riavvia il sistema ora.
  3. Premere il tasto di accensione per selezionare l’opzione evidenziata.
  4. Attendi per vedere se il tuo dispositivo si riavvia normalmente.

I passaggi per l’avvio in modalità di ripristino possono variare a seconda del modello del dispositivo. Consultare il manuale del telefono o del tablet per ulteriori indicazioni.

  1. Avvia il dispositivo in modalità di ripristino.
  2. Seleziona Cancella partizione cache.
  3. Seleziona Riavvia il sistema ora.
  4. Cancella la cache. L’eliminazione di file temporanei a volte può risolvere.

Ripristina il tuo dispositivo Android alle impostazioni di fabbrica. Se hai apportato modifiche al tuo dispositivo e queste hanno provocato un soft brick, un ripristino delle impostazioni di fabbrica può annullare tali modifiche. L’esecuzione di un Hard Reset sul dispositivo Android ripristinerà il sistema allo stato in cui si trovava al momento dell’acquisto. Di conseguenza, perderai tutto ciò che hai scaricato e installato.

Per ripristinare le impostazioni di fabbrica di un dispositivo Android con soft brick:

  1. Avvia il dispositivo in modalità di ripristino.
  2. Seleziona Cancella dati / Ripristino impostazioni di fabbrica.
  3. Selezionare  per ripristinare il dispositivo e attendere. Al termine del processo, tornerai al menu principale della modalità di ripristino.
  4. Seleziona Riavvia il sistema ora.

In caso di successo, Android si avvierà normalmente e dovrai configurare il tuo dispositivo come nuovo.

Reinstalla il sistema operativo sul tuo Android. Se il dispositivo ha uno slot per schede SD, è possibile reinstallare il sistema operativo del dispositivo.

Questo metodo cancellerà anche tutti i tuoi file personali.

  1. Cerca sul Web un file ROM del firmware di fabbrica per il tuo dispositivo. Un buon punto di partenza è il forum degli sviluppatori XDA. Nella barra di ricerca, inserisci il nome del tuo dispositivo + firmware.
  2. Scarica la ROM appropriata (generalmente contenuta in un file ZIP) su una scheda SD.
  3. Inserisci la scheda SD nel tuo dispositivo.
  4. Avvia il tuo dispositivo Android in modalità di ripristino.
  5. Seleziona Installa aggiornamenti da scheda SD.
  6. Seleziona il file ZIP contenente la ROM.
  7. Seleziona Riavvia il sistema ora.

Come aggiornare il sistema operativo Android

Il flashing di una ROM incompatibile può danneggiare il tuo dispositivo. Assicurati di scaricare il firmware corretto per il tuo modello.

Utilizza uno strumento di sblocco Android. Se non ti senti a tuo agio con Odin, ci sono strumenti più intuitivi per sbloccare dispositivi specifici. Ad esempio, il programma di recupero dati Android Fone Lab è uno strumento versatile per il recupero dei dati utilizzato per recuperare telefoni e tablet Samsung. È disponibile per Windows e Mac.

Come recuperare un dispositivo Android Samsung

Sfortunatamente, non esiste un programma in grado di riparare tutti i tipi di telefoni e tablet Android e Samsung crea un problema particolare, perché i dispositivi Samsung funzionano con una versione proprietaria di Android. Fortunatamente, ci sono un paio di programmi che potrebbero aiutarti a riportare il tuo telefono Samsung in vita.

  1. Usa Odin per ripristinare un telefono SamsungOdin è un programma sviluppato da Samsung per installare firmware personalizzato su dispositivi Android. Può essere utilizzato per riparare telefoni Android Samsung in muratura purché si disponga di un computer con Windows. Devi aver effettuato l’accesso come amministratore per eseguire Odin sul tuo PC.
  2. Usa FoneLab per recuperare il tuo dispositivo Android Samsung. Se hai un dispositivo Samsung, puoi utilizzare la versione completa di FoneLab per ripristinarlo.

Sebbene esista una versione di prova gratuita di FoneLab (in alternativa noto come U.Fone Toolkit), la maggior parte delle funzionalità, tra cui la rimozione dei dati e il recupero dei dati, sono disponibili solo con un abbonamento premium.

  1. Collega il tuo dispositivo Android al computer con un cavo USB.
  2. Scarica e installa lo strumento di recupero dati Android Fone Lab sul tuo computer.
  3. Apri Fone Lab e seleziona Estrazione dati Android non funzionante.
  4. Seleziona Avvia sul lato destro della finestra sotto l’icona di Android.
  5. Seleziona l’opzione che si applica meglio al tuo dispositivo e seleziona Avanti.
  6. Scegli il nome del dispositivo e il modello del dispositivo, quindi seleziona Conferma.
  7. Seguire le istruzioni visualizzate per avviare il dispositivo in modalità download, quindi selezionare Avvia per scaricare il pacchetto di ripristino.
  8. Al termine, riavviare manualmente il dispositivo se non si riavvia automaticamente.

Se il processo ha avuto esito positivo, il tuo dispositivo Samsung dovrebbe funzionare normalmente.

Se non sei sicuro di come hai bloccato il tuo telefono, potresti dover prendere alcune precauzioni aggiuntive in futuro.

Per evitare il bricking del tuo Android:

  • non eseguire il root del dispositivo …
  • evita di scaricare tutto ciò che non proviene dall’app store ufficiale …
  • non eliminare o modificare file importanti …
  • tieni sempre il telefono in una custodia protettiva.

Cosa fare quando il telefono Android non si accende oppure Trova il tuo telefono nella sezione

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

2 thoughts on “Cosa fare quando il tuo Android non risponde (Soft-brick, hard-brick e bootloop)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.