Telefonino bagnato: Cosa fare e cosa no

By | Agosto 12, 2023
telefonino bagnato

A chi non è mai capitato? Magari durante una giornata al mare o semplicemente mentre ti stai lavando le mani: in un momento di distrazione, il tuo telefonino finisce nell’acqua. Siamo tutti umani, e tali incidenti possono accadere facilmente. Tuttavia, un telefono caduto in acqua non deve necessariamente rappresentare la fine del suo ciclo di vita. Con le giuste precauzioni, esiste una buona possibilità di riportarlo in vita. Prima di tutto, resisti alla tentazione di riaccenderlo o di scuoterlo con forza, queste azioni potrebbero causare danni irreparabili. Al contrario, mantieni il tuo cellulare bagnato in posizione verticale, permettendo all’acqua di scolare naturalmente. Un consiglio vecchio ma d’oro: posiziona il tuo dispositivo in una ciotola di riso. Il riso, essendo un assorbente naturale, aiuta a rimuovere l’umidità residua dall’interno del dispositivo. Pensa al riso come a una spugna che assorbe l’acqua dalla pioggia. Potrebbe sembrare un rimedio casalingo troppo semplice, ma in molte occasioni ha dimostrato la sua efficacia.


Come asciugare un telefonino bagnato

Hai mai vissuto il terrore di vedere il tuo cellulare cadere in acqua? Sei lontano dall’essere l’unico. Una disattenzione, un momento di distrazione, e il nostro prezioso dispositivo si trova sommerso nell’acqua. Non solo rischiamo di perdere un oggetto di valore, ma ci troviamo anche di fronte alla possibile perdita di foto, contatti, e dati personali memorizzati. Un vero e proprio incubo tecnologico.

Pensiamo all’immagine classica: un telefonino nell’acqua del WC, del lavandino o, ancora peggio, dopo una pioggia inaspettata. In molti di questi casi, la situazione potrebbe non essere così tragica come sembra. L’acqua dolce, sebbene non ideale per i nostri dispositivi, è meno dannosa rispetto all’acqua salata, nemica giurata dei circuiti elettronici. Il sale, infatti, può danneggiare gravemente i componenti interni.

Tuttavia, un dato incoraggiante: solo l’11% dei dispositivi immersi in acqua subisce danni irreparabili. Quindi, c’è una buona probabilità che il tuo cellulare bagnato possa essere recuperato. L’elemento chiave è il tempo. Più velocemente estrai il tuo dispositivo e adotti le misure appropriate, maggiore sarà la possibilità di minimizzare i danni.

In sintesi, se ti trovi davanti a un telefonino bagnato, ricorda: mantieni la calma e agisci rapidamente. E non dimenticare: l’acqua dolce è meno dannosa dell’acqua salata, ma la rapidità d’azione è fondamentale in entrambi i casi.

Non scuotere il telefono caduto in acqua

In un momento di distrazione, un telefonino bagnato può diventare una fonte di stress. L’immagine del tuo prezioso dispositivo che scivola in acqua è un incubo con cui molti di noi hanno fatto i conti. Ma non tutto è perduto. Anzi, con attenzione e prudenza, potresti riuscire a risolvere la situazione. Esistono una serie di passaggi cruciali da seguire quando ti ritrovi nella spiacevole situazione di avere il tuo telefono caduto in acqua.

Il momento dopo il contatto con l’acqua è cruciale. Non indugiare! Raggiungi immediatamente il tuo dispositivo “in acqua” e spegnilo. Questo è un passo fondamentale per evitare cortocircuiti che potrebbero danneggiare irreparabilmente il tuo telefono. È umano voler liberare il tuo dispositivo dall’acqua con scossoni e colpetti istintivi, ma resisti. Questi gesti potrebbero spingere l’acqua ancora più in profondità all’interno del telefono, aumentando il rischio di danni. Invece, tampona delicatamente il telefono con un panno assorbente.

Agisci velocemente e inizia con la rimozione di componenti rimovibili: batteria, scheda SD, custodia e qualsiasi altra parte che possa essere separata facilmente. Questo aiuta a ridurre l’umidità intrappolata all’interno del dispositivo. Resisti all’impulso di premere pulsanti o accendere il telefono per verificare se funziona. Questo potrebbe causare cortocircuiti dannosi. Lascia che il dispositivo si asciughi completamente prima di tentare un riavvio.

Posiziona il tuo cellulare bagnato in modo verticale. Questo aiuterà a consentire il deflusso dell’acqua residua. Evita di esporre il telefono a fonti di calore estremo, come asciugacapelli o raggi solari diretti. L’asciugatura lenta è preferibile per evitare danni da calore.


Ricorda, la chiave qui è la pazienza. Lascia che il tuo dispositivo si asciughi completamente prima di cercare di accenderlo. Queste precauzioni aumenteranno le tue probabilità di successo nel “risvegliare” il tuo telefono caduto in acqua. Mentre non possiamo garantire un risultato positivo al 100%, seguire queste linee guida aumenterà notevolmente le tue possibilità di recuperare il tuo prezioso dispositivo da un destino di morte.

Telefonino bagnato: A cosa stare attenti

Sapevi che un telefono caduto in acqua rappresenta un destino fatale per l’11% dei dispositivi venduti ogni anno? Questo equivale a una quantità smisurata di telefoni di valore andati sprecati. Inoltre, è una concezione errata credere che quando cade un cellulare in acqua sia un incidente esclusivo delle giornate estive al mare. La realtà è che molte volte il nostro telefono si bagna a causa di incidenti domestici, come cadute nel lavandino o, peggio ancora, nel water.

Poniamo un esempio pratico: pensa di lavare i piatti o di truccarti davanti al lavandino. Il tuo cellulare suona e, mentre ti affretti per rispondere, ecco che il cellulare che cade nell’acqua diventa una triste realtà. La soluzione? Adottare misure preventive. Non lasciare mai il telefono in acqua o in prossimità di luoghi dove l’acqua scorre. Questa semplice precauzione può salvare il tuo prezioso dispositivo e il tuo portafoglio. La batteria del telefono si scarica subito? Come farla durare di più


Come asciugare un telefono caduto in acqua

Ok, lo sappiamo. La sensazione di terrore quando il tuo cellulare decide di fare una nuotata involontaria. Ma respira, ecco alcuni passi fondamentali da seguire per tentare un salvataggio d’emergenza:

  1. Prima di tutto, agisci subito! Non si parla di minuti qui, ma di secondi. Più velocemente estrarrai il telefono dall’acqua, maggiori saranno le probabilità di salvarlo.
  2. Stacca tutto e spegni! Sì, può essere allettante vedere se il tuo telefonino bagnato funziona ancora, ma resisti! Premere pulsanti potrebbe solo peggiorare le cose, spingendo l’acqua ancora più in profondità.
  3. Togli ogni accessorio e scheda. Sia che stiamo parlando della custodia, della scheda SIM o della scheda SD, togli tutto! Questi piccoli componenti potrebbero avere una chance se trattati separatamente.
  4. Dimentica forno e microonde. Potresti pensare che un po’ di calore possa aiutare il tuo cellulare caduto in acqua, ma il calore elettronico può rovinare definitivamente il dispositivo.
  5. Anche il phon è un no-no. Anche se potrebbe sembrare una buona idea, potresti finire per soffiare l’acqua in parti del telefono dove non era prima.
  6. Aspira, ma con cautela. Prova ad aspirare il liquido, ma ovviamente evita di ingoiarlo o di danneggiare ulteriormente il dispositivo.
  7. Tampona con cura. Un buon vecchio panno di cotone o un po’ di carta assorbente potrebbe fare miracoli.
  8. Pazienza è la chiave. Anche se ti senti in ansia, lascia che il tuo telefono in acqua si asciughi da solo per un po’. Si parla di un giorno intero d’estate, ma in inverno? Meglio attendere tra le 48 e 72 ore.
  9. Il trucco del riso o del gel di silicio. Non è una leggenda urbana! Metti le parti del tuo dispositivo in una ciotola di riso o di quelle bustine di gel di silicio che trovi nelle scatole delle scarpe. Una notte e potrebbe assorbire quell’umidità indesiderata.
  10. Ricomincia da capo. Ora, rimetti tutto insieme, carica il telefono e incrocia le dita. Con un po’ di fortuna e seguendo questi passaggi, il tuo telefono potrebbe tornare in vita.

Ricorda, questi sono solo suggerimenti. Se il tuo cellulare non riprende vita, potrebbe essere il momento di consultare un professionista o considerare l’acquisto di un nuovo dispositivo. Ma almeno avrai dato al tuo amato dispositivo una possibilità di sopravvivenza! Telefono carica lento. Come migliorare la velocità di ricarica

Cosa fare con un telefono caduto nel water

Chi di noi non ha provato quella sensazione di terrore quando il suo prezioso telefonino decide di fare un tuffo nel lavandino o, peggio ancora, nel water? Credo che possiamo tutti concordare sul fatto che il bagno non è esattamente il luogo ideale per il nostro dispositivo, soprattutto considerando le nostre posizioni spesso scomode e l’assenza di una custodia protettiva. E se il tuo cellulare cade in acqua, è fondamentale sapere come intervenire. Ecco alcune dritte per voi!

Il Primo Soccorso per il tuo cellulare in acqua

Se il tuo telefono finisce sott’acqua, innanzitutto, non andare nel panico! Ecco una breve lista di ciò che non dovresti assolutamente fare:

  1. Non scuotere selvaggiamente il tuo cellulare o dare colpetti sperando che l’acqua esca.
  2. Evita di premere qualsiasi pulsante; potresti solo peggiorare le cose.
  3. Se il tuo telefonino era spento quando è caduto, resisti alla tentazione di riaccenderlo.

Ora, diamo un’occhiata a ciò che dovresti fare:

  1. Spegnilo subito, se non lo era già.
  2. Posizionalo verticalmente per permettere all’acqua di defluire.
  3. Rimuovi tutto ciò che è possibile: custodia, scheda SIM e, se il modello lo consente, anche la batteria.

Con queste azioni, avrai già compiuto un grande passo avanti. Dopo, puoi procedere con la strategia di asciugatura. E ricorda: la prossima volta che ti trovi in bagno con il cellulare, magari… tienilo lontano dall’acqua! Whatsapp su due telefoni: Come fare?


FAQ: Cosa fare se il tuo telefonino si bagna

1. Il mio telefonino è caduto nell’acqua. Cosa dovrei fare immediatamente?

  • La prima cosa da fare è spegnerlo immediatamente. Successivamente, rimuovi la SIM card, la scheda SD e la batteria (se è rimovibile). Evita di premere troppi tasti, poiché potresti far penetrare ulteriormente l’acqua.

2. Posso usare un asciugacapelli per asciugare il mio telefonino?

  • No, sconsigliamo l’uso dell’asciugacapelli perché il calore può danneggiare ulteriormente i componenti interni. Invece, puoi utilizzare aria fredda o lasciarlo asciugare naturalmente.

3. Ho sentito dire che il riso può aiutare ad asciugare un telefonino bagnato. È vero?

  • Sì, il riso può assorbire l’umidità e aiutare ad asciugare il telefonino. Metti il tuo dispositivo in una borsa di riso non cotto per almeno 24-48 ore. Tuttavia, non è garantito che funzioni al 100%.

4. Quanto tempo dovrei lasciare asciugare il mio telefonino prima di riaccenderlo?

  • Raccomandiamo di lasciare asciugare il telefonino per almeno 24-48 ore. La pazienza è la chiave: riaccenderlo troppo presto potrebbe causare cortocircuiti.

5. Il mio telefonino funziona dopo essersi bagnato, ma la qualità dell’audio è compromessa. Cosa posso fare?

  • Potrebbe esserci ancora dell’umidità negli altoparlanti. Lascia asciugare il telefono per un altro giorno o due. Se il problema persiste, potresti dover consultare un tecnico.

6. Esistono dei prodotti specifici per asciugare i telefonini bagnati?

  • Sì, esistono prodotti e kit specifici in commercio che possono aiutare ad asciugare e recuperare i dispositivi elettronici bagnati. Se hai intenzione di investire in uno di questi kit, è bene averlo a portata di mano prima che si verifichi un incidente con l’acqua.

7. Se il mio telefonino non si riaccende dopo essersi bagnato, è definitivamente rotto?

  • Non necessariamente. Anche se non si riaccende subito, potrebbe funzionare dopo una riparazione professionale. È consigliabile portarlo da un tecnico specializzato.

8. Come posso prevenire danni futuri causati dall’acqua?

  • Valuta l’acquisto di una custodia impermeabile o almeno resistente all’acqua per il tuo telefonino. Inoltre, evita di portare il tuo dispositivo vicino all’acqua quando non è necessario e non lasciarlo in luoghi umidi.

Speriamo che questa FAQ ti sia stata utile! Se il tuo telefonino si è bagnato, la cosa più importante è agire rapidamente e avere pazienza durante il processo di asciugatura. Telefono in garanzia: Diritti, termini e condizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.