Dovresti usare HDMI, DisplayPort o USB-C con un monitor 4K?

By | Maggio 18, 2020
Dovresti usare HDMI, DisplayPort o USB-C con un monitor 4K?

Se hai acquistato un nuovo monitor 4K di recente, potresti essere rimasto perplesso dall’array di porte sul retro. HDMI, DisplayPort, USB-C e Thunderbolt sono ormai tutti all’ordine del giorno, ma qual è la migliore e perché?

HDMI 2.1: il tuttofare

L’interfaccia multimediale ad alta definizione, o HDMI, è oggi l’interfaccia di visualizzazione più comune. È utilizzato nei televisori per collegare console di gioco e lettori Blu-ray. Fornisce un segnale digitale stabile che può essere sostituito a caldo (scollegato e collegato senza spegnere i dispositivi) a piacimento.

HDMI 2.1 è l’ultimo standard adottato dai produttori di dispositivi, che supporta un throughput di 48 Gbps. Questo è sufficiente per gestire un display da 10 K a 60 frame al secondo a colori a 10 bit. Poiché stiamo parlando di display 4K, HDMI 2.1 è più che adeguato.

Il collegamento in cascata (collegamento di un computer a un monitor e quindi connessione di quel monitor a un altro monitor) è possibile con HDMI 2.1. I monitor che lo supportano sono piuttosto rari, tuttavia, e puoi collegare in sequenza due display contemporaneamente.

Approfondisci: Come collegare due monitor a Windows 10

HDMI 2.1 ha qualche asso nella manica, tra cui una limitata erogazione di energia (non comune) e la capacità di agire come un adattatore Ethernet (con il cavo giusto). Può anche usare FreeSync (o VESA AdaptiveSync) per eliminare la lacerazione dello schermo.

I cavi HDMI sono economici, ma tieni presente che dovrai aggiornarli per essere compatibile con lo standard 2.1 se vuoi sfruttare appieno il set di funzionalità.

Mentre HDMI 2.1 è molto capace, attenzione: è possibile che il tuo monitor 4K supporti solo il vecchio standard HDMI 2.0. Ciò significa che è limitato all’emissione di un segnale 4K a 60 frame al secondo a colori a 8 bit. Sarai inoltre limitato a 44,1 kHz e audio pass-through a 16 bit con solo due canali audio non compressi (i canali audio 5.1 sono compressi).

Per i giocatori, HDMI 2.0 non supporta lo standard FreeSync. Il contenuto HDR è limitato ai metadati statici (lo standard HDR 10) rispetto a 2.1, che supporta i metadati dinamici (inclusi HDR10 + e Dolby Vision). Questi vecchi monitor HDMI 2.0 4K ti faranno risparmiare un po’ di soldi, ma perderai anche alcune funzionalità.

Se stai facendo oscillare un monitor 4K con HDMI 2.1, in questa fase è improbabile che si verifichino gravi colli di bottiglia. Se il tuo monitor supporta solo HDMI 2.0, DisplayPort potrebbe offrire una migliore esperienza in termini di funzionalità generali, soprattutto se desideri collegare in cascata più di due schermi.

DisplayPort: migliore, più veloce, più forte

DisplayPort è stata a lungo la scelta degli appassionati di PC e, sulla carta, non è difficile capire perché. Mentre HDMI 2.1 supera i 48 Gbps, il prossimo standard DisplayPort 2.0 è in grado di gestire un throughput di 80 Gbps. Vale la pena notare, tuttavia, che i dispositivi DisplayPort 2.0 non arriveranno sul mercato fino alla fine del 2020.

Ciò significa che la maggior parte delle persone continuerà a utilizzare lo standard DisplayPort 1.4, che si accumula ancora favorevolmente rispetto a HDMI 2.0.

DisplayPort 1.4 è in grado di gestire una risoluzione di 8 KB a 60 frame con colori a 10 bit reali, ma solo con la compressione del flusso di visualizzazione. Le prestazioni non compresse sono le stesse di HDMI 2.0, a 4K / 60/8-bit. È possibile collegare fino a due display tramite collegamento in cascata a risoluzione 4K, a condizione che i monitor lo supportino.

Non ci sono limiti all’audio pass-through come ce ne sono con HDMI 2.0. DisplayPort 1.4 è in grado di supportare fino a 192 kHz e audio a 24 bit con canali audio 7.1 non compressi. Riceverai anche il supporto di FreeSync poiché DisplayPort era in precedenza un requisito per questo prima dell’arrivo di HDMI 2.1.

DisplayPort 1.4a supporta anche metadati dinamici per i contenuti HDR, il che significa che Dolby Vision e HDR10 + supportano una maggiore luminosità e gamma di colori. Le capacità del tuo monitor saranno qui il fattore limitante, non DisplayPort.

A differenza di HDMI, DisplayPort non ha alcun tipo di supporto Ethernet. Ciò è dovuto principalmente al fatto che DisplayPort viene utilizzato principalmente per le connessioni da computer a monitor. HDMI, d’altra parte, ha applicazioni più ampie, incluso il collegamento di ricevitori AV, TV e altri dispositivi elettronici di consumo.

DisplayPort offre alcuni buoni vantaggi rispetto a HDMI 2.0, ma si applicano principalmente se si desidera collegare in cascata più monitor. In futuro, con l’arrivo di DisplayPort 2.1, sarà possibile 4K a frame rate superiori a 60 frame con un vero colore a 10 bit, ma solo su un monitor che lo supporti.

USB-C: ideale per i possessori di laptop

USB-C ha una vasta gamma di usi. La capacità di trasportare un segnale di visualizzazione su USB-C si basa su una tecnologia chiamata USB-C Alt Mode. In sostanza, questo è solo DisplayPort tramite una presa USB-C. La velocità effettiva e le risoluzioni supportate dipendono dallo standard DisplayPort in uso (in questa fase, è probabilmente 1.4).

Ciò significa che tutti gli aspetti tecnici di DisplayPort USB-C su Alt Mode rispecchiano quelli del normale DisplayPort 1.4. Con la compressione del flusso di visualizzazione, è teoricamente possibile ottenere un segnale 4K a 60 frame con colori a 8 bit con risoluzioni di 8K a 10 bit.

Uno dei motivi principali per scegliere USB-C è la facilità d’uso: le porte USB-C si trovano su tutti i laptop moderni. Tuttavia, dovrai assicurarti che il tuo laptop supporti l’output del display in modalità Alt USB-C. Questo sarà probabilmente incluso nelle specifiche tecniche o sul sito Web del produttore.

L’uscita del display in modalità Alt USB-C dovrebbe anche fornire supporto per USB Power Delivery (USB-PD). Se il tuo laptop supporta USB-PD (e molti lo fanno), puoi caricare il tuo laptop e inviarlo a un monitor con un singolo cavo.

Dovrai prima fare le tue ricerche per assicurarti che il tuo monitor fornisca la giusta potenza in uscita per il tuo laptop. Ad esempio, il Dell UltraSharp U3219Q  offre connettività USB-C, con 90 W di USB-PD. È più che sufficiente per caricare un MacBook Air o un laptop Dell XPS 13. Tuttavia, è leggermente inferiore ai 96 W “richiesti” da un MacBook Pro da 16 pollici (sebbene la macchina raramente assorba tanta potenza).

USB-C è un’ottima scelta se il tuo laptop è compatibile con esso, in particolare se ti muovi molto in casa o sul posto di lavoro. USB-PD significa che non dovrai portare con te un caricabatterie per collegarlo a un monitor. Otterrai anche tutti i vantaggi di DisplayPort 1.4, che è ancora uno standard altamente capace.

Tuttavia, c’è qualche contesa sul fatto che sia possibile collegare in cascata più monitor 4K su USB-C. Se questo è importante per te, è meglio andare con DisplayPort o optare per un monitor Thunderbolt 3.

Thunderbolt: ottimo per Daisy-Chaining e Mac

Thunderbolt utilizza anche la porta USB-C, ma è lì che finiscono le somiglianze. Thunderbolt 3 è una tecnologia attiva che offre un throughput fino a 40 Gbps con l’uso di un cavo Thunderbolt 3. USB 3.2 Gen 2 è una tecnologia passiva che offre fino a 20 Gbps.

Sebbene queste due tecnologie utilizzino la stessa porta USB-C, non sono intercambiabili. Thunderbolt 3 offre alcuni seri vantaggi rispetto all’ultimo standard USB, grazie a tutta quella larghezza di banda aggiuntiva. È possibile eseguire due display 4K (a 60 frame), un singolo display 4K (a 120 frame) o un singolo display 5K (a 60 frame) con un solo cavo Thunderbolt 3.

Su un MacBook Pro da 16 pollici del 2019, due cavi Thunderbolt possono pilotare quattro display 4K collegati in cascata o due 5K. Apple è stata una forte sostenitrice della tecnologia sin dalla sua prima versione, motivo per cui Thunderbolt potrebbe essere la scelta ideale per i proprietari di Mac.

Thunderbolt 3 non solo consente di collegare in cascata altri display, ma anche altri dispositivi, come array di archiviazione esterni, dock o persino contenitori GPU esterni.

Dovrai acquistare un monitor compatibile con Thunderbolt 3 se desideri utilizzare Thunderbolt 3 per collegare il tuo schermo. Questi generalmente costano di più rispetto ai normali monitor HDMI o DisplayPort 4K. I cavi Thunderbolt 3 necessari per guidarli non sono economici.

Tieni presente Thunderbolt quando esegui l’upgrade se non è un’opzione per te in questo momento. Lo storage ad alta velocità Thunderbolt vale l’investimento, inoltre riduce i cavi.

Se hai già la possibilità, Thunderbolt ne vale sicuramente la pena, soprattutto se vuoi collegare in cascata più monitor 4K.

Probabilmente non vale la pena sborsare i soldi per un costoso cavo Thunderbolt 3 se si utilizza un solo monitor, poiché non offrirebbe alcun enorme vantaggio.

Quindi, qual è la cosa giusta per te?

L’opzione che dovresti scegliere dipende in ultima analisi da ciò che speri di ottenere e da quali tecnologie sono disponibili. Al momento della scrittura, HDMI 2.1 è già sul mercato. Fornisce la massima produttività in termini di massima risoluzione, frequenza dei fotogrammi e profondità del colore ed è una scelta solida.

DisplayPort 1.4 è ancora preferibile a HDMI 2.0 grazie alla sua capacità di trasmissione superiore e alle capacità di concatenamento. Tuttavia, se non si eseguono più monitor, i due vengono abbinati in modo abbastanza uniforme.

L’USB-C dipende in definitiva dal fatto che il laptop supporti la modalità Alt USB-C con DisplayPort e che il monitor fornisca energia sufficiente per caricare il laptop. Se il tuo laptop ha entrambe queste funzionalità, USB-C è una scelta conveniente.

Thunderbolt 3 è la connessione più veloce con il più alto throughput di dati. Per concatenare due monitor 4K o collegare un display 5K, è praticamente imbattibile. Puoi collegare anche altri dispositivi, il che è pulito. Tuttavia, avrai bisogno di supporto sia sul lato monitor che su quello del computer e un cavo costoso o due.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.