E’ importante aggiornare un telefono Android?

By | Marzo 29, 2019

E’ importante aggiornare un telefono Android? Ogni volta che si avvicina una nuova versione di Android entriamo in modalità ‘hype’ e non vediamo l’ora di conoscere tutti i nuovi dettagli che questa nuova versione porterà e, soprattutto, il suo nuovo nome, il nuovo dolce che Google ha scelto per identificare la nuova versione di Android, (al momento della scrittura Android Pie) che stavamo aspettando con tanta impazienza.


Ma oltre a quel nome dolce che può piacere, si nascondono molte cose che vogliamo provare il prima possibile. Alcune versioni apportano importanti cambiamenti estetici, mentre altre sono impegnate a migliorare le prestazioni del sistema o aggiungere funzionalità che lo renderanno più maturo e interessante per le persone.

Qualche giorno fa abbiamo scritto (se vi interessa) di come aggiornare telefono Android anche senza aggiornamenti ufficiali, sempre se vi interessa perdete qualche minuto nella lettura del tutorial.

Ma c’è qualcosa che porta sempre Android in ogni nuova versione: più sicurezza. Google ora non deve solo concentrarsi solo sulla fornitura del sistema operativo ai produttori di dispositivi mobili, ma deve convincere le aziende a fare uso dei suoi servizi, proprio per questo una delle maggiori preoccupazioni di Google è la sicurezza.

Sicuramente stai pensando alla mia stessa cosa: ad Android Pay. In questo caso, Google deve dimostrare alle banche che Android è abbastanza sicuro da meritare la loro fiducia. Proprio in questi giorni abbiamo saputo che Android Q (la prossima versione del sistema operativo) sarà molto difficile da rotare, questo si riallaccia al discorso che stavamo facendo sulle banche e sulla sicurezza.

Il root è riuscito a rendere applicazioni come Android Pay o Samsung Pay non funzionanti, questo ha permesso di avere una certa fiducia da parte degli istituti bancari. Gli sviluppatori hanno sempre cercato di bypassare SafetyNet, il metodo di rilevamento di Google, ma la società di Mountain View è sempre riuscita ad aggiornarlo.

Ma lasciamo da parte, almeno per poche righe, la questione della sicurezza, perché, alcune più di altre, tutte le nuove versioni apportano alcune novità, come nel caso di Android Pie, se vuoi sapere di più su Android 9 Pie: ci immergiamo nell’interfaccia e nelle funzioni e ti mostriamo cosa è cambiato!

Mentre alcune delle nuove funzionalità sono più un “capriccio”, altre, ci faranno essere meno dipendenti dallo smartphone. In breve, Android sta maturando e sta diventando più completo. In pochi anni siamo passati dal fare chiamate e inviare SMS ad essere in grado di gestire quasi tutta la nostra vita attraverso uno schermo.

Le patch di sicurezza, quell’elemento essenziale

Da oltre un anno c’è qualcosa che attacca a ripetizione non solo gli utenti, ma Google stessa, in quanto proprietario di Android, ed è il malware. Ovviamente, Mountain View non è stata a guardare a guardare, e ha deciso di lanciare una misura consistente nel rilasciare aggiornamenti mensili contenenti patch contro diversi tipi di malware. Se vuoi abbiamo pensato a scriverti alcuni consigli su come difenderti dal malware

Google si è impegnata ad aggiornare i terminali Nexus e Pixel ogni mese con queste patch, non solo, ma anche ai produttori. Il problema, prevedibile allo stesso tempo (stranamente) sorprendente, è che non tutti sono disposti a divulgare questi aggiornamenti mensili.

Questo è un qualcosa che dovrebbe essere obbligatorio per tutti i produttori di telefoni Android, perché non è un aggiornamento in cui il produttore deve adattare la sua U.I e bloatware per essere rilasciata, ma qualcosa di semplice come applicare quelle patch, senza non toccare nient’altro e lanciarle via OTA.

Questo è particolarmente importante a causa degli ultimi malware che sono emersi in questi mesi, che sono in grado di rubare dati, rootare il nostro dispositivo o eliminare file dal nostro cellulare, come nel caso di GhostCtrl. Non sono capricci, è una questione di sicurezza e privacy, dato che c’è anche qualche malware che si intrufola nel Google Play, vedi Ztorg. Pensando ai nostri utenti abbiamo deciso di consigliarvi le migliori applicazioni per difendervi dal malware.

La frammentazione di Android, un problema non facile da risolvere

La frammentazione di Android, se ne parla da molto tempo, ma non si riesce a risolvere il problema. Ogni produttore segue una politica di aggiornamento diversa, ci sono quelli che garantiscono perlomeno un paio di aggiornamenti, e poi ci sono quelli che non aggiornano mai i loro dispositivi. Proprio questo comportamento fa si che gli utenti si mettono in cerca di tutorial su come fare il root al loro dispositivo Android per poi voler anche sapere come installare una rom personalizzata.

Fino a quando Google non diventerà davvero duro con i produttori, la frammentazione sarà all’ordine del giorno.

Quindi da come avete appena finito di leggere, è sempre buono aggiornare il software sul vostro dispositivo Android, perché porta con se aggiornamenti della sicurezza, correzioni di errori, risolve i problemi di compatibilità e ottimizza il sistema.

Author: GuideSmartPhone

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.