Firmware vs software: quali sono le differenze

Firmware vs software

Se ti sei mai dilettato con le ROM personalizzate o hai installato manualmente un aggiornamento del sistema operativo Android, potresti esserti imbattuto nel termine “firmware”. Quando si esegue il flashing di un aggiornamento del sistema operativo, è necessario creare il software per firmware o per l’hardware specifico del dispositivo. Questa differenza è parte del motivo per cui può richiedere così tanto tempo per un OEM distribuire l’ultima versione di Android su tutti i dispositivi.


Non siamo stati molto chiari, ma esiste una distinzione critica tra firmware e software, quest’ultimo delle quali è probabilmente un termine molto più familiare. In breve, il firmware si trova molto vicino all’hardware, mentre il software è quello che gestisce il firmware.  Esploriamo un po’ più a fondo firmware vs software.

Firmware vs software

Sia il firmware che il software sono frammenti di codice in esecuzione nell’hardware all’interno del telefono e altri gadget. La distinzione chiave è ciò che sono progettati a fare, dove vengono salvati e quanto sono facili da aggiornare e modificare.

Il software è generalmente considerato un programma o un pezzo di codice progettato per l’interazione dell’utente. È il “livello più alto” del codice che consente agli utenti ciò di cui hanno bisogno. 


Questa potrebbe essere un’app sul tuo smartphone, un widget per la schermata iniziale e appena sotto anche il sistema operativo Android stesso. Il software di solito è scritto in un linguaggio di alto livello, come Java, con molte librerie e funzioni predefinite per facilitare lo sviluppo.

Software: applicazioni interattive che vengono eseguite tramite l’hardware di un dispositivo

Il software funziona grazie alla CPU e viceversa e su altri processori principali, facendo uso di RAM e memoria flash per salvare e caricare i dati. Un altro punto chiave è che il software può essere modificato senza dover mettere mano sull’hardware, eseguendo un semplice l’aggiornamento. Con alcune eccezioni, il software è progettato per essere il più indipendente possibile dall’hardware.

Il firmware, al confronto, non è progettato per interagire direttamente con l’utente. Al contrario, è il “livello più basso” nascosto di codice che viene eseguito sul dispositivo. Sebbene a rigor di termini ci possano essere diversi livelli di firmware, così come possiamo considerare diversi livelli di software. 

Invece di funzionare sulla CPU principale, il firmware spesso funziona su processori più piccoli dedicati per i componenti hardware. Ad esempio, ciò potrebbe includere un controller di memoria per un’unità di memoria flash. 

Il firmware è in genere scritto in un linguaggio di basso livello, con poco supporto delle librerie in quanto il codice è altamente personalizzato per i singoli dispositivi.

Firmware: codice di basso livello che controlla e configura l’hardware specifico di un dispositivo

Il firmware è un codice che permette la corretta configurazione dell’hardware e fornisce le sue funzioni di base. È la spina dorsale essenziale che assicura che l’hardware funzioni e che sia accessibile dal software di livello superiore. L’hardware che esegue il firmware include chip di memoria flash, CPU e display. 

Aggiornare il firmware può essere un po’ più complicato, poiché il software in esecuzione dipende da questo. Questo è il motivo per cui non è necessario riavviare il telefono dopo aver aggiornato un’app, ma è necessario quando si installa un importante aggiornamento della versione di Android.

La battaglia tra firmware e software si svolge all’interno del tuo smartphone. In effetti, i due sono essenziali per far andare avanti il tutto senza intoppi. Non interagirai mai direttamente con il firmware, ma svolge una serie di funzioni importanti.

Il firmware all’interno dello smartphone include il codice in esecuzione all’interno del modulo fotocamera. Gestisce la raccolta delle immagini e l’elaborazione anticipata, prima di consegnare i dati all’ISP e ad altri componenti di elaborazione. 

Allo stesso modo, il display avrà anche un proprio microprocessore, completo di firmware, per gestire i dati del colore, la luminosità, la gamma e altre impostazioni. Anche la CPU ha il proprio firmware sotto forma di un kernel di basso livello per ottimizzare la pianificazione delle attività, le velocità di clock e il consumo di energia.

Il software per smartphone include il sistema operativo Android e quindi le app in esecuzione. Quindi tutte le tue app sono software, inclusi Facebook, Chrome, Gmail e Play Store.

Come puoi vedere, interagirai regolarmente, aggiornerai, aggiungerai ed eliminerai il software dal tuo dispositivo. Il firmware rimane saldamente al lavoro in background.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*