Effetto bokeh, la guida completa

By | Agosto 3, 2023
Effetto bokeh

L’effetto bokeh è una firma artistica che spesso compare nei ritratti, nella fotografia di moda, negli scatti culinari e in qualsiasi primo piano. Si riferisce a quella delicata sfumatura sfocata che si dissolve dietro il soggetto principale, creando un alone quasi etereo. Questo particolare stile, reso popolare grazie alla parola giapponese “bokeh”, dona un senso di sofisticatezza ed eleganza al soggetto principale, facendolo spiccare con grande enfasi. Molto più che una semplice sfocatura, l’effetto bokeh aggiunge un livello suggestivo e astratto alla tua fotografia. Non è solo uno sfondo sfocato, ma un elemento estetico che valorizza il soggetto principale, rendendolo protagonista assoluto dello scatto. Ma come si realizza questo affascinante effetto bokeh? E come si può migliorare durante la post-produzione? In questo articolo, esploreremo queste domande per aiutarti a padroneggiare l’arte della fotografia bokeh.


Trucchi e consigli per utilizzare l’effetto bokeh nella fotografia

Il bokeh, un fenomeno meraviglioso che inonda le tue foto di un tocco artistico, non è così complicato come potrebbe sembrare. Sei pronto a esplorare l’affascinante mondo della fotografia bokeh?

La grandezza del sensore della fotocamera può fare una grande differenza nel conseguimento dell’effetto bokeh. Le fotocamere dotate di sensori più grandi, come le fotocamere SLR full-frame (come la Canon R6, la Nikon Z5 o la Sony Alpha 7R IV), hanno un vantaggio nel produrre un effetto bokeh più marcato rispetto a quelle con sensori più piccoli. Al contrario, fotocamere compatte o telefoni cellulari, che di solito hanno sensori più piccoli, potrebbero non essere in grado di generare lo stesso livello di bokeh, a meno che non stiate fotografando soggetti molto vicini.

Non dimenticate che il tipo di obiettivo può influenzare notevolmente l’effetto bokeh nelle vostre foto. Gli obiettivi tele tendono a produrre un bokeh più evidente rispetto agli obiettivi grandangolari. Per dare al tuo soggetto quel tocco in più di risalto su uno sfondo sfocato, prova a usare un teleobiettivo.

Un altro aspetto cruciale per ottenere un buon effetto bokeh è l’apertura. Un’apertura più ampia come 1.4 o 2.8 può produrre uno sfondo piacevolmente sfocato, mentre un’apertura più piccola come 8 o 16 potrebbe rendere lo sfondo più nitido.

La combinazione di questi tre elementi – una fotocamera full-frame, un potente teleobiettivo e un’ampia apertura – può portare all’effetto bokeh più pronunciato. Immagina un paesaggio pieno di punti luminosi che formano cerchi sfocati in background – questo è il bokeh tipico.

Prendi ad esempio uno shooting di moda all’aperto. Gli esperti utilizzano di solito fotocamere full-frame e spesso ricorrono a potenti teleobiettivi con una lunghezza focale di 300 millimetri e l’apertura più ampia di 2,8. Anche se un tale obiettivo può costare da 2500 a 6000 euro e pesare circa due chili e mezzo, il risultato è uno sfondo perfettamente sfocato che fa risaltare il soggetto, spesso modelli e abiti.

Gli zoom con una lunghezza focale di 70-200 millimetri a f/2.8 sono anche popolari tra i fotografi per il bokeh. Nonostante pesino circa 1,5 chili e costino tra 800 e 2000 euro, possono ancora garantire un buon effetto bokeh.

Quindi, quando si tratta di fotografia bokeh, è tutto una questione di abbinare la giusta attrezzatura con le tecniche adeguate per creare immagini uniche e affascinanti. Che siate professionisti o appassionati, l’effetto bokeh può aggiungere una dimensione extra alle vostre immagini, trasformando scatti ordinari in opere d’arte.


Non tutto ciò che luccica è oro

Nel mondo della fotografia, un’immagine nitida e di alta qualità è l’obiettivo di molti. Ma una macchina fotografica, nonostante un sensore di immagine eccellente, potrebbe non essere sufficiente se abbinata a un obiettivo di bassa luminosità. D’altra parte, una fotocamera con un sensore meno potente può sorprendentemente produrre una maggiore sfocatura bokeh, a patto che l’obiettivo sia dotato di un’apertura molto più ampia, come 1.4 rispetto a 3.3.

Ogni sfocatura ha la sua forma

Tra gli appassionati di fotografia, la discussione sull’effetto bokeh non finisce mai. Ogni tipo di sfocatura, infatti, assume forme diverse – circolari, ovali o angolari – a seconda della lente utilizzata. È opinione comune che la sfocatura circolare sia quella più desiderata, ma è questo dettaglio a rendere la fotografia bokeh un’arte così affascinante.

Crea la tua fotografia con l’effetto bokeh perfetto

I produttori di obiettivi stanno mettendo mano alla produzione di lenti con diaframmi a undici o nove lame, piuttosto che le tradizionali sei, per evitarne gli anelli di sfocatura angolare. Ma non dimentichiamo che ogni obiettivo può avere un lieve contorno attorno all’anello di sfocatura, un piccolo dettaglio che molti fotografi vorrebbero evitare. Tutto questo dimostra quanto sia vasto e complesso l’universo della fotografia bokeh.


Scopri la magia del diaframma

Se hai tra le mani una fotocamera ed un obiettivo adatto, sai che puoi plasmare l’effetto bokeh modulando semplicemente il diaframma. Per immergerti in questa tecnica, prova a settare la tua fotocamera in modalità “priorità di apertura”. Troverai questa funzione spesso contrassegnata con una “A” sulla ghiera della tua macchina fotografica. Definisci l’apertura manualmente e lascia che la tua fotocamera decida autonomamente il tempo di esposizione adeguato.

L’arte di creare l’effetto bokeh

Quando i fotografi inseguono l’effetto bokeh più intenso, sono soliti impostare l’apertura al massimo possibile, ad esempio 1.4, 1.8, 2.8 o 3.3, a seconda dell’obiettivo a disposizione. Però, attenzione: la massima performance dell’obiettivo non si raggiunge con l’apertura completamente spalancata. Ad esempio, il tuo soggetto principale, già a fuoco, guadagnerà in nitidezza se non scatti con l’apertura al massimo. Per una nitidezza ottimale, prova a chiudere un po’ il diaframma, ad esempio da 1.4 a 2.0 o da 2.8 a 4.0.

Quando l’apertura totale non giova alla fotografia

Oltre alla nitidezza, anche altri aspetti della foto possono risentire negativamente di un diaframma completamente aperto. Potresti notare difetti come vignettatura o fastidiose frange cromatiche. Forse, con l’apertura massima, la foto risulterà nel complesso un po’ troppo soffice e priva di contrasto. Esistono obiettivi con aperture enormi come 1.2 o addirittura 0.95 che promettono un impatto bokeh considerevole, ma la nitidezza generale della foto rischia di essere deludente a tale apertura. Quindi, frena un po’!

Scegli il giusto programma di scatto

Se la tua fotocamera non ha la modalità “priorità di apertura”, puoi comunque ottenere un’ampia apertura, e quindi un buon effetto bokeh, utilizzando i programmi di scatto specifici per sport o ritratti. Al contrario, se selezioni programmi come “paesaggio” o “architettura”, la tua fotocamera tenderà a chiudere il diaframma, creando uno sfondo dettagliato che non lascia spazio alla soffice sfocatura tipica delle foto bokeh.

Impara a Creare il Perfetto Effetto Bokeh: Tecniche di Fotografia per Sfumature Magiche

È ben noto che l’attrezzatura fotografica può fare la differenza in una foto, ma è la composizione dell’immagine a giocare un ruolo chiave quando si parla di ‘foto bokeh’. Spaziando tra soggetto e sfondo, si può creare un meraviglioso effetto sfocato che enfatizza il punto focale dell’immagine. Un esempio semplice da seguire potrebbe essere allontanare il tuo modello da un muro o da vegetazione circostante, per ottenere una maggiore sfocatura dello sfondo nell’immagine.

Inoltre, quando si cerca di realizzare una ‘fotografia effetto bokeh’, si deve ricordare di mantenere una certa distanza tra il soggetto principale e lo sfondo, specialmente durante la scatto di foto macro. Questo garantisce che l’attenzione sia rivolta sul soggetto, mentre lo sfondo sfocato crea una sensazione piacevolmente artistica.


Anelli di Sfocatura e Luce: Le Chiavi per un Effetto Bokeh Sbalorditivo

L’uso degli ‘effetti bokeh’ può essere ulteriormente esaltato con l’ausilio di anelli di sfocatura. Questi sono particolarmente evidenti quando si hanno punti luminosi in ambienti bui, generando un’attrattiva sfocatura. Ottenere un ‘effetto bokeh’ in queste situazioni può portare a risultati affascinanti, come ad esempio:

Il fascino unico che la retroilluminazione può portare a foglie e ad altri soggetti semi-trasparenti.
Ricorda di sperimentare con diverse configurazioni e posizioni della tua macchina fotografica. Potrebbe essere sorprendente notare come cambiano gli anelli di sfocatura quando si modifica leggermente l’apertura del diaframma (ad esempio da 2.8 a 4.0).

Fotografia Bokeh Elevata: L’Uso di Lenti Speciali

Per gli appassionati di ‘fotografia effetto bokeh’ in cerca di maggiore controllo sulla sfocatura, esistono lenti speciali come le lenti tilt-shift, inizialmente concepite per la fotografia architettonica. L’uso di queste lenti può offrire opportunità uniche per la distribuzione della sfocatura. In alternativa, si potrebbe considerare l’uso di lenti a effetto economiche, come le Lensbaby, per ottenere un tocco di creatività e sperimentazione nelle tue foto bokeh.

Come creare effetto bokeh online

Diamo uno sguardo al magico mondo della fotografia bokeh, dove la sfocatura dello sfondo diventa l’artista. Sapevi che esistono siti web di vari produttori di fotocamere e obiettivi che ti permettono di giocare con l’effetto bokeh senza neanche toccare la tua fotocamera? Sì, è vero! Questi strumenti online ti offrono la possibilità di simulare diversi gradi di sfocatura dello sfondo e di zoom, il tutto grazie ad un comodo cursore.

Prima di immergerti in queste simulazioni di fotografia con effetto bokeh, dovrai impostare la dimensione del sensore della tua fotocamera. Successivamente, potrai cimentarti virtualmente con diverse combinazioni di apertura del diaframma e lunghezza focale. Questi parametri, infatti, sono fondamentali per ottenere una foto bokeh di grande impatto. Ora, potresti chiederti: quali sono questi siti di cui parliamo? Ecco una piccola lista di alcuni che potrebbero interessarti:

Creare un effetto bokeh su un telefono cellulare

Inizialmente, l’effetto bokeh sembrava un sogno irraggiungibile per gli appassionati di fotografia su smartphone. La dimensione ridotta del sensore del telefono limitava notevolmente la possibilità di ottenere quella sfumatura di sfocatura caratteristica delle foto bokeh. Ma grazie all’innovazione, gli smartphone di punta offrono ora una sfocatura dello sfondo di qualità eccezionale.

Alcuni dei modelli più sofisticati vantano aperture ampie, fino a 1,6, e sensori di dimensioni paragonabili a quelli delle fotocamere compatte – pensa ad un sensore grande quanto 1/1,7 pollici. Questa combinazione consente una sfocatura dello sfondo molto efficace, specialmente quando si fotografano soggetti in primo piano, come un delicato fiore o una tazza di caffè fumante.

Un consiglio d’oro: prima di immortalare il tuo soggetto, assicurati di toccare lo schermo nel punto desiderato. Questo consentirà al telefono di mettere a fuoco esattamente dove vuoi tu.

I dispositivi di fascia alta più recenti offrono funzioni come il live focus o l’apertura variabile, a seconda del produttore. Queste funzioni ti consentono di modificare la sfocatura dello sfondo anche dopo aver scattato la foto. Basta visualizzare l’immagine nella tua galleria e cercare il simbolo che ti permette di regolare la sfocatura dello sfondo.

Questo significa che non solo puoi controllare l’effetto bokeh mentre scatti la foto, ma hai anche la possibilità di perfezionarlo in un secondo momento. È uno strumento utile per creare ritratti d’atmosfera con uno sfondo sfocato. Tuttavia, è importante fare attenzione: la sfocatura dello sfondo, se utilizzata in maniera eccessiva o inappropriata, può sembrare innaturale o addirittura sminuire l’oggetto principale della tua foto. Ricorda sempre: nella fotografia, come in molti altri ambiti, meno è più.

Creare un effetto bokeh su PC

Cominciamo parlando delle basi della creazione dell’effetto bokeh in post-produzione. Sembra semplice, vero? Selezioni lo sfondo circostante il tuo soggetto – magari usando uno strumento di selezione rapida – e applichi un filtro di sfocatura. Ma non è così lineare. Per gli sfondi dove la distanza dal soggetto cambia, come per esempio una fotografia scattata da un angolo alto di un tavolo, è necessario fare un passo in più.

Devi creare un canale alfa con un gradiente di scala di grigi nel tuo software di fotoritocco. Questo gradiente determinerà l’intensità della sfocatura nelle diverse aree dell’immagine.

Gaussiana No Grazie: Alla Ricerca dell’Effetto Bokeh Perfetto

Eppure, una sfocatura generica come la popolare “sfocatura gaussiana” non è l’ideale. Sì, sfoca lo sfondo, ma l’effetto finale spesso manca di vita. Questo perché la sfocatura gaussiana tende a “mangiare” le luci, riducendo il contrasto e privando l’immagine di quegli affascinanti anelli di luce che circondano le sorgenti luminose – un tratto distintivo della fotografia effetto bokeh.

Sperimentazione è la Chiave: Illumina il Tuo Mondo con la Foto Bokeh

Quindi, che cosa fare? Sperimenta. Gioca con la gamma di luminosità, restringila o espandila. Modifica i valori per le luci bokeh e la sfocatura. Un trucco da tenere a mente: più alto è il valore che assegni alle luci bokeh, più stretta sarà la gamma di luminosità.

Con queste tecniche, sei sulla strada giusta per creare quell’incantevole effetto bokeh, sia che tu lo stia facendo direttamente durante la sessione di scatto o in fase di post-produzione. Non ci sono limiti alle possibilità quando lavori con gli effetti bokeh, quindi scatta e sperimenta fino a che non ottieni l’immagine perfetta.

FAQ sull’Effetto Bokeh

1. Che cos’è l’effetto bokeh?

L’effetto bokeh è un termine utilizzato in fotografia che si riferisce all’aspetto estetico delle aree sfocate di una fotografia, tipicamente quelle parti dell’immagine che si trovano al di fuori della profondità di campo. Può essere visto come un sfondo sfocato mentre il soggetto dell’immagine è nitido e in primo piano.

2. Come si pronuncia “bokeh”?

Bokeh si pronuncia “bo-keh”. Deriva dal termine giapponese “boke”, che significa “sfocatura” o “haze”.

3. Come posso ottenere l’effetto bokeh nelle mie fotografie?

L’effetto bokeh può essere ottenuto utilizzando una fotocamera con una grande apertura dell’obiettivo (es. f/1.4, f/2.0), una lunga distanza focale (es. 50mm, 85mm) e mettendo a fuoco un soggetto vicino mentre lo sfondo è distante.

4. Posso ottenere l’effetto bokeh con un telefono cellulare?

Sì, molti smartphone moderni offrono una modalità ritratto o sfocato, che permette di ottenere l’effetto bokeh. Queste funzioni utilizzano software avanzato per emulare la profondità di campo di una vera fotocamera DSLR.

5. L’effetto bokeh migliora le fotografie?

L’effetto bokeh può migliorare una fotografia isolando il soggetto e rimuovendo potenziali distrazioni nello sfondo. Tuttavia, la sua efficacia dipende dall’intento artistico e dal contesto.

6. Che differenza c’è tra bokeh e profondità di campo?

La profondità di campo si riferisce alla zona dell’immagine che appare nitida, mentre l’effetto bokeh si riferisce all’aspetto qualitativo dell’area sfocata al di fuori della profondità di campo.

7. Esistono diversi tipi di bokeh?

Sì, il bokeh può essere classificato in base alla sua qualità, che può variare da “morbido” o “cremoso” a “duro” o “nervoso”. Questo è influenzato da vari fattori, tra cui il tipo di obiettivo utilizzato e la configurazione dell’apertura.

8. Come posso migliorare il mio bokeh?

Una delle chiavi per ottenere un bokeh più gradevole è utilizzare un obiettivo con un’apertura ampia, come f/1.4 o f/2.0. Inoltre, cercare di mantenere il soggetto lontano dallo sfondo può contribuire a un bokeh più distinto e bello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.