Google DNS guida completa

By | Agosto 4, 2020
Come utilizzare Google DNS e quali sono i vantaggi

Tramite la lettura di questo articolo imparerai come utilizzare Google DNS e quali sono i vantaggi. Iniziamo subito. La maggior parte di noi utilizza Internet quotidianamente senza rendersi conto dell’enorme numero di sistemi, reti e server che operano all’ombra per portarci i diversi servizi online direttamente sui nostri schermi.

Una di queste tecnologie essenziali per la navigazione, ma poco nota al grande pubblico, è il DNS ( Domain Name System o Domain Name System ), che di solito sono configurati come standard sui router forniti dal nostro provider di accesso a Internet (ISP).

Come utilizzare Google DNS e quali sono i vantaggi

Tuttavia, questa configurazione non è sempre la più appropriata o conveniente per la nostra nazione, quindi la possibilità di selezionare un servizio alternativo come Google Public DNS. Che cos’è, come posso usarlo sul mio computer e quali vantaggi mi darà?

Che cos’è il DNS Google e a cosa serve?

Quando un computer è collegato a una rete, è necessario assegnare un indirizzo IP per identificarlo tra gli altri computer. Se ci troviamo in una rete locale con pochi computer, è facile riconoscere e scrivere, anche su carta, gli indirizzi IP di ciascuno. Ma cosa succede se ci troviamo di fronte a una rete globale come Internet con miliardi di dispositivi connessi?

Bene, le cose si complicano e l’utente umano, che è più in grado di gestire indirizzi di testo (ad esempio Guidesmartphone.net) rispetto a stringhe di numeri IP (54.230.78.52), ha bisogno di ulteriore aiuto, quindi è necessario un sistema intermedio che traduce questi nomi di dominio negli indirizzi IP del server in cui è ospitata la pagina o il servizio che vogliamo utilizzare.

I DNS sono una tecnologia basata su un database distribuito che serve proprio per tradurre questi nomi di dominio su reti. Cioè, per conoscere l’indirizzo IP della macchina in cui è ospitato il servizio a cui vogliamo accedere.

Ogni computer, per impostazione predefinita, ha un piccolo server DNS che archivia una cache con gli indirizzi più recenti a cui abbiamo avuto accesso. Se il dominio che vogliamo visitare non si trova in questa cache, verrà utilizzato il server Google DNS che abbiamo configurato nel nostro sistema operativo o nel router (che sarà quello fornito dall’ISP), avviando così una ricerca ricorsiva fino a quando non viene trovato l’indirizzo.


Ed è qui che entrano in gioco i servizi DNS pubblici gratuiti come Google Public DNS, che ci consentono di sostituire la ricerca di indirizzi nei database del nostro provider Internet con un altro sui server di Google. Perché dovremmo voler fare questo?

Vantaggi dell’utilizzo dei server DNS Google

Il primo motivo è la velocità di risposta nella risoluzione delle richieste. Quando si visita un sito Web, non solo viene generata una singola richiesta DNS, ma a seconda del contenuto a cui si accede, potrebbero esserci molte richieste per la risoluzione dell’indirizzo IP. Ciò provoca un aumento del tempo di accesso se il server DNS è lento, saturo o incapace di risolvere questa richiesta inoltrandola a un altro computer.

I server di alcuni ISP possono in certi momenti essere saturati dalle richieste di molti utenti se la rete è sovraccarica, rallentando la navigazione dei loro client. Inoltre, la posizione di questi server non è sempre vicina alle nostre case, quindi si perde anche tempo nell’invio dei dati, anche alla velocità della luce.

Google ha aggiornato i server con la tecnologia più recente con grandi database che indicizzano la maggior parte delle pagine Web del mondo, aggiornano costantemente queste informazioni (poiché buona parte della sua attività dipende da essa) e ci indirizzano al server più vicino alla nostra posizione. Pertanto, in alcuni casi la risposta durante l’utilizzo del DNS è più rapida rispetto a quella del nostro ISP.

Il DNS di Google è sempre più veloce degli altri? Beh no. Dipende dalla nostra posizione, da come e dove si trovano i server dei nostri ISP, e in particolare dalla rete a cui siamo connessi. Come faccio a sapere se ne vale la pena? Bene, esiste uno strumento molto utile chiamato namebench che dopo l’esecuzione ci dirà quale servizio DNS è il migliore per noi in termini di velocità.

Il prossimo grande motivo è quello di aggirare le restrizioni di accesso a determinati servizi o pagine Web relative a censure o divieti. Una delle formule più comuni per impedire l’accesso a un sito Web è bloccare il dominio a livello DNS degli operatori del paese. È qualcosa che abbiamo visto ad esempio nei casi di The Pirate Bay, o in paesi con dittature e accesso limitato alle informazioni. In questi casi, l’utilizzo del DNS dell’operatore ci impedirà di accedere al sito Web desiderato, la trappola che possiamo facilmente saltare usando, ad esempio, il DNS di Google.

Un altro vantaggio importante è il miglioramento della stabilità e della sicurezza. Il DNS di Google viene costantemente aggiornato con aggiornamenti della sicurezza per prevenire diversi tipi di attacchi (come la negazione del servizio) che compromettono le prestazioni della rete o possono persino bloccare l’accesso a determinate pagine. Inoltre, quando il carico di lavoro DNS dell’ISP è molto elevato, potrebbero esserci problemi di stabilità che potrebbero rallentare o arrestare completamente la navigazione. Da qui il vantaggio di avere un sistema alternativo per farci uscire dai guai.

Come configuro Google DNS sul mio computer?

Se dopo aver letto tutto quanto sopra hai deciso di provare il DNS di Google e sostituire quelli del tuo ISP, vai avanti, è un processo molto semplice e veloce da fare e puoi anche tornare sempre allo stato precedente (per questo è meglio che prima per iniziare a sostituire qualsiasi cosa, annota su un foglio gli indirizzi forniti dal tuo ISP che di solito troverai sul router). Esistono due modi di base per modificare il DNS: direttamente sul router principale di casa o su tutti i computer collegati a Internet.

Modifica DNS sul router

Le modifiche interesseranno tutti i dispositivi collegati alla rete locale e che vengono richiesti automaticamente per il DNS, in modo da evitare di dover configurare computer per computer. Gli indirizzi dei server sono i seguenti (di solito utilizziamo indirizzi IPv4, poiché non tutti i router, i computer e le reti attuali supportano IPv6):

IPv4 DNS pubblico di Google:

  • dns 8.8.8.8
  • dns 8.8.4.4

IPv6 DNS pubblico di Google:

  • 2001: 4860: 4860 :: 8888
  • 2001: 4860: 4860 :: 8844

Per cambiarli, la prima cosa da fare è andare nelle impostazioni del router attraverso il browser Web, in genere digitando l’indirizzo 192.168.1.1, 192.168.2.1 o 192.168.0.1 nella barra di navigazione.

  • Quindi eseguiamo l’accesso all’interfaccia Web immettendo nome utente e password, i valori che per impostazione predefinita sono in genere “1234/1234”, “1234 /” (password vuota), “admin /”, “admin / admin”, a seconda del modello che abbiamo e come lo ha configurato il nostro operatore.
  • Cerchiamo la scheda di configurazione e la sezione della rete locale o LAN. Qui dovrebbero apparire le opzioni “DNS primario” e “DNS secondario”.
  • Annotiamo su un foglio gli indirizzi che compaiono nel caso in cui desiderassimo cambiarli di nuovo e inseriamo entrambi i DNS di Google.
  • Salviamo le modifiche e basta. (In alcuni casi potrebbe essere necessario riavviare il router affinché abbia effetto).

Modifica DNS in Windows

Se ciò che vogliamo è utilizzare Google DNS solo su un computer Windows, possiamo farlo facilmente e la modifica avrà effetto solo su quel computerEcco i passaggi per cambiare DNS in Windows 10.

  • Apriamo il menu di configurazione di Windows 10. In esso scegliamo l’opzione Rete e Internet per modificare le caratteristiche delle nostre connessioni Internet.
  • Se il computer è collegato direttamente al router, immettere l’opzione Ethernet e, in caso contrario, utilizzeremo l’opzione Wi-Fi che verrà visualizzata. In entrambi i casi, ora facciamo clic sull’opzione Modifica opzioni adattatore.
  • Si aprirà il pannello Connessioni di rete, in cui faremo clic con il pulsante destro del mouse sulla nostra connessione selezionando Proprietà. Una volta lì, cerchiamo e selezioniamo l’opzione * Protocollo Internet versione 4 (TCP / IPv4) e facciamo clic sul pulsante * Proprietà *. Nel caso in cui abbiamo IPv6 dovremo anche configurare questa sezione in aggiunta a quella IPv4.
  • Una volta in queste proprietà scegliamo l’opzione Utilizza i seguenti indirizzi di server DNS e inserisci gli indirizzi DNS di Google. Quando lo facciamo, fai clic su Accetta e avremo finito.
  • E nel caso in cui abbiamo una versione precedente di Windows, ecco il processo per farlo.
  • Apriamo la configurazione dell’interfaccia di rete che abbiamo (ad esempio “Connessione alla rete locale”) Per fare ciò, fai clic sull’icona che appare in basso a destra sul desktop di Windows, entriamo in “Apri la rete e il centro risorse condivise” oppure possiamo accedervi accedendo dal Pannello di controllo> Connessioni di rete, a seconda della versione del nostro sistema operativo.
  • Facciamo doppio clic sulla connessione che vogliamo configurare (nel nostro caso “Connessione alla rete locale”), quindi facciamo clic sulle proprietà e infine sul servizio che vogliamo modificare ( Protocollo Internet versione 4 ).
  • Contrassegniamo l’opzione “Utilizza i seguenti indirizzi server DNS” e inseriamo gli indirizzi DNS di Google nelle caselle corrispondenti.

Modifica DNS in OS X

Per cambiare DNS su un computer con sistema operativo OS X, i passaggi sono molto simili a quelli che abbiamo seguito in Windows.

  • Apriamo il pannello Preferenze di Sistema (nel menu Apple), cerchiamo l’icona Rete e selezioniamo l’interfaccia di rete che vogliamo configurare e premiamo il pulsante “Avanzate”, e nella finestra di dialogo che si apre quando facciamo clic su di essa accediamo alla scheda DNS.
  • Annotiamo gli indirizzi che compaiono per impostazione predefinita su un pezzo di carta nel caso in cui desiderassimo tornarci in un secondo momento e sostituirli con quelli del DNS di Google.

Modifica DNS su iOS e Android

Nei terminali mobili con sistema operativo iOS o Android, la modifica è molto semplice. Vai su Impostazioni / configurazione della rete WiFi. Vedremo che appare la rete a cui siamo connessi.

Fai clic su “Modifica rete”, “Opzioni avanzate” o “informazioni”, a seconda della versione e del sistema operativo che abbiamo e cerca l’opzione in cui vengono visualizzati gli indirizzi DNS predefiniti, cambiandoli con Google se lo desideri.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.