Hai perso il cellulare? Ti spieghiamo come trovarlo

By | Giugno 18, 2019

Se a un certo punto hai perso (o hai semplicemente creduto di aver perso) il tuo smartphone o tablet, sicuramente conoscerai l’attacco di panico che si verifica pochi secondi dopo. Tuttavia, la realtà è che i dispositivi Android hanno un semplice servizio di ricerca del dispositivo in caso di perdita. Di seguito spieghiamo i passaggi da seguire per trovare il tuo cellulare smarrito.



Come individuare il tuo telefono Android perso

Affinché Google possa trovare il tuo smartphone senza problemi, devi verificare quanto segue:

  • Lo smartphone deve essere connesso allo stesso account Google da cui si accederà per cercare di individuarlo.
  • Il tuo cellulare deve avere accesso a Internet.
  • Il tuo smartpthone deve essere acceso al momento della perdita.
  • Devi consentire a ‘Gestione dispositivi Android’ di accedere al tuo smartphone. Di default, l’opzione è attivata nelle “Impostazioni” del nostro terminale.

Tutto quello che dobbiamo fare per essere in grado di localizzare il nostro telefono è scrivere su Google: “trova il mio cellulare”. Il primo risultato che vediamo è la posizione approssimativa del nostro telefono in Google Maps. Da questa finestra possiamo far suonare il telefono per trovarlo più facilmente.

Se il nostro terminale si trova in un luogo sconosciuto o non sicuro, possiamo fare clic sulla mappa per accedere a “Gestione dispositivi Android”, da cui oltre a far squillare il nostro smartphone, possiamo anche bloccare o eliminare tutti i dati memorizzati.

Se al momento della perdita del tuo cellulare non abbiamo accesso a un computer, possiamo anche inserire “Gestione dispositivi Android” tramite un altro smartphone utilizzando il browser o scaricando l’applicazione.

Cosa succede se non riesco a trovare il mio telefono?

I motivi possono essere diversi e il primo e più probabile è che il telefono non è connesso a Internet o sia spento. Se questo è il tuo caso, è consigliabile riprovare a utilizzare il “Gestore periferiche” più avanti, nel caso in cui il terminale recuperi la connessione Internet.

Per localizzare il tuo telefono Android è anche possibile utilizzare la cronologia delle posizioni, per vedere dove è stato il telefono o il tablet prima che diventi o è diventato non operativo. Puoi accedere tramite questo link  o semplicemente scrivendo su Google: “Cronologia delle posizioni”. È necessario che il servizio di localizzazione sia attivato per rendere possibile ciò.



Con la cronologia delle posizioni è possibile scegliere il giorno esatto in cui vogliamo vedere il percorso effettuato dal dispositivo. Questo servizio può aiutare se le opzioni che ho spiegato sopra non funzionano.

Altre applicazioni per localizzare il tuo smartphone

Cerberus

Un’applicazione molto completa per proteggere il tuo smartphone. È possibile tenere traccia del telefono e localizzarlo, attivare l’allarme anche in modalità silenziosa o cancellare la memoria interna e la scheda SD. Possiamo anche nascondere l’applicazione in modo che il ladro non sappia che l’abbiamo installata.

Cerberus permette anche di mostrare un messaggio sullo schermo in modo che la persona che ha il telefono possa leggerlo o persino scattare una foto remota di chi ha trovato o rubato il nostro terminale.

Android Lost

Un’applicazione molto simile alla precedente. Una volta scaricato, accediamo al sito Web di Android Lost e ci registreremo con il nostro indirizzo email.

Se il telefono viene rubato, possiamo controllarlo a distanza dal loro sito web. Tra le sue funzioni possiamo bloccare il terminale, registrare suoni, scattare una foto, ricevere un’e-mail se cambiano la SIM o cancellare dati dalla scheda SD tra le altre opzioni.

Tutte queste misure possono essere molto utili quando si recupera un telefono rubato o perso, ma come sempre dicono, la soluzione migliore è la prevenzione.

Hai avuto la sfortuna di perdere il tuo smartphone? Hai usato qualche applicazione e sei riuscito a recuperarlo? Raccontaci la tua storia nei commenti!

Author: Morgana Presi

Mi chiamo Morgana e non sono una fata. Scrivo di tanto in tanto per Guidesmartphone.net articoli che parlano di tecnologia. Mi piace scrivere di smartphone. Nella vita studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.