Il processore del computer

In questo articolo parleremo dei processori utilizzati nei computer, ma è bene chiarire che essi sono presenti anche in altri dispositivi elettronici, anche nei telefoni e in molti dei dispositivi elettronici attualmente in uso.


Perché il mio computer è così lento >>

Il processore è il cervello del sistema, responsabile dell’elaborazione di tutte le informazioni. Fondamentalmente, è il “cervello” del computer. In pratica, tutto passa attraverso di esso, poiché è responsabile dell’esecuzione di tutte le operazioni. Più veloce è il processore, più veloci saranno le operazioni.

È il componente in cui viene utilizzata la tecnologia più recente. I maggiori produttori di processori al mondo, sono grandi aziende con tecnologia per produrre processori competitivi per computer: Intel (che domina il mercato), AMD, IBM, che produce processori per altre aziende.

Alcuni dei modelli più moderni e che hanno la tecnologia più avanzata oggi sono Intel Core nelle sue varianti i3, i5 e i7, AMD Fusion e FX, che possono incorporare fino a 8 core.


Questi processori coprono gran parte delle esigenze dei computer desktop, mentre per dispositivi portatili come telefoni cellulari e tablet possiamo contare su processori ARM, Atom, Tegra2 e Snapdragon.

Il processore è il componente più complesso e spesso il più costoso, ma non può fare nulla da solo. Come per il cervello, ha bisogno di un corpo, formato dagli altri componenti del computer, tra cui memoria, disco rigido, scheda video e di rete, monitor, tastiera e mouse.

A cosa servono i dispositivi di raffreddamento?

Generalmente, i processori, a causa della loro struttura e velocità, si surriscaldano e per evitare il surriscaldamento, vengono utilizzati dispositivi di raffreddamento.

Nei computer attuali, i processori sono raffreddati da un dissipatore di calore, in alluminio o rame, con una piccola ventola e un condotto dell’aria che estrae l’aria calda dal computer.

Nomenclatura dei processori

Le due aziende più importanti, produttori di processori, sono Intel e AMD. Ciascuna di queste società adotta una certa nomenclatura per fornire informazioni al consumatore dal nome del processore. Apparentemente la nomenclatura di questi processori è alquanto confusa, ma con un po’ di attenzione possiamo identificare molte delle loro caratteristiche.

Iniziamo con i processori Intel

Nel caso della prestigiosa società Intel, tutti i processori Quad Core (4 core) iniziano con la lettera Q, Quad. Ad esempio: Q9550, Q8400s, Q9300.

Tutti Processore Dual Core ( 2 core) iniziano con la lettera Y. Ad esempio: Y7500, Y6750, Y4700.

La nomenclatura dei potenti processori Core iX è suddivisa gerarchicamente come segue.

Core i7: processori ad alte prestazioni (e costo elevato)

Core i5: processori delle prestazioni intermedie

Core i3: processori di prestazioni di base

Se il processore è un Atom significa che è stato creato per i netbook (EeePC)

Se è un Xeon, significa che è stato creato per i server.

Se il processore si sta acquistando è un Celeron, significa che questo è un processore di basso rendimento e basso costo. Questi Celeron sono solitamente utilizzati su computer più economici.

Nomenclatura AMD

Ogni processore che termina con X2, X3 e X4 ha rispettivamente 2,3 e 4 core. Ad esempio: Athlon 64 X2 4400.

Troverete sempre una numerazione accanto al nome di un processore AMD. Quella numerazione non significa la frequenza (o la velocità) del processore, indica solo il modello.

Le versioni che hanno FX alla fine del nome sono l’ideale per l’overclock.

Un processore chiamato Sempron, è un processore ultra-base. Con memoria cache e single core (single core) nessun processore Sempron è Dual Core.

Per quanto riguarda i processori Phenom, ci sono il Phenom e il Phenom II (il II è il migliore) e sono processori ad alte prestazioni. 

processori Turion sono stati realizzati esclusivamente per notebook. 

Un Opteron, è un processore progettato per server e Intel Xeon.

I migliori processori di ciascun produttore

Quando acquisti un processore, non devi analizzare solo il clock, poiché è solo una parte dell’apparecchiatura. Molti venditori possono non essere a conoscenza di tutte le caratteristiche quando ci vendono un processore se non sono informati. Possono offrirci un processore 3.2 assicurandoci che è meglio di un processore 2.6, senza sapere che potrebbe essere un Celeron … senza offesa.

Analizza sempre il processore che ha il maggior numero di clock, purché sia ​​di Intel o di AMD più recenti (Dual, Quad Core e iX, Phenom II e Athlon II). Ad esempio:

Tra il P8400, P8500, P8600 qual è il migliore? Quello con il numero più grande 

Phenom II X4 920 e Phenom II X4 955 qual è il migliore? Quello con il numero più alto 

Devi solo stare attento quando confronti processori di marche diverse!

La tecnologia multi-core dei processori

Non molti anni fa, i computer erano differenziati dalla velocità della CPU, dalla quantità di memoria installata, dalla capacità del disco rigido e da poco altro. Ma questo cambiato così grazie a metodi di costruzione più economica e quindi dal prezzo finale al consumatore, attualmente si può contare su processori fino a 8 core, meglio di un computer dual-core.

Tuttavia, per la maggior parte degli utenti, il numero di core nel computer è un dato che non significa nulla, tranne l’idea che funzioni più velocemente. Ma la tecnologia del processore multicore va ben oltre, e inoltre non è solo legata al campo del personal computing ma possiamo trovarla anche in altri tipi di dispositivi, sia portatili che fissi.

Questo è il motivo per cui è molto importante conoscere i diversi aspetti che circondano un processore, perché in questo modo sappiamo pianificare con precisione i vantaggi quando acquistiamo un computer, tablet, o un telefono al miglior prezzo.

La tecnologia CPU multicore può essere utile in casi estremi quando eseguiamo attività che richiedono molto dal computer, come macchine virtuali come VirtualBox o editing video, audio o attività che richiedono una notevole potenza di elaborazione.

Cos’è un core?

Quando parliamo di  “core”  di una CPU, stiamo parlando di ciascuno dei processori che sono impacchettati nella capsula, cioè sul chip. Questo è il motivo per cui  quando vediamo una CPU di due o quattro core vediamo solo un singolo chip, ma al suo interno ospita due o più processori che eseguono separatamente i loro compiti.

Questa tecnologia è possibile grazie al fatto che negli ultimi anni lo sviluppo costante e la ricerca nel campo della miniaturizzazione hanno raggiunto un’incredibile densità di componenti elettronici in uno spazio molto ridotto.

Fondamentalmente, le CPU multi-core permettono al computer di eseguire diversi processi contemporaneamente nei diversi processori che il chip ha, cioè, se ascoltiamo musica e navighiamo sul web allo stesso tempo, verranno utilizzati due processori, uno per il lettore musicale e un altro per il browser.

Se stiamo svolgendo le stesse funzioni ma su un computer con singol core, il processore si divide in due, quindi la risposta è molto, molto più lenta,  poiché il processore deve occuparsi di entrambi i compiti.

Tuttavia, i vantaggi dell’utilizzo di un multi – core sono misurate dalla quantità di applicazioni che devi utilizzare, dal momento che più processori ci possono aiutare con tutte le attività e processi sviluppati in background nel sistema.

Relazione tra la velocità della CPU e il numero di core

Un processore a 8 core con una velocità di 5 GHz, ovvero 8 processori all’interno del chip, non funzionerà mai moltiplicando il numero di processori per la velocità di clock.

Ogni processore all’interno del chip opererà a 5 Ghz, il che significa che il numero di core non raddoppierà la velocità. In aggiunta bisogna considerare che molti dei programmi che usiamo solitamente non può essere diviso tra due o più processori. Questo tipo di programmi deve essere eseguito da un singolo processore, il che significa che per questo tipo di programma anche con una configurazione multi-core non migliorerà le prestazioni.

In breve, queste applicazioni funzioneranno a 5 Ghz, il che è sufficiente, ma mai a 40 Ghz. Questo è il caso di Microsoft Office, che non beneficia direttamente dell’architettura multi-core, quindi le sue prestazioni saranno simili indipendentemente dal numero di core che la CPU contiene. Va notato che in questo tipo di casi, i rimanenti processori rimarranno a riposo in attesa di altri ordini da eseguire.

Sebbene le implementazioni di più core consentano all’utente di svolgere i propri compiti in modo efficace e rapido, la verità è che lo sviluppo di app che sfruttano questa tecnologia è un compito molto complesso, che avvantaggia i sistemi multi-core e lo sviluppo di processori con meno core ma che funzionano molto più velocemente. In questo senso, molti specialisti prevedono la fine della corsa per il Ghz e l’inizio dell’era del Multinucleo.

Per quanto riguarda le app che sfruttano la tecnologia multicore, Google Chrome è una delle applicazioni, insieme ad Ashampoo Snap 6, World of Tanks, VSO Player e altri che fanno buon uso di esso, condividendo il lavoro tra i diversi processori che compongono la CPU.

Definizioni di numero di core

In queste righe possiamo trovare un box con il significato delle definizioni con le quali i diversi tipi di CPU e il numero di core che contengono.

TIPO DI PROCESSORENUMERO DI NUCLEI
Dual CoreDue core
Quad CoreQuattro core
Hexa CoreSei core
Octo CoreOtto core
Deca CoreDieci core

Differenze tra 32 e 64 bit.

Una delle domande che di solito si fa chi deve cambiare un computer o effettuare installazioni o aggiornamenti al proprio sistema operativo o software utente, riguarda il tipo di architettura che viene eseguita internamente. Sicuramente abbiamo sentito parlare di una versione a 32 o 64 bit, ma sfortunatamente questi numeri non significano nulla per noi.

Questo è proprio l’obiettivo di questo articolo, fornire informazioni su questo argomento in modo che tutti possano sapere esattamente come abbinare quei numeri e quali sono le applicazioni pratiche, a causa di una errata applicazione di una qualsiasi di queste piattaforme in determinati compiti può comportare una perdita di denaro o addirittura una perdita di produttività molto importante.

Dovrebbe essere chiaro che la terminologia  “PC 32 o 64 bit”  si riferisce ad entrambi le architetture del processore e il sistema operativo utilizzato, cioè entrambi vanno mano nella mano, almeno nella maggioranza dei casi. Chiarita questa cosa andiamo avanti.

Principali differenze tra 32 e 64 bit

Fondamentalmente, la differenza principale tra un processore a 32 bit e un processore a 64 bit è che il primo può elaborare flussi di bit fino a 32 bit, mentre i processori a 64 bit possono raddoppiare questa capacità. Come sappiamo, il processore di un PC è responsabile dell’esecuzione di tutti i calcoli logici e matematici al fine di ottenere i risultati richiesti dall’utente, e per questo devono gestire pacchetti di informazioni ad una determinata velocità. A questo punto la differenza principale tra le due piattaforme è che nel caso dei processori a 64 bit, possono funzionare con il doppio delle informazioni nello stesso ciclo di clock di uno a 32 bit, consentendo loro di accedere a una maggiore capacità di memoria e elaborare blocchi di dati molto più grandi, aumentando il throughput e la velocità complessiva del processo.

Un’altra differenza, e il motivo per cui molti sistemi professionali preferiscono un’architettura a 64 bit, è che questo tipo di processori può teoricamente gestire fino a 16 exabyte di memoria, mentre i processori a 32 bit possono solo utilizzare 4 Gb, più che sufficienti per chi usa il proprio computer in modo leggero.

Per quanto riguarda i sistemi operativi, in particolare Windows, la differenza più importante tra le versioni a 32 e 64 bit è che il primo supporta fino a 4 GB di RAM, di cui verranno utilizzati solo 3,25 Gb. Nel caso dei sistemi operativi di 64 bit supportano fino a 192 Gb di RAM.

Cos’è il BIOS? Come aggiornare il BIOS >>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*