Sbloccare il Bootloader di Android, la guida ufficiale

By | Maggio 21, 2021
La guida ufficiale per sbloccare il Bootloader di Android

In questo tutorial ti spiegheremo cos’è il bootloader di un cellulare Android e come sbloccarlo. Per i veterani di Android, o quelli più esperti nel mondo del software e dei sistemi operativi, probabilmente conoscete perfettamente il concetto di bootloader e tutto ciò che circonda questo pezzo essenziale di qualsiasi sistema operativo. Altri, tuttavia, potrebbero non sapere ancora cos’è o o cosa serve quello che viene spesso definito “bootloader”.

Qualunque sia il tuo caso, o il motivo che ti ha portato a questo articolo, la nostra intenzione oggi è quella di chiarire tutti i dubbi su uno dei componenti più importanti di Android -e qualsiasi altro sistema operativo-, nonché i passaggi da seguire per sbloccare il bootloader del tuo telefono Android, indipendentemente dalla marca o dal modello.

Cos’è il bootloader e perché è importante?

In qualsiasi sistema operativo, attuale o di qualche anno fa, il bootloader è la parte software che si occupa di eseguire vari test prima che il sistema operativo possa avviarsi, oltre a dargli istruzioni affinché l’avvio venga eseguito senza problemi.

Per fare ciò, contiene vari tipi di informazioni che possono essere utili al sistema operativo all’avvio. In breve, e in modo molto ampio, il bootloader è una sorta di “guida” che aiuta il sistema operativo a sapere quali passaggi seguire durante il processo di inizializzazione.

Se ci concentriamo sul caso di Android, sappiamo che il bootloader è sviluppato dal produttore del dispositivo. Tra le altre cose, è anche responsabile della protezione dello stato del terminale e responsabile dell’inizializzazione dell’ambiente di esecuzione affidabile, l’ambiente di sistema che garantisce che i dati e il codice caricati all’interno saranno sempre protetti.

In qualsiasi dispositivo con all’interno Android, il bootloader contiene informazioni essenziali per il corretto avvio del sistema, come, ad esempio, la schermata “splash screen” che compare dopo aver premuto il pulsante di accensione sul terminale. 

D’altra parte, uno dei compiti più importanti del bootloader su Android, è la verifica dell’integrità delle partizioni di avvio e ripristino –recupero–, un processo che viene eseguito appena prima di trasferire l’esecuzione al kernel –o ripristino, nel caso in cui l’utente decida di accedervi, per completare l’inizializzazione del sistema operativo.


In caso di errore o avviso durante questo processo, apparirà sullo schermo come un avviso di “stato di avvio” per fornire all’utente indizi sui processi che hanno avuto esito negativo durante l’avvio.

Perché sbloccare il bootloader del vostro smartphone Android (bootloader unlock)

Praticamente tutti gli smartphone e tablet Android in commercio raggiungono i propri utenti con il “bootloader bloccato”. Ciò significa che, per impostazione predefinita, il bootloader limita l’esecuzione di ROM di terze parti o versioni modificate del sistema e consente l’avvio del sistema operativo solo quando viene eseguito tramite un’immagine firmata ufficialmente del dispositivo.

Abbiamo già visto che, data la natura open source di Android, ogni produttore è incaricato di sviluppare il bootloader per ciascuno dei propri dispositivi, in base al proprio hardware specifico

Questo offre loro il pieno controllo sul bootloader dei loro computer. Tuttavia, la stragrande maggioranza di essi offre ai propri utenti la possibilità di sbloccare il bootloader dei telefoni, generalmente in modo semplice e senza porre troppi ostacoli.


Ci sono diversi motivi per cui un utente potrebbe voler sbloccare il bootloader del proprio terminale e quindi eliminare le restrizioni imposte dal produttore

Tuttavia, in generale, la stragrande maggioranza degli utenti decide di sbloccare il bootloader per installare ROM di terze parti al fine di godere di funzioni extra nel software dei propri telefoni, o semplicemente per aggiornare la versione Android quando il proprio dispositivo non viene più aggiornato.

Come sbloccare Android – Sblocco del bootloader

Il processo per sbloccare il bootloader degli smartphone Android è relativamente semplice su quei dispositivi i cui produttori fanno la loro parte, e non tanto su quelli che i loro creatori decidono di evitare con tutti i mezzi che i loro utenti possano sbloccare i loro dispositivi per effettuare l’installazione di ROM o la modifica di aspetti avanzati del sistema. 

Anche altre procedure e guide avanzate relative ad Android richiedono questo processo. Ad esempio, Google non solo consente agli utenti di tutti i loro dispositivi di sbloccare il bootloader, ma offre anche i passaggi su come eseguire questo processo sul sito web ufficiale per gli sviluppatori Android

D’altra parte, altri come Huawei hanno dimostrato in più di un’occasione di essere contrari a consentire ai propri utenti di sbloccare il bootloader dei loro telefoni, rendendo questo processo sempre più difficile.

Comunque sia, di seguito esamineremo le diverse procedure che devono essere seguite quando dobbiamo sbloccare il bootloader dei dispositivi delle principali marche, oltre ad offrire informazioni rilevanti su ciascuno di essi.

Come sbloccare il bootloader del tuo cellulare Google, OnePlus, Sony, Essential, Nokia, Android One, Xiaomi e Huawei

Il processo di sblocco del bootloader “ufficiale” funziona su un gran numero di modelli di marche diverse. In generale, a meno che il produttore del tuo dispositivo non imponga un qualche tipo di restrizione – che vedremo in seguito -, questo processo funzionerà e il terminale continuerà ad essere coperto da garanzia – anche se quest’ultima dipenderà dal produttore del telefono.

Nel caso di Google Nexus o Pixel non influisce, ma i cellulari Nokia perdono la garanzia. La cosa migliore è che ti informi sul sito Web di supporto del produttore del tuo cellulare. Tuttavia, tieni presente che questo processo comporta alcuni rischi e dovresti farlo solo se sai cosa stai facendo.

Se sei a conoscenza di tutto ciò che comporta lo sblocco del bootloader del tuo dispositivo, prima di leggere i passaggi da effettuare è necessario tenere conto di diversi fattori:

  • Tutti i dati memorizzati sul tuo cellulare verranno cancellati: quando si sblocca il bootloader, alcune delle partizioni di memoria del telefono vengono formattate, inclusa la partizione / data . Pertanto, si consiglia di effettuare un backup completo dei propri dati, inclusi sia i contenuti multimediali che le informazioni memorizzate dalle applicazioni.
  • Avrai bisogno di un computer con i driver ADB installati: qui trovi la una guida completa dove vengono raccolti i passaggi da seguire.
  • Lo sblocco del bootloader non è la stessa cosa del root: una volta che il bootloader è sbloccato, sarai in grado di eseguire il root del tuo dispositivo, ma se esegui solo questo processo non avrai fatto niente per fare il root del tuo dispositivo Android, né otterrai privilegi di superutente.

Tenendo conto di tutto ciò, possiamo ora procedere a sbloccare il bootloader del cellulare Android. Per fare ciò, i passaggi da seguire sono i seguenti:

  1. Sul tuo cellulare, vai alle impostazioni di sistema e cerca la sezione “Informazioni sul dispositivo”.
  2. Premi più volte sulla sezione “Numero build” finché non viene visualizzato un avviso che indica che hai sbloccato le opzioni di sviluppo.
  3. Torna indietro e accedi al menu Opzioni sviluppatore / Opzioni sviluppatore.
  4. Trova e abilita l’opzione “Sblocco OEM”.
  5. Trova e attiva l’opzione “Debug USB”.
  6. Collega il dispositivo al computer tramite USB e apri una finestra di comando –ADB o Terminale, a seconda del sistema operativo in uso–.
  7. Per verificare che i driver ADB siano installati correttamente e che il dispositivo sia stato rilevato correttamente, inserisci il comando adb devices
  8. Se il dispositivo è stato rilevato, il suo identificatore verrà visualizzato nella finestra di comando.
  9. Per riavviare il telefono in modalità bootloader, esegui il comando adb reboot bootloader.
  10. Infine, per sbloccare il bootloader, esegui il comando fastboot oem unlock.

Una volta terminato il processo, il dispositivo si riavvierà – e in caso contrario, puoi farlo con il comando fastboot reboot – come sempre, e l’unica differenza sarà che il bootloader ora è stato sbloccato, quindi sarà possibile eseguire l’installazione di ROM di terze parti o versioni modificate del software.

Come sbloccare il bootloader di Samsung Galaxy con processore Exynos

Se hai un cellulare Samsung con un processore Exynos, il processo per sbloccare il bootloader del telefono è estremamente semplice. Se non sai che tipo di processore ha il tuo modello, dovresti sapere che Samsung vende solo terminali con un chip Snapdragon in mercati come gli Stati Uniti o la Cina, e il resto dei paesi riceve modelli con un processore Exynos. 

Ora che hai saputo il tipo di processore che alimenta il tuo telefono Samsung, dovresti sapere che sbloccare il bootloader di un cellulare Samsung comporta diversi rischi.

Come sbloccare Bootloader Samsung Galaxy

Prima di tutto, come con tutti i dispositivi, tutti i dati memorizzati sul dispositivo verranno eliminati e, d’altra parte, alcune delle funzioni di protezione del telefono non funzioneranno correttamente. Se sei consapevole dei pericoli, puoi procedere ed eseguire il processo con questi semplici passaggi:

  1. Attiva le opzioni sviluppatore facendo clic ripetutamente sulla versione build in “Informazioni sul telefono”.
  2. Torna indietro e trova il menu Opzioni sviluppatore.
  3. Trova e abilita l’opzione “Sblocco OEM”.
  4. Premere il pulsante “Elimina tutto” per confermare il processo di sblocco.

In questo modo, il bootloader del dispositivo verrà sbloccato e potrai installare ROM personalizzate. Al riavvio, vedrai che tutti i dati sono stati rimossi dal telefono e dovrai eseguire nuovamente la configurazione iniziale.

Come sbloccare il bootloader di Xiaomi

Sfortunatamente, Xiaomi è uno dei marchi che impone il maggior numero di ostacoli agli utenti quando si tratta di sbloccare il bootloader dei propri dispositivi

Invece di permettere di seguire una semplice procedura come le due che abbiamo visto finora, Xiaomi decide di ricorrere a un sistema di verifica, che obbliga gli utenti ad aspettare fino a quando non ricevono un codice di sblocco, che a volte può richiedere settimane per arrivare.

Come sbloccare il bootloader sui telefoni Xiaomi

Nonostante ciò, il processo è semplice. Questi sono i passaggi da seguire per sbloccare il bootloader di un telefono Xiaomi:

  1. La prima cosa sarà richiedere il codice di sblocco tramite il sito web che Xiaomi ha abilitato per esso, cliccando sul pulsante “Sblocca adesso”. Tieni presente che hai bisogno di un account Mi collegato al telefono per poterlo fare.
  2. Al termine di questo processo, è possibile scaricare lo strumento di sblocco personale dallo stesso sito Web.
  3. Sul cellulare, attiva le opzioni sviluppatore facendo ripetutamente clic sulla versione della compilation in “Informazioni sul telefono”.
  4. Torna alle impostazioni e cerca il menu Opzioni sviluppatore.
  5. Trova e abilita l’opzione “Sblocco OEM”.
  6. Trova e attiva l’opzione “Debug USB”
  7. Collega il dispositivo al computer ed esegui il file miflash_unlock.exe dal pacchetto Mi Unlock Tool scaricato al passaggio 2.
  8. Segui i passaggi indicati nel programma per sbloccare il bootloader.

Come sbloccare il bootloader di Huawei

Se si dispone di un cellulare Huawei e desidera sbloccare il bootloader, ho una brutta notizia per voiHuawei ha deciso di bloccare il processo di sblocco dei suoi dispositivi Android, impedendo agli utenti di sbloccare il bootloader dei loro telefoni. La società sostiene che questa decisione è stata presa con l’obiettivo di “ridurre i rischi posti dalle ROM di terze parti”.

Oggi piattaforme come FunkyHuawei offrono la possibilità di ottenere codici di sblocco per cellulari Huawei in cambio di una tantum.

Come sbloccare il bootloader dei dispositivi Huawei

Come sbloccare il bootloader di Motorola

Motorola è un’altra società che obbliga gli utenti a notificare al marchio stesso il processo di sblocco del bootloader, il che, tra le altre cose, implica che la garanzia del telefono non è più valida una volta richiesto il codice di blocco

Come sbloccare il bootloader dei telefoni Motorola

Per eseguire il processo, questi sono i passaggi da seguire:

  1. Sul tuo cellulare, vai alle impostazioni di sistema e cerca la sezione “Informazioni sul dispositivo”.
  2. Premi più volte sulla sezione “Numero build” finché non viene visualizzato un avviso che indica che hai sbloccato le opzioni di sviluppo.
  3. Torna indietro e accedi al menu Opzioni sviluppatore.
  4. Trova e abilita l’opzione “Sblocco OEM”.
  5. Trova e attiva l’opzione “Debug USB”.
  6. Riavvia il cellulare in modalità Fastboot: per farlo, con il cellulare spento, tieni premuti i pulsanti di accensione e riduzione del volume.
  7. Collega il cellulare al computer tramite USB e apri una finestra di comando –ADB o Terminale, a seconda del sistema operativo in uso–.
  8. Immettere il comando “fastboot oem get_unlock_data”. Copia e salva la stringa di caratteri che apparirà sullo schermo.
  9. Accedi al sito Web di sblocco Motorola e incolla il codice ottenuto.
  10. Accetta i termini e cerca il pulsante “RICHIEDI UNLOCK KEY” che apparirà in fondo alla pagina.
  11. Torna al computer e nella finestra di comando esegui l’istruzione “fastboot oem unlock UNIQUE_KEY” dove “UNLOCK_KEY” corrisponde alla chiave di sblocco che hai generato nel passaggio 10.