Le migliori app cloud per Android e iPhone

app cloud

Siete stanchi di cancellare e sostituire ogni volta i file sul vostro iPhone o Android a causa dello spazio di archiviazione insufficiente? È ora di passare a una soluzione cloud. L’archiviazione su cloud è utile come repository remoto per archiviare le informazioni personali fuori dal dispositivo per mantenerlo più leggero e veloce. Si tratta di foto, video, dati delle app e altro ancora. Anche senza il telefono, i dati archiviati nel cloud sono più sicuri e più accessibili, recuperabili e condivisibili da qualsiasi parte del mondo. Sebbene Apple offra iCloud e Google invece Drive, l’abbinamento con un’altra app cloud scaricata dall’app store significa più spazio di archiviazione cloud. Continuate a leggere per scoprire le 9 migliori app cloud per iPhone e Android.


Leggi anche: Le migliori app di incontri per Android e iPhone

9 migliori app cloud per Android e iPhone

1. iCloud+. Piattaforma Android e iOS. Per chi desidera uno spazio di archiviazione extra ma non vuole uscire dall’ecosistema Apple, c’è iCloud+. Sapendo che lo spazio di archiviazione di base gratuito di 5 GB di iCloud si esaurisce in poco tempo, Apple ha introdotto iCloud+, un piano di archiviazione cloud basato su abbonamento. Per iniziare a utilizzare lo spazio di archiviazione extra, è necessario aggiornare il proprio piano iCloud a iCloud+. Una delle sue caratteristiche uniche è la possibilità di condividere lo spazio di archiviazione con i membri della famiglia. In questo modo, tutti voi potete tenere i vostri file sincronizzati in un’unica posizione e accedervi in qualsiasi momento e ovunque. Anche i piani sono economici. L’abbonamento a iCloud+ parte da 0,99 euro al mese per un massimo di 50 GB di spazio di archiviazione. E se non bastano, si può optare per piani più alti. Questi includono 2,99 euro al mese per 200 GB e 9,99 euro al mese per 2 TB. Sebbene iCloud sia altamente consigliato agli utenti Apple, non è un’esclusiva di questi ultimi. Gli utenti Android e Windows possono creare un ID Apple e acquistare l’archivio iCLoud. Tuttavia, non funzionerà in modo così perfetto.

2. Dropbox. Piattaforma Android e iOS. Dropbox offre una serie di strumenti per archiviare e organizzare i file nel cloud. L’app in cloud è facile da usare e ha un’interfaccia utente elegante con un’ottima esperienza. Se volete avere il controllo dei vostri file, vi consiglio di usare Dropbox. Per iniziare, è necessario creare un account Dropbox. Ci sono due piani: 2TB e 3TB, che vengono fatturati mensilmente o annualmente, a seconda delle preferenze. Anche questi rientrano in diverse preferenze di utilizzo. Una delle caratteristiche più interessanti di Dropbox è la possibilità di scansionare i documenti in formato PDF o PNG utilizzando la fotocamera del telefono e di archiviarli facilmente nel cloud. Inoltre, l’applicazione consente di organizzare i file in cartelle. La possibilità di condividere i link a cartelle e file specifici e di invitare gli amici in una cartella consente di decidere di esporre solo una parte dei file ad altre persone. Ciò è utile per visualizzare virtualmente gli album di foto. Inoltre, è possibile caricare facilmente foto e video dal rullino fotografico dell’iPhone. In alto è presente un’icona di ricerca per individuare rapidamente cartelle e file.

3. Google Drive. Piattaforma Android e iOS. Se avete un account Google, avete anche Google Drive. È uno dei tanti prodotti di Google e offre uno spazio di lavoro dedicato alla produttività. Permette di accedere ai propri file e di modificarli facilmente in tempo reale. Inoltre, la creazione di cartelle è semplice e consente di separare ulteriormente i file condivisi. Sebbene sia possibile archiviare foto, video, documenti e app su Google Drive, uno dei suoi punti di forza è la capacità di gestione dei documenti. In sostanza, è un’opzione consigliata per modificare i documenti in modo collaborativo. Un altro aspetto positivo della cloud app Google Drive è che eredita lo spazio di archiviazione di Gmail. Pertanto, offre 15 GB di spazio di archiviazione cloud gratuito. Tuttavia, è possibile acquistarne altri una volta esauriti. Google Drive, tuttavia, offre piani economici e flessibili. A partire da 1,99 dollari, è possibile acquistare spazio di archiviazione fino a 100 GB. Anche la gamma di piani di archiviazione è ampia e si possono acquistare fino a 20 TB di spazio cloud. Oltre a sincronizzare file e cartelle dal telefono, è possibile farlo anche dal PC o dal Mac. Tuttavia, Google Drive non supporta più la sincronizzazione automatica di Google Foto. Google li ha disaccoppiati da luglio 2019. Pertanto, le foto di Google vengono sincronizzate su uno spazio Cloud separato. Tuttavia, è ancora possibile conservare le foto in Google Drive caricandole manualmente.

4. pCloud. Piattaforma Android e iOS. Volete criptare alcuni dei vostri file nel cloud? Utilizzate pCloud. Naturalmente, come altre app cloud, pCloud consente di archiviare i file nella nuvola, di organizzarli in cartelle e persino di condividerli con altri. Ma la funzione di crittografia è una delle sue caratteristiche più evidenti. Vale quindi la pena di menzionarla fin dall’inizio. Almeno saprete subito che non si tratta di un servizio cloud come tanti. In effetti, pCloud è pensato per gli utenti, in quanto offre strumenti per la gestione e il monitoraggio dello spazio di archiviazione nel cloud. Inoltre, offre uno spazio di archiviazione gratuito di 10 GB. Ci sono molte caratteristiche uniche di pCloud che questo spazio potrebbe non contenere.

5. OneDrive. Piattaforma Android e iOS. OneDrive offre un’interfaccia fluida per gestire i file in remoto sul telefono. La cloud app Android e iOS è dotata di un esclusivo backup notturno che carica automaticamente i file nel cloud ogni 12 ore. Sebbene OneDrive offra 5 GB di spazio di archiviazione gratuito, con l’aggiornamento al piano OneDrive da 100 GB mensili da 1,99 dollari o ai piani Microsoft 365 superiori, avrete accesso a uno spazio di archiviazione superiore fino a 25 TB, a seconda dello scopo. Anche la velocità di sincronizzazione di OneDrive è impressionante. Quando lo si apre per la prima volta, viene richiesto di accedere al proprio account Microsoft o di crearne uno se non lo si è mai fatto. Una volta effettuato l’accesso, vengono sincronizzati automaticamente tutti i documenti da Microsoft Office home sul web. Quando si attiva la funzione di caricamento della fotocamera, OneDrive sincronizza automaticamente le foto e i video. È anche facile gestire e creare cartelle, organizzare i file e condividerli con OneDrive. È anche possibile scansionare documenti e salvarli in OneDrive come PDF. La scansione, tuttavia, non è così pulita come ci si aspettava quando è stata testata. Se si elimina un file o una cartella, il sistema li getta nel cestino. In questo modo è possibile recuperarli se si cambia idea.

6. Box. Piattaforma Android e iOS. Box è più di un’app cloud Android e iPhone. Ha tutte le carte in regola per essere uno strumento indipendente per la produttività. L’app on cloud offre uno spazio di archiviazione gratuito di 10 GB e dispone di strumenti per la gestione e la condivisione sicura dei file nel cloud. Esistono piani a pagamento, ma il limite è di 100 GB. Box dispone anche di una sezione per la pianificazione e la gestione degli impegni. È facile condividere i file con gli altri e si possono annotare le istruzioni con la funzione di annotazione. Questo programma offre anche una sicurezza di livello aziendale. Non c’è quindi da preoccuparsi quando si condividono file e cartelle. Potreste anche provare la funzione di firma elettronica per firmare i documenti in modo digitale. Un’altra caratteristica degna di nota è la possibilità di registrare e condividere file audio. Si tratta di uno strumento eccellente per lavorare in modo collaborativo in un ambiente remoto. Oltre alla scansione di documenti in PDF, consente di modificare le foto prima di caricarle sul cloud. Quando si scansionano documenti o si caricano foto, è disponibile un’opzione per regolare la qualità dell’immagine. È anche possibile salvare i dati GPS delle immagini. Si tratta di una funzione facoltativa. Ma è utile per tenere traccia del luogo in cui è stata scattata una foto. In definitiva, Box consente di scegliere se salvare copie delle foto scattate con la fotocamera nella directory locale o se conservarle solo nel cloud.


7. SugarSync. Piattaforma Android e iOS. SugarSync è un’applicazione cloud storage gratuita e facile da usare. Viene fornita con 5 GB di spazio di archiviazione, ovviamente senza possibilità di espansione. Pertanto, una volta esaurito lo spazio di archiviazione, è necessario liberare spazio o trovare un’alternativa. Per evitare di sincronizzare più file e ingombrare lo spazio di archiviazione, esiste un protocollo per controllare e prevenire i duplicati in una cartella di destinazione. È quindi improbabile che vi siano molte copie di un file nel cloud. È inoltre possibile caricare i file sulla rete Wi-Fi o sui dati mobili. È inoltre possibile accedere all’opzione di sincronizzazione della fotocamera per archiviare automaticamente foto e video nel cloud dopo aver registrato o scattato foto. Avete file riservati come documenti di Office, foto o video? Potete conservarli nella cartella protetta, in modo che solo voi possiate accedervi. Inoltre, dispone di statistiche sull’utilizzo dello spazio di archiviazione per visualizzare lo spazio rimanente. Su SugarSync c’è un filtro che vi aiuta a separare i file che avete condiviso con altri da quelli che loro hanno condiviso con voi.

8. Mega. Piattaforma Android e iOS. Se si dà priorità alla sicurezza rispetto all’archiviazione, Mega è utile. Utilizza la crittografia end-to-end per sincronizzare i file nel cloud. Ciò significa che la piattaforma non sa nulla dei vostri file o dei protocolli di accesso. Sono disponibili 20 GB di spazio di archiviazione gratuito con la possibilità di ottenere 5 GB aggiuntivi, a seconda della partecipazione a un programma chiamato Mega Achievement. Tuttavia, è possibile scegliere uno spazio di archiviazione fino a 16 TB mensili, se non si è preoccupati del costo. Purtroppo e sorprendentemente, a causa della crittografia end-to-end, Mega non consente di cambiare la password o di richiederne una nuova, anche se la si dimentica. È quindi consigliabile incollare e conservare la password in un luogo sicuro dove non sia possibile perderla per evitare di perdere i propri file. Inoltre, l’applicazione dispone di un cestino per conservare temporaneamente i file eliminati. Un’altra caratteristica unica di Mega è la possibilità di sincronizzare i contatti con il cloud. Tuttavia, non è la stessa cosa della sincronizzazione dei contatti di Google. Inoltre, è necessario inviare un invito ai propri contatti. Questi devono accettare di unirsi a Mega prima di essere sincronizzati sulla piattaforma. Oltre alla condivisione sicura dei file, è possibile usufruire di una piattaforma di chat crittografata end-to-end con altri contatti sul dispositivo. Durante la sincronizzazione di foto e video dalla fotocamera, è possibile includere un tag di localizzazione. Inoltre, è possibile selezionare ciò che viene inserito nello spazio di archiviazione e ciò che non viene inserito. E se volete scannerizzare un documento, Mega non ha nulla da invidiare ad altre applicazioni cloud che offrono la stessa funzione.

9. Icedrive. Piattaforma Android e iOS. Icedrive ha un’interfaccia reattiva che fa venire voglia di archiviare i propri file nel cloud. Offre uno spazio di archiviazione gratuito di 10 GB alla prima registrazione, mentre con i piani premium è possibile ottenere uno spazio di archiviazione fino a 5 TB. Come altre applicazioni di cloud storage, Icedrive consente di sincronizzare i file, tra cui foto, video e documenti, sul cloud e di organizzarli in cartelle. Ma questa app dispone anche di una directory crittografata per conservare in modo sicuro i file a cui non si vuole che terzi accedano. Questa funzione, tuttavia, è disponibile con il piano premium. È inoltre indipendente dalla piattaforma e si possono condividere documenti su diversi dispositivi, tra cui PC, Mac e Android. Esiste un metodo manuale per sincronizzare i file. Oppure è possibile farlo automaticamente con la funzione di sincronizzazione della fotocamera, disponibile nelle Impostazioni e che supporta il caricamento selettivo.

Conclusione

Ora che conoscete i vantaggi del cloud storage e avete visto le migliori app cloud storage, è probabilmente giunto il momento di iniziare a sfruttarne i vantaggi, soprattutto se archiviate file di grandi dimensioni sul vostro iPhone o Android. Quindi, sentitevi liberi di scaricarne una, indipendentemente dal tipo di dispositivo. Quale di queste app avete intenzione di scegliere? Fatemi sapere nei commenti.

Leggi anche: Le migliori app risparmio batteria

Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.