Come mettere la password ad una chiavetta USB senza programmi

By | Agosto 3, 2020
mettere la password ad una chiavetta USB

Quindi vuoi mettere la password ad una chiavetta USB? Vediamo come si fa. Una pendrive USB, conosciuta anche come “unità flash USB” è molto più sicura quando si tratta di trasportare file sensibili se si dispone di una password. Ma farlo non è così facile come dire, perché purtroppo non è sempre possibile proteggere con password l’intera chiavetta USB.

In questo caso non funziona come si farebbe su un PC o su un telefono dal momento che tutti gli strumenti sicuri funzionano con la crittografia. A meno che non si desidera investire in una chiavetta USB che viene fornita di crittografia hardware, è possibile utilizzare alcuni software liberi per raggiungere un livello simile di protezione.

Così, i seguenti metodi che spiegheremo sono ottimi modi per criptare chiavetta usb senza utilizzare nessun programma.

Motivi per mettere una password chiavetta USB

Un pendrive USB è un dispositivo di archiviazione dati che comprende un’unità flash con un’interfaccia USB combinata.  Essi tendono ad essere aggiornabili, rimovibili e ciò che li rende più attraenti è che sono molto più piccoli rispetto a un disco ottico.

Questo è il motivo per cui molte persone preferiscono di salvare i loro dati, soprattutto quando devono passare i dati da un computer o smartphone a un altro computer, smartphone o tablet situato in una posizione diversa. Inoltre, sono davvero utili quando le informazioni non possono essere spedite come allegato a causa delle sue grandi dimensioni.

Ma, il problema con le unità flash USB è che chiunque può accedere ai dati memorizzati. Ad esempio, essendo un piccolo dispositivo, si può facilmente perdere. E se la sfortuna ti perseguita e entra nelle mani della persona sbagliata, c’è una possibilità di furto d’identità e la perdita di dati importanti. Pertanto, la cosa migliore che puoi fare è proteggere chiavetta USB con la password.

Come mettere la password chiavetta USB senza programmi

Se non si dispone di dati estremamente sensibili e si vuole solo fare in modo che nessuno può accedere a determinati file, allora non è necessario crittografare l’intera unità. È possibile mettere password chiavetta USB italiano a cartelle o file specifici utilizzando la funzione incorporata (se presente) o uno strumento di terze parti.

Molti programmi sono dotati di una funzione di protezione con password integrata, ad esempio Adobe o Microsoft Office. Inoltre, una delle migliori caratteristiche che Winrar fornisce è quello di proteggere con password i dati all’interno di un file .zip o .rar.

È anche possibile utilizzare strumenti di terze parti per proteggere con password cartelle e file in Windows. A questo scopo, Folder Lock fa un ottimo lavoro. Si presenta come una versione portatile (può essere eseguito su qualsiasi computer, senza installare) che è possibile portare sulla vostra unità USB, e vi permetterà di password crittografare e proteggere i file e le cartelle che si desidera.

Bitlocker

Bitlocker consente di crittografare e proteggere un’unità flash USB limitandone l’accesso con una determinata password. Senza inserire la password corretta, nessuno sarà in grado di aprire l’unità flash USB. La prima cosa che devi fare è scaricare BitLocker versione a 32 bit o a 64 bit.

Una volta fatto questo, è necessario inserire l’unità nella porta USB del computer, ma senza aprire alcun documento. Chiudere la finestra pop-up e andare a“PC” o “Risorse del computer”. Nell’unità USB che si desidera proteggere fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Abilita BitLocker.

Una volta che hai finito, il sistema operativo ti darà due opzioni: Richiedi un PIN ad ogni avvio e richiedi una password ad ogni avvio. Sono uguali? Beh, praticamente parlando, lo sono. Tuttavia, ti consigliamo di selezionare la prima opzione, che è la più comune. Immettere la password e fare clic su Continua.

Poi il sistema chiede semplicemente come si desidera salvare la password, in un file o stampandolo. Il seguente messaggio che appare può variare: in alcune versioni, mostra semplicemente il pulsante di avvio della crittografia; un’altra versione consente di scegliere tra due opzioni di crittografia: una veloce e l’altra più lenta.

Non importa quale si sceglie, è necessario attendere alcuni minuti per il completamento del processo. Ora, se rimuovi l’unità e la inserisci di nuovo, il dispositivo ti richiederà una password per accedere.

SecurStick

Questa applicazione per mettere la password ad una chiavetta USB non richiede l’installazione e funzionerà con Windows, Linux e Mac senza diritti di amministratore. Tuttavia, per configurarlo, è necessario eseguire un file EXE dall’unità USB che si desidera crittografare.

Per configurare SecurStick, copiare il file EXE sulla chiavetta USB. Eseguendo il file EXE verrà avviato un prompt dei comandi e una finestra del browser. Immettere una password e fare clic su Crea per installare la “zona sicura”.

Al successivo avvio del file EXE SecurStick, viene visualizzata una finestra di accesso. L’account di accesso apre l’area di sicurezza. Qualsiasi file copiato in esso viene automaticamente crittografato.

Si noti che la chiusura della finestra del prompt dei comandi chiuderà la sessione di zona sicura. Il negativo è che il modo più semplice per rimuovere completamente SecurStick dall’unità flash è formattarlo.

Rohos Mini Drive

Rohos Mini Drive funziona indipendentemente dal fatto che tu disponga dei diritti di amministratore sul computer di destinazione. L’edizione gratuita può creare una partizione nascosta, crittografata e protetta da password fino a 8 GB sulla tua unità flash USB.

Grazie al browser del disco portatile Rohos, che viene installato direttamente sulla pendrive, non avrai bisogno di driver di crittografia sul tuo sistema locale. Successivamente, è possibile accedere ai dati protetti ovunque. Se si desidera mettere la password a un pendrive senza bitlocker è un’opzione eccellente.

Il processo di crittografia deve essere avviato facendo clic su Crittografa unità USB dalla schermata iniziale di Rohos Mini Drive. Subito dopo, selezionare l’unità, immettere una nuova password e fare clic su Crea disco. Verrà creato un contenitore crittografato protetto da password.

È possibile aprire la partizione facendo clic sull’icona Rohos Mini.exe nella cartella principale del pendrive USB. Dopo aver inserito la password, il disco Rohos verrà montato come un’unità separata e si sarà in grado di accedervi attraverso l’esploratore di file. Per chiuderlo, fare clic con il pulsante destro del mouse sull’icona Rohos nell’area di notifica della barra delle applicazioni di Windows e scegliere Disconnetti.

Come mettere la password ad una chiavetta USB senza programmi MAC

Se si utilizza un MAC, non è necessario utilizzare uno strumento di terze parti per crittografare l’unità flash USB. La prima cosa che devi fare è formattare il pendrive con il file system HFS di Apple. Da Utility Disco, scegliere l’unità USB e fare clic su Elimina. Nella finestra pop-up, specificare il formato di file, Mac OS Extended (Journaled), quindi selezionare Elimina in basso a destra per formattare l’unità.

Ora sei pronto per creare un’unità flash crittografata. È sufficiente fare clic con il pulsante destro del mouse sull’unità nel Finder, selezionare Crittografa e aggiungere una password. Il processo si avvia immediatamente e potrebbe richiedere alcuni minuti. Infine, si avrà un’unità USB crittografata e protetta da password.

Cryptsetup per Linux

Cryptsetup è un software gratuito per configurare i volumi di crittografia utilizzando la crittografia AES a 256 bit. È disponibile per Linux. Per crittografare una chiavetta USB su Linux, è necessario installare l’utilità disco Gnome e Cryptsetup da sudo apt-get. Se si utilizza Ubuntu, dovrebbe già essere installato.

Quindi avviare dischi dal desktop, trovare l’unità flash e scegliere di utilizzare l’unità o una singola partizione con l’opzione di crittografia. A questo punto, potrai anche scegliere una password. Si noti che è necessario sovrascrivere tutti i file esistenti.

Nota: non utilizzare questo strumento se si intende utilizzare file crittografati al di fuori di Linux. Potrebbe interessarvi leggere: come riparare una penna USB rotta e recuperare i dati

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.