Nuovo Xiaomi Mi 9: prezzo, caratteristiche e tutte le specifiche ufficiali

By | Febbraio 25, 2019

L’attesa è finita. Xiaomi ha annunciato in anticipo il suo nuovo Xiaomi Mi 9, il primo fiore all’occhiello dell’azienda per questo 2019. Xiaomi Mi 9 è ufficiale! Come previsto, la società ha deciso di annunciare il suo nuovo modello in Cina, poi il 24 febbraio durante il Mobile World Congress 2019 di Barcellona presenterà la sua ammiraglia al mondo intero.



In questo modo, Xiaomi cerca di distogliere gli sguardi che sono fissati in direzione della presentazione ufficiale del Samsung Galaxy S10+.

A causa delle tantissime fughe di notizie, il Mi 9 arriva senza troppe sorprese. Anche se siamo di fronte ad uno dei migliori cellulari dell’anno, perché tra i suoi dettagli tecnici nasconde alcune funzionalità avanzate che non abbiamo mai visto nel segmento della telefonia.

Se siete pronti andiamo a vedere tutte le caratteristiche, le specifiche e i prezzi del nuovo Xiaomi Mi 9 e le sue diverse varianti.

Xiaomi Mi 9: tutte le informazioni

Xiaomi Mi 9, scheda tecnica

Xiaomi Mi 9

Dimensioni e peso

155 x 75 x 7,6 mm.

schermo

Samsung AMOLED di 6,39 pollici. Luminosità fino a 600 nit, Occupa il 90,7% del frontale, Gorilla Glass 6

risoluzione

Full HD + (2.280 x 1.080 pixel) 19: 9

processore

Qualcomm Snapdragon 855

RAM

6/8 GB LPDDR4x (12 GB nella versione trasparente)

Sistema operativo

Android 9 Pie – MIUI 10

Memoria interna

128/256 GB UFS 2.1

Fotocamere

Tripla fotocamera da 48 Mpx f / 1,8 + 16 Mpx f / 2,2 (grandangolo) + 12 Mpx (teleobiettivo) Fotocamera frontale da 20 Mpx

batteria

3.300 mAh con ricarica rapida (27 W) e ricarica wireless

altro

impronta digitale ottica sullo schermo, USB di tipo C, modalità Turbo per i giochi, NFC a raggi infrarossi, GPS a doppia frequenza per l’Assistente Google, Smart Antenna, sblocco facciale

colori

Ocean Blue, Lavender Violet, Piano Black

Schermo: la tacca diminuisce, lo schermo si ingrandisce

Xiaomi con il Mi 8 l’anno scorso ha introdotto una nuova filosofia di design con la serie Xiaomi Mi, è stato uno dei primi ad inserire sulla parte anteriore del telefono una grande tacca, responsabile di tutti i sensori necessari per il funzionamento dello stesso.

In questa seconda iterazione, la tacca riduce considerevolmente le sue dimensioni fino a prendere la forma di una goccia d’acqua, la cornice del telefono appena si vede è di pochi millimetri. Questo ha permesso a Xiaomi di incorporare un pannello di 6,39 pollici, più 0,19 rispetto al modello precedente, che occupa oltre il 90% del lato posteriore.

Lo schermo in questione utilizza la tecnologia AMOLED di Samsung, e Xiaomi non ha esitato per un momento a fare le modifiche necessarie per renderlo uno schermo di primo livello.

La sua risoluzione è ancora Full HD+, con un numero di pixel di 2.280 x 1.080, ma si ottengono miglioramenti significativi in ​​termini di luminosità, colore e contrasto, è in grado di raggiungere 600 nit e un rapporto di contrasto> 60000: 1, oltre ad essere in grado di coprire il 103,8% dello spettro NTSC.

Al livello software vediamo alcune opzioni interessanti come la luminosità estrema, che consente di aumentare la luminosità del 39% oltre il livello massimo, per visualizzare la schermata correttamente anche all’aperto sotto luce diurna.

Pertanto, in aggiunta all’opzione Modalità luce solare 2.0, che migliora il contrasto e ottimizza i colori all’esterno, dovrebbe essere più che sufficiente per lo schermo nell’essere visibile in ogni situazione.

Xiaomi introduce anche un’opzione per ridurre al minimo la luminosità dello schermo e mantenere comunque un buon livello di colore e contrasto, nonché una modalità di lettura migliorata, entrambe volte a migliorare la visibilità in situazioni senza illuminazione.

Naturalmente, non possiamo perdere l’occasione di menzionare il lettore di impronte digitali di Xiaomi Mi 9, che in questa occasione è posto sotto il vetro dello schermo e utilizza la tecnologia ottica, come abbiamo visto sul precedente Xiaomi.

Tuttavia, l’azienda afferma di aver apportato miglioramenti a livello di precisione e velocità: è il 25% più veloce nel riconoscere l’impronta, oltre ad aumentare leggermente le dimensioni occupate dall’area di rilevamento dell’impronta e apportare miglioramenti in fase di rilevamento delle impronte digitali, anche in situazioni con temperature molto basse.

Design: la moda del vetro sfumato si allarga

Le modifiche meno ovvie, ad eccezione dei cambiamenti estetici della parte frontale, sono collocate nella sezione design. Ancora una volta, Xiaomi scommette sul vetro per modellare il telaio del suo nuovo telefono di punta, facendo affidamento sulla durezza della tecnologia Gorilla Glass 6, difende bene il telefono dalle rotture.

Nella parte posteriore troviamo un pannello curvo su tutti e quattro i lati – secondo Xiaomi le curve sono ora più pronunciate, per migliorare l’ergonomia del terminale, che arriva in diversi colori tra cui alcune sfumature con effetto iridescente, Xiaomi ha utilizzato un processo di incisione laser insieme a un rivestimento a doppio strato.

Vediamo anche il reparto fotografico situato in uno degli angoli superiori, in una disposizione verticale e coperto da un pannello di cristallo zaffiro che promette una maggiore resistenza ai graffi che potrebbe influenzare la qualità delle fotografie e dei video catturati con il Mi 9.

Un altro dettaglio relativo al design del Mi 9 che vale la pena menzionare è l’inclusione di un terzo pulsante aggiuntivo per alzare / abbassare il volume e spegnere / accendere il telefono. È un pulsante utilizzato per invocare l’assistente virtuale predefinito, My AI nel caso del modello per la Cina e Assistente Google per l’edizione globale.

Specifiche tecniche: il mostro Snapdragon 855

Xiaomi Mi 9 è il primo telefono nel 2019 ad essere presentato con il processore Qualcomm Snapdragon 855. L’azienda aveva rivelato in anticipo che l’ultimo chip Qualcomm sarebbe stato il cervello del suo nuovo terminale di punta, e non ci ha deluso al momento della presentazione.

Il vantaggio di questo Mi 9 è il fatto di avere un processore a 7 nm e 8 core Kryo 485 ad una frequenza massima di 2,84 GHz e GPU Adreno 640. Da non perdere l’unità di elaborazione neurale, che dovrà supportare il processore in attività che richiedono un elevato carico di calcolo.

Xiaomi Mi 9 arriva con 6 o 8 GB di memoria RAM LPDDR4x, memoria interna da 64, 128 o 256 GB non espandibile, e batteria da 3.300 mAh con carica veloce e ricarica wireless da 27 W e Qi.

Software: molto più di MIUI 10

Dire che Xiaomi Mi 9 viene fornito con MIUI 10 basato su Android 9 Pie sarebbe molto, molto poco. Xiaomi Mi 9 è dotato di molte funzioni utili.

La prima è la modalità personalizzabile Always on Display, che sfrutta le funzionalità del pannello OLED per visualizzare le informazioni senza consumare la batteria.

E a proposito del consumo, siamo felici – e molto – di sapere che l’azienda ha deciso di introdurre una propria soluzione per quanto riguarda la modalità oscura, che cambia i colori dell’interfaccia in nero e grigio scuro, cosi da ridurre al massimo il consumo della batteria di una parte dello schermo fino all’83% la luminosità massima e fino al 50% con un livello di luminosità significativa.

Un altro aspetto aggiunto è un nuovo sfondo dinamico chiamato “One Day” che mostra un paesaggio e cambia i suoi colori in base all’ora del giorno. E sì, è sospettosamente simile allo sfondo predefinito di MacOS Mojave.

Fotografia e multimedia: più fotocamere, più megapixel

Le doppie fotocamere sono passate di moda. O così pensa Xiaomi. Per la prima volta, la società si impegna a introdurre un triplo sistema fotografico sul retro del suo nuovo smartphone.

La prima è una Sony IMX586 da 48 megapixel, che permette più informazioni su ogni scatto e ingrandisce le immagini senza perdere troppi dettagli. Le foto verranno scattate con 12 megapixel per ridurre il peso delle immagini.

A supportare il sensore principale è un S5K3M5 secondario da 12 megapixel “tele”, capace di zoomare due ingrandimenti, e un altro Sony IMX481 da 16 megapixel grandangolare in grado di catturare un campo visivo di 117 gradi.

Come previsto, non mancano i sistemi basati sull’intelligenza artificiale focalizzata sul miglioramento delle acquisizioni effettuate, nonché una nuova modalità macro che consente i primi piani a una distanza di soli 4 centimetri da un oggetto.

Ci sono anche novità riguardo al video, perché tra le altre cose c’è una modalità di registrazione in Super Slow Motion che sfrutta l’Intelligenza Artificiale per decidere quale sia la migliore scena video per applicare l’effetto. In questo senso, arriva una modalità “cinema” che cambia i colori del video e applica toni più drammatici e fedeli di quelli che vedremmo in un film.



A livello audio, Xiaomi afferma di aver innalzato il livello con questo Mi 9 poiché incorpora un diffusore molto più potente rispetto al precedente Mi 8, oltre a raggiungere un livello di volume più alto grazie al controllo dinamico del sistema DMS. Ovviamente, la porta per le cuffie da 3,5 mm non c’è.

Xiaomi Mi 9, prezzo e disponibilità

Prima della fine dell’evento, Xiaomi non ha esitato ad annunciare i prezzi ufficiali del suo nuovo terminale di punta di tutte le sue diverse varianti. Questo è ciò che costa Xiaomi Mi 9 quando arriverà nei negozi:

I prezzi di Xiaomi Mi 9 in base al cambio attuale
modelloPrezzo in CinaPrezzo in EuropaPrezzo in MessicoPrezzo negli Stati Uniti
Xiaomi Mi 9 con 6/128 GB2.999 yuan390 euro8.400 pesos messicani$ 442
Xiaomi Mi 9 con 8/128 GB3,299 Yuan430 euro9.300 pesos messicani$ 480
Xiaomi Mi 9: edizione trasparente con 12/256 GB3.999 Yuan520 euro11.300 pesos messicani$ 590
Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.