Perché WordPress è così lento?

By | Giugno 10, 2019

Perché WordPress è lento? Si l’ho riscritto perché ci sono ancora un sacco di persone che si lamentano erroneamente che WordPress è lento. Ne ho viste tantissime, ma recentemente, ho assistito a qualcosa un po’ più irritante del solito, quindi ho deciso di scrivere questo post per chiarire alcune cose.


Qualcuno chiedeva su Twitter perché WordPress è così lento, dato che la sua velocità di connessione era buona. Prima di tutto, dubito che al giorno d’oggi non è possibile caricare un sito web in tempo utile a causa della velocità della connessione Internet, a meno che non si utilizzano quei vecchi dial-up a 56 kb / s.

So che ci sono paesi che offrono scarse connessioni Internet, ma non voglio parlare di questo, sto parlando di caricare una pagina web da 500 KB o qualsiasi altra dimensione di pagina in meno di due secondi. Anche i dati mobili forniscono una velocità decente per caricare i siti web.

Se una connessione internet è davvero pessima, molti siti caricheranno lentamente, non solo quelli basati su WordPress. In secondo luogo, WordPress non è lentositi web WordPress scarsamente ottimizzati possono essere lenti, questa è un’altra storia.

Se WordPress è lento come dicono, allora il 30% dei siti web di oggi non girerebbe su questa piattaforma. Tra questi siti ci sono grandi marchi, come BBC America, PlayStation Blog, UPS e così via.

Post correlati: La migliore guida SEO on-page per i proprietari di siti WordPress

WordPress è solo una piccola parte del tuo sito web

C’è un’enorme quantità di persone che quando pensano a un sito Web WordPress, pensano solo alla piattaforma stessa. E puoi vederlo visitando il forum di supporto di WordPress. Credo che il 95% dei problemi siano correlati a host, plug-in e temi Web (molti di questi sono premium), ma non a WordPress stesso.

E questo perché, quando qualcosa va storto, le persone pensano automaticamente che sia la colpa di WordPress, ma non è cosi. Sì, WordPress ha qualche bug di tanto in tanto, ma non è la radice di tutti i mali. WordPress è solo il Content Management System (CMS), il che significa che è solo una piattaforma in cui aggiungi e gestisci contenuti: plug-in, temi, media e così via.

Per creare un sito Web, WordPress richiede: host web -> tema -> plugin. Ognuno di questi viene creato e gestito da diversi sviluppatori, in modi diversi, utilizzando diversi stili e tecniche. Quando si tratta del tempo di caricamento di un sito Web, WordPress stesso, il nucleo, è l’ultimo posto che bisogna guardare.

Tutto inizia con il tuo hosting …

Ci sono un sacco di cattivi hosting … quindi, assicurati di scegliere una buona compagnia di hosting!

Se hai scelto un buon hosting web, assicurati di scegliere un tema valido, che non è mal codificato, mal gestito e così via.

Raccomando di andare su temi premium perché vengono aggiornati e ottimizzati meglio (solitamente) poiché è nell’interesse finanziario degli sviluppatori farlo. Ci sono diversi temi freemium che hanno buone versioni gratuite, però.

Ciò non significa che tutti i temi premium sono buoni, perché non tutti gli sviluppatori Web sono bravi o disposti a creare un tema di alta qualità, che richiede più tempo e sforzi.

Articolo correlato: I 10 migliori temi WordPress Premium

Qui ci sono alcune cose da tenere in considerazione quando si sceglie un tema WordPress:

  • Il tema è stato aggiornato di recente? Sì? Buono!
  • Il tema è compatibile con l’ultima versione di WordPress? Sì? Buono!
  • Il tema è basato su una codifica valida e aggiornata? Sì? Buono!
  • Il tema utilizza molti plugin di terze parti per le sue funzionalità? Sì? Male!
  • Il tema sta causando molte richieste HTTP? Sì? Male!
  • I file CSS e JS sono combinati? Sì? Buono!
  • La dimensione dei file di codifica è troppo grande? Sì? Male!

Certo, non è possibile trovare un tema WordPress perfetto, ma è possibile trovarne di buoni. Puoi anche utilizzare alcuni plugin che possono migliorare il tema. Verificare se un tema è buono o cattivo non è un compito facile. Devi sapere cosa stai cercando, utilizzare alcuni strumenti e interpretare correttamente i risultati.

Eccoli qui … i plugin

Quindi, hai scelto un buon hosting web e un buon tema. Bravo! Ma questo può mandare tutto a putt… se stai scegliendo plugin poco sviluppati, o stai iniziando a collezionarli come Pokemon. Meno plug-in hai, meglio è!

I plugin sono creati e funzionano allo stesso modo dei temi, in pratica. Possono avere un codice buono o cattivo, possono fare poche o molte richieste e così via.

Quindi, i cattivi plug-in sono un altro fattore che può causare il rallentamento del sito Web di WordPress.

Potresti voler leggere10 plugin essenziali e gratuiti che devi avere

Non dimentichiamo il contenuto

Anche contenuti poco ottimizzati possono rallentare il tuo sito Web WordPress. Se aggiungi immagini 4k con una risoluzione di 2122 x 1416 e una dimensione di 9 MB per immagine, non aspettarti nulla di buono.

Leggi anche: Una guida su come ottimizzare le immagini per WordPress

Per video e GIF è meglio se usi le piattaforme di terze parti per caricarle e poi le incorpori nel tuo sito web. Sarà meglio se utilizzi servizi come Amazon S3, MaxCDN o Cloudflare.

E tutto finisce con richieste … molte richieste

Ci sono alcune cose che alcuni di noi devono avere, come Google Analytics, Facebook Pixel, Google AdSense, widget di Facebook e chissà cos’altro. Questi hanno un prezzo, però: molte richieste esterne e reindirizzamenti.

Il numero di richieste, sia interne che esterne, sono quelle che possono realmente rallentare il tuo sito Web WordPress. Più ne hai, più lentamente può diventare il tuo sito web.

Le cattive notizie sulle richieste esterne sono che non hai alcun potere su di loro. Non è possibile memorizzarle nella cache, ridimensionarle, combinarle e così via. Perché? Perché sono file esterni da siti web di terze parti. Non fanno parte dei file del tuo sito web.

Vediamo come mi trovo con le richieste esterne sul mio sito web, utilizzando un fantastico strumento online chiamato Web Page Test . No, non userò Pingdom, perché questo strumento suddivide molto meglio i dati e fornisce dettagli più utili.

Ma, prima di procedere, tieni presente che gli strumenti di velocità come questo, incluso Pingdom, misurano il tempo necessario a caricare ogni risorsa della pagina, non quanto tempo ci vuole prima che l’utente inizi effettivamente a vedere il contenuto.

Quindi, quando vedi un tempo di caricamento di 5 secondi, ad esempio, non significa che un utente attenda in realtà 5 secondi con una pagina del browser bianca vuota di fronte a sé, in attesa di qualcosa da caricare. L’ora in cui il sito inizia a eseguire il rendering (il contenuto inizia ad apparire) è la parte più importante.

Quindi di cosa può essere incolpato WordPress?

Non lo so, davvero. Probabilmente per come è stato progettato, ma no; per avere tutte queste parti realizzate da diversi sviluppatori, che devi mettere insieme per creare un sito web.

Ma questo è WordPress, questo è il suo scopo, e questa è la sua bellezza.

Mi piace avere la libertà di aggiungere quello che voglio, sul mio sito WordPress. È come usare Android, non iOS. 😉

Ma, naturalmente, quella libertà può avere un prezzo, se non so cosa sto facendo.

C’è sempre WordPress.com, per quelli di voi che desiderano un ambiente più controllato.

Sommario

Facciamo un breve riepilogo delle cose più importanti che sono state dette in questo post:

  • WordPress non è lento. I siti web WordPress scarsamente ottimizzati possono essere lenti;
  • Assicurati di non scegliere un hosting schifoso;
  • Assicurati di non scegliere un tema schifoso;
  • Assicurati di non scegliere i plug-in scadenti e non iniziare a collezionarli. Meno sono, meglio è;
  • Assicurati che i tuoi contenuti siano ben ottimizzati;
  • Assicurati di avere il minor numero possibile di richieste, in particolare quelle esterne da annunci pubblicitari, tutti i tipi di analisi, plug-in, widget, ecc.

Spero che il post sia abbastanza completo e che sia riuscito a chiarire alcune cose. Non dimenticare di condividerlo con i tuoi amici!

Se hai bisogno di altri consigli per quanto riguarda WordPress non esitare a dare un’occhiata alla nostra sezione di supporto dedicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.