Come testare la RAM del PC

testare la ram

I PC da gioco, purtroppo, non sono più resistenti ai problemi di memoria di qualsiasi altro tipo di computer. Ma se si impara a testare la RAM per individuare eventuali errori, si può almeno capire la vera causa di un crash o di un errore di avvio, aprendo così la possibilità di trovare una soluzione (o semplicemente di sapere che è necessario acquistare nuova RAM). In questa guida esamineremo un paio di diversi strumenti per il RAM test, entrambi gratuiti da scaricare e utilizzare. Il primo, Windows Memory Diagnostic, è integrato in Windows (compreso Windows 11) e offre un’opzione semplice per individuare eventuali problemi di RAM. Per un’indagine più approfondita, si può provare anche MemTest86, che richiede un po’ più di lavoro (comprese alcune modifiche al BIOS), ma consente di effettuare una ricerca più approfondita degli errori nella RAM.


Leggi anche: Come testare correttamente una tastiera PCB

Come testare la RAM con Diagnostica memoria di Windows

Questa è l’opzione più semplice e facile se non avete voglia di installare altri strumenti, poiché tutto è integrato in Windows. Tuttavia, è necessario ritagliarsi un po’ di tempo; lo strumento stesso dichiara che il suo utilizzo “potrebbe richiedere alcuni minuti”, ma in realtà può richiedere quasi un’ora, e durante questo periodo non sarà possibile utilizzare normalmente il PC.

  1. Aprire Diagnostica memoria di Windows cercandola nella barra di ricerca del menu Start. Quindi, fate clic su “Riavvia ora e controlla i problemi”.
  2. Il PC si spegnerà e si assisterà alla visione di una schermata blu per molti, molti minuti, mentre Windows Memory Diagnostic cerca problemi con la RAM. Potete andare a fare qualcosa di più produttivo, dato che il vostro contributo non è richiesto in questa fase, anche se vale la pena di controllarlo sporadicamente, dato che lo strumento vi dirà se ha trovato un problema.
  3. Una volta completato il RAM check, si torna al desktop. A questo punto, Windows Memory Diagnostic dovrebbe visualizzare automaticamente i risultati, ma a me non è successo. Fortunatamente, è possibile trovare un riepilogo nel Visualizzatore eventi di Windows.
  4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’icona di Windows e fare clic su “Visualizzatore eventi”.
  5. In Visualizzatore eventi, spostarsi su Registri di Windows > Sistema nel riquadro più a sinistra, quindi cercare nella colonna “Origine” un evento denominato “MemoryDiagnostics-Results”. Nel riquadro in basso sono riportati i risultati del controllo RAM.

Come testare RAM con MemTest86

Tra tutte le applicazioni gratuite per il test della memoria, MemTest86 dovrebbe essere l’unica di cui avete bisogno. Esegue una serie di test più approfonditi rispetto a Windows Memory Diagnostic e, poiché si avvia da un’unità USB, può bypassare completamente il sistema operativo, il che è utile se i problemi di crash sono così gravi da non riuscire a raggiungere il desktop.

  1. Recarsi sul sito di MemTest86 e fare clic su “Download”.
  2. Estrarre il file .zip appena scaricato e collegare un’unità USB. L’impostazione di MemTest86 cancellerà tutto il resto dall’unità, quindi, se non è già pulita, eseguite un backup del suo contenuto.
  3. Avviare l’eseguibile “imageUSB” nella cartella estratta. Quando viene chiesto se si desidera consentire le modifiche, fare clic su “Sì”.
  4. Selezionare l’unità USB dall’elenco nella casella “Fase 1”. Nella sezione “Passo 2”, assicuratevi che sia selezionata l’opzione “Scrivi l’immagine sull’unità USB”, quindi, nella sezione “Passo 3”, controllate che il file memtest86-usb.img sia selezionato – dovrebbe esserlo già. Infine, fate clic sul pulsante “Scrivi” e poi su “Sì” nelle due finestre di dialogo successive per confermare.
  5. Dopo pochi istanti l’immagine sarà stata scritta sull’USB – lo saprete perché riceverete un grande messaggio di conferma lampeggiante, leggermente GeoCities. Premete “OK” e riavviate il PC oppure, se avete usato un altro computer per creare l’immagine USB, collegate l’unità USB al PC che volete testare e avviatelo.
  6. Per impostazione predefinita, il PC avvia Windows anziché l’USB, quindi è necessario accedere al BIOS (o UEFI, se vogliamo essere tecnici) e impostare l’USB come dispositivo di avvio primario. È possibile farlo premendo F2, F12 o il tasto Del all’avvio del PC, a seconda del produttore della scheda madre. Le interfacce del BIOS possono essere diverse, ma di solito dispongono di un menu di avvio, per cui è necessario navigare in questo menu e impostare le partizioni dell’unità USB in cima all’elenco delle priorità di avvio. È sempre possibile modificare questa impostazione dopo aver terminato i test. Salvare le modifiche e uscire per riavviare.
  7. Al riavvio, il PC caricherà MemTest86, che inizierà a funzionare automaticamente. Ci vorrà un po’ di tempo per completare il test predefinito a quattro passaggi (due ore e mezza quando l’ho provato con 16 GB di DDR4), quindi lasciate che faccia il suo dovere e, al termine, premete un tasto qualsiasi per visualizzare i risultati. Se volete, potete premere il tasto Y quando vi viene richiesto di salvare una copia in un file HTML, per riferimento futuro.
  8. Premere il tasto X per uscire. Si può scegliere di riavviare, spegnere il PC o uscire da MemTest86, anche se si ricorda che continuerà a caricare su di esso (anziché su Windows) finché non si rimuove l’unità USB o non si rientra nel BIOS per impostare nuovamente Windows Boot Manager come opzione di avvio primaria.

Come si risolvono gli errori della RAM?

Purtroppo, non tutti gli errori di memoria sono risolvibili. Se c’è un problema hardware serio con una delle chiavette RAM, non sarà possibile ripararlo con gli strumenti di risoluzione dei problemi e sarà meglio sostituirla. Detto questo, è possibile risolvere alcuni errori minori risistemando la RAM: l’equivalente della memoria del PC per spegnerla e riaccenderla. È sufficiente rimuovere gli stick di RAM dalla scheda madre, reinstallarli immediatamente e provare ad avviarli di nuovo per vedere se si comportano meglio. Anche se uno dei moduli RAM è rotto, se avete più di un modulo nella scheda madre non è necessario buttarli via tutti. Provate ad avviare ripetutamente il PC rimuovendo ogni volta un modulo RAM diverso; se non si verificano più errori, saprete quale modulo deve essere sostituito e quale potete tenere.

Leggi anche: Come disinstallare programmi da PC Windows

Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.