Ripetitore WiFi, cos’è e come funziona

By | Settembre 1, 2020
ripetitore wifi

Spiegheremo cos’è un ripetitore WiFi e come funziona. Un amplificatore Wifi una delle principali alternative insieme ai PLC che hai quando si tratta di amplificare segnale WiFi nella tua casa e farlo arrivare agli angoli dove hai meno copertura. Quindi, soprattutto se devi acquistare amplificatore segnale wifi, è importante sapere come funzionano.

È davvero un dispositivo molto semplice e diretto, quindi capirai subito come funziona. Ma per non lasciare dubbi a nessuno, proveremo a spiegare tutto in modo semplice, prima cos’è un ripetitore segnale wifi e poi come funziona e come puoi assicurarti di ottenere il massimo da esso.

Cos’è un ripetitore WiFi

Un range extender Wifi, chiamato anche Wifi booster, è uno dei dispositivi che puoi trovare per estendere segnale Wifi. Sì, le connessioni cablate sono le migliori dal punto di vista della velocità, ma non è sempre possibile a causa della distanza e del numero di dispositivi da collegare. E anche la portata del tuo router ha i suoi limiti.

Ed è proprio in questi momenti che entrano in funzione i ripetitori WiFi come l’alternativa più economica per espandere la copertura della propria rete. Quello che fanno è catturare il segnale della rete WiFi che hai già in casa ed estenderlo in modo che arrivi più lontano. Il segnale è esattamente lo stesso, con lo stesso nome per il WiFi e la stessa password.

Pertanto, quello che abbiamo è un dispositivo che colma il divario tra l’area in cui hai una buona copertura WiFi e l’area in cui desideri estenderla perché ha un segnale più debole. Lo fa catturando il segnale WiFi che lo raggiunge e poi estendendolo con le proprie antenne.

Questo tipo di “ponte” funziona in entrambe le direzioni. Ciò significa che non solo porta i dati dal tuo router in un’area in cui la sua copertura originale non arriva, ma raccoglie i dati dai dispositivi che si trovano nella stessa area e li rinvia al router in modo che possa esserci una connessione fluida e l’esperienza è la stessa come se il router fosse lì.

In alcuni casi, oltre ad espandere le reti esistenti, alcuni Wifi extender creano anche una propria rete WiFi totalmente indipendente, con un nome diverso e un’altra password. Questo ha lo svantaggio che dovrai riconfigurare i tuoi dispositivi per connetterti, anche se se hai sempre quei dispositivi collegati all’extender, è un male minore in cambio di prestazioni migliori.

Amplificatore di segnale Wifi come funziona

Per quanto riguarda il suo funzionamento, questo è abbastanza semplice. Il ripetitore di segnale Wifi contiene due router wireless. Con uno viene raccolto il segnale WiFi esistente della tua casa, che viene trasferito al secondo per trasmetterlo nuovamente potenziato in modo che abbia più portata e raggiunga gli angoli dove la copertura del router non arriva.

Un esempio di amplificatore Wifi come funziona. Immagina di avere il tuo router installato in una stanza e che nel tuo soggiorno non ci sia segnale sufficiente per connettere un dispositivo al WiFi. Quindi, quello che faresti con questo repeater Wifi è di collegarlo in una zona intermedia dove arriva bene il segnale WiFi e da dove l’amplificatore può emettere un segnale che arriva in soggiorno.

Il fatto di menzionare una zona intermedia non è casuale, ed è che il luogo in cui posizioniamo il ripetitore Wi fi è fondamentale per il suo corretto funzionamento. Devi metterlo in una sorta di punto intermedio tra il luogo in cui si trova il router e l’area in cui vuoi che arrivi la copertura.

Ovviamente devi anche assicurarti che in quel punto intermedio si riceva un buon segnale dal router per poterlo espandere correttamente. Pertanto, deve essere in quel luogo fino a quando la copertura WiFi non diventa cattiva, ma da cui inizia a deteriorarsi. Quello che farai quando ci metti questo ripetitore è proprio che emette un segnale come se il router fosse lì e che va oltre senza problemi.

A differenza dei PLC, altra alternativa che estende la copertura trasportando il segnale WiFi attraverso il cablaggio elettrico, con l’amplificatore wi fi non è necessario acquistare alcun tipo di pack, poiché è necessario un solo dispositivo per espandere la rete WiFi. Ciò li rende un’alternativa più economica.

Inoltre, non dipende da come è il cablaggio elettrico nella tua casa. Ovviamente, il potenziatore Wifi dovrà essere collegato a una presa per avere abbastanza potenza per funzionare e svolgere i suoi compiti. Il PLC può essere particolarmente utile nelle grandi case dove un ripetitore non è sufficiente per coprire tutte le aree, ma nella maggior parte è più che sufficiente per migliorare la connessione.

Cosa devi tenere in considerazione prima di comprare un potenziatore di segnale Wifi

Se hai già deciso di acquistare un nuovo amplificatore rete Wifi, in questo link trovi i modelli migliori. Di seguito ti lasciamo il riepilogo dei punti da tenere in considerazione quando scegli un antenna amplificatore Wifi.

  • Facilità di connessione: configurare un amplificatore segnale wi fi è molto semplice. Fondamentalmente dovrai collegarlo all’alimentazione e conoscere sia il nome della rete che la password. Ma può ancora essere più semplice, attraverso una configurazione protetta – chiamata in breve WPS – che collegherà questo ripetitore al tuo Wi-Fi semplicemente premendo un pulsante su entrambi i dispositivi.
  • Design: il design più comune dei ripetitori di corrente è quello di un piccolo blocco di plastica che si collegherà direttamente a una presa. Di solito hanno un paio di luci a LED in modo che sappiamo a colpo d’occhio che sono accese e la forza del segnale, così come le antenne. Altri amplificatori segnale wifi, generalmente più complessi, hanno più porte, opzioni e più costosi, hanno un’estetica simile a quelle dei router.
  • Standard di sicurezza: il modello di ripetitore Wi-Fi che acquisti dovrebbe integrare WPA2-PSK (AES), lo standard più recente e più sicuro esistente fino ad oggi. Questi standard si riferiscono al metodo di crittografia utilizzato, qualcosa che impedirà a una persona esterna alla tua rete di accedervi.

Gli standard di sicurezza disponibili sono, ordinati dal migliore al peggiore:

  1. WPA2 + AES
  2. WPA + AES
  3. WPA + TKIP / AES
  4. WPA + TKIP
  5. WEP
  6. Rete aperta
Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.