Safari vs Google Chrome

Safari vs Google Chrome: quale browser è migliore su Mac

Safari e Google Chrome competono a stretto contatto per il primo posto sui Mac. Sebbene Safari sia integrato con macOS, Chrome gode di una quota di mercato significativa su tutte le piattaforme. Apple ha alzato la posta con il nuovo aggiornamento di Safari in termini di aspetto e prestazioni con il nuovo aggiornamento di macOS Big Sur. Per recuperare il ritardo, anche Google ha recentemente spinto un massiccio aggiornamento delle prestazioni a Chrome, uno dei più grandi degli ultimi anni.

Questo ci fa rivivere il classico dilemma di scegliere un browser per Mac: Chrome o Safari? Quindi abbiamo deciso di confrontare i due in questo post. Confronteremo entrambi i browser in base alla loro interfaccia, funzionalità, temi, integrazione di notizie, estensioni, gestione delle password e altro. Cominciamo con la disponibilità multipiattaforma.

Disponibilità multipiattaforma

Come nel caso di ogni software Apple, il browser Safari è disponibile solo su iOS, iPadOS e macOS. Mentre nel caso di Chrome, puoi accedere al browser ovunque. È disponibile su iOS, Android, macOS, iPadOS, Windows e Chrome OS.

Interfaccia utente

Safari ha ricevuto un rinnovamento del design tanto necessario con l’aggiornamento di macOS Big Sur. Per i principianti, puoi facilmente cambiare lo sfondo nella home page di Safari. Puoi selezionare uno sfondo personalizzato dal tuo Mac.

Per quanto riguarda la personalizzazione, puoi scegliere di mantenere preferiti, rapporti sulla privacy, suggerimenti di Siri, un elenco di lettura e altro ancora sulla home page. Le schede hanno anche avuto un bel tocco visivo. Quando passi il cursore su una scheda, mostrerà l’anteprima dal vivo della pagina web.

Le estensioni (ne parleremo più avanti), la cronologia, l’elenco di lettura e il menu di condivisione si trovano in alto. Puoi sfruttare al meglio queste funzionalità padroneggiando le scorciatoie da tastiera per accedere e navigare rapidamente tra le opzioni. Se ami il tema scuro, supporta anche il tema scuro a livello di sistema introdotto con macOS Mojave.

Google Chrome continua a rispettare le linee guida per la progettazione dell’interfaccia dei materiali. Noterai angoli arrotondati e molti bianchi ovunque. Detto questo, puoi cambiare il tema predefinito scegliendone uno nuovo dal Chrome Theme Store e sfogliando centinaia di temi pronti all’uso disponibili.

Caratteristiche

È comprensibile se richiedi al tuo browser preferito di offrire funzioni diverse rispetto al semplice caricamento delle pagine più velocemente. Safari offre una modalità di lettura dall’aspetto pulito che elimina gli elementi non necessari da una pagina Web come annunci, integrazione sociale e commenti.

Puoi personalizzarlo cambiando lo stile del carattere, la dimensione e il colore di sfondo della modalità di lettura.

Safari gode di una perfetta integrazione tra iOS e macOS. Tocca il selettore di schede e il browser mostra la scheda aperta sul tuo iPhone. Allo stesso modo, durante la navigazione su iOS, la funzione di trasferimento ti consentirà di portare avanti la stessa pagina web su macOS.

Puoi anche usare la ricerca Spotlight predefinita (scorciatoia Comando + Spazio) e iniziare a digitare il nome della pagina web, e mostrerà i suggerimenti dalla cronologia di Safari. Lo uso spesso per visitare una pagina web senza aprire il browser. La funzionalità non è disponibile per i browser di terze parti.

Google Chrome offre anche una funzionalità di sincronizzazione, ma è nascosta nel menu Opzioni. Vai a Cronologia> Schede sincronizzate, ed è lì che vedrai le schede di Chrome aperte su iPhone o Android. Sì, funziona anche con Android.

Sfortunatamente, Google Chrome non offre alcuna modalità di lettura nativa. La mia funzione preferita di Google Chrome sono le schede di gruppo. È possibile creare più gruppi in base a un argomento specifico e disporre le schede. È davvero utile quando si ricercano più siti Web contemporaneamente con dozzine di schede aperte.

Estensioni

In termini di supporto delle estensioni, Safari rimane indietro a Chrome. L’elenco delle estensioni è limitato, ma ottiene le estensioni di base per far funzionare le cose. Detto questo, avrai difficoltà a cercare un’estensione per ogni esigenza. Vai su Safari> Estensioni Safari e installale dall’elenco.

Puoi gestirle andando in Preferenze> Estensioni e integrarli nella tua esperienza di browser.

Google Chrome offre una ricca raccolta ordinatamente suddivisa in diverse sezioni. C’è un’estensione per ogni scenario d’uso.

Compatibilità web

Google Chrome utilizza il motore web Chromium per caricare le pagine web. È uno standard universale utilizzato dalla maggior parte dei browser come Microsoft Edge, Brave e Opera. Non avrai problemi a caricare e navigare nelle pagine web.

Safari utilizza il motore Webkit per il rendering e il caricamento delle pagine web. L’esperienza è stata per lo più senza soluzione di continuità su entrambi i browser. Detto questo, ho dovuto affrontare alcuni ostacoli con un paio di siti Web in cui il provider mi ha chiesto di passare al browser Chrome.

Gestione delle password

La gestione impeccabile delle password è un aspetto chiave e anche una necessità per un’esperienza browser affidabile. Safari memorizza tutte le credenziali nel portachiavi iCloud per impostazione predefinita. La prossima volta che proverai ad accedere a un account, utilizza le informazioni di accesso dal portachiavi iCloud o tocca il Touch ID per compilare automaticamente i dettagli.

Chrome offre la gestione delle password di Chrome per salvare e memorizzare ogni dettaglio di accesso. Non è una gestione delle password completa ma ha abbastanza funzioni per portare a termine il lavoro. Come bonus, il servizio è disponibile anche su Chrome Android e iOS.

Privacy

Safari offre report dettagliati sulla privacy che suggeriscono quali tracker il browser ha bloccato dai siti Web visitati. Sarai sorpreso di controllare quanti tracker il browser ha bloccato nel rapporto alla fine della giornata.

Convenienza VS. Funzionalità

Quelle erano alcune differenze chiave tra il nuovo Safari e Google Chrome su Mac. L’aggiornamento macOS Big Sur colloca il browser Safari di Apple proprio lì con leader di mercato come Google Chrome e Firefox. In alcune aree come la personalizzazione e la privacy, batte persino Google Chrome. Google reagisce con disponibilità multipiattaforma, ricco supporto di estensioni e prestazioni impeccabili. Alla fine della giornata devi rispondere alla chiamata tra una più ampia disponibilità della piattaforma o la pura comodità.