SEO copywriting: le 10 regole per una scrittura efficace

By | Maggio 16, 2020
SEO web copywriting: le 10 regole per una scrittura efficace

Chi possiede un sito web dovrebbe considerare l’idea dei servizi di un seo copywriter. Si tratta di un professionista capace di usare consapevolmente strategie, regole e tecniche di scrittura volte a migliorare la qualità dei contenuti per gli utenti e per rendere il testo digeribile ai motori di ricerca come Google, il tutto per ottenere migliori posizionamenti nella SERP.

Abbiamo chiesto all’esperto SEO copywriter Luca Bartoli di fornirci 10 consigli per redigere un qualsiasi testo perfetto per essere postato sui siti web e conquistare il favore di Google&Co. Quello che dunque adesso andremo ad argomentare riguarda in sostanza alcune regole ideali per ottenere una scrittura seo efficace.

Utenti e il loro interesse nelle ricerche

Qual è la ricerca che gli utenti svolgono con più assiduità? Questa è una domanda più frequente che un seo copywriter si pone. Gli interessi degli internauti sono il primo grande punto focale per indicizzare i propri contenuti. Che scopo c’è alla base della ricerca svolta? Vogliono comprare? Vogliono informarsi?

Studiare il settore di riferimento e conoscere il potenziale utente, con le tematiche di suo interesse, aiutano a realizzare un contenuto web di qualità e che allo stesso tempo può convertire e far guadagnare.

Ritagliati dunque del tempo per analizzare i risultati di ricerca per le query su cui ti interessa posizionarti e osserva con attenzione di cosa trattano i contenuti.

Scrivere rispettando lunghezza ideale per ogni topic

Secondo il seo copywriting un elaborato testuale deve avere una lunghezza ottimale, commisurata all’argomento di cui si tratta. Per tale ragione non esiste una regola tassativa per la quale i propri testi debbano avere un tot di parole piuttosto che un altro. Anzi, sarebbe meglio che il testo sia leggibile, scorra bene e soprattutto sia completo e che soddisfi l’utente.

Per smorzare la pesantezza della lettura poi, si consiglia di porre in essere anche alcuni trucchi o espedienti. Ad esempio utilizza elenchi o tabelle per rendere più veloce e fluida la lettura.

Per fare in modo che l’articolo sia completo e che l’utente passi più tempo sul tuo sito diminuendo il bouncing, ricorri spesso anche all’uso di video, che contribuiscono a rendere unica la pagina e più immersiva.

La qualità dei contenuti

Già da quanto poc’anzi spiegato, emerge l’importanza della qualità dei testi pubblicati. Per quanto un testo possa essere perfetto dal punto di vista grammaticale o sintattico, è fondamentale che sia anche ben argomentato, fluido, lineare e non noioso.

Il contenuto deve essere stuzzicante, capace di incuriosire il lettore. Per questo andrebbe sempre redatto da un professionista del settore, il cosiddetto copywriter, che sia in grado di elaborare un guest post realizzato secondo le regole della SEO.

In fondo per Google l’obiettivo primario resta quello di dare agli utenti risposte complete e immediate alle proprie domande.

Approfondire gli argomenti

Ogni seo copywriter sa che un argomento trattato va sempre elaborato con precisione, accuratezza, scegliendo sempre tra fonti affidabili.

Bisogna approfondire la tematica e dare al lettore informazioni che siano coerenti e veritiere. Ogni tema affrontato poi richiede uno stile ed una tecnica di scrittura a sé stante, che ben si adattano al contesto in cui il testo viene poi pubblicato.

Uso delle keyword

La crucialità della tecnica di SEO copywriting risiede nell’utilizzo delle keywords. Non solo vanno individuate in maniera precisa ma devono essere anche ben inserita e contestualizzata nel testo stesso.

E così dunque, chi scrive, deve rispettare la regola della keyword density, senza però rischiare di sembrare innaturali, sfociando nel keyword stuffing.

La parola chiave va cioè posizionata in fase di scrittura come se venisse fuori spontaneamente e naturalmente, non devono esserci in pratica delle forzature.

Ricorda anche che una buona tecnica di utilizzo della keyword consente l’utilizzo di sinonimi, plurali e chiavi correlate alla keyword per cui sei interessato a posizionarti.

Title e meta description

Title e meta description rappresentano i tag HTML (presenti nella sezione <head> di una pagina web) che utilizzati con la URL, creano lo snippet di una pagina tra i risultati di ricerca.

Sono questi i primi elementi che saltano all’occhio dell’utente in fase di ricerca, ed è proprio per questo motivo che devono apparire stuzzicante e stimolanti, tali da spingere l’internauta a cliccarci sopra.

Per imparare ad ottimizzare la meta description ti consigliamo di non andare oltre i 160 caratteri, spazi compresi. Se ne hai la possibilità includi altre keyword oltre quelle principali, per riuscire a dare uno sguardo generalizzato dell’argomento in poche righe.

L’uso delle immagini

Altro elemento importante dal punto di vista SEO copywriting è l’uso delle immagini.

Quando si carica sulla piattaforma di riferimento l’immagine, sarebbe opportuno inserire una parola chiave all’interno dell’attributo alt, in modo tale che anche il file multimediale possa spingere il piede sull’acceleratore dell’indicizzazione.

Un secondo trucco inerente all’immagine, concerne invece il fatto di dover rinominare il file immagine. Magari sempre usando una keyword relativa all’argomento del contenuto.

Il titolo

Croce e delizia di ogni copywriter, il titolo è il primo contatto visivo che l’utente insatura con il testo che dovrà leggere. Per tale motivo, si consiglia sempre di scegliere un titolo breve, esaustivo, che contenga la keyword principale.

A livello stilistico deve essere curato nei minimi dettagli, ma deve essere talmente stimolante da invogliare l’utente a proseguire con la lettura. Insomma deve essere un magnete.

La formattazione del testo

Non dimenticare che la formattazione del testo ben curata ti farà guadagnare punti agli occhi di Google.

Il motore di ricerca considera positivamente l’uso di:

  • elenchi puntati;
  • tabelle;
  • Video;
  • Ogni altra interruzione che rende il testo scorrevole e diverso dagli altri.

Ultimo consiglio di formattazione, ma non meno importante, concerne l’uso dei grassetti.

Questi ultimi non solo rendono il testo vivace e scorrevole nella lettura, ma consentono anche di dare spessore alle parole. Ovviamente, il tutto senza esagerare.

I link sia interni che esterni

L’ultimo consiglio che intendiamo fornire sulle tecniche di SEO copywriting concerne i link. In primis devono essere presenti quelli interni, ovvero quelli che consentono di passare da un articolo all’altro all’intero dello stesso sito web.

In tal modo le pagine del sito acquisiranno autorevolezza e consentiranno una più facile ottimizzazione degli anchor text.

Non meno importanti sono i link esterni, che si apprestano ad essere ideali soprattutto in fase di creazione del contenuto.

Google premierà infatti quei testi che rimandano a link di fonti attendibili e autorevoli, purché il link scelto sia pertinente con l’argomento trattato.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.