Snapseed: l’app mobile che ogni fotografo dovrebbe avere

By | Settembre 25, 2020
Snapseed: l'app mobile che ogni fotografo dovrebbe avere

In questo articolo ti suggerisco di utilizzare l’app Snapseed la migliore applicazione per modificare foto. Resta con noi e scoprirai tutti i suoi punti di forza.

Il fatto che scattiamo sempre più fotografie con il cellulare è un dato di fatto, e la prova di ciò è che i produttori di questi dispositivi hanno scommesso molto sulle funzionalità fotografiche che ci offrono.

Ma non importa quanto all’avanguardia abbiano la fotocamera, come nel caso anche della fotografia più professionale, le nostre immagini miglioreranno in modo significativo se applichiamo alcune piccole modifiche.

Ma hai un’app preferita per farlo? In questo articolo ti suggerisco di utilizzare l’app Snapseed Android per eseguirle. Resta con noi e scoprirai tutti i suoi punti di forza.

L’ascesa della fotografia mobile

Senza dubbio, la fotografia mobile è qualcosa di molto diffuso oggi. Grazie alla fotocamera del nostro dispositivo possiamo catturare momenti imprevisti che vogliamo conservare per sempre, e prima dei quali non avevamo la nostra fotocamera pronta.

Ma nello stesso modo in cui ci sono una serie di consigli quando si tratta di catturare foto con il cellulare e che ti abbiamo già detto in questo articolo, è interessante che tu faccia un ulteriore passo avanti.

Come con la fotografia SLR, non importa quanto bene il tuo cellulare scatta le foto, sarà sempre interessante prendersi cura della loro elaborazione per ottenere il loro pieno potenziale e far risaltare dal resto.


E nel caso tu non abbia ancora un’applicazione preferita con cui realizzare questo lavoro, in questo caso vedremo come realizzarla con Snapseed.

Snapseed: un’applicazione di editing professionale

Snapseed potrebbe essere una delle app per foto per dispositivi mobili più complete e di alta qualità che troviamo attualmente. È disponibile sia per Android che per iOS, è gratuita ed è anche molto apprezzata dagli utenti, cosa che ci fa intravedere il suo grande potenziale.

Dietro ora c’è Google, e dal suo rinnovo alla sua versione 2.0 continua a incorporare costantemente miglioramenti, tra cui anche l’editing di foto in formato RAW.

Introduzione a Snapseed

Come abbiamo già detto, Snapseed è un’applicazione molto accessibile, poiché da un lato stiamo parlando di un’app gratuita, che la farà raggiungere un pubblico più ampio, e possiamo lavorarci anche da iOS e Android, sia con il nostro telefono cellulare che con il nostro tablet. Quindi possiamo quindi dire che Snapseed riesce a unirci tutti per una buona causa: il fotoritocco.

Quando entriamo nell’applicazione, la prima cosa che ci chiederà è di selezionare la fotografia che vogliamo modificare. Per fare ciò premeremo il pulsante Apri e accederemo alla nostra cartella principale di immagini.

Se quello che stiamo cercando si trova in una cartella diversa, è sufficiente far scorrere il dito sullo schermo verso destra e accederemo al nostro set di cartelle da cui possiamo sceglierlo.

Una volta selezionata la fotografia, analizziamo cosa appare sullo schermo. Da un lato, vediamo che nell’angolo in basso a sinistra compare l’istogramma dell’immagine, cosa che solitamente la maggior parte delle applicazioni foto non ha e che già ci fa percepire il grado di professionalità dell’app.

In alto abbiamo la possibilità di salvare , ei tre puntini ci portano alle opzioni di condivisione , vedere i dettagli dell’immagine e, dopo aver iniziato con il ritocco, possiamo anche tornare ai passaggi precedenti.

Infine, abbiamo l’icona della matita nell’angolo in basso a destra, che è quella che ci porterà al menu dove abbiamo gli Strumenti e i Filtri che useremo per modificare foto iPhone e Android.

Suggerimenti per la gestione di Snapseed

Snapseed è un’applicazione intuitiva, con menu altamente organizzati che facilitano la navigazione. Prima di iniziare, dovresti sapere che per regolare l’intensità delle regolazioni e degli effetti che applichiamo alla nostra fotografia, se spostiamo il dito sullo schermo a sinistra ne ridurremo l’intensità, e se lo spostiamo a destra la aumenteremo. Se vogliamo spostarci tra le diverse opzioni di regolazione, facendo scorrere il dito verso l’alto o verso il basso possiamo farlo.

D’altra parte, se si desidera visualizzare le modifiche che avete applicato per quanto riguarda la fotografia originale, è necessario premere l’icona si trova nella parte in alto a destra (una sorta di quadrato diviso a metà), oppure premere sull’immagine stessa per vederlo.

Gli strumenti Snapseed

All’interno degli strumenti vediamo che ci sono alcune opzioni tra cui possiamo scegliere. Per cominciare, e quello che considero un must per qualsiasi fotografia, è Migliora fotoCon esso avremo accesso alla regolazione dei seguenti parametri: Luminosità, Contrasto, Saturazione, Ambiente, Luci, Ombre e Calore.

Possiamo effettuare questa regolazione automaticamente premendo la matita posta sotto, ma è consigliabile regolarla manualmente. La cosa interessante di questa app x foto è che possiamo apportare le modifiche alla nostra misura per ottenere l’effetto che vogliamo.

Per quanto riguarda le altre opzioni degli strumenti, abbiamo la possibilità di ritagliare la foto , ruotarla o darle più dettagli per ottenere nitidezza (una sorta di maschera di messa a fuoco).

Possiamo anche regolare la prospettiva sia verticale che orizzontale con lo strumento Trasforma (qualcosa di molto utile per la fotografia di edifici ad esempio), e abbiamo anche opzioni che sembrano prese da Lightroom o Photoshop stesso, come il Pennello, con cui possiamo apportare regolazioni per aree , Selective Adjustment o Blemish Remover , che è come un pennello correttore.

Per utilizzare quest’ultimo, ti consiglio di ingrandire l’area in cui desideri applicarlo in modo che lo strumento sia il più sottile possibile e non rovini l’immagine. Infine abbiamo anche l’opzione Vignettatura , con la quale possiamo regolare la luminosità sul motivo che vogliamo.

I filtri Snapseed

Per quanto riguarda i filtri , vediamo che abbiamo una buona selezione tra cui scegliere. Dal Blur , con cui possiamo enfatizzare l’attenzione sul motivo fotografico che vogliamo o al Glamour che ci aiuterà a realizzare ritratti con uno sguardo nel più puro stile fashion photography.

Due dei miei preferiti sono la modalità HDR, che uso molto per aggiungere forza alla mia fotografia di paesaggi, ma sempre riadattando i parametri io stesso, e la modalità Vintage, per dare alle mie immagini uno stile specifico

Le opzioni sono molteplici e l’applicazione ci consente di aggiungerne diverse contemporaneamente , qualcosa di interessante poiché a volte vogliamo creare una sottile combinazione di più di esse.

Ma la cosa migliore di Snapseed è che non solo stai applicando un filtro senza ulteriori indugi, ma puoi regolare la sua intensità e modificare i parametri che lo caratterizzano in modo che diventi un filtro unico.

Inoltre, un altro dei suoi punti di forza è che funziona a strati, quindi se andiamo alla schermata iniziale e premiamo il numero di modifiche che abbiamo apportato, possiamo o regolarle di nuovo individualmente o eliminarle indipendentemente dall’ordine in cui erano. .

Quando finisci di modificare la tua immagine, devi solo salvarla e se vuoi condividerla sui tuoi social network dalle sue scorciatoie.

L’applicazione ti ha convinto?

No, non mi pagano un extra per consigliarla, ma come hai visto è una potente applicazione che può aiutarci a elaborare le nostre foto scattate con il cellulare per migliorare foto.

Se vuoi davvero scoprirne tutto il potenziale, ti incoraggio a scaricarlo e ad esercitarti con esso da solo, e se lo conosci già, perché non ci dici la tua opinione?

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!