Stai dormendo poco? La luce blu (quella di smartphone e pc) fa dormire male

By | Luglio 31, 2019

Attualmente ci sono molti studi che indagano sull’uso dello smartphone da parte degli utenti. Questi studi analizzano in che modo questi dispositivi influenzano gli utenti, che dormono meno a causa della luce blu emessa dallo schermo dello smartphone.


Come proteggersi dalla luce blu emessa dai cellulari?

Le nuove tecnologie, oltre a migliorare le comunicazioni, possono anche avere effetti negativi sulla salute se le persone fanno un uso eccessivo di questi dispositivi. Questo è ciò che Bruno Madeira, co-fondatore di Koala Rest, afferma nelle dichiarazioni fatte dall’agenzia Europa Press.

Le persone che usano il telefono cellulare dormono meno e la ragione risiede nella luce emessa dallo schermo degli smartphone.

È pericoloso dormire con il telefono?

Ogni radiazione di luce naturale corrisponde a una lunghezza d’onda che determina il suo colore. La luce blu è compresa tra 478 e 483 nm. Sebbene questo sia ancora debole, disturba l’orologio biologico dell’uomo. Può anche distruggere la retina e causare la cataratta.

Provoca progressiva degenerazione della macula, che consente di vedere i dettagli. Nei casi più gravi, l’esposizione alla luce blu può causare la perdita della vista.

Stai dormendo poco? La luce blu (quella di smartphone e pc) fa dormire male.

Il cervello capisce che è ancora giorno quando il cellulare viene utilizzato di notte a causa della luce emessa dai dispositivi.

Dalla stessa azienda, affermano che questo rallenta la secrezione di melatonina, l’ormone del sonno, e crea difficoltà quando si fa l’ora di andare a dormire. Ma non è l’unico effetto negativo, dal momento che puoi anche soffrire di risvegli notturni, un riposo di scarsa qualità, episodi di insonnia e altri effetti come stress visivo, mal di testa, irritazione e affaticamento della vista.

Esiste una connessione tra l’uso dello smartphone e la perdita di memoria negli adolescenti?

Quindi puoi evitare l’insonnia tecnologica

Quando un utente utilizza un telefono cellulare prima di andare a dormire, attiva il suo cervello, in quanto lo costringe a prestare attenzione, cosi facendo non permette alla persona di rilassarsi e riposare. Questa “insonnia tecnologica” può essere evitata seguendo una serie di linee guida, come riportato da Koala Rest.

In primo luogo, evitare di avere dispositivi elettronici nella stanza, come smartphone o televisori, poiché la loro luce è dannosa per il riposo, comprese le luci a LED che emettono. Un’altra azione da svolgere sarebbe quella di smettere di usare smartphone e dispositivi elettronici due ore prima di andare a letto, così il cervello riesce a produrre l’ormone responsabile della regolazione del sonno.

Infine, anche l’attivazione della modalità notturna sugli smartphone è di grande aiuto, poiché la luce inviata dagli smartphone è limitata in questa modalità e le sue emissioni sono ridotte. Alcuni consigli che ti permetteranno di dormire di più e riposare meglio la notte.

Dipendenza da telefonino? I rischi per i nostri figli.

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.