Come trovare uno smartphone o tablet Android perso

Come trovare uno smartphone o tablet Android perso

Se a un certo punto hai perso (o addirittura hai creduto di aver perso) il tuo smartphone o tablet, sicuramente conoscerai l’attacco di panico che si verifica dopo pochi secondi dopo. Tuttavia, la realtà è che i dispositivi Android hanno un semplice servizio di ricerca in caso di perdita. Qui ti spieghiamo i passaggi da seguire per trovare il tuo dispositivo.


Affinché Google possa trovare il tuo telefono senza problemi, devi verificare quanto segue:

  • Lo smartphone deve essere connesso allo stesso account Google da cui si accederà per cercare di individuarlo.
  • Il tuo smartphone deve avere accesso a Internet.
  • Il tuo smarpthone deve essere acceso al momento della perdita.
  • Devi consentire a ‘Gestione dispositivi Android’ di accedere al tuo smartphone. Di default, l’opzione è attivata nelle “Impostazioni” del nostro dispositivo.

Tutto ciò che dobbiamo fare per localizzare il telefono è di tipo a Google: “Trova il mio telefono” (funziona anche con altre query quali “come trovare un telefono perso” o “dov’è il mio telefono”). Finora, questa opzione è solo in inglese e funziona dal dominio ‘google.com’. Noi non sappiamo quando sarà disponibile in italiano, ma si può semplicemente cercare ‘Gestione dispositivi Android’ per accedere direttamente al servizio di localizzazione di Google in lingua italiana.

Come trovare uno smartphone o tablet Android perso

Il primo risultato che vediamo dopo aver inserito una delle query sopra elencate è la posizione approssimativa del nostro telefono su Google Maps. Da questa finestra possiamo far suonare il telefono per trovarlo più facilmente.


Se il nostro telefono si trova in un luogo sconosciuto o non sicuro, possiamo fare clic sulla mappa per accedere a “Gestione dispositivi Android”, da cui oltre a far squillare il nostro smartphone, possiamo anche bloccare o cancellare tutti i dati memorizzati.

Se al momento della perdita del telefono non abbiamo accesso a un computer, possiamo anche accedere a “Gestione dispositivi Android” tramite un altro smartphone utilizzando il browser o scaricando l’applicazione Find My Device.

Cosa succede se non riesco a individuare il mio telefono? I motivi possono essere diversi e il primo e più probabile è che il telefono non sia connesso a Internet o sia spento. Se questo è il tuo caso, è consigliabile riprovare a utilizzare il “Gestore periferiche” più avanti, nel caso in cui il terminale recuperi la connessione Internet.

C’è anche la possibilità di utilizzare la cronologia delle posizioni, per vedere in quali luoghi è stato il telefono o il tablet prima di diventare non operativo. È possibile accedere ad esso digitando in Google: “Location History” È necessario che il servizio di localizzazione sia attivato per rendere possibile ciò.

Altre applicazioni utili

Cerberus

Un’applicazione molto completa per proteggere il tuo telefono. È possibile tenere traccia del telefono e localizzarlo, attivare l’allarme anche in modalità silenziosa, eliminare la memoria interna e la scheda SD. Possiamo anche nascondere l’applicazione in modo che il ladro non sappia che l’abbiamo installata.

Lost Android

Un’applicazione molto simile alla precedente. La si installa sul proprio smartphone, l’icona che apparirà sullo schermo non sarà quella di Lost Android ma vedremo “Note personali”. Una volta scaricata, accediamo al sito Web di Android Lost e ci registreremo con il nostro indirizzo email.

Se il nostro telefono viene rubato, possiamo controllare a distanza il telefono dal sito web. Tra le sue funzioni possiamo bloccare il telefono, registrare suoni, scattare una foto, ricevere un’e-mail se cambiano la SIM, o cancellare dati dalla scheda SD tra le altre opzioni.

Come cancellare i dati da uno smartphone rubato

Come sempre, la migliore soluzione contro il furto è prevenire. La prima volta che si avvia un nuovo dispositivo, si consiglia vivamente di attivare le autorizzazioni nel Device Manager in modo che, in caso di perdita o furto, abbiamo la possibilità di controllare il telefono.

Device Manager è sempre associato a un account Gmail. Nel caso in cui gestisci i dispositivi di altri membri della tua famiglia, ti consiglio di avere un account Gmail secondario per amministrarli. Per attivare device manager dobbiamo andare in Impostazioni> Sicurezza> Amministratori dispositivo > Gestione periferiche e se si dispone di più di un account Gmail, scegliere con quale gestiamo il dispositivo.

la procedura per cancellare i dati da uno smartphone rubato può essere fatta sia da un computer che da un altro smartphone. Tutto ciò di cui hai bisogno è l’email e la password dell’account associato al dispositivo. Se si desidera farlo dal computer, è necessario accedere al sito Web Gestione periferiche. Se vuoi farlo da uno smartphone avrai bisogno dell’applicazione Device Manager.

Se abbiamo perso ogni speranza di recuperare il nostro smartphone e non vogliamo che i nostri dati cadano nelle mani di chi non dovrebbe, l’unica soluzione è cancellare i dati del terminale.

Elimina i dati da uno smartphone rubato da un altro smartphone

Per eliminare i dati da uno smartphone da un altro dispositivo, aprire l’applicazione, scegliere il dispositivo e fare clic su Elimina. Accetta l’avviso facendo clic su Elimina.

Elimina i dati da uno smartphone rubato da un computer

Per eliminare i dati da uno smartphone da un computer, apri l’amministrazione web dei dispositivi e, come nell’applicazione, selezionare il dispositivo e fare clic su Elimina. Accetta l’avviso facendo clic su Elimina.

Come bloccare uno smartphone rubato

La prima misura in caso di furto è bloccare il terminale. Con questo mettiamo una barriera alla privacy e quindi possiamo valutare se il dispositivo può essere recuperato o dobbiamo cancellare i dati.

Blocca uno smartphone rubato da un altro smartphone

Avvia l’applicazione Gestione dispositivi. Scegli il dispositivo che vuoi bloccare e premi dove dice Block. Ti verrà chiesto di inserire una nuova password di sblocco, un messaggio e un numero di telefono da chiamare. I secondi due sono opzionali.

Blocca uno smartphone rubato da un computer

Dal computer dobbiamo navigare nel sito Web di Device Manager e registrarci. Una volta dentro scegliamo il dispositivo e qui possiamo anche inserire una nuova password e opzionalmente possiamo inserire un messaggio.

Sul dispositivo rubato apparirà una schermata con il messaggio e un pulsante per chiamare il proprietario. Per sbloccarlo dobbiamo toccare l’icona del lucchetto e inserire la nuova password che abbiamo appena inserito.

Come attivare la modalità antifurto sul tuo Android

La prima cosa da fare è accedere a “Impostazioni di Google”. Puoi accedere dall’icona grigia in cui compare la lettera di Google accompagnata da una piccola ruota dentata bianca. Una volta entrati in “Impostazioni Google”, dobbiamo accedere a Gestione dispositivi. In questa sezione troviamo due opzioni: “Localizza questo dispositivo da remoto” e “Consenti il ​​blocco remoto e ripristina i dati di fabbrica”. Sicuramente quest’ultima opzione è disabilitata, se la attiviamo ci darà la possibilità di bloccare il nostro dispositivo da remoto e ripristinarlo ai valori di fabbrica in caso di smarrimento.

Quando attiviamo questo servizio, si aprirà una finestra di conferma che mostra le possibilità di questo servizio. Se siamo soddisfatti, dobbiamo solo cliccare sul pulsante Attiva. In questo modo possiamo bloccare il nostro dispositivo da remoto in caso di furto.

Se non riesci a trovare l’icona “Impostazioni Google” puoi anche attivare questa opzione dalla sezione “Impostazioni” del tuo terminale. Per questo, come ho detto, devi accedere a “Impostazioni” e alla sezione “Sicurezza”.

Una volta dentro, è necessario accedere alla sezione “Device Administrators” e fare clic sulla casella “Gestione periferiche” e recante il seguente messaggio: “Consenti al blocco del dispositivo su Gestione dispositivi Android”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*