USB‑C vs Thunderbolt 3: quale utilizzare per collegare il tuo MacBook a un monitor

By | Dicembre 14, 2020
USB‑C vs Thunderbolt 3

La porta USB Type-C è alla guida di quasi tutti i nuovi gadget, in particolare i modelli di Apple MacBook. Sebbene combini potenza, dati e video in uno, è uno degli standard più confusi per gli utenti. Molte persone spesso presumono che qualsiasi cavo USB-C normale funzionerà con il loro MacBook per caricarlo o collegarlo al monitor. Diavolo, no. È necessario un cavo USB-C specifico per caricarlo o collegarlo a un monitor Thunderbolt 3 premium. Quindi, prima di sprecare i tuoi soldi acquistando cavi incompatibili, continua a leggere.


In primo luogo, tutti i modelli di MacBook, MacBook Air, MacBook Pro, iMac, Mac Mini e Mac Pro rilasciati dopo il 2016 hanno una porta Thunderbolt 3. Non sei l’unico a chiedersi sempre se stai acquistando il cavo giusto per il tuo MacBook per collegarlo a un monitor esterno. Ovviamente, si consiglia di utilizzare un unico cavo per una connessione di migliore qualità e una scrivania priva di ingombri. Quindi, se hai intenzione di acquistare un monitor con USB-C o ne hai già uno, ci sono un sacco di cose che devi tenere a mente prima di scegliere il cavo e il monitor giusti.

Differenza di velocità

La porta USB-C 3.1 Gen 2 può fornire velocità fino a 10 Gbps. Quindi si verificano queste velocità se si collega un SSD compatibile o un altro dispositivo con una porta USB 3.1. Una cosa da notare qui è che il numero è puramente teorico.


Nel frattempo, la porta Thunderbolt 3 proprietaria di Intel può trasportare dati a una velocità di 40 Gbps se collegata a un disco rigido di supporto o a un dock. Puoi anche notare un pregio del cavo Thunderbolt 3: può raddoppiare come cavo USB-C. Tuttavia, puoi utilizzare un cavo USB-C 3.1 Gen 2 per ottenere velocità o funzionalità di grado Thunderbolt 3.

Detto questo, la forma del connettore sui cavi USB-C e Thunderbolt 3 che supportano i cavi USB-C sembra la stessa. Quindi come si fa a capire la differenza e identificare il cavo corretto? I cavi USB-C che supportano Thunderbolt 3 hanno il simbolo del fulmine su entrambe le porte.

Questo è il più grande elemento di differenziazione tra entrambi i cavi, e solo quelli certificati portano quel simbolo. Lo troverai anche accanto alle porte USB-C del tuo MacBook. Dovresti notare che il collegamento del cavo Thunderbolt 3 a un normale dispositivo di trasporto con porta USB-C lo farà funzionare come qualsiasi altro cavo USB-C 3.1.


Quindi dovresti controllare il logo del fulmine sulle porte nelle foto di un prodotto e il cavo effettivo per verificare se si tratta di un cavo Thunderbolt 3. Per renderlo ovvio, i Thunderbolt 3 sono un po’ costosi rispetto ai normali cavi USB-C 3.1 Gen 2. Quindi puoi acquistare un cavo Thunderbolt 3 e utilizzarlo anche per il trasferimento dei dati e la ricarica. Quando si tratta di ricaricare, c’è anche una distinzione.

Power delivery e supporto alla risoluzione

USB-C è utilizzabile per l’erogazione di potenza, il trasferimento e il video. I cavi USB-C 3.1 Gen 2 certificati per Power Delivery possono fornire fino a 100 W di potenza. Ciò significa che puoi utilizzare questi cavi con un connettore USB-C compatibile con Power Delivery per caricare i tuoi MacBook a 100 W. Ciò significa anche che i tuoi MacBook si caricheranno più velocemente rispetto all’utilizzo di un normale caricabatterie USB-C.

Questi cavi USB-C 3.1 Gen 2 possono supportare anche l’uscita video attraverso la speciale disposizione della modalità alternativa DisplayPort e puoi collegarlo direttamente a un monitor DisplayPort o HDMI.


Allo stesso modo, anche i cavi USB-C Thunderbolt 3 certificati Apple possono fornire fino a 100W di potenza. Se hai un prodotto Mac che è stato rilasciato dopo il 2016, allora sei pronto per una sorpresa. Un tipico cavo Thunderbolt 3 può produrre una risoluzione video di 4K o 5K a 60Hz.

Tutto ciò significa che puoi utilizzare un unico cavo per caricare il tuo MacBook e allo stesso tempo inviare il segnale video al monitor. Tuttavia, il problema qui è che il monitor in questione dovrebbe supportare la tecnologia di ricarica della fornitura di energia per renderlo utile.

Ad esempio, il monitor Philips 346B1C USB-C supporta l’erogazione di potenza fino a 90 W. Ciò significa che è leggermente inferiore alla specifica completa.


La parte migliore è che Thunderbolt 3 supporta anche le funzionalità DisplayPort 1.2 e HDMI 2.0. Se parliamo di monitor esterni, un singolo cavo Thunderbolt 3 può pilotare un singolo display 5K a 60Hz o due monitor 4K a 60Hz (ne parleremo più avanti).

Ora la tua preoccupazione principale dovrebbe essere quella di scegliere il monitor giusto con il supporto di Power Delivery appropriato. Otterrai alcuni modelli come il monitor LG 38WN95C UltraWide che fornisce alimentazione fino a 94W.

Collegamento di più monitor

Inutile dire che più monitor aiutano a renderti più produttivo. Quando si tratta di sistemi Windows, il collegamento a margherita (o MST) di due o più monitor è una faccenda facile purché si disponga di un set di monitor e cavi compatibili. Ma per quanto riguarda macOS?


Quando si tratta di USB-C, purtroppo macOS non ti consente di fare molto. Se dovessi collegare due monitor USB-C, si otterrà semplicemente un display specchiato.

Per fortuna, la questione è esattamente l’opposto quando si tratta di Thunderbolt 3. Qui è possibile avere un vero display esteso tramite collegamento a margherita. Per chi non lo sapesse, il MacBook Pro da 16 pollici della famiglia 2019 può alimentare quattro monitor 4K tramite collegamento a margherita quando è collegato tramite cavi Thunderbolt 3. Quindi, quando si tratta di daisy chain, Thunderbolt 3 vince a mani basse.

Quale scegliere: THUNDERBOLT 3 O USB-C

Dal confronto sopra, è abbastanza chiaro che Thunderbolt 3 offre più velocità di trasferimento dati, fino a due display 4K e un migliore supporto per il collegamento a margherita per macOS con MacBook, Mac Mini, iMac e Mac Pro. Le cose non sono le stesse dall’altra parte del ponte. USB-C non può raddoppiare come Thunderbolt 3.

Quindi puoi scegliere la catena Thunderbolt 3 end-to-end investendo in un cavo di qualità solida e in un monitor Thunderbolt 3 come LG 27MD5KB-B o Samsung CJ791 da 34 pollici. Questi monitor sono piuttosto costosi e puoi sempre ottenere un monitor USB-C e sceglierne uno che offra l’uscita USB-C per il collegamento a margherita.

Tuttavia, c’è un altro modo per sfruttare al meglio la porta Thunderbolt del tuo MacBook se hai un budget limitato e desideri comunque la qualità 4K. È possibile acquistare un monitor 4K con una porta DisplayPort 1.4 e una frequenza di aggiornamento di 144 Hz. Con ciò, avrai bisogno di un cavo da USB-C (Thunderbolt 3) a DisplayPort 1.4 per goderti la risoluzione 4K a 120 Hz dal tuo MacBook.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!