Velocizzare Windows 10 al massimo

By | Agosto 6, 2020
Velocizzare Windows 10 al massimo

Tramite questo articolo vederemo come velocizzare Windows 10 che girano su macchine normo dotate e che hanno bisogno di una spinta in più. Microsoft ha introdotto per la prima volta questa funzionalità per utilizzare un’unità USB o una scheda SD come cache di memoria in Windows Vista sotto forma di una funzionalità nota come ReadyBoost.

La funzionalità è stata ereditata anche da Windows 7 e versioni successive, ma con la possibilità di configurare più di un’unità USB per ReadyBoost.

Allora, cos’è ReadyBoost in Windows?

ReadyBoost è una funzione utile per velocizzare Windows 10 al massimo archiviando i file e i dati dell’applicazione come cache in un’unità USB. Questa memorizzazione nella cache del disco è utile nel caso in cui il sistema esegua un disco rigido lento. ReadyBoost funziona con unità USB, schede SD e schede CF.

Tuttavia, potrebbe non essere in grado di fornire prestazioni considerevoli nel caso di hardware più recente. Quindi, se hai un Windows 10 lentissimo per colpa di un vecchio hardware, puoi velocizzare Win 10 utilizzando ReadyBoost e l’unità USB.

Perché utilizzare ReadyBoost? Per aiutare il chip RAM

ReadyBoost doveva integrare la RAM nel caso di dischi rigidi lenti. Quasi un decennio fa, quando è stata lanciata la funzione, le unità USB basate su memoria flash potevano offrire un’alternativa più veloce durante il trasferimento di dati da e verso la RAM.

Questo perché i dischi rigidi leggono i dati utilizzando un braccio meccanico che non è il caso dell’unità flash. Pertanto, i dischi rigidi sono più veloci quando si eseguono letture di dati sequenziali ma restano indietro rispetto alle unità flash mentre si eseguono operazioni di lettura di dati non sequenziali.

Il problema è continuato a diminuire nel caso dei moderni azionamenti magnetici che sono più veloci e funzionano a circa 7.200 RPM o superiore. Non sarai in grado di velocizzare Windows utilizzando ReadyBoost su macchine con dischi rigidi più veloci.


Come funziona ReadyBoost?

Ora ReadyBoost è una funzione che consente al sistema di archiviare i dati richiesti su un supporto esterno per qualche tempo. La vera forza trainante è SuperFetch, un sistema di gestione della cache del disco in Windows che accelera il sistema. È un’altra chicca fornita con Windows Vista. Tuttavia, su Windows XP esisteva un precursore chiamato PreFetcher.

Cos’è SuperFetch?

SuperFetch esegue alcuni algoritmi per analizzare le tue abitudini e carica automaticamente i dati rilevanti nella memoria principale (RAM). Ad esempio, se Chrome è la prima applicazione che usi all’avvio del PC, SuperFetch caricherà i file Chrome sulla RAM e ridurrà i tempi di avvio.

Per lo più, SuperFetch crea una cache temporanea sulla memoria principale stessa. Pertanto, l’utilizzo di ReadyBoost può essere un vantaggio se il sistema ha poca RAM. Inoltre, il braccio meccanico dell’unità contribuisce a prestazioni degradate.

Supertech lavora con ReadyBoost per velocizzare Windows e decide quali elementi dovrebbero andare nella cache di ReadyBoost sull’unità USB e infine nella RAM. Copia i dati nel file cache memorizzato nella cartella principale dell’unità USB.

Ora, la cache così creata viene utilizzata solo nel caso di operazioni non sequenziali. Quando si tratta di operazioni sequenziali, SuperFetch utilizza invece i file sul disco rigido. Pertanto, ReadyBoost entra in azione solo quando è possibile migliorare le prestazioni di Windows. Questo significa anche che puoi estrarre la chiavetta USB ogni volta che vuoi, poiché sul disco rigido sono presenti file originali.

Come velocizzare PC Windows 10 usando ReadyBoost?

Come accennato in precedenza, è possibile utilizzare un’unità USB, una scheda SD o una scheda CF per migliorare le prestazioni del sistema operativo Windows 10.

Nel caso di schede SD, tenere presente che si utilizza il lettore di schede SD interno presente sul dispositivo. Il lettore di schede esterno potrebbe non essere efficace come quello interno. Inoltre, sarebbe meglio se si formatta l’unità USB o la scheda SD prima di configurare ReadyBoost. Tuttavia, la decisione è vostra.

Ora, ecco i passaggi per configurare ReadyBoost sulla tua unità USB e velocizzare Windows 10 (per le versioni precedenti le opzioni potrebbero differire leggermente):

  1. Collega l’unità USB al tuo PC Windows 10.
  2. Vai a Risorse del computer o Questo PC.
  3. Ora, fai clic con il pulsante destro del mouse sull’unità USB per aprire il menu di scelta rapida e seleziona Proprietà.
  4. Nella scheda ReadyBoost, è possibile allocare spazio per la funzione ReadyBoost o utilizzare l’unità USB completa.
  5. Seleziona Dedicare questo dispositivo a ReadyBoost se non utilizzerai l’unità USB per nessun altro scopo. Altrimenti, selezionare Usa questo pulsante di opzione del dispositivo e utilizzare il dispositivo di scorrimento per riservare spazio per la funzione.
  6. Fare clic su OK per terminare. Windows impiegherà del tempo per configurare l’unità USB.

Quindi, in questo modo puoi velocizzare Windows 10 usando ReadyBoost su PC dotati di poche risorse.

Author: Presi Fulvio

Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Come hobby scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.