WhatsApp: non fare clic su un pulsante di condivisione

By | Settembre 12, 2019
Come personalizzare WhatsApp

WhatsApp è vittima di una nuova vulnerabilità della sicurezza. Secondo un ricercatore in materia di sicurezza informatica, il pulsante di condivisione impostato in determinati articoli e contenuti consente a Facebook di raccogliere dati come il tuo indirizzo IP. Tuttavia, il social network non ha il diritto legale di impossessarsi dei dati personali degli utenti dell’applicazione di messaggistica istantanea.



La nuova truffa di WhatsApp ruba i tuoi dati personali e le conversazioni con un clic

A partire da agosto 2019, Facebook ha implementato una nuova opzione per inviare su WhatsApp articoli trovati sul web. Questo pulsante facilita la condivisione di contenuti sulle varie piattaforme del gruppo di Mark Zuckerberg.

WhatsApp: il pulsante di condivisione consente a Facebook di vedere il tuo indirizzo IP!

Sfortunatamente, questo pulsante consente al gruppo californiano di acquisire alcuni dati personali dagli utenti di WhatsApp. “I pulsanti “Mi piace” di Facebook sono noti per consentire a Facebook di tenere traccia delle attività degli utenti, anche su altri siti Web”, afferma Nadim Kobeissi, esperto di sicurezza informatica, in un tweet trasmesso dai nostri colleghi collaboratori di 01Net.

“Quando fai clic sul pulsante” Condividi “su WhatsApp, la condivisione dei collegamenti non apre direttamente la tua app WhatsApp, ma l’API Web di WhatsApp” continua il ricercatore. Cosi facendo Facebook prende i dati relativi alla tua navigazione web e al tuo indirizzo IP. Secondo il ricercatore, l’operazione non è crittografata end-to-end.



Con queste informazioni a portata di mano, Facebook è in grado di “abbinare queste informazioni all’indirizzo IP da cui ti connetti a WhatsApp stesso” per determinare quali collegamenti stai condividendo e con quale contatto.

Come promemoria, il social network non ha alcun diritto legale di incrociare i dati degli utenti di WhatsApp con quelli di Facebook, decisione presa dalla Commissione Europea.

Quando è stato acquistato da Facebook nel 2014, WhatsApp ha insistito fortemente sul fatto che non avrebbe condiviso alcuna informazione con il social network. Alla domanda di 01Net, l’applicazione di posta elettronica garantisce che “se si fa clic su questo collegamento tramite un dispositivo mobile, avvia direttamente l’applicazione sul telefono”. 

I tuoi post e storie private ​​su Instagram potrebbero non essere così privati

Secondo 01Net e Nadim Kobeissi, prima di aprire l’applicazione mobile è visibile un breve scambio con un server esterno.

fonte

Author: Fulvio Presi

Mi chiamo Fulvio. Mi piacciono gli smartphone, computer e videogiochi. Scrivo per GuideSmartPhone articoli basati principalmente sulla tecnologia. Spero di esservi stato d'aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.